Passa ai contenuti principali

Che cosa è Strutturalismo in psicologia | Concetti di Psicologia

Lo strutturalismo si avvicinò con l'inglese Edward Bradford Titchener (1867-1927) e ha come base lo studio degli elementi o contenuti mentali e relativo collegamento meccanico, attraverso il processo di associazione, tuttavia, ha respinto l'idea che l'appercezione (processo mentale mediante il quale ogni individuo percepisce e interpreta il mondo) hanno alcuna partecipazione in questo processo.
Sua principale base di studi incentrato sugli elementi stessi e credeva che la psicologia dovrebbe cercare di scoprire la natura dell'esperienza cosciente, elementare per determinare la loro struttura, attraverso l'analisi dei partiti che formano.
Questa esperienza cosciente, secondo Titchener dipende l'individuo che sperimenta, differendo dalla studiata da scienziati provenienti da altre zone. Ad esempio, sia fisicamente e psicologia ha condizioni per studiare la luce o il suono, tuttavia, ogni professionista avrà guida, metodi e obiettivi diversi.
Fisici esaminare i fenomeni dal punto di vista dei processi fisici coinvolti, i psicologi analizzati gli stessi fenomeni sulla base di esperienza e osservazione personale di coloro che hanno esperienza. Le altre scienze non dipendono l'esperienza personale del soggetto che osserva qualche fenomeno, né della sua descrizione dei sentimenti coinvolti. Essi solo osservare e riferire i risultati.
Un esempio di fisica, citato da Titchener è che fatto di una stanza può essere ad una temperatura di 30 ° c, indipendentemente dal fatto o meno qualcuno in questa stanza a sentirlo. In questo caso, anche se non c'è nessuno nella stanza, la temperatura sarà la stessa. Nel fuoco della psicologia, se c'è un soggetto come osservatore di questa stanza, egli può segnalare che si sente un calore scomodo o non, a seconda delle loro esperienze con la sensazione di calore.
Così, psicologia, sempre secondo Titchener, deve avere come oggetto di studio l'esperienza cosciente dell'individuo, dato le varie situazioni in cui è esposto.
Nel suo libro Il libro di testo di psicologia, Titchener cita che "tutta la conoscenza umana deriva da esperienze umane, non c'è nessun altra fonte di conoscenza". Basato su questa affermazione, possiamo concludere che tutte le esperienze umane possono essere analizzate da diversi punti di vista, anche se nessuno di loro necessariamente errati, perché ogni individuo ha le proprie esperienze e, quindi, un proprio repertorio di conoscenze.
Quando ha studiato l'esperienza cosciente, Titchener ha messo in guardia circa la possibilità di un errore, che chiamò l'errore dello stimolo, che genera una confusione tra l'oggetto di osservazione e il processo di pensiero. Ad esempio, se si visualizza una mela a qualcuno e chiedere che la persona per descrivere quello che si vede, molto probabilmente dirà che è un Apple, non descrivendo le caratteristiche, quali colore, forma e luminosità.
Questa mancanza di descrizione degli elementi componenti della mela è cosa Titchener chiamato errore di stimolo, dato che le caratteristiche sono stati messi da parte in favore della descrizione più semplice e conosciute. In questo caso, l'osservatore è interpretare l'oggetto piuttosto che esso analizzando.
Titchener definita coscienza come la somma delle esperienze esistenti a un certo punto e la mente come la somma delle esperienze accumulate nel tempo. Per lui, il solo legittimo scopo della psicologia dovrebbe essere scoprendo i fatti della mente strutturali e studiarli.
SCHULTZ, Duane p.-storia della psicologia moderna/Duane p. Schultz, Sydney Ellen Schultz; Traduzione Saruccia Murai Cuccio. -São Paulo: Cengage Learning, 2009.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…