mercoledì, aprile 22, 2015

La sindrome da pranzo selettiva > Salute e Benessere.

ADS

Sindrome da pranzo selettiva si riferisce alla nutrizione dove c'è una varietà di cibo inadeguato. Questa dieta che è limitato a tra cinque e dieci cibi e, inoltre, correla con il rifiuto di provare nuovi prodotti (indicati come disturbo neophobia), come spiega il psicoterapeuta e responsabile per l'area della gestione della conoscenza e della ricerca presso l'Institut de Trastorns Alimentaris (ITA), Toni Grau.
A volte, il rifiuto di alcuni cibi si concentra su alcune texture (per esempio la fibroso), che esclude le grandi famiglie della dieta di alimenti quali frutta, verdura e ortaggi. Prodotti seguita da vicino, in termini di evasione, di pesce e verdure. In altre occasioni, questo rifiuto è diretto verso l'aspetto esterno di alcuni cibi (forma, colore, dimensione...) e non tanto per il loro gusto.

Profilo del pranzo selettiva

La sindrome da pranzo selettiva è stata descritta in bambini, anche se ci sono già alcuni studi con gli adolescenti. Per quanto riguarda gli adulti, la letteratura scientifica disponibile è inesistente.
Questo disturbo è più spesso si verifica nei ragazzi rispetto alle ragazze (con un rapporto di quattro ragazzi per ogni ragazza). Anche se non è definito un profilo caratteristico, questi bambini tendono ad avere problemi di evitamento sociale, ansia, tratti ossessivo-compulsivo, basso adattamento al cambiamento e novità. Fattori che sono, principalmente, tratti di personalità, e che pertanto rimanere nel tempo, pur rimanendo anche in età adulta, come descrive lo psicoterapeuta Toni Grau.
Finora, questa malattia è stata classificata all'interno della categoria diagnostica 'Assunzione di cibo dell'infanzia o Infanzia disturbo', se non c'è una categoria specifica per la sindrome di sala da pranzo selettiva. Tuttavia, "il prossimo manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V) fornisce per il loro inserimento come una nuova categoria diagnostica: «disturbo evitante/restrittiva», spiega l'esperto dell'ITA."

Effetti negativi della sindrome della ristorazione selettiva

Le conseguenze principali della sindrome della ristorazione selettiva sono derivate da carenze nutrizionali di una dieta ristretta e più tenendo conto che evitati alimenti principali sono quelli ricchi di vitamine, minerali e fibre (verdura, frutta, legumi, pesce...), indispensabili per lo sviluppo. "La mancanza di questi nutrienti può essere frequentata con problemi di crescita, letargia e scarsa concentrazione. In questo senso, è stata una diminuzione di tra 13 e 15 punti IQ di mangiatori selettivi", conclude il psicoterapeuta Toni Grau.
Per quanto riguarda la parte psicologica, Grau ha spiegato che questi bambini hanno un rischio maggiore di sviluppare un disturbo alimentare nelle fasi successive di crescita; Poiché alcuni tratti della personalità che combina anche essi sono presenti in queste patologie e che condividono il problema con l'alimentazione.
Inoltre, mangiatori selettivi e dei loro caregivers è spesso un evitamento sociale di quegli eventi in cui la dieta limitata del bambino non può essere sviluppato normalmente (ritiri, gite, compleanni, a dormire a casa di amici...). "Questo rifiuto di cibo ostacola il corretto processo di socializzazione con le persone che circondano il bambino e il mondo", spiega il psicoterapeuta. Inoltre, "capricci, pianto e altri comportamenti distruttivi aumentano conflitti in famiglia," conclude Grau.
Per riassumere, i sintomi della sala da pranzo sono selettivi, allo stesso tempo, conseguenza (espressione di disagio) e causano (evitamento del conflitto), conclude il responsabili per l'area della gestione della conoscenza e della ricerca dell'ITA.

Cause della sindrome della ristorazione selettiva

Anche se non c'è un unico e chiaro principio che emergono la sindrome pranzo selettiva, se trovate problemi cause correlate sul link che si crea tra il bambino e il caregiver. "I bambini, di non essere in grado di esprimersi con le parole, utilizzano altre forme di comunicazione (armi d'ondeggiamento, piangere, urlare, buttare o sputare pasto...)". Questi comportamenti sono stressanti per gli operatori sanitari, per evitare questi comportamenti optando per preparare e dare solo i cibi meno problematici. "Con questo atteggiamento, l'iniziativa di introdurre nuovi alimenti si perde e si perpetua non è noto il cerchio che il bambino non vuole mangiare nient'altro", spiega lo psicoterapeuta Toni Grau.
Inoltre, lo stress che badante soffre il nervosismo del rende bambino che il collegamento tra di esse non è adatto e impatto sul rapporto di fiducia da creare tra i due, "ancora un fattore tanto più c'è il rifiuto del bambino prima di qualsiasi alimento o cosa quel caregiver offre. Rendendo così il circolo vizioso che abbiamo parlato di precedenza ", continuando il psicoterapeuta.
Anche se non tutto è il prodotto di una mancanza di collegamento tra il bambino e la sua badante, come tutti gli esperti di autori sull'argomento, la sindrome da pranzo selettiva segue un modello multicausale. Questo disordine può diventare "un modo di esprimere la personalità", come dice Grau. In questo modo, il rifiuto di novità o rigidità (caratteristica delle persone obsesivo-compulsivas), ha presentato attraverso il ripudio per il pasto, sono portati alla luce "attraverso le caratteristiche primitive del potere", dice l'esperto.

Come anticipare la comparsa della sindrome della ristorazione selettiva

Un semplice "Non voglio" o un "non mi piace", pronunciata da un bambino prima di un piatto di cibo che non gli piace, deve essere eseguito con tranquillità e intelligenza. I bambini sono grandi imitatori dei loro genitori, quindi se i bambini vedono che i loro genitori sono selettivi e non mangiano cibo tale o quale, certamente tendono a respingerla hanno anche. Da qui l'importanza dello stress, fin dall'inizio, da includere nella dieta alimentare di tutti i tipi (se del caso, alle caratteristiche fisiologiche del bambino) o che eviterà problemi nutrizionali del comportamento in futuro.
Per ottenere una corretta nutrizione dei bambini dovrà armarsi di pazienza, una volta iniziato il periodo di introduzione di nuovi alimenti. Sarà essenziale per giocare con il vostro bambino, rendere il cibo che ti aggrada e andare esso gradualmente incorporando nella vostra dieta in modo che non si nota un cambiamento improvviso molto.

Trattamento della sindrome della ristorazione selettiva

Per molti genitori la domanda se è possibile trattare la sindrome della sala selettiva e tornare ad una dieta normale, lo psicoterapeuta Toni Grau dice di sì, anche se "come in tutte le condizioni sanitarie complesse, il trattamento richiede un approccio interdisciplinare, in cui sono presenti discipline quali medicina, psicologia e cura durante tutto il processo terapeutico"spiega l'esperto.
Per risolvere un efficace trattamento della sindrome della ristorazione selettivi , questi sono i passi che ci seguono:
  • In primo luogo, deve valutare lo stato nutrizionale della persona interessata. È importante vedere in che condizioni il bambino arriva e come sono i livelli nutrizionali. Allo stesso modo, è necessario escludere l'esistenza di un'origine organica della foto (allergie, sensibilità a certi alimenti, ecc). In casi estremi (quelli in cui il biologico scale sono venuto essere compromessa) è necessario anche un breve ricovero.
  • Una volta scartato organico problemi dovrebbero esplorare i fattori esplicativi che hanno condotto a questo comportamento. Questi saranno che mostrerà quale strategia terapeutica deve seguire. Tenendo conto che in molti casi i sintomi della sala da pranzo selettiva costituiscono l'espressione di un disagio, è importante essere in grado di accedere i fattori sottostanti il comportamento problema.
  • Raggiunto questo stadio, è stato notato che nella maggioranza dei casi c'è stato per dare priorità al ripristino del collegamento con il caregiver principale. Analogamente, in certi casi la ristrutturazione di alcuni modelli familiari disfunzionali, è necessario dotare l'unità familiare di funzionalità per affrontare questo e altri problemi.
  • Parallelamente al trattamento della sindrome dei fattori relativi Intrattenimenti selettivi, essere progressiva all'esposizione di nuovi prodotti alimentari, selezionando diversi gruppi di alimenti e texture per poter generalizzare questa esposizione ad altri prodotti che compongono un normale, sano e una dieta equilibrata.

Consigli per prevenire la sindrome da pranzo selettiva

Il valore di prevenzione e di questi comportamenti è relativo, poiché il comportamento di una persona con la sindrome del pranzo selettiva è solo un'espressione legata al temperamento o il carattere dell'individuo (cioè, che la persona non mangia perché non si può, ma perché non si vuole), quindi i psicoterapeuti dire che, nonostante questo, l'ambiente in cui viva e le mosse del bambino possono essere un fattore protettivo contro questi problemi.
Queste sono alcune delle strategie e consigli che possono migliorare questa protezione contro la comparsa della sindrome della sala selettiva o il semplice rifiuto di alcuni cibi:
  • Dedicare tempo e attenzione alla nutrizione: è consigliabile durante il pranzo, la cura della famiglia si concentra quanto più possibile nell'atto di mangiare e rituali associati, scartando, per quanto possibile, altre attività (guardando la TV, orologio cellulare, alzarsi da tavola, lettura...).
  • Mantenere un'alimentazione varia famiglia: tutti i membri della famiglia dovrebbe mangiare tutto, così varia e bilanciata e conformi alle raccomandazioni generali dell'alimento o la piramide della dieta mediterranea.
  • Stimolare la curiosità nell'esplorare nuovi sapori e consistenze: creatività e fuggendo la routine in cucina si apre appetito e che i nuovi alimenti sono meglio accettati. Cucina in modi diversi (ferro, vapore, forno...), variare il dieta alimenti sempre alla ricerca di un sostituto e alla ricerca di ricette diverse ogni volta.
  • Non deve dare cibo un carattere di ricompensa o di punizione: "Se ti comporterai bene, ripeto dessert", "non spostare la tabella fino a quando si mangiano le lenticchie", questo tipo di frasi, ripetute nel tempo, generano solo il bambino è abituato ad ottenere ciò che vuole con un certo comportamento ed è encapriche o essere arrabbiato se non ottieni quello che vuoi.
  • Gerarchia della famiglia dovrebbe essere: Come regola generale, i bambini, tra due e tre anni, mostrano un comportamento oppositivo verso gli adulti in un primo tentativo di testare la gerarchia della famiglia. È in questo momento quando è fondamentale per stabilire una struttura gerarchica in cui i genitori hanno la loro capacità esecutive.
  • Evitare mediare prima altre persone nutrono i bambini quando non sono a casa: è il caso, ad esempio, chiamate ai docenti per negoziare la dieta durante i raduni o nella sala da pranzo della scuola. Il bambino deve abituarsi a mangiare ciò che hanno messo sul piatto o meno nella sua casa, come una forma di apprendimento personale e comportamento nella società.
Pubblicato per scopi didattici
Salute e Benessere

Contenuto consigliato