Manuel I Komnenos | Grotta di Areni | 1204: Il sacco di Costantinopoli | Origini e Storia

Articoli e definizioni | Contenuto

  • Manuel I Komnenos | Chi era
  • Grotta di Areni | origini
  • 1204: Il sacco di Costantinopoli | origini

Civiltà antiche | Luoghi storici e i loro personaggi

Manuel I Komnenos | Chi era

Definizione e origini

di Mark Cartwright
pubblicato il 31 gennaio 2018
Manuel I Komnenos (Artista sconosciuto)
Manuel I Comneno fu imperatore dell'impero bizantino dal 1143 al 1180 d.C. Manuel ha proseguito le ambiziose campagne di suo nonno Alexios I e padre Giovanni II per espandere in modo aggressivo i confini del suo impero. Manuel risultò essere più ambizioso di quanto i suoi eserciti potessero sostenere e, nonostante gli utili trattati e le alleanze matrimoniali, alla fine si scontrò con una fallita invasione dell'Italia e poi con una grave sconfitta per mano dei Selgiuchidi in Asia Minore.

SUCCESSIONE

Manuele ereditò il trono dell'impero bizantino quando il regno di suo padre Giovanni II Comneno terminò inaspettatamente dopo la morte dell'imperatore in un imprevisto incidente di caccia l'8 aprile 1143 d.C. Manuel era in realtà il figlio più giovane, ma due dei suoi fratelli erano già morti tragicamente per la febbre, e John aveva sorpassato il figlio maggiore Isacco, ritenendolo inadatto a governare perché troppo facilmente si era arrabbiato. Giovanni aveva nominato Manuel come suo successore pochi giorni prima di morire in Cilicia e il nuovo imperatore era stato dalla parte di suo padre. Il problema immediato di Manuel era di tornare a Costantinopoli prima che suo fratello Isacco avesse qualche idea di prendere semplicemente il trono con la forza.
MANUEL SPENDERÀ PIÙ DELLA SUA CAMPAGNA REGINA IN OGNI SINGOLO ANGOLO DEL SUO IMPERO.
Fortunatamente, Manuel aveva un alleato inestimabile che avrebbe assicurato i suoi primi pochi mesi da imperatore. Questo era John Axoukh, megas domestikos o comandante supremo dell'esercito durante il regno di Giovanni II. Mentre Manuel si occupava degli accordi funebri di suo padre, Axouh si precipitò a Costantinopoli e fece arrestare Isacco; anche alla Chiesa è stato offerto un generoso compenso annuale per sostenere l'erede legittimo. Quando Manuel arrivò nella sua capitale era stato nominato un nuovo Patriarca (vescovo) e si tenne una cerimonia di incoronazione. Isacco fu successivamente rilasciato in un tipico atto di clemenza.
Lo storico JJ Norwich fornisce la seguente descrizione del personaggio del nuovo imperatore di Bisanzio :
Primo, era straordinariamente bello; in secondo luogo, c'era un fascino di modi, un amore per il piacere e un godimento della vita che si stagliava in un contrasto vivace con l'austerità di alto livello di principio di [suo padre] di John. Eppure non c'era nulla di superficiale in lui. Un bel soldato e superbo cavaliere, forse era troppo testardo per essere il generale che suo padre era stato, ma non poteva esserci alcun dubbio sulla sua energia e sul suo coraggio. Abile diplomatico e statista nato, è rimasto il tipico intellettuale bizantino, coltivato nelle arti e nelle scienze. (274-5)
Una sezione meno riconoscente della società bizantina era la Chiesa. Come molti imperatori prima di lui, Manuel aveva un vivo interesse per le questioni ecclesiastiche, ma la gerarchia ecclesiastica vedeva questo come intromesso e non era innamorato né dalle sue aperture ai Papi né dall'invito a visitare Costantinopoli che estendeva al Sultano selgiuchide. Inoltre, la reputazione di Manuel come uomo da donna non è passata inosservata. Fortunatamente per gli anziani della Chiesa, Manuel trascorreva la maggior parte del suo regno facendo campagne in ogni angolo del suo impero.

POLITICA ESTERA

alleanze
A differenza dei suoi predecessori, Manuel sembrava molto attratto dall'Occidente. Favoriva i latini a Costantinopoli, dispensando premi civili e titoli militari nella loro direzione, e l'imperatore era anche noto per aver partecipato a tornei di giostra occidentali (e cacciato un paio di cavalieri italiani). Manuel potrebbe anche aver introdotto la novità occidentale piuttosto indecente dei pantaloni nella società bizantina. Si sposò due volte con le principesse occidentali: prima Bertha di Sulzbach e poi, due anni dopo la sua morte, Maria di Antiochia, figlia del re di Antiochia Raimondo di Poitiers, nel 1161 d.C. Bertha era la cognata del re tedesco e imperatore occidentale Corrado III (1138-1152 dC) e il matrimonio fu organizzato dal padre di Manuel nel 1146 dC per rafforzare l'alleanza anti-normanna, specialmente contro il Normanno re Ruggero II (1130-1154 d.C.) in Sicilia.
La seconda crociata
Dopo piccole vittorie in Cilicia, Siria e Asia Minore nel 1144-1146 CE, Manuel affrontò il problema della Seconda Crociata del 1147-9 CE. Con l'obiettivo di proteggere i luoghi santi del cristianesimo dai musulmani, i crociati furono sospettati dai bizantini che pensavano di essere realmente solo dopo le parti scelte dell'impero bizantino. Fu per questo motivo che Manuel insistette affinché i leader della crociata giurassero fedeltà a lui. Allo stesso tempo, le potenze occidentali consideravano i Bizantini piuttosto troppo preoccupati dei loro affari e inutili nelle nobili opportunità che pensavano presentassero una crociata.
I secondi crociati arrivano a Costantinopoli

I secondi crociati arrivano a Costantinopoli

In termini più pratici, come nella prima crociata (1095-1099 dC), la marmaglia di zeloti e uomini di dubbia esperienza di assoluzione che la campagna attirò significò che non appena l'esercito crociato colpì il territorio bizantino verso est il saccheggio, saccheggi e iniziò lo stupro. Questo nonostante l'insistenza di Manuele ai leader che tutto il cibo e le provviste siano pagati. Manuel ha fornito una scorta militare per vedere i crociati sulla loro strada il più rapidamente possibile, ma non è infrequente combattere tra i due gruppi armati. Quando il contingente francese arrivò nella capitale bizantina, le cose peggiorarono ancora. Sempre sospettoso della Chiesa orientale e ora indignato per scoprire che Manuel aveva firmato una tregua con i Turchi (visto da lui come una minaccia minore dei Crociati a breve termine), alcune sezioni dell'esercito volevano assalire Costantinopoli.
I Crociati furono, alla fine, persuasi a correre sulla loro strada verso est con le notizie di un grande esercito musulmano che si preparava a bloccare il loro percorso in Asia Minore. Lì ignorarono il consiglio di Manuel di attenersi alla sicurezza della costa e così incontrarono disastri e sconfitte. La crociata fu anche un duro colpo per le alleanze diplomatiche costruite con cura da Manuel perché, coinvolgendo personalmente Conrad III, fornì una distrazione che permise a Roger la libertà di attaccare e saccheggiare Kerkyra ( Corfù ), Eubea, Corinto e Tebe (dove la seta e gli operai specializzati furono rimandati a Palermo). Il tentativo di Manuel di persuadere Luigi VII, il re di Francia (1137-1180 DC) che guidava la crociata, a schierarsi con lui contro Roger, fallì. Nel 1149 CE l'imbarazzo di una rivolta serba e un attacco alla zona di Costantinopoli da parte della flotta di Giorgio di Antiochia furono compensati dai bizantini che riconquistarono Kerkyra.
Italia e Barbarossa
Dal 1155 al 1157 CE i Bizantini invasero l'Italia, aiutati dal loro alleato Conrad III, sebbene il re tedesco fosse ormai troppo malato per partecipare di persona. I legami familiari tra i due governanti erano stati rafforzati dal matrimonio della nipote di Manuel, Teodora, con il fratello di Conrad, duca Enrico d'Austria. La spedizione, nonostante l'acquisizione di Bari nel 1155 d.C., fu un fallimento dovuto alla rigida resistenza del successore di Ruggero II Guglielmo I di Sicilia (1154-1166 dC) che poteva anche rivendicare il sostegno di Luigi VII. Manuel fu, essenzialmente, deluso dai suoi stessi capricci mercenari e ribelli locali senza scrupoli. Guglielmo fu così in grado di firmare un accordo di pace con i bizantini nel 1158 dC grazie al quale Manuel riconobbe William come re.
Impero bizantino c. 1180 CE

Impero bizantino c. 1180 CE

Le cose peggiorarono per l'imperatore quando Corrado morì e gli successe Federico I Barbarossa (1152-1190 dC) nel 1152 d.C. L'alleanza di vecchia data tra le due potenze fu terminata, in gran parte per la questione del sostegno bizantino ai Longobardi e di un litigio sui possedimenti in Ungheria. In effetti, le alleanze regionali furono invertite quando il trattato di Manuel del 1158 CE con William identificò anche Federico come loro nemico comune.
Nel 1172 CE Manuel installò e sostenne Bela III (1172-1196 d.C.) sul trono ungherese ottenendo così il vantaggio su Federico.I legami furono ulteriormente rafforzati quando Manuel ebbe la figlia Maria fidanzata con Bela, e il monarca ungherese ricevette il titolo ufficiale di despota e divenne erede al trono bizantino. Quando in seguito Manuel ebbe un figlio, Alexios, il fidanzamento fu annullato e Alexios fu, naturalmente, nominato come erede ufficiale dell'imperatore.
VENEZIA AVEVA FORNITO NAVI A BOLSTER LA FLOTTA BIZANTINA IN RITORNO PER I PRIVILEGI COMMERCIALI DAL 1126 CE.
Venezia
Venezia aveva fornito navi per sostenere la flotta bizantina in cambio di privilegi commerciali a Costantinopoli e nell'impero bizantino dal 1126 d.C. ma dal regno di Manuele, la Repubblica italiana aveva conquistato una stretta sul commercio est.L'imperatore, quindi, cercò di rovesciare immediatamente la situazione confiscando beni, proprietà e navi veneziane e arrestando 10.000 commercianti in tutto l'impero nel 1171 CE. Il pretesto ufficiale era l'accusa che i veneziani avevano bruciato il quartiere dei loro rivali i genovesi a Galata.
Sostenuti stati italiani alternativi come Genova e Pisa furono invece sostenuti, ma l'effetto sul dominio veneziano fu trascurabile e, peggio ancora, Venezia inviò una flotta per vendicarsi. Fortunatamente per Manuel, che non aveva una flotta con cui rispondere, i veneziani furono ingannati ad aspettare un parata diplomatica, e nel frattempo i loro equipaggi furono colpiti da una pestilenza. Il Doge fu costretto a tornare a casa dove fu accoltellato da una folla indignata per la sua incompetenza. Venezia avrebbe avuto la sua vendetta, però, come la città ha portato la quarta crociata contro Costantinopoli nel 1204 CE.
Iperpyron Coin di Manuel I Komnenos

Iperpyron Coin di Manuel I Komnenos

Battaglia di Myriokephalon
Altrove, le campagne sono andate bene per Manuel nella Cilicia armena, in Asia Minore e persino contro Antiochia, ancora ostinatamente nelle mani di Crusader. Il 17 settembre 1176 CE, tuttavia, l'imperatore subì una grave sconfitta per mano dei Selgiuchidi in Asia Minore, mentre stava andando a saccheggiare la loro capitale a Iconio. Nella battaglia di Myriokephalon (aka Myriocephalum), l'esercito di Manuel fu intrappolato in uno stretto passaggio nelle montagne della Frigia e un completo massacro fu evitato solo dal Sultano Kilij Arslan II che offriva generosamente un accordo di pace. Le condizioni erano che i Bizantini abbandonassero le fortezze strategiche di Dorylaeum e Sublaeum. Con queste perdite negli uomini e nelle difese, tutte le ulteriori ambizioni bizantine nella regione erano finite e un nemico era stato creato e si sarebbe rivelato più che problematico nei decenni a venire. Il regno dell'imperatore era ormai quasi finito, ma c'era, di solito, un ultimo colpo di stato diplomatico. Manuel sposò il figlio di dieci anni, Alessio, ad Agnese, di nove anni, figlia di Luigi VII.

MORTE E SUCCESSORE

Alessio II Comneno (1180-1183 d.C.) ereditò il trono in seguito alla morte del padre per cause naturali il 24 settembre 1180 dC, ma il suo regno sarebbe stato breve. In ogni caso troppo giovane per governare a pieno diritto, sua madre Maria di Antiochia agì come sua reggente, sebbene favorisse suo nipote e così Alexios era una semplice prestanome. Le politiche pro-occidentali di Maria e il trattamento preferenziale per i commercianti italiani hanno fatto sì che lei acquisisse rapidamente nemici a corte e tra il pubblico in generale. Nel 1182 CE Andronikos I Komnenos, un cugino di Manuele, guidò una rivolta di successo, un certo numero di latini furono massacrati a Costantinopoli e il reggente e il giovane imperatore furono cacciati.Andronikos costrinse Alexios a condannare a morte sua madre, e poi, in segreto, il ragazzo-imperatore venne strangolato e il suo corpo gettato in mare. Andronikos avrebbe regnato solo per due anni, dopo di che fu rovesciato da una rivolta popolare.
Il regno di Manuele, quindi, aveva raggiunto poco di sostanza duratura. A volte si era abbagliato, ma in realtà otteneva solo vittorie simboliche, costose, e ogni volta che i suoi eserciti erano spariti, le regioni volgevano le spalle all'imperatore e si occupavano dei loro interessi. L'impero bizantino aveva superato il suo picco e navigava attraverso acque agitate che culminarono nella terribile tempesta che fu il sacco di Costantinopoli da parte dei Quarta Crociati nel 1204 EV.

Grotta di Areni | origini

Definizione e origini

di James Blake Wiener
pubblicato il 31 gennaio 2018
Ingresso alla grotta di Areni in Armenia ()
La grotta di Areni è un sito di grotte multicomponente con reperti risalenti al periodo calcolitico fino all'età del bronzo. In Armenia, il complesso delle grotte di Areni è noto anche come "Grotta degli uccelli" ("Trchuneri" in armeno). Situato vicino alla città di Areni, che si trova vicino al fiume Arpa e al fiume Gnishik nella provincia centrale di Vayots Dzor, in Armenia, le grotte sono il sito in cui gli archeologi hanno scoperto quella che è probabilmente la più antica cantina del mondo e l'antico cervello umano, i resti di una gonna di paglia di 5000 anni e la più antica scarpa di pelle del mondo. La prima scoperta di reperti ebbe luogo nel 1997 CE da Boris Gasparian. Successivi scavi sono continuati da allora e continueranno nel futuro. Il complesso delle grotte di Areni è una delle poche grotte del Caucaso classificate come "carsiche" con una densa sequenza di sedimenti.

PREISTORIA DELLE GROTTE DI ARENI

Gli scavi della grotta di Areni portano gli archeologi e gli scienziati a credere che le caverne fossero abitate da persone durante il periodo tardo Calcolitico (circa 6000-3000 aC). Gli archeologi si riferiscono a queste persone come alla "cultura archeologica del Kura Araxes", e hanno abitato siti sparsi per il Caucaso, in Armenia, Georgia e Azerbaigian, così come in parti dell'Iran occidentale e della Turchia orientale. In gran parte contemporanei all'Egitto pre-dinastico e primitivo-dinastico, i manufatti fatti dagli Arabi del Kura sono stati trovati fino in Iraq, Siria e Israele. Ciò suggerisce che la cultura del Kura Araxs avesse forse una grande importanza culturale ed economica; alcuni archeologi vanno oltre e credono che le migrazioni potrebbero essersi verificate con le popolazioni di Kura Araxes che si spostano verso sud e sud-ovest.
GLI ARAXI PREISTORICI DI KURA SONO SEMPRE SEMPRE UTILIZZATI IN PISCINE CON GRANDI VASI IN CERAMICA PER LO SMALTIMENTO DELL'IMBALLO NELLA PARTE POSTERIORE DELLA GROTTA.
I materiali recuperati dalla grotta di Areni suggeriscono che l'attività umana nella grotta si è verificata per un periodo di decenni o secoli piuttosto che per migliaia di anni, dalla fine del V millennio aC all'inizio del IV millennio aC. Inoltre, gli scavi nella grotta di Areni indicano la probabilità che ci fosse una divisione del lavoro tra la gente preistorica del Kura Araxes e che questo si riflette in come la grotta è stata utilizzata. Scienziati e archeologi sostengono che la grotta è stata divisa in spazi per scopi specifici: luoghi di abitazione; luoghi di produzione economica e materiale; e luoghi designati per riti e riti funebri. Gli archeologi hanno scoperto semi, noci, resti di carbone, un punteruolo e una lama di ossidiana, innumerevoli resti di ceramica, ossa di pecore, capre e maiali e diversi denti umani. Le persone preistoriche del Kura Arax sembrano aver usato pozzi con grandi vasi di ceramica o vasi per lo smaltimento dei rifiuti nella parte posteriore della grotta. (Curiosamente, le ossa di diversi bambini e bambini sono state trovate in queste aree di spazzatura.Non è noto se fossero considerate "spazzatura".) I materiali vegetali sono stati collocati anche in vasi di ceramica, ma rimane incerto se sono stati usati per scopi rituali o se fossero rifiutati. La prova delle ossa sparse di animali con segni macellati suggerisce che le persone della Kura Araxes consumassero la carne di capre e pecore.
La grotta dell'Areni dell'Armenia

La grotta dell'Areni dell'Armenia

SPECIALE ARTIFOTTO RECUPERATO DALLA CAVERNA DI ARENI

Dal 2007-2011 CE, gli archeologi hanno portato alla luce ciò che ritengono essere una cantina di 6.100 anni nella grotta di Areni. Sono stati scoperti i seguenti oggetti: bacini che le persone antiche utilizzavano per i torchi; navi di stoccaggio; ciotole per il consumo di vino; diversi strumenti di vinificazione; tini di fermentazione; e i resti di viti addomesticate. Ciò rende il complesso di grotte di Areni uno dei siti più antichi del mondo che contiene alcune delle prime prove per una viticoltura affermata. Le condizioni asciutte nella grotta erano adatte alla produzione di vino. Il test dei radiocarburi su diversi frammenti di ceramica era datato a c. 4100-4000 AC. Gli archeologi e gli scienziati ritengono che gli antichi popoli che abitavano nella grotta di Areni avrebbero potuto usare il vino in una sorta di pratica rituale o mortuaria. Gli scavi hanno dimostrato che ben 20 sepolture umane si trovano accanto alla zona di produzione del vino all'interno della grotta, e gli archeologi hanno anche trovato varie coppe per bere attorno alle tombe.
Scavi nella grotta di Areni

Scavi nella grotta di Areni

Gli archeologi hanno scoperto una scarpa di pelle di 5.500 anni fatta di pelle bovina nella grotta di Areni nel 2010 CE.Risalendo al 3500 aC, si ritiene che le temperature fredde all'interno della grotta, oltre allo sterco di pecora, mantenessero la scarpa in un notevole stato di conservazione. (Curiosamente, la scarpa è stata trovata piena di erba.) La scarpa era probabilmente fatta su misura da una singola striscia di pelle tagliata a metà e successivamente conciata separatamente. La scarpa di cuoio sorprese gli archeologi per il suo aspetto "moderno". Pur non essendo la scarpa più vecchia del mondo, è la scarpa in pelle più antica del mondo. Gli archeologi e vari studiosi ritengono che la scarpa sia stata rimossa dagli antichi abitanti della grotta durante una cerimonia rituale, che forse includeva il vino. Nel 2010 CE, gli archeologi hanno scoperto una gonna intrecciata di paglia risalente al 3900 aC, e nel 2008 CE hanno scoperto materiali biologici coerenti con quelli di un cervello umano. Questa porzione di uomo misurava 10 cm (4 pollici) ed era così ben conservata da conservare i segni visibili dei vasi sanguigni.
Questo articolo è stato reso possibile con il generoso sostegno dell'Associazione nazionale per gli studi e ricerche armenie il Fondo cavalieri di Vartan per gli studi armeni.

1204: Il sacco di Costantinopoli | origini

Civiltà antiche

di Mark Cartwright
pubblicato il 1 ° febbraio 2018
Nel 1204 CE accadde l'impensabile e Costantinopoli, dopo nove secoli di resistenza a tutti gli altri, fu brutalmente saccheggiata. Ancora più sorprendente fu il fatto che i perpetratori non erano nessuno dei tradizionali nemici dell'Impero bizantino : gli eserciti dell'Islam, i Bulgari, gli Ungheresi o i Serbi, ma l'esercito cristiano occidentale della Quarta Crociata. Alla fine, il reciproco sospetto e sfiducia che esisteva da secoli tra gli stati e le chiese occidentali e orientali era esploso in una guerra su vasta scala. Con la caduta della città, molte delle sue icone religiose, reliquie e opere d'arte furono portate via e l' impero bizantino fu diviso tra Venezia e i suoi alleati. L'impero sarebbe risorto dalle ceneri, ma mai più potrebbe costantinopoli affermare di essere la città più grande, più ricca e artisticamente più vivace del mondo.
Il sacco di Costantinopoli nel 1204 DC

Il sacco di Costantinopoli nel 1204 DC

PROLOGO

I bizantini, con la loro capitale a Costantinopoli fondata dall'imperatore romano Costantino I nel 324 d.C., si consideravano i difensori della cristianità, il faro che splendeva attraverso il Mediterraneo e l'Asia centrale, ospita la città più santa fuori Gerusalemme e la roccia che si ergeva contro la marea dell'Islam che entrava da est. Per la metà occidentale del vecchio impero romano, però, i bizantini erano considerati decadenti, sfuggenti e inaffidabili, le loro pratiche religiose erano sospette, e molti dei loro imperatori avevano persino proclamato icone e la loro venerazione come eresia.
I secoli di discussioni e sfiducia, la costante rivalità tra papi e imperatori e la crescente ambizione degli stati occidentali di strappare a Bisanzio i resti del suo impero in Italia furono, per un periodo, tenuti sotto controllo dalle prime tre crociate. Tutti e tre, tuttavia, si dimostrerebbero infruttuosi nel garantire in modo permanente i Luoghi Santi del cristianesimo agli arabi.Peggio ancora, hanno creato una spaccatura dannosa nelle relazioni est-ovest, poiché la colpa è stata assegnata a entrambi i lati per la mancanza di successo. I bizantini erano considerati privi della volontà di combattere il nemico comune mentre, dall'altra parte, i crociati venivano visti come opportunisti per catturare le parti più raffinate dell'Impero bizantino a est. In un certo senso, entrambe le parti avevano ragione nel loro giudizio.
LA QUARTA CROCIATA E 'STATA LANCIATA DA PAPA INNOCENT III NEL 1202 CE CON LA PRINCIPALE INTENZIONE DI RIGUARDARE GERUSALEMME PER CHRISTENDOM.
I bizantini non avevano mai compreso appieno il concetto di guerra santa, che i capi occidentali usavano per sollevare eserciti da inviare a est. L'Occidente considerava gli imperatori bizantini interessati unicamente alla preservazione del loro impero e alla superiorità percepita sull'Occidente. Per gli imperatori, però, videro l'impero bizantino e la cristianità come una sola e identica cosa, né potevano essere criticati per aver pensato ai crociati come una folla indisciplinata di malviventi in una festa di saccheggio, dato lo stupro e il saccheggio che spesso andavano avanti mentre gli eserciti dei crociati passavano per il territorio bizantino. Queste furono le esperienze e i sospetti di entrambe le parti che portarono all'inizio del XIII secolo.

LA QUARTA CROCIATA

La quarta crociata fu lanciata da papa Innocenzo III (1198-1216 d.C.) nel 1202 d.C. con l'intenzione principale di reclamare Gerusalemme per la cristianità dopo la sua caduta nel 1187 dC a Saladino, sultano d' Egitto (1169-1193 dC). Nel giugno 1202 CE i crociati si radunarono a Venezia da tutta Europa, guidati dal marchese Bonifacio del Monferrato. Da lì navigarono verso l'Egitto - visto come il ventre molle del nemico - o almeno, quello era il piano originale. I veneziani, essendo i commercianti rapaci che erano, insistettero che le loro 430 navi fossero pagate, ma i crociati non potevano soddisfare il prezzo richiesto di 84.000 marchi d'argento. Di conseguenza, fu stipulato un accordo che in cambio del passaggio i crociati si sarebbero fermati a Zara sulla costa dalmata e riconquistarlo per gli italiani, la città che aveva da poco lasciato agli ungheresi. I veneziani fornirebbero anche 50 navi a proprie spese e riceveranno la metà di qualsiasi territorio conquistato.
Il Papa non fu il più lieto di sentire la notizia che Christian Zara era stato licenziato nel novembre 1202 CE, e prontamente scomunicò i crociati e i veneziani. Il divieto fu in seguito revocato per il primo, altrimenti, non sarebbero stati molto utili come Crociati, si suppone.
Enrico Dandolo

Enrico Dandolo

Gli storici continuano a discutere la ragione esatta per cui i crociati hanno poi attaccato Costantinopoli invece di Gerusalemme, ma un ingrediente cruciale nel difficile mix di sospetti reciproci tra le potenze occidentali e Bisanzio era la Repubblica di Venezia e un uomo, in particolare, il Doge Enrico Dandolo (1192-1205 CE). Intento a conquistare la dominazione veneziana del commercio ad est, ricordò bene la sua indignata espulsione da Costantinopoli quando prestò servizio come ambasciatore.Questa sembrava l'occasione migliore che mai per sconfiggere Costantinopoli come concorrente commerciale. Inoltre, il Papa avrebbe conquistato la supremazia della Chiesa occidentale una volta per tutte e i cavalieri crociati non solo avrebbero ottenuto vendetta sui duplicati Bizantini per il loro inutile sostegno alle precedenti Crociate, ma sicuramente avrebbero anche raccolto un po 'di gloria e un bel bottino nel processo.. Le ricchezze di Costantinopoli potevano quindi pagare il resto della crociata mentre marciava su Gerusalemme. Potrebbe non essere stato pianificato così cinicamente da tutte le parti ma, alla fine, è esattamente quello che è successo con l'eccezione che la Quarta Crociata si è conclusa con la caduta della capitale bizantina e Gerusalemme è stata lasciata per un secondo momento.

L'ATTACCO SU COSTANTINOPOLI

I crociati arrivarono fuori Costantinopoli il 24 giugno 1203 e giocarono la loro carta vincente. Le potenze occidentali avevano accettato di appoggiare Alessio IV Angelos, figlio dell'imperatore bizantino Isacco Acuto II (1185-1195 dC) e promise di restituire al trono suo padre (poi imprigionato a Costantinopoli) se avesse promesso di aiutare il Crociati con denaro, soldati e rifornimenti. Un Crociato era particolarmente entusiasta del piano: Filippo di Svevia, re di Germania (1198-1208 CE), la cui moglie Irene era sorella di Alessio IV. Con credenziali come una pedina occidentale nella politica bizantina, Isacco fu debitamente reinstallato nel palazzo dei suoi antenati nel 1203 CE con Alessio come co-imperatore.
Costantinopoli si era notevolmente ridotta quando i crociati avevano superato la guarnigione di Galata e abbassato la massiccia catena che bloccava il porto del Corno d'oro. Navigando con la loro flotta e attaccando le pareti del mare e le mura di terra contemporaneamente con i motori d'assedio e le scale di scala, anche la Guardia Varangiana d'élite non poteva impedire agli assalitori di entrare in città. L'imperatore incombente e fratello di Isacco, Alessio III Angelos, colto completamente impreparato dall'arrivo dei Crociati, fuggì dalla città.
I veneziani attaccano Costantinopoli, 1204 CE

I veneziani attaccano Costantinopoli, 1204 CE

Il vecchio regime era caduto. Tuttavia, la nuova coppia di imperatori tornò sull'assistenza prestabilita - sebbene avessero poche risorse da richiamare nella realtà - e anche non riuscì a rendere la chiesa bizantina subordinata al papa. Alessio IV potrebbe non aver aiutato molto gli occidentali, ma il suo popolo non si fidava comunque di lui, dato il modo in cui salì al trono e la presenza dell'esercito crociato ancora fuori dalle mura di Costantinopoli. Gli sforzi compiuti dall'imperatore per aumentare le tasse e un enorme incendio nella città causati dai crociati che incendiavano una moschea non fecero altro che alimentare il malcontento della gente. Non è stata una sorpresa, quindi, che un usurpatore sia arrivato, un Alexios V Doukas. Un comandante dell'esercito e un alto diplomatico sostenuto dal popolo, Doukas prese il trono ed eseguì i suoi predecessori, padre e figlio insieme, nel gennaio 1204 CE.
I CITTADINI SONO STATI RAPIDI E MASSETTI, GLI EDIFICI SONO TORCIAATI E LE CHIESE DESIDERATE.
Alexios Doukas, noto come Mourtzouphlos o "Bushy-Browed", tentò di difendere seriamente il suo capitale contro avverse sfavorevoli. Per ora Doge Dandolo ei Crociati videro la loro occasione d'oro non solo per ricevere aiuti dai Bizantini, ma per saccheggiare la città interamente per tutto ciò che valeva. Alexios si assicurò che le possenti mura di Teodos fossero ulteriormente rafforzate, che le torri venissero rafforzate e che l'iniziativa fosse stata presa con numerose incursioni nei campi dei crociati. I crociati reagirono lanciando un attacco a tutto campo la mattina del 9 aprile 1204 CE, ma i Bizantini lo respinsero. Poi, il 12 aprile, i crociati attaccarono le più deboli mura marine del porto e bersagliarono in particolare due torri sferzando le loro navi e speronandole ripetutamente. Inizialmente, i difensori resistettero, ma alla fine gli attaccanti si fecero strada sia sul lato mare che sul lato terra quando i Franchi alla fine abbatterono una delle porte della città. I crociati erano in città e seguì la carneficina. I cittadini sono stati violentati e massacrati, gli edifici sono stati bruciati e le chiese profanate.Alexios fuggì in Tracia e seguirono tre giorni di saccheggi.

LOOTING THE CITY

Robert de Clari, un cavaliere minore dell'esercito dei crociati, scrisse un interessante resoconto della Crociata con preziose descrizioni dei monumenti e delle reliquie di Costantinopoli. Un altro disco, questa volta da un autore più vicino alla leadership, è stato compilato da Geoffrey de Villehardouin, il maresciallo di Champagne. Villehardouin ha scritto la sua Conquista di Costantinopoli quasi come una difesa delle azioni dei crociati, e quindi il lavoro è pesantemente parziale, ritraggono i bizantini come un gruppo di persone sfortunate che hanno ottenuto il loro sostegno. Infine, lo storico bizantino Niketas Choniates fornisce una vivida testimonianza di un testimone oculare della distruzione e del saccheggio della città nella sua Historia.
Cavalli dall'Ippodromo di Costantinopoli

Cavalli dall'Ippodromo di Costantinopoli

Costantinopoli, nel 1204 DC, aveva una popolazione di circa 300.000 abitanti, sminuendo gli 80.000 a Venezia, la più grande città dell'Europa occidentale dell'epoca. Ma non era solo la sua dimensione a colpire i crociati, i suoi edifici, le sue chiese e i suoi palazzi, i suoi enormi fori e giardini e, soprattutto, le sue ricchezze impressionavano i visitatori occidentali. Quindi il timore reverenziale fu rapidamente sostituito dall'avidità. Sculture monumentali, innumerevoli opere d'arte, libri, manoscritti e gioielli che erano stati costantemente accumulati da imperatori e nobili nel corso di un millennio sono stati tutti strappati via e distrutti o fusi per monete. Mobili, porte e elementi architettonici marmorei sono stati portati via per il riuso altrove, e anche le tombe degli imperatori, tra cui quella del grande Giustiniano I, sono state aperte e il loro prezioso contenuto rimosso.
Una delle più preziose di tutte le reliquie religiose bizantine da rubare era il sudario di Mandylion, una stoffa o una sciarpa che si diceva avesse un'impressione di Cristo stesso. Fu preso come premio in Francia ma, ahimè, questa inestimabile icona fu distrutta durante la Rivoluzione Francese. In un altro esempio, un reliquiario d'oro contenente un frammento della Vera Croce finì nella cattedrale di Limburg, in Germania. L'Ippodromo di Costantinopoli, in particolare, fu saccheggiato per tutti i tesori che si trovavano nell'isola centrale attorno alla quale correvano i carri. I quattro cavalli di bronzo ora nella cattedrale di San Marco a Venezia erano probabilmente una volta parte di un gruppo di carri che si ergeva in cima alla monumentale porta d'ingresso dell'arena.
I bizantini lamentavano non solo il terribile spargimento di sangue e la perdita monetaria del licenziamento, ma anche la distruzione di opere d'arte di importanza storica che conoscevano ben collegate alla città e, in effetti, al mondo occidentale, alla sua eredità romana. Il mondo aveva perso qualcosa di grande e indefinibile, come potentemente riassunto qui dallo storico JJ Norwich:
Con il sacco di Costantinopoli, la civiltà occidentale subì una perdita più grande dell'incendio della biblioteca di Alessandria nel IV secolo o del sacco di Roma nel quinto - forse la perdita più catastrofica di tutta la storia.(306)

Divisione dell'impero bizantino, 1204 CE.
DIVISIONE DELL'IMPERO BIZANTINO, 1204 CE.

AFTERMATH

L'imperatore Alexios V Doukas fuggì dalla città, ma in seguito fu catturato, accecato, e poi sballottato dalla cima di una colonna pochi mesi dopo. Dopo che la polvere si fu calmata e tutti furono pieni di saccheggi e saccheggi, il trattato Partitio Romaniae, già deciso in precedenza, scavò l'impero bizantino tra Venezia e i suoi alleati. I veneziani presero tre ottavi di Costantinopoli, le isole ioniche, Creta, Eubea, Andros, Naxos e alcuni punti strategici lungo la costa del Mar di Marmara.Baldwin delle Fiandre divenne l'imperatore latino (1204-1205 DC) e incoronato nella Hagia Sophia, ricevendo cinque ottavi di Costantinopoli e un quarto dell'impero che comprendeva la Tracia, l' Asia nord - occidentale Minore e diverse isole dell'Egeo( in particolare Chios, Lesbo e Samo ). Bonifacio del Monferrato prese possesso di Salonicco e vi formò un nuovo regno che comprendeva anche Atene e Macedonia. Nel 1205 DC, dopo la morte di Baldwin in una prigione bulgara, William I Champlitte e Geoffrey I Villehardouin (nipote dello storico con lo stesso nome) fondarono un principato latino nel Peloponneso mentre il duca francese Othon de la Roche afferrò l'Attica e la Beozia.
L'impero bizantino sarebbe stato ristabilito nel 1261, anche se un'ombra del suo ex sé, quando le forze dall'impero di Nicea, il centro dei bizantini in esilio (1208-1261 dC) riconquistarono Costantinopoli. L'imperatore Michele VIII (1259-1282 dC) poté quindi riaprire il suo trono nel palazzo dei suoi predecessori bizantini.

LICENZA

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported. Licenza CC-BY-NC-SA