domenica, aprile 19, 2015

Chi era: Esarhaddon | Sua Origine e storia.

ADS

di Joshua J. Mark
clip_image020
Esarhaddon (regnò dal 681-669 A.C.) fu il terzo re della dinastia Sargonid dell'Impero Neo-assiro. Egli era il figlio più giovane del re Sennacherib (705-681 regnò A.C.) e sua madre non era la regina, ma una concubina denominato Zakutu (noto anche come Naqia-Zakutu, c.701-668 A.C.). Esarhaddon è menzionato nella Bibbia in II Re 19.37, Isaia 37:38 ed Ezra 4:2. Egli è meglio conosciuto per la ri-costruzione di Babilonia (che suo padre aveva distrutto) e per le sue campagne militari in Egitto. Un appassionato seguace di astrologia, consultò gli oracoli regolarmente per tutto il suo regno, molto più che qualsiasi altro re assiro. Egli ha sostenuto che la divinità aveva ordinato lui per ripristinare Babilonia e sapientemente omesso dalle sue iscrizioni nulla che coinvolgerebbe Sennacherib nella caduta della città. Nelle sue altre lettere diplomatiche egli sembra altrettanto attento e curato, poi allargata, l'impero suo padre aveva lasciato a lui. Morì sulla campagna d'Egitto e lasciò il trono al figlio, Ashurbanipal.

Ascesa al trono

Sennacherib aveva oltre undici figli con le varie mogli e ha scelto come erede il suo preferito, Assur-nadin-shumi, il maggiore di quelli nati della sua regina. Egli nominò Assur-nadin-shumi a regola su Babilonia e, pur di adempiere ai propri compiti, il principe è stato rapito dagli Elamiti e preso a Elam. Sennacherib montato un'enorme spedizione per recuperare suo figlio, ma fu sconfitto. Si è pensato che Assur-nadin-shumi fu poi ucciso dai suoi rapitori intorno 694 A.C.. Dopo la sconfitta dell'esercito assiro dalla coalizione elamita, Sennacherib tornò alla sua capitale a Ninive e si impegnò con progetti di costruzione e in esecuzione il suo impero. Necessario per scegliere un nuovo erede, ma sembra aver preso il suo tempo per decidere chi sarebbe. Potrebbe essere che, durante questo tempo, egli era valutare i suoi figli, o potrebbe semplicemente essere che egli era ancora soffrendo per la perdita del suo favorito e non ha voluto sostituirlo. In ogni caso, era fino a che non 683 A.C. che Sennacherib dichiarato erede di Esarhaddon.
Egli ricostruì la città intera: templi, case e strade. E per assicurarsi che ognuno avrebbe ricordato loro benefattore, i mattoni e le pietre con incisi il suo nome.
Suoi fratelli maggiori non prende bene la notizia. Nelle iscrizioni di Esarhaddon che scrive:
Dei miei fratelli maggiori, il fratello minore era io
Ma con decreto del [dèi] Ashur e Shamash, Bel e Nabu
Mio padre me, esaltato in mezzo a un raduno dei miei fratelli:
Ha chiesto di Shamash, "Questo è il mio erede?"
E dèi rispose, "è vostra seconda auto."
E poi mio fratelli impazzirono.
Hanno disegnato le spade, godlessly, nel mezzo di Ninive.
Ma Ashur, Shamash, Bel, Nabu, Ishtar,
Tutti i dèi che guardai con ira sulle gesta di questi furfanti,
Hanno portato la loro forza alla debolezza e li umiliò sotto di me.
Mentre la sua iscrizione racconta la storia di base, non è quella intera. Sembra che, dopo che Sennacherib ha annunciato la sua scelta, i fratelli ha chiarito il loro dispiacere e Zakutu inviato Esarhaddon a nascondersi. Esattamente dove è andato è sconosciuto, ma era da qualche parte nella regione precedentemente detenuta da i Mitanni. In c. 689 A.C. Sennacherib aveva saccheggiato e distrutto la città di Babilonia, portando via la statua del grande dio Marduk, e questo non aveva incontrato con l'approvazione della Corte assira o il popolo dell'Impero. Babilonia e Assiria condiviso molti degli stessi dèi, e un affronto a Marduk di Babilonia era un sacrilegio che non poteva essere tollerato. Nel 681 A.C. Sennacherib fu assassinato da due dei suoi figli. Mentre avrebbero certamente potuto essere motivati a ucciderlo per prendere il trono (e quindi tagliato Esarhaddon dalla sua eredità), avrebbe richiesto qualche forma di giustificazione, e la distruzione di Babilonia avrebbe servito quello scopo bene. I loro nomi non sono noti all'esterno le versioni bibliche, date in 37:38 II Re 19 e Isaia dove si chiamano Adrammalek e Sharezer. Dopo l'assassinio, i due principi fuggirono Ninive e cercarono rifugio con il re di Urartu, Rusa II.
A questo punto Esarhaddon fu nuovamente chiamato dall'esilio e combattuto le fazioni di suo fratello per il trono. Dopo una guerra civile di sei settimane, lui è emerso vittorioso, giustiziato suo fratello famiglie, soci e tutti coloro che avevano aderito la loro causa e salì al trono.

Regno & restauro di Babilonia

Tra i suoi primi decreti è stato il restauro di Babilonia. Nella sua iscrizione che scrive:
Grande re, Signore di tutti, re della terra di Assur, potente monarca, sovrano di Babilonia, fedele pastore, amato di Marduk, Signore dei signori, doverosa leader, amato da consorte Zurpanitum di Marduk, umile, obbediente, pieno di elogi per la loro forza e sgomento dai suoi primi giorni in presenza di loro grandezza divina [sono io, Esarhaddon]. Quando nel Regno di un re precedente c'erano mal presagi, città offeso la sua divinità e fu distrutto al loro comando. Fosse per me, Esarhaddon, che lo scelse per ripristinare tutto al suo giusto posto, per calmare la loro rabbia, per placare la loro ira. Mi hai, Marduk, affidato la protezione della terra di Assur. La divinità di Babilonia nel frattempo mi ha detto di ricostruire i loro santuari e rinnovare la corrette osservanze religiose del loro palazzo, del Ésagila fu. Chiamato tutti i miei operai e arruolato tutto il popolo di Babilonia. Ho impostato a lavorare, scavando il terreno e portando la terra via in cesti (Kerrigan, 34).
Esarhaddon accuratamente le distanze dal Regno di suo padre e, soprattutto, dalla distruzione di Babilonia. Anche se egli identifica come il figlio di Sennacherib e nipote di Sargon II in altre iscrizioni, al fine di rendere chiaro che egli è il legittimo re, nelle sue iscrizioni riguardanti Babilonia è semplicemente il re che i dèi hanno ordinato per impostare le cose giuste. Sennacherib fa riferimento solo come "un re precedente" in un momento precedente. La propaganda ha lavorato, in quanto non c'è che lui è stato associato in alcun modo con la distruzione della città, solo con la ri-costruzione. Sue iscrizioni affermano inoltre che ha personalmente partecipato al progetto di restauro. Lo storico che Michael Kerrigan commenti su questo, scrivendo:
Esarhaddon creduto in che porta dalla parte anteriore, assumendo un ruolo centrale in quello che oggi chiamiamo la 'cerimonia rivoluzionaria' per il nuovo del Ésagila fu. Una volta che il danneggiato tempio era stato demolito e suo sito completamente cancellato, egli dice, "ho versato libagioni di migliore olio, miele, burro chiarificato, vino rosso, vino bianco, per infondere rispetto e paura per il potere di Marduk nella gente. Io stesso raccolse il primo cesto della terra, ha sollevato sopra la mia testa e trasportato esso"(35).
Egli ricostruì la città intera, dai templi a complessi di templi nelle case della gente e le strade e, per assicurarsi che ognuno avrebbe ricordato loro benefattore, i mattoni e le pietre con incisi il suo nome. Lo storico Susan Wise Bauer scrive:
Ha scritto le sue proprie lodi nelle strade molto sotto i piedi: erano timbrati punteggi dei mattoni che ha spianato l'approccio al complesso del tempio grande del Ésagila fu, "per il dio Marduk, Esarhaddon, re del mondo, re di Assiria e Babilonia, fatta la strada processionale di lucentezza del Ésagila fu e Babilonia con mattoni di cotti dal forno ritualmente puro (401).
Anche se le profezie riguardanti la ricostruzione di Babilonia avevano detto che la città non avrebbe ripristinata per 70 anni, Esarhaddon manipolato i sacerdoti per leggere la profezia come undici anni. Lo ha fatto avendo loro leggere il numero cuneiforme per 70 sottosopra in modo che significava undici, che era esattamente il numero di anni che aveva progettato per il restauro. Poiché ha mantenuto un interesse permanente in astrologia e profezia, è sembrato strano ad alcuni studiosi che i sacerdoti in questo modo di manipolare e screditare l'integrità degli oracoli. Sembra chiaro, tuttavia, che egli aveva una visione molto chiara per il suo regno e, anche se egli credeva nei segni dai dii, non stava andando per consentire credo che ostacolare il raggiungimento dei suoi obiettivi.
clip_image022
Stele di Sam'al di Esarhaddon re

Campagne militari

Con Babylon restaurato, Esarhaddon impostato su ampliando e migliorando il suo impero. I cimmeri, una tribù nomade del Nord, minacciavano i suoi confini occidentali, e il Regno di Urartu, che suo nonno aveva sconfitto nel 714 A.C., era salito nuovamente nel nord. Suoi due fratelli, che avevano ucciso il loro padre, erano ancora lì, sotto la protezione del re Rusas II, che, come i re di Urartu prima di lui, non ha avuto amore per gli Assiri. Al fine di tenere a bada i i cimmeri, Esarhaddon ha stipulato un trattato con gli Sciti, un'altra tribù nomade, conosciuto per la loro abilità nella guerra di cavalleria. Anche se si sentiva che aveva bisogno di loro aiuto, egli non si fidava li come alleati. Esarhaddon consultati i suoi oracoli riguardanti Urartu, i Cimmeri e Sciti, e sue domande sono conservate su tavole di divinazione (preghiere o richieste incisi su tavolette che sono state poi leggere nel tempio in presenza di Dio). Due delle sue leggi compresse:
Shamash, grande Signore, sarà Rusa, re dell'Urartu, venire con i suoi eserciti e i cimmeri (o uno qualsiasi dei suoi alleati) e fare la guerra, uccidere, saccheggiare e depredare?
Shamash, grande Signore, se io do una delle mie figlie in matrimonio al re degli Sciti, Egli parlerà parole di buona fede a me, vere ed oneste parole di pace? Egli manterrà mio trattato e fare tutto ciò che è piacevole per me?
Mentre Esarhaddon era consultato gli oracoli, i cimmeri invasero da ovest nel 679 A.C.. 676 a.c. avevano combattuto ulteriormente la loro strada verso terre assiro-tenuto e conquistato Phrygia (all'incirca di moderno-giorno Turchia), distruggendo le città e i templi. Esarhaddon ha incontrato i cimmeri nella battaglia di Cilicia e li sconfisse. Egli afferma nelle sue iscrizioni di aver ucciso il loro re, Teushpa, con la sua spada.
Allo stesso tempo che i cimmeri avevano invaso, la città di Sidone nel Levante si ribellarono contro assiro ed Esarhaddon marciò lungo la costa del Mar Mediterraneo, sconfisse il re ribelle e giustiziato a lui. Si orientò quindi circa e marciò contro gli alleati di Urartu, i Mannei, a nord-est e, dai primi 673 A.C., era in guerra con Urartu stessa. Che cosa è accaduto ai suoi fratelli è sconosciuto, ma Urartu fu nuovamente battuto indietro dall'esercito assiro e, se i fratelli erano ancora vivi quando Esarhaddon sconfitto l'Urartu, avrebbe senza dubbio dovuto loro eseguito.

Le campagne egiziane & morte

Avendo fissato ora suoi confini, Esarhaddon pensato per espanderle. Egitto era stato un problema per gli assiri nel Regno di suo padre ed era ancora incoraggiante dissenso e rivolta nell'impero assiro. Nel 673 A.C. Esarhaddon ha lanciato la sua prima campagna militare contro l'Egitto e, pensando alla tempesta Egitto in una Spinta furiosa, marciò il suo esercito a grande velocità. Questa si rivelò per essere un errore. Quando si incontrarono le forze egiziane sotto il Faraone Cuscita Tirhakah fuori dalla città di Ashkelon, Assiri erano esauriti e rapidamente sconfitto. Esarhaddon si ritirò dal campo e il suo esercito zoppicando a Ninive.
Esarhaddon imparato dal suo errore e, nel 671 A.C., ha preso il suo tempo e ha portato un esercito molto più grande lentamente verso il basso attraverso il territorio assiro e fino ai confini egiziani; poi ordinò l'attacco. La città egiziana cadde rapidamente agli assiri ed Esarhaddon ha guidato l'esercito in avanti verso il basso Delta del Nilo e catturò la città capitale di Memphis. Sebbene Tirhakah sfuggito, Esarhaddon catturato suo figlio, la moglie, la famiglia e la maggior parte del royal court e li ha inviati, insieme a gran parte della popolazione di Memphis, torna all'Assiria. Poi collocato a lui fedeli funzionari nei posti chiave per governare il suo territorio nuovo e tornò a Ninive. La vittoria è commemorata sulla sua famosa Stele vittoria di 671 A.C. ora nel Pergamon Museum di Berlino. La stele ritrae Esarhaddon nella sua piena Maestà, tiene una mazza da guerra con un operatore re inginocchiato ai suoi piedi e figlio di Tirhakah, anche inginocchiata umilmente, con una corda intorno al collo.
Suo figlio maggiore ed erede, peccato-occidentale-apla, era morto nel 672 A.C. ed Esarhaddon ora ha scelto il suo secondo figlio, Sardanapalo, come suo successore. Costrinse i suoi Stati vassalli di giurare fedeltà in anticipo a Ashurbanipal al fine di evitare eventuali rivolte per la futura successione. A questo stesso periodo, madre di Esarhaddon Zakutu ha rilasciato la lealtà trattato di Naqia-Zakutu che obbligò la Corte assira e quei territori sotto il dominio assiro di accettare e sostenere il Regno del Ashurbanipal. Al fine di evitare il tipo di conflitto era andato con i suoi fratelli, Esarhaddon fornito anche per il suo figlio più giovane, Shamash-shun-ukin, di decretare che dovrebbe essere il re di Babilonia.
Esarhaddon sembra avere appena finito impostando i suoi affari in ordine quando giunse la notizia che si era ribellati Egitto. Molti dei funzionari fidati aveva lasciato incaricato di città e province erano diventato simpatici a liberazione egiziano e, senza dubbio, sono stati profumatamente trarre profitto dalle loro posizioni e sono stati poco inclini ad per inviare l'omaggio a Ninive. Nel 669 A.C., Esarhaddon mobilitato il suo esercito e marciò nuovamente in Egitto; Egli morì prima di raggiungere i confini. Si sarebbe lasciato a Ashurbanipal per completare il lavoro di suo padre e conquistare l'Egitto per l'impero assiro.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

Contenuto consigliato