giovedì, aprile 23, 2015

Conversione dell'Armenia al cristianesimo | Sua Origine e storia.

ADS

di Armen Ayvazyan
Nel 301 CE, i circoli dominanti di Regno della Grande Armenia ha deciso di convertire la loro intera nazione al cristianesimo. Questa rottura rivoluzionaria con la secolare tradizione pagana era guidata dal re Tiridates III (il grande, 287-330 CE di Tridate), sua sorella Xosroviduxt, sua moglie Regina Ashkhen, e il suo più vicino associa Gregorio l'illuminatore, il padre e primo Patriarca della Chiesa armena (302-326 CE). Gregory più tardi venne canonizzato da importanti chiese cristiane, e tutti e quattro di loro furono canonizzati dalla Chiesa armena.

Motivi per la conversione dell'Armenia al cristianesimo

Conversione pionieristica dell'Armenia al cristianesimo è stata una mossa verso uno stato più centralizzato, a scapito di case feudali sempre più potente. Da politico di riferimento re Tiridates, unendo la sua nazione sotto la bandiera di un solo Dio era un richiamo ideologico per un'identità etnica armena già forte a fronte della pressione geopolitica escalation da due faide superpotenze del tempo, l'impero romano e la Persia sasanide.
clip_image009
Tiridate III
Inoltre, sostituendo il politeismo con monoteismo elevato il re sopra tutte le nobiltà come primo propagatore e difensore della fede, un rappresentante diretto di Cristo in Armenia. Contemporaneamente, la nuova dottrina religiosa privata sia il re e i nobili capi da loro precedentemente presunta origine divina.

Supporto e resistenza

Come molte comunità cristiane erano già sparsi in tutto il paese e perché praticamente tutti i principali signori feudali militari dell'Armenia si trovava saldamente dietro loro re a favore di questo rinnovamento spirituale storico, il rapido trionfo del nuovo credo era una conclusione scontata. Nel 302 CE, una resistenza armata fisicamente sconnesso è stata tentata dagli elementi dello stabilimento che favorivano il vecchio sistema religioso. Tuttavia, solo nel cantone di Taron ha fatto gli sforzi per proteggere i templi pagani crescere in una scala reale, anche se consapevolmente senza speranza, insurrezione. La maggior parte della forza ribelle è stato messo su da teocratico principato armeno-indiano o, più precisamente, un guerriero di associazione tempio fondato dalle tribù indiane che migrarono in Armenia circa due secoli prima, presumibilmente, durante il Regno del re Tiridates ho (63-88 CE).
Migliaia di ex ribelli, essendo né disarmato, perseguitati, accettò di essere battezzato di propria libera volontà.
Tiridate avevo ordinato loro di stabilirsi in questa zona strategicamente importante e fornire il suo esercito con addestrato di cavalleria e fanteria, che hanno fatto lealmente. Nel quarto secolo questi indiani erano cresciuta una popolazione di fino a 100.000, e già era stato parzialmente assimilati nella società armena: in particolare, erano divenuti lingua armena. Ancora, carattere distintivo ethnoreligious ereditario era stato mantenuto. A giudicare dagli idoli del loro culto così come la loro fisonomia nettamente diverso – fonte primaria contemporanea li descrive come "nero, brutto e lungo-haired"-molto probabilmente erano adoratori di Krishna (alias Gisane).

Conflitto armato

In ogni caso, nel 302 CE, Ardzan, il sommo sacerdote di questi indiani armeno e un influente feudatario in proprio, è stato ucciso in uno degli incontri iniziali con le forze reali in Taron. Il giorno successivo ha visto pesanti combattimenti con 6.946 soldati sul lato pagano e 7.080 soldati sul lato reale (la stragrande maggioranza delle forze reali non era nella zona a quel tempo). Durante i combattimenti, l'equilibrio delle forze sul terreno cambiato contro le truppe reali, quando uno dei comandanti armeni, il principe di Hashtenk, insieme con la sua forza di 700 uomini, passati nei campi e andò a idolatri solo per essere ucciso in un duello montato con il principe (di Syunik).
La lunga battaglia si è conclusa quando Demetr, comandante pagani e il figlio di Ardzan, fu ucciso a fianco di mille delle sue truppe. Una riconciliazione sorprendentemente rapida seguito, come dimostra il fatto che numerosi morti in modo cooperativo sono stati raccolti e sepolti in una fossa comune. Allo stesso modo, pochi giorni dopo le migliaia di ex ribelli, che erano stato permessi di tornare ai loro villaggi, né essere disarmato né perseguitati, accettò di essere battezzato di propria libera volontà.
Rapidamente, fu eretto un monumento sul luogo della battaglia, che commemora i caduti da entrambi i lati. Sua iscrizione rassicuranti indicato lo shock collettivo degli antichi armeni presso precedentemente unheard delle intenso conflitto fratricida nei seguenti termini:
Questa è stata la prima guerra civile. Era estremamente feroce.
Ardzan il sommo sacerdote, un comandante in capo a questa battaglia, è sepolto qui insieme a 1.083 dei suoi uomini.
E abbiamo combattuto questa battaglia per i deities di Gisane e per Cristo.
La resistenza contro la conversione al Cristianesimo fu sconfitta, e Armenia divenne uno dei regni primi di adottare ufficialmente il cristianesimo come religione di stato.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

Contenuto consigliato