domenica, aprile 05, 2015

Punti notevoli della Bibbia: 1 Samuele 16-18 > Scuola di Ministero Teocratico

ADS

Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale

Lettura della Bibbia: 1 Samuele 16-18 (8 min)


1 SAMUELE 16:1


“Infine Geova disse a Samuele: “Fino a quando ti addolorerai per Saul, mentre io, d’altra parte, l’ho rigettato dal regnare su Israele? Riempi d’olio il tuo corno e va. Ti manderò da Iesse il betleemita, perché mi sono provveduto un re tra i suoi figli”.”

*** w10 1/3 p. 23 “Egli vede il cuore” ***
Immaginate la scena. Geova sta per ungere il nuovo re della nazione di Israele. Dice al profeta Samuele: “Ti manderò da Iesse il betleemita, perché mi sono provveduto un re tra i suoi figli”. (Versetto 1) Geova non rivela il nome di questo re ma dice solo che verrà scelto tra i figli di Iesse. Mentre va verso Betleem, forse Samuele si chiede: ‘Come farò a sapere quale dei figli di Iesse è stato scelto da Geova?’

1 SAMUELE 16:4


“E Samuele faceva ciò che Geova aveva proferito. Quando giunse a Betleem gli anziani della città tremavano incontrandolo, e dissero: “Significa pace la tua venuta?””

*** it-2 p. 855 Samuele ***
Unge Davide. Una volta che si furono separati, non ci furono più contatti tra i due. Samuele tuttavia fece cordoglio per Saul. Ma Geova Dio lo interruppe, incaricandolo di andare a Betleem per ungere uno dei figli di Iesse quale futuro re di Israele. Geova ordinò a Samuele di portare con sé una giovenca per fare un sacrificio, onde evitare qualsiasi sospetto da parte di Saul, che avrebbe potuto costare la vita a Samuele. Forse pensando che Samuele fosse venuto per rimproverare o punire qualche trasgressione, gli anziani di Betleem tremavano per la paura. Ma egli li rassicurò che la sua venuta significava pace e quindi dispose che Iesse e i suoi figli partecipassero a un pasto sacrificale. Colpito dall’aspetto di Eliab, il primogenito di Iesse, Samuele pensò che quel figlio doveva certo essere stato scelto da Geova per il regno. Ma né Eliab né alcun altro dei sei figli di Iesse presenti era stato scelto da Geova. Perciò, a motivo dell’insistenza di Samuele, fu chiamato il figlio minore, Davide, che stava pascolando le pecore, e quindi fu unto in mezzo ai suoi fratelli. — 1Sa 15:34–16:13.

1 SAMUELE 16:6


“E avvenne che, mentre entravano ed egli scorse Eliab, subito disse: “Di sicuro il suo unto è dinanzi a Geova”.”

*** w10 1/3 p. 23 “Egli vede il cuore” ***
Quando entra Eliab, il figlio maggiore, Samuele ne rimane subito colpito. Pensa che la sua statura sia degna di un re e dice fra sé: “Di sicuro il suo unto è dinanzi a Geova”. — Versetto 6.

1 SAMUELE 16:7


“Ma Geova disse a Samuele: “Non guardare il suo aspetto e l’altezza della sua statura, poiché l’ho rigettato. Poiché non come vede l’uomo [vede Dio], perché il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”.”

*** w10 1/3 p. 23 “Egli vede il cuore” ***
Geova però vede le cose in modo diverso. Dice a Samuele: “Non guardare il suo aspetto e l’altezza della sua statura, poiché l’ho rigettato”. (Versetto 7) Geova non è impressionato dalla statura e dalla prestanza di Eliab. Colui ai cui occhi non sfugge nulla guarda oltre le apparenze e vede se in una persona c’è autentica bellezza.
Geova spiega a Samuele: “Non come vede l’uomo vede Dio, perché il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”. (Versetto 7) Per Geova, dunque, ciò che conta è il cuore, ovvero la persona interiore, dove nascono pensieri, atteggiamenti e sentimenti.

*** w04 15/11 p. 20 parr. 1-2 Ricerchiamo Geova, l’Esaminatore dei cuori ***
GEOVA DIO disse al profeta Samuele: “Il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”. (1 Samuele 16:7) In che senso Geova “vede il cuore”?
2 Nelle Scritture il cuore è usato spesso per rappresentare ciò che una persona è nel suo intimo: i suoi desideri, i pensieri, le emozioni e gli affetti. Perciò, quando la Bibbia dice che Dio vede il cuore vuol dire che vede oltre le semplici apparenze e si concentra su ciò che la persona è veramente.

*** w03 15/3 p. 15 Cercate di vedere gli altri come li vede Geova ***
Cercate di vedere gli altri come li vede Geova
“Non come vede l’uomo vede Dio”. — 1 SAMUELE 16:7.
NELL’XI secolo a.E.V. Geova affidò al profeta Samuele una missione segreta. Gli comandò di andare a casa di un uomo chiamato Iesse e di ungere uno dei suoi figli come futuro re di Israele. Quando Samuele vide Eliab, il primogenito di Iesse, pensò che sicuramente doveva essere lui il prescelto da Geova. Ma Geova disse: “Non guardare il suo aspetto e l’altezza della sua statura, poiché l’ho rigettato. Poiché non come vede l’uomo vede Dio, perché il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”. (1 Samuele 16:6, 7) Samuele non vedeva Eliab come lo vedeva Geova.

*** w03 15/3 p. 15 Cercate di vedere gli altri come li vede Geova ***
In seguito fu chiaro che Eliab, pur essendo un bell’uomo, non aveva le qualità per essere un buon re di Israele. Quando il gigante filisteo Golia sfidò gli israeliti a misurarsi con lui in combattimento, Eliab, come gli altri uomini di Israele, ebbe paura. — 1 Samuele 17:11, 28-30.

*** w99 15/6 p. 22 par. 13 Imparate a conoscere il vostro Creatore ***
Quando Davide fu scelto come re di Israele, Dio disse a Samuele: “Il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”. (1 Samuele 16:7) Sì, il Creatore non si ferma all’aspetto esteriore, ma guarda ciò che siamo interiormente. Non è rincorante saperlo?

*** w89 1/11 p. 28 Vedete solo l’aspetto esteriore? ***
HEINZ, un adolescente spinto dall’odio, decise di uccidere il patrigno. Per fortuna, non ebbe il coraggio di attuare il suo piano. Vari anni dopo decise di suicidarsi, ma anche qui non riuscì ad andare sino in fondo. Partecipò a furti e traffico di droga, e finì in prigione. Poi il suo matrimonio fallì.
Oggi Heinz non è più un tossicodipendente, si guadagna da vivere in maniera onesta, è felicemente sposato e va molto d’accordo col patrigno. Come ha fatto a cambiare? Cominciò a studiare la Bibbia con i testimoni di Geova. Un po’ alla volta, il suo modo di vivere iniziò a cambiare.
Senza dubbio, molti che conoscevano Heinz in precedenza lo consideravano un caso disperato. Tuttavia, e di questo possono essere grati molti come lui, Dio non lo abbandonò considerandolo irredimibile. Perché no? “Poiché non come vede l’uomo vede Dio, perché il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”. — 1 Samuele 16:7.
Ecco una grande differenza fra l’uomo e Dio. Noi tendiamo a giudicare dalle apparenze. Diciamo persino che “la prima impressione è quella che conta”. In altre parole, tendiamo a classificare la gente in base alla prima impressione che ne riceviamo. Ma Dio, potendo leggere nel cuore, è giusto e imparziale.

*** g89 22/1 p. 31 Bellezza interiore ***
Non avete conosciuto qualcuno che è come le geodi? Silenzioso, forse timido, magari di aspetto piuttosto insignificante? Ma prendetevi il tempo di conoscerlo e forse si aprirà e vi mostrerà una sfavillante bellezza interiore. Emergerà uno spirito caloroso, gentile, si manifesterà una personalità piacevole. Scoprirete lati nascosti che non avreste mai sospettato.
Comincerete a capire quello che disse l’apostolo Pietro: “Il vostro adornamento non sia quello dell’esteriore intrecciatura dei capelli e del mettersi ornamenti d’oro o dell’indossar mantelli, ma sia la persona segreta del cuore nella veste incorruttibile dello spirito quieto e mite, che è di grande valore agli occhi di Dio”. — 1 Pietro 3:3, 4.
Cercherete così di esercitarvi a vedere come vede Dio: “Il semplice uomo vede ciò che appare agli occhi; ma in quanto a Geova, egli vede il cuore”. — 1 Samuele 16:7.

1 SAMUELE 16:10


“Così Iesse fece passare sette dei suoi figli davanti a Samuele, ma Samuele disse a Iesse: “Geova non ha scelto questi”.”

*** w05 1/10 p. 9 par. 1 Punti notevoli del libro di Primo Cronache ***
2:15: Davide era il settimo figlio di Iesse? No, Iesse aveva otto figli e Davide era il minore. (1 Samuele 16:10, 11; 17:12) Evidentemente uno dei figli di Iesse era morto senza discendenti. Dal momento che il nome di questo figlio non avrebbe influito sulle registrazioni genealogiche, Esdra lo omise.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Contenuto consigliato