Passa ai contenuti principali

Chi è Daniel Bernoulli | Biografia e vita

Noto anche come: Daniel Bernovllivs

Daniel Bernoulli è stato un matematico svizzero e il fisico che ha fatto un lavoro pionieristico nel campo della fluidodinamica e della teoria cinetica dei gas. Ha studiato non solo matematica e fisica, ma anche ottenuto un notevole successo nell'esplorare altri campi come medicina, fisiologia, meccanica, astronomia e oceanografia. Nato in una famiglia di matematici, fu incoraggiato dal padre a intraprendere una carriera di affari. Dopo aver ottenuto la laurea di Master of Arts, studiò medicina e venne istruito anche privatamente in matematica da suo padre. Successivamente, ha fatto un nome per se stesso e fu chiamato a San Pietroburgo, dove trascorse diversi anni fruttuosi insegnare matematica. Durante questo tempo, ha scritto importanti testi sulla teoria della meccanica, tra cui una prima versione del suo famoso trattato di idrodinamica. Successivamente, ha lavorato come professore di anatomia e di botanica a Basilea prima di essere nominato alla cattedra di fisica. Ci ha insegnato fisica per il prossimo 26 anni e anche prodotto diversi altri eccellenti lavori scientifici durante il suo mandato. In una delle sue opere più notevoli 'Hydrodynamica', che è stato una pietra miliare nella teoria del comportamento fluire dei liquidi, ha sviluppato la teoria di mulini ad acqua, mulini a vento, pompe acqua e acqua eliche. Ma, senza dubbio, il suo contributo più significativo alle scienze sarebbe il 'teorema di Bernoulli' che ancora rimane il principio generale di idrodinamica e aerodinamica e costituisce la base dell'aviazione moderna

Infanzia & adolescenza

  • Daniel Bernoulli è nato il 8 febbraio 1700, Groningen, Paesi Bassi, da Johann Bernoulli, che fu uno dei primi sviluppatori di calcolo matematico. Aveva due fratelli, Nicolaus II Bernoulli e Johann II Bernoulli.
  • Egli apparteneva ad una famiglia di illustri matematici emigrato successivamente a Basilea, Svizzera.
  • Voleva diventare un matematico, ma suo padre lo incoraggiò a intraprendere una carriera imprenditoriale. All'età di 13 anni, suo padre lo mandò all'Università di Basilea a studiare filosofia e logica. Nel 1715, ha completato la sua laurea e un anno più successivamente ha ottenuto la laurea.
  • Dopo di che, su volere del padre, ha accettato di studiare medicina a condizione che suo padre lo avrebbe insegnato matematica privatamente. Daniel studiò medicina a Basilea, Heidelberg e Strasburgo e ha ottenuto un dottorato in anatomia e botanica nel 1721.

Carriera

  • Nel 1723-24, pubblicò una delle sue prime opere matematiche intitolate 'Exercitationes quaedam Mathematicae' (esercizi di matematica). Si è concentrata sulle equazioni differenziali e della fisica che scorre acqua.
  • Nel 1724, fu nominato il professore di matematica a San Pietroburgo Accademia delle scienze, un post che ha servito otto anni. Nel 1733, dopo una malattia temporanea, egli si dimise dal suo incarico e tornò a Basilea.
  • Nel 1732, divenne professore di botanica e anatomia presso l'Università di Basilea e in seguito, ha accettato un post in fisiologia nel 1743.
  • Nel 1738, ha discusso la base della teoria cinetica dei gas nella sua opera 'Hydrodynamica', che ha esaminato le proprietà di fondamentale importanza nel liquido di flusso, particolarmente pressione, densità e velocità e sottolineato sul loro rapporto fondamentale.
  • Successivamente, è venuto con la sua opera più importante, chiamato 'Principio di Bernoulli', che afferma che la pressione in un fluido diminuisce mentre aumenta la sua velocità. Nel 1750, dopo la nomina alla cattedra di fisica presso l'Università; prestò servizio come professore di fisica per i prossimi anni 26.
  • Inoltre ha pubblicato numerosi articoli che trattano di meccanica che si concentra principalmente sui problemi connessi con stringhe di vibrazione. Egli lavorò con Eulero sulla elasticità, nonché sullo sviluppo dell'equazione di fascio di Eulero-Bernoulli.
  • È anche l'autore del 'esemplare theoriae novae de mensura sortis (esposizione di una nuova teoria sulla misurazione del rischio)' che è alla base della teoria economica di avversione al rischio, premio di rischio e utilità.
  • Sue opere successive di statistica e probabilità. Il suo ultimo lavoro ha coinvolto l'applicazione della teoria della probabilità per varie questioni pratiche, come ad esempio l'inoculazione e la proporzione relativa di nascite maschili e femminile.

Principali opere

  • Il suo lavoro più notevole è stato il 'teorema di Bernoulli', legato al campo dell'idrodinamica. In effetti, si afferma che l'energia meccanica totale del fluido che scorre, che comprende l'energia associata alla pressione del fluido, l'energia potenziale gravitazionale di elevazione e l'energia cinetica di movimento fluido, rimane costante. Il teorema costituisce ancora la base di molte applicazioni di ingegneria, come la progettazione di velivoli ala.
  • Stabilì anche la base per la teoria cinetica dei gas e calore, dimostrando che l'impatto delle molecole su una superficie spiegherebbe la pressione e che, assumendo il costante movimento casuale delle molecole, pressione e movimento aumenta con la temperatura.

Premi & risultati

  • Tra il 1725 e il 1749, ha ricevuto 10 premi dell'Accademia delle scienze di Parigi per i suoi contributi nel campo dell'astronomia, gravità, maree, magnetismo, correnti oceaniche e il comportamento delle navi in mare.
  • Nel maggio del 1750, fu eletto Fellow della Royal Society.

Eredità & vita personale

  • Nel 1735, egli, insieme a suo padre, era aggiudicato dall'Università di Parigi per il loro lavoro su orbite planetarie. Ma suo padre, che pensava di se stesso come molto superiore a suo figlio, che ha gettato Daniel fuori di casa per essere trattata come uguali a lui.
  • Morì il 17 marzo 1782, a Basilea, in Svizzera.
Pubblicato per scopi didattici
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…