Chi era: Sennacherib | Sua Origine e storia.

di Joshua J. Mark
clip_image009
Sennacherib (705-681 regnò A.C.) fu il secondo re della dinastia di Sargonid di Assiria (fondata dal padre Sargon II). Egli è uno dei più famosi re assiri a causa della parte che gioca in narrazioni del vecchio testamento biblico (II re, II Cronache e Isaia) e, dal XIX secolo CE, dal poema "La distruzione di Sennacherib" dal poeta inglese Lord Byron. Egli è anche conosciuto come il secondo re assiro hanno saccheggiato i templi di Babilonia e stato assassinato per il suo affronto agli dèi (il primo re essendo Tukulti-Ninurta I nel c. 1225 A.C.). Sennacherib abbandonato nuova città di Dur-Sharrukin suo padre e trasferì la capitale a Ninive, che ha restaurato profumatamente. I famosi giardini pensili, che tradizionalmente sono state attribuite a Babilonia, ora si pensa da alcuni studiosi in realtà sia stata la creazione di Sennacherib a Ninive. Il suo regno fu segnato in gran parte dalle sue campagne contro Babilonia e le rivolte contro il dominio assiro guidato da un Merodach-Baladan denominato capo tribale. Dopo il saccheggio di Babilonia, fu assassinato dai suoi figli.

Prima parte del Regno & primo sacco di Babilonia

Durante il Regno di Sargon II (722-705 A.C.), Sennacherib efficacemente aveva mantenuto l'amministrazione dell'Impero, mentre suo padre era in campagne militari. Secondo le iscrizioni e le lettere dal tempo, Sargon II attendibile il suo figlio per gestire gli affari giornalieri dello stato ma non sembrava molto pensare a lui come un uomo o un futuro re. Scrive lo storico Susan Wise Bauer, "Sargon, a quanto pare, non era reticente nel diffondere il suo parere di suo figlio all'estero. Quando Sennacherib salì al trono, le province – convinse che il principe ereditario è stato disossato e inadeguata – celebrato loro prossimi libertà dal dominio assiro"(382). Sennacherib sembra avere considerato suo padre con disprezzo simile; non c'è alcuna menzione di Sargon II in qualsiasi delle iscrizioni di Sennacherib e nessun record di monumenti o templi che collega il Regno di Sennacherib e realizzazioni con suo padre. Sargon II nuovo capitale città di Dur-Sharrukin, che Sennacherib era stato costretto per supervisionare la costruzione di dieci anni, fu abbandonato poco dopo la morte di Sargon II e la capitale si trasferì a Ninive.
Sennacherib aveva speso più tempo si occupano di Babilonia e gli Elamiti e consumato più uomini e risorse su sottomettendo quella città rispetto a qualsiasi altro, così ha ordinato di Babilonia per essere rasa al suolo.
Poiché Sennacherib era stato costretto a giocare il ruolo di ufficiale di governo sotto il suo padre, è comprensibile che le persone, alla sua ascensione al trono, potrebbero avere lo considerava debole; a differenza di altri re assiri del passato, egli mai aveva accompagnato suo padre in campagna e così non aveva mai dimostrato in battaglia. Una di queste campagne, tra l'ultimo Sargon II mai condotto, era contro un capo tribale di nome Merodach-Baladan che aveva preso la corona di Babilonia e il controllo della regione del sud della Mesopotamia. Sargon II aveva sconfitto alleati di Merodach-Baladan, Elamiti e guidato il capo da Babilonia, in seguito prendendo la corona per se stesso. Ha commesso l'errore, tuttavia, di risparmiatori di vita di Merodach-Baladan, permettendogli di rimanere nella sua città natale di Bit-Yakin dal Golfo Persico, e questa decisione potrebbe causare alcuni dei problemi più gravi del suo regno Sennacherib. Poco dopo Sennacherib salì al trono, Merodach-Baladan tornò a Babilonia, a capo di un esercito composto di sua tribù e i guerrieri di Elamite, assassinato il righello del salotto della città e ancora una volta ha preso il trono.
Sennacherib non aveva fatto nulla per sé endear ai Babilonesi. Sargon II aveva vinto Babylon in battaglia e stato riconosciuto come legittimo re. Esso sarebbe stato aspettato che, dopo la sua incoronazione, Sennacherib vuoi viaggiare a Babilonia a "prendere la mano di Marduk" e legittimare il proprio dominio sulla città e la meridionale raggiunge. "Prendendo la mano di Marduk" significava solennemente riconoscere Marduk Dio di Babilonia e mostrare il proprio rispetto per la città tenendo la mano della statua del Dio durante il rituale che legittimato di una regola. Sennacherib erogato con quello personalizzato e proclamato lui stesso il re di Babilonia senza degnarsi di visitare anche la città, insultando così Babilonia e il suo capo Dio.
clip_image010
Impero neo-assiro
I Babilonesi, dunque, ha accolto l'arrivo di Merodach-Baladan e sentivano che non avevano nulla da temere da nuovo re assiro. Sennacherib sembrò confermare la loro fiducia nel 703 A.C. inviando un esercito, guidato dal suo comandante in capo invece di se stesso, per guidare gli invasori fuori di Babilonia e ripristinare la regola assiro; Questo esercito fu rapidamente sconfitto dalle forze combinate del Elamiti, caldei e Aramei. Babylon poi organizzato le sue truppe, nel caso in cui gli assiri hanno deciso di riprovarci e depositato giù le proprie attività e ha proceduto a ignorare il re assiro. Secondo Bauer,
Che è stata l'ultima goccia. Sennacherib se stesso è venuto a spazzare giù come l'ira di Assur e irruppero attraverso la linea del fronte alleata, a mala pena la sospensione. Merodach-Baladan correva dal campo di battaglia e insinuata nelle paludi di Sealand, che egli conosceva bene, per nascondere a se stesso; Sennacherib marciò verso il resto del modo di Babilonia, che prudentemente spalancò le porte, non appena vide il re assiro all'orizzonte. Sennacherib è venuto attraverso il cancello aperto, ma ha scelto di inviare a Babilonia un messaggio: ha messo a soqquadro la città, ha preso quasi un quarto di 1 milione di prigionieri e distrutto i campi e boschetti di chi aveva aderito all'alleanza contro di lui (384).
La gente di Babilonia ha subito capito che il povero parere che aveva tenuto di Sennacherib era sbagliato. In questa campagna inizio il nuovo re si mostrò un abile tattico, condottiero capace e spietato nemico.

Ulteriori ribellioni & campagne

Merodach-Baladan era fuggito a Elam, ma non è rimasto inattivo ci. Ha incoraggiato gli altri alla rivolta contro il dominio assiro. Tra questi era re Hezekiah di Giuda che è stato detto che, se egli si trovava contro l'Assiria, aiuto sarebbe venuto dall'Egitto. Poco dopo che Sennacherib prese Babilonia, la città di tiro e Sidone sul Mar Mediterraneo si ribellarono allo stesso tempo come città filistea di Ekron e Lachish in Canaan. Nel 701 A.C. Sennacherib marciò suoi eserciti nella regione per sedare le rivolte. Il re assiro-nominato di Ekron, nel frattempo, era stati preso a Gerusalemme in catene e consegnato a Ezechia, che lo ha imprigionato. Sennacherib era occupato con l'assedio della città di Lachish, e così ha mandato i suoi inviati a Gerusalemme per chiedere il rilascio del re imprigionato e la resa della città. Bauer osserva che "non erano solo qualsiasi inviati ma ufficiale generale, capo di Sennacherib e comandante del campo; e sono arrivati a capo di un grande esercito"(385). Mentre questi ufficiali è affrontato il problema di Jerusalem, Sennacherib concentrata sulla riduzione di Lachish di assedio. Lo storico Simon Anglim descrive l'assalto Assiro:
A Lachish, la città era circondata in primo luogo per impedire la fuga. Successivamente, gli arcieri sono stati portati avanti; sotto la copertura scudo gigante, hanno cancellato le merlature. Il re quindi utilizzato il metodo provato e testato e assiro di costruire una rampa di terra vicino al muro nemico, coprendola con una pietra piatta e ruota in avanti una macchina che ha combinato una torre d'assedio con un ariete. Gli assiri poi in scena un attacco su due fronti. La torre era a ruote su per la rampa e la ram era esercitata contro la parte centrale della parete nemica. Arcieri nella torre ha eliminato le merlature mentre arcieri terra spinto verso l'alto vicino al muro per coprire un assalto di fanteria con scaling scale. Il combattimento sembra sia stato intenso e l'assalto probabilmente ha preso parecchi giorni, eppure alla fine gli assiri entrarono nella città (190).
clip_image011
Il prisma di Taylor di re Sennacherib, Ninive
Lachish è stato preso e la popolazione massacrata. Coloro che sono stati risparmiati furono deportati in regioni in Assiria. Mentre l'assedio era in corso, gli inviati fuori dalle porte di Gerusalemme erano in trattative con i rappresentanti di Ezechia. Riferendosi all'Egitto come "una canna scheggiata" che potrebbe essere di nessun aiuto alla città, il generale assiro affrontato gli uomini di Ezechia a gran voce in ebraico, anziché in aramaico, affinché le persone che rivestono le mura della città lui potevano capire. Quando i rappresentanti di Ezechia gli ha chiesto di parlare in aramaico, così che la gente non sarebbe panico, il generale si rifiutò, dicendo: "il messaggio è troppo per loro. Come te, devono mangiare i propri escrementi e bere la loro urina"(Bauer, 386). Ezechia rilasciato il re di Ekron e inviati undici tonnellate d'argento e una tonnellata d'oro a Sennacherib a Lachish. L'esercito assiro si ritirò da Gerusalemme per combattere gli egiziani a Eltekeh. Sconfissero le forze egiziane e poi marciò verso la regione del Levante e mettere giù le ribellioni a Ekron, tiro e Sidone.

L'assedio di Gerusalemme

Con ordine ora restaurato e ribelle popolazioni decimate e deportati, Sennacherib rivolse la sua attenzione nuovamente a Gerusalemme. Anche se Ezechia lo pagavano un tributo bello, Sennacherib non era uno a perdonare e dimenticare. Egli marciò sulla città e, secondo le sue iscrizioni, voluti da assedio:
Quanto a Ezechia, l'ebreo, egli non ha presentato al mio giogo, io posero l'assedio alla sua forte città, fortezze murate e innumerevoli piccoli villaggi e conquistato attraverso rampe di terra ben timbrate e battering RAM portato vicino alle mura con un attacco di soldati a piedi, utilizzando le miniere, calzoni così come trincee. Cacciato 200.150 persone, giovani e vecchi, maschi e femminili, cavalli, muli, asini, cammelli, bestiame grande e piccoli di là di conteggio e li ha considerati schiavi. Lo stesso fatto prigioniero a Gerusalemme, sua residenza reale, come un uccello in gabbia. Io lo circondava con sterro per molestare coloro che erano suoi porta città. Così ridotto il suo paese, ma ho ancora aumentato il tributo e i regali a me come overlord che imposto su di lui oltre il tributo ex, deve essere consegnato annualmente. Ezechia stesso, mi ha mandato, più tardi, a Ninive, la mia città signorile, insieme con 30 talenti d'oro, 800 talenti d'argento, pietre preziose, antimonio, tagli grande pietra rossa, divani intarsiati con avorio, nimedu-sedie intarsiati con avorio, elefante-pelli, legno di ebano, bosso e tutti i generi di preziosi tesori proprie figlie e le sue concubine.
Secondo la storia biblica dell'evento, tuttavia, tolto l'assedio per intervento divino. Il libro dei re II 18-19, il libro di II Cronache 32 e il libro di Isaia 37 tutti sostengono che Sennacherib pose l'assedio a Gerusalemme, ma il profeta Isaia disse a Ezechia non aveva nulla da temere, perché Dio avrebbe difeso la città.
Quindi questo è quello che dice il Signore riguardo al re di Assiria:
"Egli non entrerà questa città
o sparare una freccia qui.
Egli non verrà prima di esso, con scudo
o costruire una rampa d'assedio contro di esso.
A proposito che egli è venuto tornerà;
Egli non entrerà questa città,
dichiara il Signore.
Io difendere questa città e salvarlo,
per amor mio e per amor mio servitore di David."
Quella notte l'angelo del Signore andò fuori e mettere a morte un cento e ottanta - cinque mila nell'accampamento assiro. Quando la gente si alzò la mattina seguente — c'erano tutti i cadaveri! Così Sennacherib, re di Assiria rotto campo e si è ritirato. Tornò a Ninive e vi rimase (II Re 19: 31-36).
È questo evento che ha ispirato la poesia di CE 1815 di Lord Byron, "La distruzione di Sennacherib", che ha reso il re nome una parola di famiglia perché gli scolari sarebbero necessari per memorizzare e recitarla regolarmente. A furia di ripetizione, anche quelli che non conoscono la storia nella II re venne a comprendere che il re assiro fu sconfitto dal Dio degli ebrei. Molto prima che Byron scrisse il suo poema, tuttavia, cronisti assiri farebbe riferimento mancanza di Sennacherib di Jerusalem. Mentre la Bibbia registra il 46 città di Giuda che è caduto agli assiri (come registrato da Sennacherib), essa sostiene che Gerusalemme non fu uno di loro. Ulteriormente, anche se il Palazzo di Sennacherib a Ninive era decorato con rilievi raffiguranti le sue campagne e vittorie tra cui molti che dettagliano l'assedio di Lachish, Jerusalem non appare mai fra loro.
clip_image012
Soldati assiri
Gli studiosi hanno citato conto di Erodoto di sfortuna di assiro nella battaglia contro l'Egitto presso la città di Pelusio, per quanto riguarda il loro assedio di Gerusalemme. Erodoto scrive che il leader egiziano Sethi pregato al suo Dio per aiutare a sconfiggere la forza assira massiccia e il Dio mandò nell'assiro camp "uno sciame di topi di campo [chi] rosicchiate attraverso loro faretre e loro archi e le maniglie dei loro scudi, così che il giorno dopo, disarmato, tutto quello che potevano fare era di fuggire e le perdite erano pesanti" (II.141). Si pensa che entrambe le storie si riferiscono a una pestilenza che colpì l'accampamento assiro e devastato l'esercito in due occasioni separate. Cosa è successo di fuori di Gerusalemme, se l'intervento di Dio, una peste o intervento di Dio nella forma della peste, la città è rimasta intatta e Sennacherib tornò a Ninive.

Progetti di costruzione & l'invasione di Elam

Tornato a Ninive, Sennacherib si dedicò a ulteriori progetti di costruzione. Egli aveva già commissionato la ristrutturazione della città all'inizio e ora ha preso un ruolo personale nel supervisionare la costruzione di parchi, giardini e frutteti. Era particolarmente appassionato di fiori e piante ed esemplari importati da tutto l'impero per i suoi giardini pubblici. Ha prestato particolare attenzione al suo palazzo che ha chiamato "il Palazzo senza rivale", la stessa frase che suo padre aveva usato per descrivere il Palazzo a Dur-Sharrukin. Lo storico Christopher Scarre scrive:
Palazzo di Sennacherib aveva tutte le solite accoutrements di un'importante residenza assira: figure colossali guardiano e rilievi in pietra intagliate impressionante (oltre 2.000 lastre scolpite in 71 camere). Suoi giardini, troppo, sono stati eccezionali. Recenti ricerche di British assirologo Stephanie Dalley ha suggerito che questi erano i famosi giardini pensili, una delle sette meraviglie del mondo antico. Scrittori successivi messi i giardini pensili a Babilonia, ma approfondite ricerche non è riuscito a trovare alcuna traccia di loro. Il conto orgoglioso di Sennacherib dei giardini del palazzo che ha creato a Ninive si inserisce quello di giardini pensili in diversi dettagli significativi (231).
Mentre egli stesso era affaccendarsi con progetti di ristrutturazione e costruzione a Ninive, tuttavia, problemi era in eruzione nel sud. Dopo che aveva preso Babilonia, Sennacherib disposto un funzionario fidato chiamato Bel-ibni sul trono a regola per lui. Bel-ibni era stato sollevato a fianco di Sennacherib nella Corte assira ed è stato pensato per essere in maniera fidata. Risultò che, però potrebbe essere stato leale Bel-ibni, egli era un sovrano incompetente che ha permesso le regioni meridionali di fare qualunque cosa sono contento. Merodach-Baladan era tornato da nascondere e stava istigando agitazione in tutta la regione. Sennacherib marciò verso sud ancora per sedare le rivolte. Egli mandò Bel-ibni torna a Ninive e nominò suo figlio ed erede prescelto, Assur-nadin-shumi, alla regola di Babilonia.
Poi andò all'inseguimento di Merodach-Baladan, attrezzare un vasto esercito di trovare e uccidere il capo dei ribelli, ma, quando si trova finalmente lui, era morto di cause naturali. Sennacherib tornato a Ninive, ma fu presto chiamato lottava ancora. Gli Elamiti avevano rapito Assur-nadin-shumi e rivendicato Babilonia come propria. Sennacherib sconfisse i Babilonesi, hanno ripreso la città e giustiziato i ribelli, ma non non c'era nessuna parola sul destino di suo figlio e nessuna nota di riscatto era stata consegnata. Questa azione "ha prodotto una vera e propria guerra tra Elam, Babilonia e Assiria. Combattimenti andò avanti per quattro anni"(Bauer, 388). Sennacherib montato un'enorme spedizione per invadere Elam che comprendeva navi fenicie e il tutto potrebbe dell'esercito assiro. Il re elamita raccolse le sue forze e marciò per incontrare gli assiri sulle sponde del fiume Tigri. Iscrizioni di Sennacherib descrivono la battaglia di apertura:
Con la polvere dei loro piedi che coprono il cielo ampio come una potente tempesta, hanno elaborato nella matrice di battaglia davanti a me sulla riva del Tigri. Hanno bloccato il mio passaggio e offerto battaglia. Ho messo sul mio cappotto di posta. Il mio casco, emblema della vittoria, ho messo sulla mia testa. Il mio carro grande battaglia che porta in basso il nemico, ho montato in fretta la rabbia del mio cuore. L'arco possente che mi aveva dato Assur ha grippato nelle mie mani; lancio del giavellotto, piercing alla vita, afferrato. Ho smesso la loro avanzata, riuscendo a che li circondano. Decimato l'host nemica di freccia e di lancia. Tutti i loro corpi annoiato attraverso. Ho tagliato loro la gola come agnelli, tagliare le loro vite preziose come una stringa di tagli. Come molte acque di una tempesta, ho fatto il contenuto delle loro gole e interiora correre giù sulla vasta terra. Mio Cavallino destrieri, sfruttati per il mio cavallo, immersi nei vapori del loro sangue come in un fiume. Le ruote del mio carro di guerra, che porta in basso il malvagio e il male, sono stati bespattered con sporcizia e sangue. Con i corpi dei loro guerrieri ho riempito la pianura, come l'erba. Loro testicoli tagliato e strappò loro privati come i semi di cetrioli in giugno. Poi sono fuggiti da me. Hanno tenuto indietro la loro urina, ma lasciare loro sterco andate in loro carri. 150.000 dei loro guerrieri che ho tagliato con la spada.
Mentre la battaglia ha avuto successo, la guerra è stata persa e Sennacherib tornò a Ninive. No iscrizioni registrare il destino di suo figlio, ma pensava di essere stato eseguito c. 694 A.C.. Babilonia e le regioni del sud è rimasto sotto controllo elamita. Sennacherib è tornato ai suoi progetti di costruzione e sembrava hanno deciso di lasciare solo Babilonia.
clip_image013
Stele di Sennacherib Re

Sacco di Babilonia & morte di Sennacherib

Quando il re elamita morì l'anno seguente, Sennacherib mobilitò le sue forze e improvvisamente colpito a Babilonia. La città cadde, e mandò il pretendente al trono torna a Ninive in catene. Aveva speso più tempo durante il suo regno si occupano di Babilonia e gli Elamiti e speso più uomini e risorse di sottomettere la città, che su qualsiasi altra campagna, e così ha ordinato la città ad essere rasa al suolo. Sue iscrizioni descrivono la distruzione:
Distrutto, ha devastato, ho bruciato con il fuoco. Parete e parete esterna, templi e divinità, Tempio-torri di mattoni e terra, come come ci sono stati molti, ho raso al suolo e li scaricate nel canale Arahtu. Attraverso il mezzo della città scavato canali, inondato il suo sito con acqua...Che nei giorni a venire, il sito di quella città e i suoi templi e divinità, potrebbe non ricordare, completamente cancellò con piene d'acqua e ne ha fatto come un prato. Rimosso la polvere di Babilonia per i regali da inviare ai popoli più lontani.
Babilonia fu distrutta e la statua del loro Dio, Marduk, fu portata indietro a Ninive. Sennacherib non più dovuto preoccuparsi circa chi governava in Babilonia o quali guai stavano causando; la città non esisteva più. Sennacherib può aver pensato che ora Babilonia non avrebbe causato lui ulteriori problemi, ma in questo si era sbagliato. Come nel Regno di Tukulti-Ninurta I, le persone furono indignato per la distruzione di Sennacherib della grande città e, ulteriormente, dal suo sacrilegio a saccheggiare i templi e prendendo la statua di Marduk come premio. Bauer scrive, "Turning Babilonia in un lago – che copre la terra civilizzata con acqua, restituendo la città di Marduk al caos primordiale – era un insulto a Dio. Sennacherib aggravato questo ordinando la statua di Marduk trasportato indietro all'Assiria"(389). Assiri e babilonesi venerato molti degli stessi dèi – anche se avevano spesso nomi diversi – e questo insulto a Marduk, il Dio che aveva portato l'ordine dal caos, era intollerabile.
Il libro dei re II 19.37 afferma, "un giorno, mentre [Sennacherib] era adorare nel tempio del suo Dio Nisrok, suoi figli Adrammelek e Sharezer, lo uccise con la spada, e sono scappati a terra di Ararat. Ed Esarhaddon suo figlio gli succedette come re." Iscrizioni assire anche mantengono che fu ucciso dai suoi figli, ma differiscono se egli fu pugnalato o schiacciato a morte. Lo storico Stephen Bertman scrive, "Sennacherib fu pugnalato a morte da un assassino (forse uno dei suoi figli) o, secondo un altro racconto, è stato schiacciato a morte dal peso monumentale di un toro alato che lui è capitato di essere in piedi sotto" (102). Qualunque modo morì, si pensa che è stato ucciso a causa del suo trattamento di Babilonia.
È noto che Tukulti-Ninurta I assassinio, anche dai suoi figli, era un risultato diretto del suo sacco di Babilonia, quindi non c'è la possibilità che gli scribi successivi confusa il movente dietro l'assassinio di Sennacherib con quella di Tukulti-Ninurta I, ma è altrettanto possibile che la distruzione di Babilonia che portò alla morte di Sennacherib come sicuramente aveva per Tukulti-Ninurta I. Dopo il rapimento di Assur-nadin-shumi, Sennacherib aveva bisogno di scegliere un altro erede e, nel 683 A.C., ha scelto il figlio più giovane, Esarhaddon (che non era il figlio della sua regina, ma di una concubina di nome Zakutu). I fratelli maggiori, certamente avrebbe potuto essere motivati a uccidere il loro padre per questo affronto al fine di prendere il trono per se stessi ma avrebbe avuto bisogno di un motivo legittimo per farlo; la distruzione di Babilonia avrebbe fornito loro giustificazione. Dopo l'assassinio di Sennacherib, Esarhaddon salì al trono e sconfitto fazioni del fratello in una guerra civile di sei settimane. Ha poi avuto suo fratello famiglie e soci eseguiti. Una volta che il suo governo era sicuro ha rilasciato nuovi decreti e proclami; tra il primo di questi fu che Babilonia deve essere ripristinato.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.