Che cosa è Hematofobia | Concetti di Psicologia

Hematofobia , noto anche come hemafobia o hemofobia, è un disturbo psicologico caratterizzato da esagerata o irrazionale paura di vedere il sangue. Questa avversione sentita da hematofóbicos è dovuto al fatto, quando hanno visto il sangue, che della loro vulnerabilità agli infortuni e la possibilità della morte, così tanto terrore. Inoltre, il fatto che non c'è sanguinamento indica che qualcosa non va con il corpo e questo provoca una serie di sensazioni di ansia e panico hematofóbicos noi, che anche non può vedere fotografie e filmati contenenti sangue.
Molti esperti ritengono che il hematofobia sia associato a un evento traumatico che è successo a un certo punto nella tua vita dove hai avuto un'esperienza negativa con il sangue, come quelli che hanno subito un infortunio o che hanno avuto malattie che hanno causato la perdita massiccia di sangue (emorragia). Tuttavia, si ritiene inoltre che il hematofobia può essere innescato a causa di fattori genetici.
I sintomi di hematofobia variano da individuo a individuo. Alcune persone svenire alla vista del sangue, altri sono traballanti, debole, malato, vertigini, la pressione scende, avere mal di testa, brividi, respiro corto, bocca secca e sudorazione eccessiva. Molti temono ancora per sviluppare tutti i tipi di oggetti affilati come coltelli e aghi, come sono associati con sanguinamento.
Questa condizione deve essere trattata, perché compromette la qualità della vita del paziente. Molti non riescono a fare i test medici (biochimiche ed ematologiche) dalla paura dell'ago, rifiutandosi di fare interventi chirurgici, quando necessari, si rifiutano di andare dal dentista e non smettono di fare attività normale e senza rischio, come il ciclismo e corsa, paura di ottenere male e essere esposti a sangue (casi estremi). Inoltre, il fatto che le persone considerano il hematofóbicos come "fresche" rende loro sempre più isolare persone e perfettamente può sviluppano la fobia sociale.
Il trattamento di hematofobia si basa su terapie psicologiche, che ruotano attorno la desensibilizzazione graduale del paziente al sangue, così come insegnando loro tecniche di auto-aiuto per meglio affrontare la malattia. Queste tecniche includono rilassamento, controllo della respirazione e altri metodi efficaci di trattamento. Il medico specializzato può ancora indicare alcuni farmaci come sonniferi (tranquillanti), per alleviare i sintomi di hematofobia. Questi farmaci funzionano in specifiche aree del cervello che controllano l'ansia e la vigilanza, rilassando i muscoli.

Riferimenti bibliografici:

http://PT.wikipedia.org/wiki/Hematofobia
http://www.brasilmedicina.com.br/Noticias/_check_printnot.asp?cod=85&area=3
http://www.psicosite.com.br/tra/ans/Fobias.htm
http://www.Orgone.com.br/a_fobias.html
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza