giovedì, aprile 30, 2015

Chi era: Chandragupta | Sua Origine e storia.

ADS

di Cristian Violatti
clip_image021
Imperatore indiano Chandragupta vissuto da 340-298 A.C. e fu il primo sovrano dell'Impero Maurya. Egli governò dal 322-298 A.C.; Egli fu il padre dell'imperatore Bindusara e nonno dell'imperatore Ashoka, che fu il terzo sovrano Maurya e sotto il cui Regno l'impero di Mauryan ha raggiunto la sua piena potenza e divenne il più grande impero mai nel subcontinente indiano e uno dei più grandi imperi del mondo a quel tempo.
Prima che il tempo di Chandragupta, India era composto principalmente da un certo numero di piccoli Stati indipendenti, fatta eccezione per il Regno di Magadha, un regno che controllava la maggior parte del nord dell'India, che era governato dalla dinastia Nanda. Chandragupta iniziò un processo che unificherebbe India per la prima volta nella storia.

La liberazione dell'India

Durante il 326 A.C., mentre stava combattendo la sua strada in India, Alexander il grande ha incontrato l'esercito del re Porus, il sovrano dello stato locale di Paurava, situato nell'odierna del Punjab. Dopo aver combattuto per il suo ultimo respiro, re Porus si arrese ad Alessandro, che è stato impressionato dal coraggio e statura del suo nemico. Alexander fatto Porus suo alleato e lo trasformato in re di tutta l'India conquistati come affluente macedone. Poco dopo, esercito di Alexander si rifiutò di andare a qualsiasi ulteriore in Asia; suoi uomini si ammutinarono e così l'esercito macedone si girò e lasciò l'India.
Coraggio di Chandragupta, accoppiato con l'intelligenza di Kautilya Chanakya, ha trasformato l'impero di Mauryan in uno dei governi più potenti del tempo.
Chandragupta era un nobile membro della casta Kshatriya (la casta guerriera-sovrano) e il principale fautore per la rimozione di tutti i frammenti della forma influenza macedone India. Era imparentato con la famiglia di Nanda, ma era un esule. Ironia della sorte, Chandragupta era un fuggitivo nell'accampamento di Alessandro Magno, durante il periodo del suo esilio, ed è possibile che incontrò personalmente Alexander il grande.
Con l'aiuto del suo saggio consigliere capo e futuro primo ministro Kautilya Chanakya, Chandragupta generato un piccolo esercito. La forza militare mancata di forza di Chandragupta era equilibrata fuori dalle strategie astuzia usate da Kautilya Chanakya. Chandragupta entrò nella capitale del Regno di Magadha, Pataliputra, dove ha innescato una guerra civile, utilizzando la rete di intelligenza di Kautilya Chanakya. Nel 322 A.C. egli infine si impadronì del trono ponendo fine alla dinastia Nanda, e fondò la dinastia Maurya che regolerebbe l'India fino al 185 A.C.. Dopo questa vittoria, Chandragupta combatté e sconfisse i generali di Alessandro situati nel Gandhara, odierno Afghanistan. A seguito di queste campagne di successo, Chandragupta era visto come un leader coraggioso che sconfitto parte degli invasori greci e terminò il governo corrotto di Nanda, così guadagnando il supporto largo pubblico.
Coraggio di Chandragupta, accoppiato con l'intelligenza di Kautilya Chanakya, presto si trasformò l'impero di Mauryan in uno dei governi più potenti in quel momento. Pataliputra rimase la capitale imperiale, e l'iniziale territorio controllato da Chandragupta esteso tutta l'India del nord dal fiume Indo ad ovest alla baia del Bengala nell'est.
Dopo la morte di Alessandro Magno nel 323 A.C., i territori orientali controllati dai macedoni caddero nelle mani del generale Seleucus, compresa la regione del Punjab, che oggi fa parte del nord dell'India e il Pakistan orientale. Seleuco fu occupato abbastanza con quello che stava accadendo ai confini occidentali, così Chandragupta vide un'allettante opportunità e lanciato un attacco contro Seleuco e catturato una grande parte di quello che oggi sono il Pakistan e l'Afghanistan. Nel 305 A.C., Chandragupta firmò un trattato con Seleuco in cui governanti stabiliti confini sia il Punjab è stato dato a Chandragupta in cambio di 500 elefanti da guerra.

Il governo di Chandragupta & espansione imperiale

Durante il governo di Chandragupta, troviamo il greco Magasthenes, ambasciatore di Seleuco, che visse nella Corte di Pataliputra, 312-317 a.c.. Ha scritto molti rapporti differenti circa l'India e anche se il suo lavoro originale è perduto, possiamo mettere insieme alcune informazioni trovate in opere successive. Egli ha riferito che gli indiani:
[...] mai bere vino tranne al sacrificio [...] La semplicità delle loro leggi e i contratti è dimostrata dal fatto che raramente vanno per legge. Non hanno nessun tute su impegni e depositi, né fare richiedono guarnizioni o testimoni, ma fanno i loro depositi e confidare nella vicenda.
(Durant, 441)
Magasthenes riporta anche che Pataliputra era nove miglia di lunghezza e circa due miglia di larghezza. Palazzo di Chandragupta era piena di lussi e tutti i tipi di possessi ostentati. All'interno del suo palazzo, Chandragupta pagato il prezzo dell'ascendente al potere attraverso l'uso di violenza: ha vissuto per 24 anni, quasi come un recluso, con l'esposizione pubblica molto limitato, dedicato esclusivamente alla crescita dell'Impero. Riuscì a estendere il suo impero verso ovest ed è diventato il padrone di tutta l'India settentrionale. Secondo i rapporti del Magasthenes, dell'esercito di Chandragupta era composto da 600.000 fanti, 30.000 cavalli e 9.000 elefanti da guerra.
Dopo essere diventato il padrone di tutta l'India settentrionale, Chandragupta iniziò una campagna per conquistare la metà meridionale del subcontinente indiano. Battaglia dopo battaglia, le forze di Mauryan più assorbita dell'indiano indipendente dichiara fino alla fine, nel 300 A.C., i confini dell'Impero Maurya estese verso sud nell'altopiano del Deccan. Chandragupta, tuttavia, non riuscì ad annettersi il piccolo regno di Kalinga nell'odierno Odisha in India centro-orientale, sul Golfo del Bengala. Questo in attesa di conquista sarebbe stato completato nel 260 A.C. da imperatore Ashoka.

Abdicazione e morte

Nel 298 A.C., Chandragupta volontariamente abdicato al trono a favore di suo figlio Bindusara, che divenne il nuovo imperatore di Mauryan. Quello che sappiamo dopo questo punto sembra più vicina alla leggenda che un effettivo resoconto storico. Si dice che Chandragupta trasformato in un asceta e seguace del Giainismo. Jain tradizione sostiene che Chandragupta migrazione a sud e, compatibilmente con le credenze del Giainismo, egli stesso morirono di fame all'interno di una grotta. Questo evento presunto ha avvenuto in Sravana Belgola, una città circa 150 chilometri da Bangalore, che è uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio nel Giainismo.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

Contenuto consigliato