Studio della “Torre di Guardia” ‒ Settimana del 6 aprile

Imitiamo l’umiltà e la tenerezza di Gesù: informazioni per studio personale

SOLO TESTI BIBLICI


(Giovanni 14:9) Gesù gli disse: “Sono stato con voi tanto tempo, e tu, Filippo, non mi hai ancora conosciuto? Chi ha visto me ha visto [anche] il Padre. Come mai dici: ‘Mostraci il Padre’?
- 2 -
(1 Pietro 2:21) Infatti, a questa [condotta] foste chiamati, perché anche Cristo soffrì per voi, lasciandovi un modello, affinché seguiate attentamente le sue orme.
- 4 -
(Colossesi 3:12) Conformemente, come eletti di Dio, santi ed amati, rivestitevi dei teneri affetti di compassione, benignità, modestia di mente, mitezza e longanimità.
(Romani 12:3) Poiché per l’immeritata benignità datami dico a ognuno che è fra voi di non pensare di sé più di quanto sia necessario pensare; ma di pensare in modo da avere una mente sana, ciascuno secondo la misura di fede che Dio gli ha distribuito.
- 6 -
(Giuda 1:9) Ma quando l’arcangelo Michele ebbe una controversia col Diavolo e disputava intorno al corpo di Mosè, non osò portare un giudizio contro di lui in termini ingiuriosi, ma disse: “Ti rimproveri Geova”.
(Deuteronomio 34:5, 6) Dopo ciò Mosè, servitore di Geova, morì là nel paese di Moab per ordine di Geova. 6 Ed egli lo seppelliva nella valle del paese di Moab di fronte a Bet-Peor, e nessuno ha conosciuto fino a questo giorno il suo sepolcro.
- 7 -
(Marco 10:17, 18) E mentre usciva per mettersi in cammino, un uomo corse e cadde in ginocchio davanti a lui e gli fece la domanda: “Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?” 18 Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, Dio.
(Giovanni 7:16) Gesù, a sua volta, rispose loro e disse: “Ciò che io insegno non è mio, ma appartiene a colui che mi ha mandato.
(Luca 22:31, 32) “Simone, Simone, ecco, Satana ha richiesto di avervi per vagliarvi come il grano. 32 Ma io ho fatto supplicazione per te affinché la tua fede non venga meno; e tu, una volta tornato, rafforza i tuoi fratelli”.
(Giovanni 1:47) Gesù vide venire verso di sé Natanaele e disse di lui: “Ecco per certo un israelita, in cui non c’è inganno”.
(Matteo 8:20) Ma Gesù gli disse: “Le volpi hanno tane e gli uccelli del cielo hanno dove posarsi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove adagiare la testa”.
(Giovanni 13:3-15) egli, sapendo che il Padre aveva dato ogni cosa nelle [sue] mani e che era venuto da Dio e a Dio andava, 4 si alzò dal pasto serale e depose le sue vesti. E, preso un asciugatoio, se lo cinse. 5 Mise poi dell’acqua in un bacino e cominciò a lavare i piedi ai discepoli e ad asciugarli con l’asciugatoio del quale si era cinto. 6 Venne dunque da Simon Pietro. Egli gli disse: “Signore, tu lavi i piedi a me?” 7 Rispondendo, Gesù gli disse: “Ciò che sto facendo non lo capisci al presente, ma lo capirai dopo queste cose”. 8 Pietro gli disse: “Certamente tu non mi laverai mai i piedi”. Gesù gli rispose: “Se non ti lavo, non avrai nessuna parte con me”. 9 Simon Pietro gli disse: “Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e la testa”. 10 Gesù gli disse: “Chi ha fatto il bagno non ha bisogno di lavarsi che i piedi, ma è interamente puro. E voi siete puri, ma non tutti”. 11 Conosceva, in realtà, l’uomo che lo tradiva. Per questo disse: “Non tutti siete puri”. 12 Quando dunque ebbe lavato loro i piedi ed ebbe rimesso le sue vesti, giacendo di nuovo a tavola, disse loro: “Sapete che cosa vi ho fatto? 13 Voi mi chiamate: ‘Maestro’ e ‘Signore’, e parlate giustamente, poiché lo sono. 14 Perciò, se io, benché Signore e Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. 15 Poiché vi ho dato il modello, affinché come vi ho fatto io, così facciate anche voi.
(Filippesi 2:5-8) Mantenete in voi questa attitudine mentale che fu anche in Cristo Gesù, 6 il quale, benché esistesse nella forma di Dio, non prese in considerazione una rapina, cioè che dovesse essere uguale a Dio. 7 No, ma vuotò se stesso e prese la forma di uno schiavo, divenendo simile agli uomini. 8 Per di più, quando si trovò in figura d’uomo, umiliò se stesso e divenne ubbidiente fino alla morte, sì, la morte su un palo di tortura.
(Matteo 11:29) Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, poiché io sono d’indole mite e modesto di cuore, e troverete ristoro per le anime vostre.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone