Che cosa era: Xochicalco | Sua Origine e storia.

da Mark Cartwright
clip_image026
Xochicalco in Messico centrale era un centro importante sulla collina dal VIII secolo CE ed era un rivale e successore di Teotihuacán. Architettura del sito è strettamente connessa a quella del classico Maya, Teotihuacan e Veracruz, e contatto è stato stabilito anche con le civiltà Mixteca Oaxaca e zapoteca. Combinando questi diversi elementi culturali per creare la propria arte idiosincratico e architettura, la cultura di Xochicalco probabilmente ha continuato a influenzare la successiva Toltechi e tutte le successive culture mesoamericane. Il sito, come molti centri della collina contemporanea, fu abbandonato alla fine del periodo Epi, circa 900 CE.

Ai primi insediamenti

Fondato attorno al 700 o anche prima, Xochicalco, 130 km a sud-ovest di Cacaxtla e arroccato sopra la valle di Cuernavaca, fu costruito su una collina che ri-forma fu di livellamento e terrazzamento determinate aree per creare un'acropoli di quattro terrazze concentriche. Un percorso rettilineo sul lato meridionale dà accesso dal fondovalle. Anche se le prime ceramiche condivide molte somiglianze a quello trovato altrove nel Messico centrale, sembra che ci sono stati molto pochi contatti esterni in tempi successivi. Qualsiasi link a Maya sembrano essere stati tramite gli insediamenti della costa, e l'iconografia in molte sculture a Xochicalco ha un forte Maya e Teotihuacan influenzare.
Xochicalco è diventato un collegamento cultura tra tali civiltà come i Maya classici precedenti e successivi Aztechi.
Xochicalco alla fine fu fortificata e conteneva tre distinte aree contenenti piazze regolari, recinti sacri, lastricate strade rialzate, una grande piattaforma piramidale e una mi-a forma di sfera-Corte, tutti orientata lungo i punti cardinali. Il grande muro inclinato sfera-Corte è situata nel centro del sito, e può essere la più antica struttura così nel Messico centrale, mentre la piattaforma occidentale contiene un bagno di sudore, composto da diverse sale con panche. Un'altra caratteristica del sito è la presenza di grotte nelle colline che furono usate per la conservazione e, in un caso, come un osservatorio sotterraneo. Questa grotta di quest'ultima ha un albero artificiale al cielo, attraverso il quale, appena due giorni nell'anno, il sole splende direttamente giù nella grotta.
clip_image027
Piramide del serpente piumato, Xochicalco

Architettura

La grande piazza aperta con tre templi si accede da una breve rampa di scale. Che domina lo spazio è il tempio grande piattaforma di Xochicalco, conosciuta come la piramide del serpente piumato che è stato costruito un momento prima del 900 CE. Esso misura 19,6 m x 21 m è allineato su un accesso est-ovest ed è costituito da pareti inclinate che creano un cortile quadrato, scoperchiato. C'è un ingresso gradino sul lato ovest che ha balaustre con serpenti scolpiti. Le pareti esterne trasportano scultura imponente rilievo decorativo diviso in scene rettangolare - scene più grande al più basso livelli e più piccoli rettangoli sopra. Tutti questi rilievi erano originariamente dipinte a colori vivaci rosse, verde, gialle, blue, nere e bianche, le cui tracce rimangono ancora. Nelle sezioni inferiori ci sono sei contorcersi piumati rattle-serpenti, prime raffigurazioni della creatura che appare in tutte le forme di arte mesoamericana ed essere identificato con il Dio Kukulkán o Quetzalcoatl. Tra le curve del serpente siedono uomini, ciascuno indossa un copricapo di origine animale. Ciascuna delle piccole scene raffigura glifi e un guerriero seduto. Soprattutto di questi è un altro, più piccolo fregio con coppie di uomini seduti in abito Maya separati da segni di calendario che possono rappresentare una successione di Xochicalco governanti, o le figure possono rappresentare sacerdoti o divinità e ciascuno detiene una sorta di ventilatore - probabilmente un'indicazione del loro rango - e indossa un copricapo.

Scrittura di Xochicalco

I glifi o segni raffigurati sul monumento, spesso di nomi di luogo non identificato, ma anche parti del discorso, sono una strana ed unica combinazione di Aztec giorno segni e simboli all'interno di un cartiglio di Maya, mentre i numeri sono simili a quelli utilizzati dalla zapoteca. Infatti gli scribi di Xochicalco potrebbero essere stato i primi sperimentatori di un sistema di scrittura, gli elementi di cui sarebbe diventato standard del XIII secolo CE in Mesoamerica. I luoghi in cui i fregi possono indicare un'associazione politica tra siti o indicare i luoghi che ha offerto l'omaggio a Xochicalco. I glifi compaiono anche su tre stele ritrovate presso il sito. Questi grandi monumenti di pietra sono tra 1,4 e 1,5 m di altezza e anche portare familiare centrale messicano immagini come una maschera di giaguaro-serpente, bande di cielo e il Dio della pioggia stralunato e zanne Tlaloc. La stele ora risiedono in Museo Nazionale di antropologia di città del Messico.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.