Che cosa era: Tartessos | Sua Origine e storia. Tartessos

di Norman Lindner
clip_image019
La cultura tartesiano ha esistito dal 9-il sesto secolo A.C. nella parte sud-occidentale della Spagna. Il paesaggio tra la moderna città di Huelva e Cadice è definito oggi dal basso corso del Guadalquivir, ma nell'antichità questa zona era coperta da un enorme Golfo che bordered sul Mar Mediterraneo. Tartessos esteso intorno ai litorali di questo golfo e vicine terre a nord e ad est di esso, che sono entrambi parte della moderna provincia di Andalucía.
Se non avete mai sentito di "El Dorado", sai che leggende che ricchezze, tesori e viaggi avventurosi in terre lontane e sconosciute al centro durano a lungo tempo. I popoli mediterranei del primo millennio A.C. sapevano di Tartesso, che, per loro, era un luogo mitico, lontano e pieno di innumerevoli tesori. Ricchezza di Tartessos' è stato descritto da autori antichi e citato più volte nella Bibbia, ma la terra rimase come mitica (ma molto meno ben noto) come "El Dorado" fino a quando gli archeologi alla fine trovato tracce della cultura tartesiano nella seconda metà del XX secolo CE.
Poiché i Tartessiani stessi ci ha lasciato senza testimonianze scritte e gli scrittori antichi scarsamente menzionano questa terra lunga passata, ricerca archeologica è la chiave per comprendere questa cultura unica, che fu il primo nella penisola iberica a venire a stretto contatto con le antiche culture dell'Oriente. I Fenici prima riconosciuto il potenziale delle risorse metalliche nascoste vicino al Golfo di tartesiano e consecutivamente esplorarono e sfruttarono a loro.
I popoli mediterranei del primo millennio A.C. sapevano di Tartesso, che era, per loro, un luogo mitico, pieno di innumerevoli tesori.

I Fenici in Spagna

I reperti più antichi in connessione con i Fenici in Spagna sono stati fatti nella zona del porto moderno di Huelva, l'antica città di Onoba. Qui gli archeologi scoprirono i resti di una buca di spazzatura di un fenicio tradepost che era in uso permanentemente nella seconda metà del x secolo A.C.. Accanto a gioielli ed ornamenti, c'erano beni consumabili commerciali, quali vino e olio, come indicato dalla presenza di migliaia di frammenti da trasporto-anfore rotte. Ceramica come questi, specialmente il trasporto-anfora fenicia Torres 1.1.2.1, ha viaggiato molto in Spagna in una fase ancora precoce di contatto, ma dal VIII secolo A.C. per essere trovati in sempre crescenti numeri in contesti altrimenti puramente indigeni come estremo a nord come il fiume Ebro.
Loro contenuto, il vino, è stato il prima merce orientale ad essere selezionato da indigeni intorno al Golfo di tartesiano in grande quantità e ha continuato a diventare il più famoso importazione fenicia in tutta la Spagna (almeno nel record archeologico). I nativi scambiato in cambio rimane speculativo, ma non deve sorprendere se i Fenici, già in una fase iniziale di contatto, è andato per i metalli e dopo i diritti alla miniera e proprio loro - soprattutto perché il loro alberino di commercio posare direttamente all'antica foce del fiume Guadalquivir, nella tartesiano del Golfo, il collegamento più comodo ai Monti Metalliferi-cuscinetto.

La creazione della leggenda di Tartessos

Almeno dal tardo IX secolo A.C. in poi, un esteso sfruttamento delle risorse metalliche nell'entroterra diretto di Huelva, nella regione di Rio Tinto, può essere rintracciato archeologicamente. Questi giacimenti opulento facevano parte della cosiddetta cintura iberico pirite, una catena montuosa che copre la parte settentrionale della provincia di Andalucía moderno. La cintura di pirite trasportata rame, stagno e piombo in quantità enorme, ma anche argento e oro in abbondanza e ferro in quantità minore.
I data mining e altri processi connessi all'estrazione e trasporto dei metalli rinvenuti erano alimentato dalle élite locali e lavorato dai loro colleghi uomini, ma sicuramente pianificato, supervisionato e istruiti dai coloni Fenici specializzati. Poiché i marinai non possedeva la capacità di equipaggiare questi progetti da soli, hanno dovuto fare affidamento sulle forze indigene. La gente nativa sicuramente già ha saputo estrarre rame e come lega di bronzo, ma l'estrazione e la coppellazione (dividendo il metallo nobile dagli elementi minori ad esso collegati) di ferro e argento era di nuovo a loro. Soprattutto la coppellazione dell'argento richiede procedure e conoscenze sofisticate. Il lavoro in quelle nuove industrie inizia a basso livello, ma la domanda tenuto crescente, soprattutto per l'argento, e molte miniere sono state aperte.
I minerali estratti sono stati cupellated e dimostrare il cast, soprattutto nei vicini villaggi indigeni, come scavato getti stampi e scorie. In seguito i metalli lavorati sono stati portati ai centri di distribuzione (in definitiva la fenicia città di Gadir, Cadice) e spediti all'estero. La misura dei metalli estratti può solo essere indovinata, ma le fonti antiche attestano incredibile abbondanza. Strabone afferma che anche il piombo o ancore di pietra di lasciare le navi furono sostituite da quelli (Geogr. 3,2,8) d'argento, e Diodoro aggiunge che i Fenici dovevano tagliare giù tutti i boschi di Sierra Morena raccogliere abbastanza legna per riscaldare i fuochi della fusione-forni costantemente (5, 35, 4-5).
Infatti, le innumerevoli ricchezze ottenute in suoli 'Tartessos e montagne generate stupore nelle comunità Mediterraneo orientale che fa eco nei secoli a venire, come un'antica versione del moderno "El Dorado". Gli Stati di Bibbia che Tartesso era il mercante di argento, ferro, stagno e piombo (Ez. 27, 12) e l'unico re di tartesiano sappiamo di era Argantino (lei 1, 163), che si traduce in "The Silver One". Ancora 90 anni fa l'archeologo Adolf Schulten cercato invano di individuare Argantinos città in cerca di ricchezze, che sospettava che doveva essere lì.

Insediamenti tartesiano

Le industrie iniziando a fiorire, i Fenici iniziarono a consecutivamente colonizzare le coste del sud della Spagna, formando così una rete di città autonome nel VIII secolo A.C.. Nessun segno di resistenza da parte dei popoli indigeni sono stato trovato in uno qualsiasi dei più di 150 posti conosciuti nella penisola iberica contenenti materiale fenicia o strutture. Al contrario, un distretto fenicio stava evolvendo nell'insediamento nativo del VIII secolo A.C. Huelva.
clip_image020
Mappa di Tartessos con colonie fenicie e greche
La crescita economica nei dintorni di Huelva e Cadice ha portato ad un aumento significativo della popolazione, e nuovi insediamenti sono stati trovati intorno al Golfo di tartesiano. Quasi tutti loro servito scopi agricoli, anche se i frutti di mare e di allevamento del bestiame sono stati anche importanti fonti di alimentazione in Tartessos. Un'altra attività frequente tra questi villaggi era il taglio e la raccolta del legno, come è dimostrato soprattutto per la zona intorno a Malaga. Qui la popolazione della quercia Portuguesian ha ristretto dal 15% all'1,2% durante l'esistenza di Tartessos', alla base di reclamo di Diodoro.
Il layout e il tipo di spazi abitativi costruiti variava da stabilimento a stabilimento. Edificio a volte tradizione seguita dell'età del bronzo tradizioni, a volte è stato sostituito da tecniche fenicie (anche se montata a loro abitudini) e a volte era una miscela di entrambi. In nessuno di questi villaggi c'erano trovati fortificazioni o altre installazioni di carattere marziale. Occasionalmente queste abitazioni poco contengono accenni di workshop fenicia, avamposti delle manifatture più grande delle colonie fenicie, ma nessuno di loro viene risparmiato dall'influenza generale che colonizzatori avevano avuto sul popolo indigeno per decenni.
clip_image021
Un modello del sito tartesiano del Cancho Roano, Extremadura, Spagna
L'uso della ruota di ceramica, per esempio, presto è diventato standardizzato e sostituito l'abitudine di modellazione ceramica a mano completamente durante il VII secolo A.C. nella maggior parte dei villaggi e le città di Tartesso. Dall'IX secolo A.C. tartesiano artisti mirati ad imitare il ware orientale nel loro modo tradizionale, creando così unica e bella ceramica ibrida. Ci sono pezzi modellati a mano, imitando e dunque interpretare la forma della fenicie brocche con una decorazione dipinta di unicamente i modelli tradizionali iberiche, mirroring piacevolmente radici 'Tartessos. Tutte le fatiche legate all'artigianato di qualsiasi tipo (anche la coppellazione sopra citati e fusione dei metalli) sono state eseguite negli spazi interni delle case differenti che formano i nuovi villaggi.
Nessuna di queste abitazioni tartesiano conteneva un edificio che potrebbe rappresentare un laboratorio specializzato in produzione su larga scala, una struttura pubblica di qualsiasi tipo, o di un edificio residenziale. Tutto questo indica che i coltivatori erano relativamente esenti da qualsiasi tipo di controllo governativo o politico diretto e autosufficiente. il élite e classi elevate della società tartesiano riuniti loro status non tanto da centralizzare il potere oltre tartesiano persone, ma più dalle loro obbligazioni elaborati per le navi mercantili di fenicie.

Società

Mentre i Fenici commerciavano proficuamente i metalli spagnoli nelle regioni d'oltremare, creando così la leggenda longevi di Tartessos, la gente indigena in partnership con loro nel settore minerario beneficiato controllando le miniere o fornendo cibo, manodopera e legno. Hanno guadagnato il possesso dei beni di lussuosi dall'Estremo Oriente, che sono stati utilizzati non solo per aumentare i propri desideri consumistici, ma più importante, a creare una nuova forma di gerarchia basata sulla ridistribuzione nella Spagna sud-occidentale. Nel tardo IX secolo A.C. i membri delle diverse dinastie che formano questa gerarchia ha cominciato ad avere stessi rappresentativo, sepolto a impressionanti tumuli, di cui alcuni potevano essere scavati. Tali tumuli originariamente ospitava un individuo al centro, ma erano pieni di altre sepolture nel tempo. Come è dimostrato dall'analisi delle ossa in più casi, le persone seppellite accanto a altra in un unico tumulo appartenevano esclusivamente per una sola famiglia.
Fenicia della tradizione, sono stati conservati i resti cremati del decaduto insieme ai corredi funebri in un'urna. I soliti corredi funebri consistono in vasi di bronzo e monili in bronzo (fibule e fibbie per cinture), entrambi mostrando spesso influenza fenicia. Queste offerte variano da tomba a tomba, in modo che ci non può essere creato un ensemble tipico per un tartesiano nobili. Ci sono, tuttavia, una manciata di tartesiano tombe che spiccano nella unici e preziosi corredi funebri, così come nei lavori dedicati alla costruzione delle tombe. Nella necropoli di Huelvas La Joya incontriamo un'eccezionale sepoltura in un enorme tumulo risalente al VII secolo A.C., che ha riguardato una sola sepoltura in un'ampia camera di pietra. Il defunto è stato accompagnato (tra l'altro) da non solo due più prezioso ferro coltelli con manici in fatto di avorio e un raro thymaterion di bronzo, ma anche di un completo a due ruote carro alla modalità oriental, completamente fatto di bronzo. Questa tomba illustra in che misura le élite della società tartesiano ha profittato di dal contatto ai Fenici, e che essi si sono presentati in grande misura in moda orientale.

Arte di Tartessos

Mentre non ci sono nessun pregiati pezzi d'arte conosciuto (come né tombe) dai loro antenati dell'età del bronzo, il popolo di Tartessos divenne abbastanza pratico con diversi materiali ed oggetti meravigliosi nella loro stessa tecnica. Loro artigianalità sofisticata è illuminato da un magnifico set contenente 21 diversi ornamenti, tra cui due braccialetti, collane di sette e 21 placche rettangolari d'oro. Questo set, 2,39 kg di peso, tutto sommato, è stato trovato sepolto in un'urna nel Santuario fenicio di El Carambolo. L'ensemble risale all'inizio del VII secolo A.C.. Il bello 24 carati d'oro pettorali da quel tesoro mostrano un mix unico di motivi orientali, Atlantic tecniche e tecnologie. Soprattutto il cosiddetto Lost-fusione a cera persa, che utilizza un modello di duplicare l'oggetto in metallo da, allora era famoso su isole britanniche e può essere trovato eseguito in diversi pezzi del tesoro. Il tesoro si crede di essere appartenuto ad un gruppo di sacerdoti che hanno utilizzato gli oggetti nelle loro cerimonie nel santuario molto.
clip_image022
Tesoro del Carambolo

Declino

A partire dell'inizio del VI secolo A.C., segni di declino sono presenti in tutto Tartessos. I villaggi intorno la tartesiano del Golfo, alcuni di loro esistente per appena 50 anni, sono stati dati fino uno dopo l'altro. Sono state chiuse le miniere della regione del Rio Tinto, e industrie correlate fermò fiorente e sono state lasciate completamente. Tartesiano sepolture mostrano ora un mero marziale atmosfera e segni meno delle importazioni fenicie – invece ceramiche greche iniziarono a circolare più ampiamente nel sud-ovest della Spagna.
Molti di questi sviluppi sono collegati più o meno lasciando dei Fenici. Dopo anni di lotta in corso, i Fenici hanno perso la loro patria per i persiani e iniziarono ad abbandonare successivamente loro colonie in Spagna. Tartesiano Comunità non può gestire questo affievolirsi del pilastro più importante delle economie, e loro élite non potrebbe più sostenere loro gerarchia formata di recente. Tutte le strutture che definiscono la cultura tartesiano sbiadito con la partenza dei Fenici e indigeni tornò a uno status quo, molto simile a volte pre-fenicie.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.