giovedì, aprile 16, 2015

Vertigini: Cause e trattamento > Salute e Benessere.

ADS

Che cos'è la vertigine?

Vertigo è un immaginario senso, tipo generalmente rotativo, lo spostamento del corpo o oggetti alla vostra intorno.
Esso deve essere distinto dal mal di mare, che consiste di una sensazione di insicurezza e instabilità, qualcosa come l'ubriaco, mentre la vertigine provoca un'impressione di movimento o rotazione, che può essere fugace, durata di ore o addirittura giorni nel paziente.
In molti casi, la vertigine è accompagnata da nistagmo, che consiste di un spasmodico movimenti involontari degli occhi, che può essere orizzontale, verticale o rotatorio e può interessare un occhio o entrambi.
Vertigo è associato con un'alterazione, sia permanentemente o temporaneamente, dell'equilibrio. Può verificarsi a qualsiasi età, anche se è tra 40 e 60 ed è più comune nelle donne.

Il meccanismo di bilanciamento

Il sistema di equilibrio è un complicato riflesso. Le informazioni sono trasmesse dal sistema visivo e vestibolare (che si trova all'interno dell'orecchio interno). Attraverso questa quantità di informazioni di gateway al cervello, dove si è trasformato. Vertigine è causata da ricezione messaggio erroneo o il travisamento dei segnali a livello del cervello.
In molti casi il riflesso vestibolo-oculare è anche danneggiato. Questo riflesso è responsabile per stabilizzare l'immagine sulla retina a girare la testa, per mantenere una chiara immagine. Per meglio capire questo: quando si gira la testa verso destra, i nostri occhi automaticamente spostano a sinistra per mantenere la stessa immagine che avevamo prima del giro. La mancanza o l'alterazione di questo riflesso, il paziente fa movimenti rapidi degli occhi, chiamati sacadas, se questi sacadas si verificano quando si ruota la testa verso destra, sarà la lobby di destra che è influenzata.

Cause di vertigine

Ci sono molti motivi che produce la vertigine; Attualmente sono state descritte fino a 305 cause, tra i quali:
  • Un trauma cranico.
  • Le anomalie e le infezioni dell'orecchio.
  • Malattia di cuore.
  • Pressione sanguigna anormale.
  • Tumori cerebrali.
  • Sclerosi multipla.
  • Manifestazione clinica di ischemia cerebrale.
  • A seguito di precedenti trattamenti con salicilati, aminoglicosidi e anticonvulsivanti.

Sintomi di vertigine

Vertigini possono essere centrale o periferica.
  • Periferici: in questo caso è che danneggiato il sistema vestibolare. Vertigo è molto intenso e spesso perseguire modo episodico, cioè, che ci sono momenti in cui il paziente è bene e altri che non lo fanno. Esso è accompagnato da perdita dell'udito. Nistagmo ha una direzione orizzontale ed è aumentato rimuovendo la fissazione dello sguardo.
  • Centrale: è lesioni associate a livelli differenti del cervello. In questo caso, la vertigine è molto meno intensa, anche se continuo. Esso non è accompagnato da perdita dell'udito. In questo tipo di vertigine, nistagmo può avere qualsiasi direzione.

Forme più importanti

  • Malattia di Meniere: Essa colpisce il sistema vestibolare. È di origine sconosciuta. Si inizia tra 40 e 50 anni e colpisce sia uomini che donne. È principalmente caratterizzata da episodi di vertigine, ipoacusia e allucinazioni sonore (conosciuti come tinnito). Vertigine solitamente dura minuti o poche ore ed è accompagnata da vomito. Perdita dell'udito peggiora progressivamente. All'inizio, la malattia si manifesta in una sola udienza, anche se dopo pochi anni interesserà entrambi.
  • Vertigini posizionali parossistiche benigne (VPPB): È una delle principali cause di vertigini in pazienti che frequentano la consultazione e predomina in donne adulte. È caratterizzata dalla presenza di brevi episodi di vertigine, accompagnata da nistagmo. Si verifica quando la persona cambia posizione, quindi di solito si verifica durante la notte (a girare la testa sul cuscino) causando loro di svegliare il paziente. Quasi la metà dei casi, inoltra spontaneamente circa tre mesi dopo la sua nascita; solo un piccolo gruppo di persone ne soffrono permanentemente.

Diagnosi di vertigine

In primo luogo, è necessario fare una buona storia clinica, in cui la forma iniziale dell'immagine, l'esistenza di sintomi associati (nausea, vomito, ipotensione), fattori che migliorare o peggiorano le vertigini, così come una storia di famiglia del paziente deve essere inclusa.
È importante controllare la motilità oculare, perché quando è anormale può indicare che c'è una disfunzione dell'orecchio interno o le connessioni nervose tra questo e il cervello.
L'esame dell'orecchio con l'otoscopio si può rivelare la presenza di essudato o otorinolaringologiche scarico o dolore, che indica che è più probabile che si tratta di un'infezione di qualsiasi altro problema anatomico.
Inoltre, è necessario valutare il riflesso vestibulo-oculare; Normalmente questo è fatto ruotando la testa del paziente mentre questo sguardo fisso in un punto (ad esempio il naso del medico).
Valutazione dell'udito si propone di aiutare a differenziare una vertigine periferica di uno centrale.
Eseguire test di Imaging come radiografie, risonanza e TAC serve per escludere alcuni problemi più grandi, come un tumore del nervo vestibolare, o trauma o frattura maggiore.
Se la vertigine è accompagnata da altri sintomi come mal di testa, mancanza di coordinazione nei movimenti, visione doppia, debolezza agli arti e lingua incomprensibile, può essere indicativa dell'esistenza di un disturbo neurologico del cervello.

Trattamento delle vertigini

Per alleviare i sintomi vertiginosi sono consigliati, sempre sotto consiglio e controllo del medico, uno di questa serie di farmaci. Che sì, tieni presente che questi farmaci devono essere a basse dosi all'inizio del trattamento delle vertigini per, successivamente, essere aumentando gradualmente la dose:
  • Prometazina e meclicina.
  • Il diazepam e il Clonazepam.
  • Tietilperacina e metoclopramide.
  • Ondansertron.
  • Sulprida.
Malattia di Meniere è trattata con una combinazione di una dieta povera di sale (sale basso) insieme con la restrizione di alcool e nicotina e la somministrazione di diuretici, al fine di ridurre le crisi di vertigine e limite di perdita di udito. Dovrebbero essere seguite anche igieniche misure per evitare qualsiasi attività che possono scatenare la crisi di vertigine e prevenire improvvisi cambiamenti di postura. Periodi critici di vertigine sono trattati con i farmaci di cui sopra. In caso di fallimento di questi uso intramuscolare streptomicina o gentamicina transtimpanica (questo di solito controllo la vertigine nel 90% dei casi, ma si pone un rischio di danni all'udito).
Quando le cure mediche di vertigini ha fallito e ricorrere alla chirurgia.
Il vertigine parossistica posizionale benigna (VPPB) è possibile inviare da solo da solo, ma il trattamento è importante prevenire incapacità fisica ed emotiva che produce. Dovrebbe essere autoaplicados esercizi, che consistono di provocazione ripetuta delle manifestazioni cliniche attraverso ripetuti cambiamenti di posizione; in questo modo è solo ottenere remissione di vertigine. Ma questi esercizi non sono sempre ben tollerati dal paziente.
Nei casi che non rispondono al trattamento come al solito, quando i sintomi sono gravi e la vita quotidiana del paziente è limitata, sono usati per chirurgico di trattamento
Pubblicato per scopi didattici
Salute e Benessere

Contenuto consigliato