giovedì, aprile 16, 2015

Tumori cerebrali > Salute e Benessere.

ADS

Quali sono i tumori cerebrali?

Un tumore è un insieme di cellule che crescono e si moltiplicano in modo anomalo. Tumori cerebrali possono essere primaria, quando sono costituiti dalle proprie cellule che compongono il tessuto cerebrale, e metastatico, quando la sua origine è in un tumore situato in un'altra zona del corpo che si è diffuso al cervello.
Tumori metastatici sono molto più frequenti di primario, poiché tra il 20 e il 40% di cancro i pazienti possono sviluppare metastasi del cervello. L'incidenza del intracranico primario tumori è 1-8 casi ogni 100.000 abitanti all'anno. Questa incidenza Mostra un picco nell'infanzia, dove i tumori del cervello sono la seconda più frequente causa di cancro dopo la leucemia, e aumenta l'età di 40 anni.
I diversi tipi di tumori giocano un ruolo diverso a seconda dell'età del paziente. Così, nell'infanzia sono frequenti infratentorial tumori (che si trova nella parte inferiore del cervello) come medulloblastoma e astrocitoma cerebellare, mentre gli adulti predominano il multiforme di glioblastoma e astrocitoma anaplastico (sia maligno e con prognosi infausta a causa del suo alto tasso di recidiva dopo chirurgia). Meningioma è il più comune tumore benigno al cervello primario e origina nelle meningi, che sono gli strati di tessuto che copre il cervello.

Cause dei tumori cerebrali

Le cause di tumori intracranici sono sconosciute. Sappiamo che in alcuni tipi di cervello tumori sono importanti ereditarietà e fattori genetici, ma nella maggior parte dei pazienti non esiste alcuna prova di una storia di famiglia

Sintomi dei tumori cerebrali

Tumori cerebrali producono sintomi e segni neurologici che sono divisi in generali e focale. Questi sintomi variano secondo la localizzazione del tumore. Così, i tumori a crescita rapida presentano manifestazioni cliniche molto prima la crescita lenta.
Sintomi focali (locali) comprendono convulsioni, paresi (paralisi), afasia (difficoltà a comprendere e produrre la lingua), apraxias (incapacità di eseguire movimenti), agnosias (alterazione della memoria), condizione cranici (nervi cerebrali), ecc. Questi sintomi focali sono prodotte dall'edema di massa e peritumoral del tumore (liquido che circonda il tumore).
Sintomi generali sono attribuiti a un aumento della pressione intracranica. L'ipertensione intracranica può essere prodotta dal massa tumorale propria, da edema peritumoral, da ostruzione del flusso di CSF (liquido cerebrospinale, in cui è immerso il sistema nervoso centrale), da ostruzione del sistema venoso cerebrale, o da un blocco di assorbimento di CSF. Questi sintomi generali includono disturbi mentali, mal di testa, nausea e vomito, vertigini, convulsioni generalizzate e papilledema (fluido nell'occhio). Inoltre è comune vedere alterazioni della personalità, mal di testa (a volte dominanza di notte o di mattina), vertigini e nausea, nelle fasi iniziali.
In pazienti con ipertensione intracranica sono frequentemente sintomi e noto come segni focali della falsa posizione, dovuto lo spostamento del tessuto cerebrale di un compartimento intracranico a altro. I sintomi più comuni sono: apatia (indifferenza emotiva), incontinenza urinaria e squilibrio della marcia, paralisi unilaterale o bilaterale del VI cranica, ptosi (caduta della palpebra superiore dell'occhio), midriasi (dilatazione della pupilla), emiparesi (paralisi di metà corpo) ipsilateral e bilaterale di Babinski (infantile, anormale riflesso negli adulti, costituito da ventilatore aperto le dita dei piedi dopo aver strofinato con fermezza della stessa pianta), convulsioni focali o generalizzate e segni di coinvolgimento di corticospinal.
Altri sintomi che possono causare a sospettare la presenza di un tumore sono:
  • Sonnolenza e cambiamenti nella vigilanza.
  • Difficoltà di deglutizione.
  • Tremore delle mani.
  • Debolezza, intorpidimento o formicolio su un lato del corpo.
  • Mancanza di equilibrio e la coordinazione nei movimenti.
  • Vertigine.
  • Alterazioni dei sensi e la capacità di percepire determinati stimoli (variazioni di temperatura, dolore...).
  • Perdita di controllo della vescica o dell'intestino.
  • Cambiamenti nell'umore, personalità e comportamento.
  • Problemi di lettura o scrittura.

Diagnosi dei tumori cerebrali

La diagnosi di un tumore intracranico è stabilita dagli esami clinici e complementari, che confermano la presenza del tumore, la sua posizione e anche, a volte, forniscono informazioni specifiche sulle sue caratteristiche. Il test più utile è la risonanza magnetica (MRI), che definisce, come la tomografia assiale computerizzata (CT), il tumore stesso e si differenzia dall'edema in circolazione. Sono altri test (test diagnostico di imaging che analizza i vasi sanguigni), l'angiografia evocati potenziali (prova che consiste di registrazione ed elaborazione di risposte cerebrali a stimoli sensoriali diverse) e studi di CSF.
La diagnosi definitiva è stabilita con una biopsia (prelievo di un campione di tessuto per studio) del tumore, che dovrebbe essere (salvo indicazione medica contro), anche se il tumore non è suscettibile di intervento chirurgico.

Diagnosi differenziale

Tumori intracranici devono essere differenziati da altri processi in grado di produrre sintomi neurologici focali. Altri disturbi non-tumore in espansive intracraniche, come sanguinamento, dovrebbe pertanto escluse cisti, malformazioni vascolari, ecc.

Complicanze dei tumori cerebrali

Qualsiasi altra posizione (non il cervello) pazienti affetti da cancro hanno spesso complicazioni neurologiche della malattia, che talvolta possono essere gravi e irreversibili conseguenze, quindi hanno bisogno di una diagnosi precoce che permette loro di mantenere la qualità della vita.

Metastasi cerebrali

Esso è costituito dall'estensione di un cancro all'interno del cervello. È la complicazione più comune. I tumori che più spesso producono metastasi del cervello sono polmone, mammella e melanoma cancro della pelle. Spesso i pazienti con cancro del polmone e melanoma eseguono una risonanza magnetica prima di iniziare il trattamento, al fine di escludere la presenza di metastasi al cervello.
La clinica è costituito dall'emergere, in giorni o settimane, un difetto neurologico (che dipende dalla posizione della metastasi), convulsioni o mal di testa. Il metodo diagnostico di scelta è la risonanza magnetica.
Metastasi del cervello hanno una prognosi infausta, poiché indicano la presenza di cancro diffuso. A seconda o meno del tumore primario (tumore che si è diffuso) è controllato, e il numero di metastasi intracranica (singolo o multipli) si applica un trattamento o un altro (radiazioni o chirurgia).

Meningite neoplastica

Consiste del coinvolgimento delle meningi (copertine di cervello) di una neoplasia sistemica. Le cause più frequenti sono i linfomi e le leucemie, come pure del polmone e della mammella.
La clinica consiste della comparsa di vari sintomi, come l'ipertensione intracranica o paralisi dei nervi cranici, specialmente l'oculomotorie (responsabile per il movimento degli occhi), viso e auditorio.
La diagnosi è fatta da un esame del CSF, dove scoprirete le cellule maligne.
Meningite neoplastica dipende dal tipo di tumore derivante dalla condizione e dal momento della comparsa in relazione al cancro. In generale, è male. Trattamento può essere costituito da terapia chemioterapia e/o radiazioni.

Complicanze cerebrovascolari

Il meccanismo di danno vascolare cerebrale, tipo e l'incidenza variano a seconda del tumore. In generale, si verificano infarti cerebrali e lividi. La causa principale dell'ammaccatura è sanguinamento dalla metastasi del tumore, mentre gli attacchi sono prodotte da una coagulazione o un embolo.

Trattamento dei tumori cerebrali

Il trattamento del cancro al cervello dipende dal tipo, grado, l'estensione e la localizzazione del tumore. Le possibilità terapeutiche comprendono la chirurgia per rimuovere il tumore, la chemioterapia e la radioterapia. È comune l'uso di molte di queste tecniche, combinandole per ottenere un beneficio maggiore contro il cancro. Le linee guida di trattamento devono essere monitorate da un medico esperto.
Nei gliomi ad alto grado trattamento ha raggiunto risultati migliori e un più alto tasso di sopravvivenza dei pazienti, è stata la combinazione di chemioterapia, radioterapia e chirurgia (quando possibile). Egli è raccomandato in questi radioterapia casi dopo l'operazione con tecniche che permette di delimitare la zona quanto più possibile irradiare per evitare di danneggiare il tessuto cerebrale sano.
Alcuni farmaci che hanno dimostrato l'efficacia nel trattamento postoperatorio di questi tumori sono temozolomide, taxani e irinotecan.
Devi essere regolare monitoraggio dei pazienti, eseguendo una risonanza cervello, ogni sei mesi, quando si tratta di gliomi di basso grado e ogni tre mesi nella prima scelta. Nei casi in cui la risonanza offre domande, un altro test chiamato tomografia a emissione di positroni (PET), che consiste nel valutare il comportamento più o meno aggressivo tumore, secondo l'incorporazione del glucosio o altre molecole coniugati possono essere.
Pubblicato per scopi didattici
Salute e Benessere

Contenuto consigliato