lunedì, aprile 27, 2015

Vincendo contro le probabilità: Sargon II e la campagna di Urartu | Sua Origine e storia.

ADS

di Joshua J. Mark
Spesso è quando uno si trova ad affrontare le circostanze più difficili che si sono dato la più grande opportunità per chiarezza. Storia fornisce ampie prove di questa esperienza in mostrando come, quando di fronte a situazioni apparentemente impossibili, hanno trovato un modo per vedere oltre la loro situazione e prevalere contro di essa. Queste storie abbracciano secoli e civiltà, ma tutti hanno una cosa in comune: la natura eroica dello spirito umano. Anche in mezzo alle circostanze più scoraggiante, la gente può trovare un modo per realizzare i loro obiettivi, talvolta contro ogni previsione e uscire vittoriosi. Un esempio di questo è visto nel 714 A.C. campagna assira di Sargon II (regnò dal 722-705 A.C.) contro il Regno di Urartu. Mentre ci sono un sacco di storie che incarnano la perseveranza e determinazione, questa campagna esemplifica tale virtù dello spirito umano che aiuta a sopportare e anche il trionfo, quando ci sembra poca probabilità di successo.
clip_image001
Sargon II
Sargon II di Assiria ereditato un serio problema quando egli salì al trono nel 722 A.C.: il confinante Regno di Urartu. Urartu giaceva ai piedi dei Monti Taurus, solo 30 miglia (48 chilometri) dal confine assiro e fosse cresciuto in potenza per tutto il XIII al XI secolo A.C.. Il tempio di Haldi, nella città Santa di Mushashir, in Urartu, era stato un centro importante di pellegrinaggio dal 3 ° millennio A.C. e le offerte da re, principi, Nobiltà, e mercanti riempito del suo tesoro. Urartiani erano cresciuto nella ricchezza da commercio e da carovane di pellegrini venuti a visitare Mushashir. Per garantire la continua prosperità, urartiani cercato continuamente di tenere pianura intorno loro regno sotto il loro controllo. Dalla loro fortezza nelle montagne, hanno fatto irruzione e continuamente annesse i territori della pianura. Urartiani erano feroci guerrieri che ha creato alcuni dei migliori cavalli nella regione e li generato specificamente per il combattimento. Shalmaneser I (1274-1245 A.C.) per la prima volta Urartu nelle iscrizioni assire correlando la sua conquista del Regno, ma, dal suo tempo, urartiani si dimostrarono resiliente e intraprendente che, ogni volta che sono stati picchiati, hanno aumentato ancora. Campagne contro di loro sono state lanciate dai predecessori di Sargon II Tiglath Pileser III (745-727 A.C.) e Salmanassar V (727-722 A.C.) ed entrambi era sembrato riusciti, ma poi urartiani ritornerà a molestare i confini assiri e prendere territorio assiro.
Nel 719 e 717 A.C. Sargon II aveva inviato truppe contro urartiani alle sue frontiere che avevano invaso e istigato il conflitto tra gli insediamenti assiri ci. Nel 715 A.C. Urartu montato un'invasione su larga scala e ha preso 22 città assira lungo il confine. Sargon II si vendicò prendendo nuovamente la città, guidando le forze di Urartian fuori dalle terre assire e radere le loro province del sud lungo il confine. Ha capito, tuttavia, che questi tipi di invasioni continuerebbe, e avrebbe dovuto ripetutamente spendere tempo e risorse nel trattare con loro. Al fine di garantire il suo impero contro future incursioni, Sargon II aveva decisivamente sconfiggere Urartu. La difficoltà risiede nel loro regno in una posizione strategica che era incastonato ai piedi delle montagne del Tauro e pesantemente difeso. Fu per questo motivo che i precedenti re assiri, che avevano combattuto contro Urartu mai completamente li avevano sconfitto. Le forze di Urartian erano sempre in grado di scivolare via in montagna, dopo un fidanzamento, ri-gruppo e poi tornare a molestare l'impero. Sargon II ha capito la necessità di conquistare Urartu, ma la difficoltà risiede in un assalto frontale di montaggio sul Regno. Lo storico Susan Wise Bauer descrive le difese di Urartu nel seguente passaggio:
Conti di Sargon parlano con ammirazione la Urartian re Rusa e la rete di canali e pozzi che ha costruito; delle mandrie di cavalli ben allevati e custoditi, allevati nelle valli protette finché sono stati necessari per la guerra; dell'efficienza della comunicazione di Urartu, con torri di avvistamento costruite in alto sulle cime di montagna, splendida guardia cumuli di combustibile che poteva essere acceso in preavviso un momento di. Un faro, illuminato, divampata sulla sua cima di montagna in un enorme falò che appariva come una scintilla per il successivo posto lontano, dove il prossimo falò potrebbe quindi essere illuminato. Hanno brillato come stelle' sulle vette,' nelle parole di Sargon, e diffusione di notizie di invasione più veloce di un messaggero potrebbero guidare (376).
L'unico modo per sconfiggerli sarebbe per sorprenderli e, a tal fine, Sargon II attentamente pianificato la sua strategia e poi ha lanciato la sua invasione di Urartu nel 714 A.C.. Capo dell'esercito stesso, marciò verso est, costeggiando la roccaforte di Urartu e sperando di portare le sue forze, inosservato, fino attraverso le terre piatte a sorpresa Urartu dalla parte posteriore. Gli Assiri erano un popolo di pianura senza esperienza nella guerra di montagna. I precedenti re assiri, che avevano combattuto Urartu li cacciò dalla pianura ma mai salito le piste in montagna. Le forze di Sargon II incontrato "incombente e non conosce pendii coperti di fitti boschi dove sconosciuti nemici aspettati... Le foreste di cedro su pendii montani, come quelli in cui Gilgamesh aveva osato tanti anni fa, al riparo di un nemico che era più terrificante, perché era invisibile"(Bauer, 376). Sargon II, pertanto, impostare l'avanguardia del suo esercito per sgombrare un percorso per le sue forze per procedere. Sargon II descrive se stesso in una lettera che scrisse al suo Dio Ashur, in cui egli inoltre chiarisce le grandi sfide che ha affrontato nella sua campagna:
Monte Simirria, un picco di montagna grande che punta verso l'alto come la lama di una lancia, solleva la testa sopra la montagna dove vive la dea Belet-ili, in cui due picchi appoggiano contro il cielo alto, cui basi raggiungono in mezzo del netherworld qui sotto, che, come la parte posteriore di un pesce, non ha nessuna strada da un lato a altro e la cui ascesa è difficile da anteriore o posteriore , burroni e voragini sono profondamente tagliati nel suo lato e visti da lontano, si è avvolta nella paura, non è buono a salire in un carro o con cavalli al galoppo ed è molto difficile fare la fanteria progressi in esso; ancora, con l'intelligenza e la saggezza che la divinità Ea e Belet-ili destinata per me e che ha ampliato il mio passo a livello terra nemica, ho fatto il mio ingegneri trasportano pesanti asce di bronzo, e hanno fracassato i picchi della montagna alta, come se si trattasse di calcare e fatti strada liscia. Ho preso la testa del mio esercito e fatto i carri, cavalleria e truppe battaglia che mi accompagnano volare sopra esso come aquile. Ho fatto le truppe di sostegno e saldanti piedi seguiranno, cammelli e muli confezione saltarono sopra le cime come capre allevate in montagna. Ho fatto l'alluvione impeto di assiri facilmente attraversare la sua altezza difficile e in cima a quella montagna impostare il campo (Van De Mieroop, 216).
L'esercito aveva, all'epoca, stato marciando attraverso il terreno difficile all'inizio dell'estate e, anche se era stato riforniti e annaffiati da Medes precedentemente conquistate, essi sono stati esauriti con il tempo che hanno fatto finale camp. Sargon note tanti torrenti ampio, serpeggianti, che correva attraverso le montagne e come hanno dovuto forgiare uno di questi quasi 30 volte nel corso della loro marcia come essa ferita avanti e indietro. Oltre alla difficoltà del terreno e la costante paura di un attacco a sorpresa da tutti i lati, le truppe avevano anche dovuto sopportare senza loro treno fornitura abituati. Nelle loro campagne di pianura, vie di approvvigionamento erano facilmente mantenuti aperti e bottino doveva essere adottate dalle regioni conquistate; Questo non era così facile in montagna non conosce. Le truppe erano già infelice quando essi erano riforniti dai medi, ma sembrano diventati considerevolmente più così con il tempo hanno fatto finale camp. Sargon scrive come, "morale trasformato ammutinato. Ho non potuto dare nessun facilità per la stanchezza, senza acqua per soddisfare la loro sete." Ha selezionato un campo di battaglia e schierato le sue truppe come re Rusas arrivò con le sue forze per la battaglia, ma dell'esercito di Sargon non avrebbe combattuto. Avevano viaggiato lontano e ha sopportato troppo in marcia e ora, con l'obiettivo prima di loro, hanno rifiutato di impegnare il nemico.
A questo punto, Sargon II stava affrontando l'esercito assemblato di Urartu in piena formazione e sue truppe si rifiutarono di mobilitarsi e scendere in campo. Questo momento costituirebbe certamente un 'tempo scuro' in cui Sargon II era di fronte a scelte difficili. Per arrendersi era impensabile e per ritirarsi sarebbe invitare il disastro, ma non ci sembrava speranza di successo. Anche così, Sargon II era venuto troppo lontane ed esaurite troppe risorse semplicemente rinunciare. Ha chiamato il suo bodyguard personale intorno a lui e poi, come Bauer scrive:
Li condusse in un attacco suicidario e frenetico l'ala più vicina della forza di rusa. L'ala ha dato la terra a fronte della sua ferocia disperata; e secondo il suo racconto, esercito di Sargon, vedendolo fling se stesso nella linea, ha preso coraggio e lo seguì in. L'esercito urartiano ha vacillato, ha rotto e ha cominciato a ritirarsi. La ritirata si trasformò in una disfatta. L'esercito assiro inseguito il disintegrando nemici ad ovest, passato il lago di Urmia e nel loro territorio. Rusa abbandonato qualsiasi tentativo di tenere la propria capitale, Turushpa e fuggì verso le montagne (377).
clip_image002
Urartu 714-715 A.C.
Con Urartu sconfitto e temendo che le sue truppe avrebbe ammutinamento se egli li ha ulteriormente in montagna all'inseguimento, Sargon II voltò le sue forze e si diresse nuovamente verso l'Assiria. In pausa presso la città di Mushashir, tuttavia, saccheggiarono e saccheggiarono il tempio sacro di Haldi, portando fuori letteralmente tonnellate di oro, argento e gemme preziose. Sargon scrive che, quando re Rusas sentito parlare del sacco di Mushashir, "lo splendore di Assur travolto lui e con il suo pugnale di ferro ha pugnalato se stesso attraverso il cuore, come un maiale e finì la sua vita". Urartiani furono sconfitti e in meno di sei mesi della campagna, e pertanto Sargon II ritornò al suo capitale di Kalhu alla testa del suo esercito nella gloria, portando con sé l'immensa ricchezza di Mushashir.
La difficoltà della campagna Urartu è chiarita tramite lettera di Sargon II a Ashur, ma gli ostacoli non hanno impedito il re dal perseguire il suo obiettivo. Anche quando i suoi uomini si rifiutarono di combattere, Sargon II non avrebbe considerato rinuncia o ritiro. Ha preso il rischio di condurre personalmente coloro che lo seguono in battaglia, e ha vinto. Nella sua lettera al suo Dio, Sargon dettagli le difficoltà che dovette affrontare nel raggiungere il suo obiettivo, ma lui mai accenna a rinunciare. Sua perseveranza e coraggio contro ogni pronostico illustra la verità dei sentimenti espressi nella poesia di Walter D. Wintle, pensando (da cui la famosa citazione attribuita a Henry Ford potrebbe aver avuto origine – anche se Ford non può mai avere effettivamente detto): "se"pensi di poter – o non è possibile – si pensi hai ragione. Determinazione di Sargon II fornisce un esempio degno seguito per coloro che al giorno d'oggi che, affrontato con i propri tempi bui, può comunque scegliere di combattere contro le forze che li minacciano – e prevalgono.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

Contenuto consigliato