Passa ai contenuti principali

Il partito più grande mai generata: Festival di Kalhu Ashurnasirpal II | Sua Origine e storia.

ADSBYGOOGLE

di Joshua J. Mark
I re dell'Impero Neo-assiro lungamente sono stati considerati alcuni dei monarchi più spietati nella storia antica. Tuttavia, allo stesso tempo essi erano saccheggiando la città e coloro che si ribellarono contro di loro o resistito conquista macellazione, essi spesso perseguito interessi più delicati. Sennacherib (705-681 regnò A.C.) goduto giardinaggio e amava i fiori. Suo figlio Esarhaddon (regnò dal 681-669 A.C.) era più interessato a costruire progetti di conquista militare, anche se ha decimato l'Egitto. Suo figlio e successore Ashurbanipal (regnò dal 668-627 A.C.) è meglio conosciuto per la sua biblioteca rispetto per nessuna delle sue campagne militari. Questo stesso modello può essere visto in precedenti monarchi dell'Impero pure ed è sintetizzato in un evento che potrebbe essere il partito più grande mai gettato.
clip_image014
Testa di Lamassu da Palazzo Ashurnasirpal II
Nell'anno 879 A.C., l'assiro re Assurnasirpal II (regnò 884-859 A.C.) ha organizzato una festa per celebrare il completamento della sua nuova città, Kalhu e l'inaugurazione del suo nuovo Palazzo grande. Ha invitato tutto il paese per partecipare e 69, 574 persone ammesse, tra cui i 16.000 nuovi cittadini di Kalhu e 5.000 dignitari dai propri territori e straniere terre. Mentre gli studiosi hanno suggerito che il festival può servire il re come un gesto di pubbliche relazioni, certamente non aveva bisogno di andare alla Briga. Al momento è stato costruito Kalhu e Assurnasirpal II si era trasferita nel suo palazzo reale, la sua reputazione come un monarca di non essere scherzare con era stata fermamente stabilita. Questo, dopo tutto, era il re che ha scritto della sua conquista della città ribelle di Tela in c. 883 A.C.:
Costruito un pilastro di fronte la porta della città e scorticato tutti i capi che si erano ribellato e ho coperto il pilastro con le loro pelli. Alcuni impalato sul pilastro su pali e gli altri che legato ai pali rotondi del pilastro. Ho tagliato le membra fuori gli ufficiali che si erano ribellati. Molti prigionieri ho bruciato con il fuoco e molti che ho preso come prigionieri vivi. Da alcuni che tagliato fuori il naso, le orecchie e le dita, di molti ho messo fuori i loro occhi. Ho fatto un pilastro del vivente e un'altra delle teste e limito loro teste a tronchi d'albero tutt'attorno la città. Loro giovani e fanciulle che consumato con il fuoco. Il resto dei loro guerrieri consumato con sete nel deserto dell'Eufrate.
Come re Tiglath Pileser prima di lui (regnò dal 1115-1076 A.C.), Assurnasirpal II non mi importava se gente lo odiava, fintantoché essi temevano e lui obbedì. Un evento di pubbliche relazioni come il festival di Kalhu sarebbe stato considerato inutile da un monarca che era già andato alle lunghezze grandi per assicurarsi che il suo nome era sinonimo di terrore. Potrebbe essere, quindi, che Ashurnasirpal II gettò il suo partito grande semplicemente perché ha voluto mostrare la sua nuova città e il Palazzo. Motivi per le azioni dei re assiri non sono spesso fatti chiaro nella loro iscrizioni (a meno che essi sono giustificando il saccheggio delle città) come lo storico che Marc Van de Mieroop osserva:
Sembra sicuro di dire che la costruzione della nuova città era un'impresa complessa. Se questa conclusione è corretta, ci si aspetterebbe i re che ha intrapreso il lavoro di elaborare le loro attività nel loro edificio iscrizioni. Eppure, quando si studiano questi testi, troviamo una mancanza di informazioni su alcuni aspetti dell'impresa. In primo luogo, i re non doveva avere una motivazione per la costruzione di queste vaste città ma, quando guardiamo il loro record, viene dichiarata alcuna ragione per il lavoro. Giustificazione di Ashurnasirpal per i lavori di Kalhu è semplicemente una dichiarazione che era diventata la città costruita dal suo predecessore Shalmaneser fatiscente (La città antica di Mesopotamian, 55).
Allo stesso modo che i re non sentivano alcuna necessità di giustificare la costruzione delle loro città, Assurnasirpal II sembra non aver sentito alcuna necessità di approfondire le ragioni dietro la sua festa. Nelle sue iscrizioni egli scrive:
Quando consacrato il Palazzo di Kalhu, 47.074 uomini e donne, che sono state invitate da ogni parte della mia terra, 5000 dignitari e inviati del popolo delle terre Suhu, Hindanu, Patinu, Hatti, tiro, Sidone, Gurgumu, Malidu, Hubushku, Gilsanu, Kummu, e Musasiru, 16.000 persone da Kalhu e 1500 funzionari di Palazzo, tutti loro – complessivamente 69.574 compresi quelli convocati da tutte le terre e le persone di Kalhu – per dieci giorni, che ho dato loro cibo, Dato loro da bere, li avevo bagnata, li avevo unto. Così ho fatto onore a loro e rispedirli al loro terre in pace e gioia.
Il menu dalla grande festa è stato conservato; suo banchetto Stele registra che questa celebrazione incluso, ma non era limitata a, 1.000 buoi, 1.000 bovini domestici e pecore, 14.000 importati e ingrassati pecore 1.000 agnelli, 500 volatili, 500 gazzelle, 10.000 pesci, 10.000 uova, 10.000 pagnotte di pane, 10.000 misure di birra e 10.000 contenitori del vino (Bauer, 337). Ingredienti, spezie e altri commestibili includevano sesamo, cereali, uva, cipolle, aglio, miele, senape, latte, noci, formaggio, olive, date, burro chiarificato e rape. Come scrive Marc Van de Mieroop, "questo è stato un banchetto speciale e degno di vantando" (155). Gli studiosi continuano a speculare, tuttavia, sul perché il re getterebbe un tale festival elaborati per le persone quando non avesse a farlo.
clip_image015
Iscrizione standard di re Assurnasirpal II
Non non c'è nessun altro motivo dato per il partito più semplicemente che il re aveva voglia. Kalhu era stato un vecchio centro commerciale che era caduto in rovina nel corso degli anni ed è stato completamente ri-costruito da Assurnasirpal II. Suo orgoglio più grande era il suo nuovo palazzo, e mi sembra una spiegazione abbastanza semplice che il re voleva solo mostrare ciò che egli aveva compiuto – fuori del campo di battaglia – ai tanti ammiratori come egli poteva raccogliere. Ciò non significa, naturalmente, che non ha voluto imprimere su di loro le sue vittorie militari. Anche se si pensa che pochi degli ospiti sarebbe stati invitati nel palazzo, i dignitari che sono citati nell'iscrizione possono anche essere stata. Ci avrebbero visto i massicci rilievi lungo le pareti raffiguranti il re che uccide leoni a mani nude e rovesciare le mura della città e massacrare coloro che si opponevano a lui. Insieme con le immagini, hanno letto parole del re, ripetute più e più volte sui rilievi, la cosiddetta iscrizione Standard. Lo storico Jonathan Taylor descrive l'iscrizione in questo passaggio:
L'iscrizione Standard è, come suggerisce il nome, un singolo testo standardizzato che racconta le vittorie di Ashurnasirpal. Le prime cinque linee asserire le credenziali del Re:
Palazzo di Assurnasirpal, vice-reggente di Ashur, scelto uno degli dèi Enlil e Ninurta, amata degli dèi Anu e Dagan, arma distruttiva della grande divinità forte re, re dell'universo, re di Assiria, figlio di Tukulti-Ninurta, grande re, re forte, re dell'universo, re d'Assiria, il figlio di Adad-nirari, re grande, re forte, re dell'universo, re di Assiria; uomo valoroso che agisce con il supporto di Ashur, suo Signore e non ha rivali tra i principi dei quattro quarti, meraviglioso pastore, impavido in battaglia, unopposable floodtide possente, re che soggioga quelli insubordinati a lui, lui che governa tutti i popoli, uomo forte che gradini sui colli dei suoi nemici, trampler di tutti i nemici, colui che spacca le forze del ribelle, re che agisce con il supporto di grandi dèi, suo Lord e ha conquistato tutte le terre, ottenne il dominio su tutte le highlands e ricevuto il loro tributo, cattura di ostaggi, chi è vittorioso sopra tutti i paesi...
I successivi nove linee relazione nella misura delle sue vittorie, che si estende dal Monte Libano ad ovest in Armenia in Oriente e invadendo il sud nel territorio babilonese. Le ultime otto linee raccontano come ha ricostruito la città di Nimrud [Kalhu] e reso suo popolo là capitale e depositate dai suoi territori appena conquistati. Ha costruito un grande palazzo, decorato con i migliori legni e metalli e statue di pietra delle bestie dei monti e dei mari; poi ha riempito di bottino (1).
clip_image016
Testa di Assurnasirpal II
I dignitari senza dubbio sarebbe impressionati dalle dimensioni e dalla portata del nuovo palazzo e la città, ma forse altrettanto o più ancora, dalle immagini e iscrizioni le gesta del re – e la minaccia inespressa di cosa sarebbe successo a loro se hanno deciso di opporsi al potere dell'Assiria. Questo, naturalmente, è solo una teoria proposta da storici (anche se sembra in sintonia con la personalità di Ashurnasirpal II), e potrebbe essere che i rilievi devono essere presi semplicemente al valore nominale - come record di trionfi professionali e personali del re con conservato per i posteri sulle mura del suo palazzo. Come non non c'è nessun altro record del festival Kalhu, non è noto quanto bene gli ospiti si sono divertiti o se qualsiasi dignitari erano intimiditi da rilievi di Palazzo e la scritta Standard. Tutto ciò che è noto è che, una volta era una volta, re Ashurnasirpal II di Assiria ha ospitato il party più grande mai generato e, attraverso le sue iscrizioni, voleva assicurarsi che le generazioni future saprebbe di esso.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

Punti notevoli del libro di Primo Cronache | Lettura della Bibbia: 1 Cronache

Punti notevoli della lettura della Bibbia: 1 Cronache | Testi spiegati e lezioni pratiche
CRONACHE, I LIBRI DELLE Due libri ispirati delle Scritture Ebraiche che si ritiene formassero un solo volume nel canone ebraico originale. I masoreti li consideravano un’opera unica, e sono contati come un solo libro nel computo che vuole le Scritture Ebraiche suddivise in 22 o 24 libri, e come due in quello che porta i libri a 39. La divisione in due libri pare sia stata adottata dai traduttori della Settanta greca. Nei manoscritti ebraici questa divisione non compare fino al XV secolo. Nella Bibbia ebraica Cronache si trova alla fine della parte chiamata gli Scritti. Il nome ebraico, Divrèh Haiyamìm, significa “i fatti dei giorni”. Girolamo suggerì il nome Chronicon, da cui deriva “Cronache” nelle Bibbie italiane. Una cronaca è la narrazione storica di certi fatti nell’ordine in cui sono avvenuti. Il titolo greco (nella Settanta) è Paraleipomènon, che significa “cose tralasciate (non dette; om…

Biografia di Emiliano Zapata | Rivoluzionario messicano

(San Miguel Anenecuilco, Messico, 1879 - Morelos, 1919) Rivoluzionario messicano. Il complesso sviluppo della rivoluzione messicana del 1910, i leader del partito agrario chiamati raccolti le giuste aspirazioni delle classi rurali più umili, che erano state condannate alla miseria di un arbitrario CAP che desposeía loro dalle loro terre. Di tutti loro, Emiliano Zapata è ancora il più ammirato.

Emiliano Zapata Contro l'ambizione senza scrupoli o l'incoerenza ideologica di Pancho Villa e Pascual Orozco e un'idea di rivoluzione più legato alla guerra per il potere di trasformazione sociale, Emiliano Zapata è rimasto fedele ai suoi ideali di giustizia e ha dato priorità assoluta ai successi efficaci. Purtroppo, che la stessa fermezza e perseveranza contro la confusione si snoda del rivoluzionario determinato suo isolamento in stato di Morelos, dove intraprese riforme feconde da una posizione di indipendenza virtuale che nessun governo può tollerare. Omicidio, ist…