Passa ai contenuti principali

Che cosa era: Dur-Sharrukin | Sua Origine e storia.

ADSBYGOOGLE

di Joshua J. Mark
clip_image023
Dur-Sharrukin (odierna Khorsabad, Iraq) era una città costruita da Sargon II di Assiria (regnò dal 722-705 A.C.) come sua nuova capitale. Il nome significa "Fortezza di Sargon" e il progetto di costruzione è diventato vicino ossessione del re, non appena è stato concepito. La città copriva 1,11 miglia quadrate (1,78 km) con una lunghezza di 5.770 piedi (1.758,6 metri) e una larghezza di 5.364 metri (1.635) e fu circondata da un muro che era spesse 45 piedi (14 metri) e alto 39 piedi (12 metri). La città è stata costruita, dal design di Sargon, per formare un quadrato perfetto vicino dal quale è salito un "Palazzo senza rivale" (come Sargon ha descritto) e uno ziggurat di quattro piani. Lo storico che Stephen Bertman commenti sulla costruzione e progettazione di scrittura:
La città capitale di Sargon era sopra un quadrato di miglio e il suo design è diventato la sua preoccupazione. Dimensioni della città, per esempio, erano basati sul valore numerologico del nome di Sargon. Compresse che descrive la storia della costruzione del Palazzo furono depositati nella sua pietra angolare con l'identico testo ripetuto su singole tavole di rame, piombo, argento, oro, calcare, magnesite e lapislazzuli, mentre quadri illustrato come legno di cedro è stato importato dal Libano per fornire il legname necessario. Tori colossale di pietra con le ali e teste umane custodito suoi androni. E le mura del palazzo erano decorate con sculture così tanta che i pannelli, se posato estremità, avrebbe tratto per un miglio (19).
La costruzione iniziò nel 717 A.C. e continuerà per i prossimi dieci anni. Sargon II era in campagna durante la gran parte di questo tempo, ma tenuto in contatto con suo figlio, il principe ereditario Sennacherib, sui progressi della città. Si trasferì nel suo nuovo palazzo nel 706 A.C. ma morì sulla campagna un anno più tardi. Dopo la sua morte, la città fu abbandonata.
Sargon II aveva voluto una città più bella di Kalhu o Ashur, una città che nessuno prima di lui aveva vissuto, e ora l'ha avuto.

La necessità di una nuova capitale

La città di Ashur era stata la capitale dell'Impero assiro tradizionale fino al Regno di Ashurnasirpal II (884-859 A.C.) che spostò la capitale a sua nuova costruzione città di Kalhu (noto anche come Nimrud). Assurnasirpal II ha deciso questa mossa al fine di separare il suo regno da quelli dei suoi predecessori ma anche perché la gente di Ashur era diventata più indipendente grazie alla grande ricchezza e prestigio della città. Assurnasirpal II sentiva egli non poteva contare sulla popolazione a sostenerlo fermamente e voleva una nuova città, con un nuovo palazzo, per affermare la sua autorità. Kalhu ha dimostrato di essere solo la città che stava cercando. Esso era stato costruito sotto il Regno di Shalmaneser I (regnò dal 1274-1245 A.C.), ma era diventato fatiscente negli anni dal suo regno. Assurnasirpal II rinnovato della città, ricostruito il tempio, aveva un nuovo palazzo costruito e inaugurato la città come sua capitale nell'879 A.C.. Kalhu servito i re d'Assiria nel prossimo secolo, ma, nel 746 A.C., l'usurpatore Tiglath Pileser III (regnò dal 745-727 A.C.) rovesciò il monarca regnante e salì al trono. Per quanto riguarda questo, lo storico Karen Radner scrive:
Che elite di Kalhu più non potrebbe essere visto come incondizionatamente fedele a chiunque è capitato di essere re è diventato molto chiaro nel 746 A.C.. In quell'anno, una ribellione contro re Aššur-nerari V (754-745 A.C.) iniziato a Kalhu, nel centro dello stato Assiro. La rivolta era riuscito e alla fine ha portato in ascensione al trono di Tiglath-Pileser III. Avendo beneficiato ritrovata l'indipendenza di Kalhu dalla corte reale, lui e il suo erede scelto Salmanassar V (726-722 A.C.) aveva motivo di temerlo. Sargon II, tuttavia, di fronte fiera resistenza alla sua regola dopo aver estromesso il fratello Shalmaneser nel 722 A.C. e ha usurpato il potere regale. Ribellioni sorse nelle province occidentali ma anche e molto più preoccupante, nel heartland assiro. Dopo riuscì a schiacciare l'opposizione nel 720 A.C., egli esiliato a quelli dei suoi nemici in Assiria centrale che erano sopravvissuti. Inoltre, fece subito passi per rilocare la Corte e l'amministrazione centrale (1).
Dur-Sharrukin era previsto come un inizio completamente nuovo per Sargon II. Ha acquistato l'immobile da una comunità agricola denominata Magganubba e dichiarò di aver pagato il prezzo di mercato andando senza richiamare qualsiasi tipo di privilegio reale. Sargon II scrive in un'iscrizione:
Magganubba, che si trova ai piedi del Monte Muṣri e torri sopra una molla e i dintorni di Ninive - nessuna delle precedenti 350 reggenti di Assiria realizzato la sua favorevole posizione, capito i benefici del suo insediamento o comandato a scavare un canale ci. Ho pianificato e tracciati, giorno e notte, come risolvere questa città e per costruire un santuario come sede dei grandi dèi e palazzi come la residenza della mia regola e perciò comandò loro costruzione (iscrizione cilindro Khorsabad, ll. 44-49)
Una volta che il terreno era stato acquistato e aveva cominciato la costruzione, Sargon II doveva lasciare nelle campagne militari per garantire il suo impero. Ha continuato a sorvegliare il suo progetto da lontano, tuttavia, come è chiaro dalle sue lettere al figlio e a quelli direttamente coinvolti nella costruzione della città.
clip_image024
Stele di Sargon II

Costruzione della città

Sargon II non era più interessato nella sentenza da Kalhu e voleva la città costruita rapidamente. Si interessò anche qualità, tuttavia, e voleva assicurarsi che è stato costruito bene. Ha annullato i debiti dei lavoratori al fine di procurare un costante flusso di lavoro e aveva i suoi sorveglianti dare incentivi ai lavoratori qualificati. Egli, senza dubbio, utilizzato anche il lavoro forzato dei prigionieri di guerra e quelle popolazioni civili che erano stati trasferiti dopo la conquista (come il popolo di Israele e di Samaria, il quale ha conquistato all'inizio del suo regno, c. 720 A.C.). Il suo livello di coinvolgimento personale nel progetto è chiarito attraverso le lettere che ha mandato a casa. Lo storico Marc Van De Mieroop scrive:
Un totale di 113 lettere può essere associato con la costruzione di Dur-Sharrukin, un decimo di tutte le lettere conservate dal suo regno. Essi comportano ventisei governatori provinciali, che mostra come sono state utilizzate le risorse dell'intero impero. Sei lettere sembrano scritte dal re stesso, chiedendo di materiali o manodopera. Tre di loro sono qui tradotti:
1 lettera ritrovata a Ninive
Parola del re al governatore di Kalhu: 700 balle di paglia e 700 fasci di reed, ogni fascio più di un asino può portare, devono arrivare a Dur-Sharrukin dal primo del mese di Kislev. Dovrebbe un giorno passano, tu morirai.
2 lettere trovati a Kalhu
I calcari di 1100 che Bel-lishir-talaktu sta caricando, lasciarli essere portato rapidamente a me a Dur-Sharrukin! Indirizzata al secondo visir.
700 calcari che Bel-lishir-talaktu sta caricando, portarli rapidamente a me a Dur-Sharrukin! Indirizzata a eunuchi (235).
La città è aumentato costantemente attraverso gli sforzi di una forza lavoro massiccia anche se, a volte, ci sono stati incidenti e ritardi. Un tale incidente è stata la perdita di due colossi del Toro alato nel fiume Tigri. Il funzionario supervisionando il movimento delle statue ha scritto al re dicendo:
Al re, mio Signore: il tuo servo di Assur-bani. Buona salute al re, mio Signore! Assur-sumi-ke'in mi ha chiamato per aiutare e caricato i colossi Toro sulle barche, ma le barche non potevano portare il carico e affondarono. Ora, anche se mi è costato una grande fatica, io ho ora trasportato loro nuovamente.
Tra 713-710 A.C. Sargon II rimase, più o meno, a Kalhu e regolarmente ha sorvegliato la costruzione della sua città. Nel 710 A.C. si sentiva che aveva infine affrontare un problema che lo aveva battuto all'inizio del suo regno. Un capo tribù denominato Merodach-Baladan aveva preso Babilonia e, con gli alleati di Elamite, aveva sconfitto Sargon II costringe in c. 719 A.C. e poi aveva rivendicato il trono di Babilonia e la raggiunge meridionale della Mesopotamia. Sargon II nuovamente affidato l'edificio di Dur-Sharrukin a Sennacherib e marciò verso le sue forze contro Elam.
clip_image010[1]
Impero neo-assiro

Babilonia, morte e alla fine di Dur-Sharrukin

Sargon II era stato sconfitto in precedenza dagli Elamiti e babilonesi perché li affrontò in un assalto frontale sul campo. Questa volta ha oscillato sue armate a est e primo Elam sconfitto al fine di privare la Babilonia dei suoi alleati. Merodach-Baladan fuggì dalla città e Sargon II entrò in Babilonia, facendosi incoronato re e i territori del sud ha accettato nel suo ruolo di liberatore. Rimase poi a Babilonia per i prossimi tre anni sino al parola lui che la sua città era completa e lui potrebbe spostare nel suo palazzo.
La città non era realmente completa. Le pareti sono state fatte e la maggior parte degli edifici e, soprattutto, il Palazzo, ma gli scavi presso il sito e le lettere antiche indicano che c'era ancora qualche significativo lavoro da fare. Anche così, la città era molto impressionante. Lo storico Gwendolyn Leick scrive:
C'erano sette porte, ciascuna dedicata a un Dio assiro. All'interno di un recinto separato sorgeva il Palazzo e il complesso amministrativo conosciuto come il "Palazzo senza rivale". Secondo i francese Escavatori, esso conteneva più di 210 camere, raggruppate attorno a tre cortili. I portali sono stati sorvegliati da colossali tori alati, teste umane in pietra, e le mura del palazzo erano rivestite di lastre di calcare coperto di rilievo che hanno mostrato il trionfo dell'esercito assiro e le gesta di Sargon. Ci sono stati parecchi santuari a Dur-Sharrukin; il più notevole era dedicato al Dio Nabu e decorato con piastrelle smaltate (51-52).
Ulteriormente, ci fu la grande ziggurat di Dur-Sharrukin: una struttura di quattro piani con una scala a chiocciola liquidazione intorno ad esso. Ciascuno dei livelli è stato dipinto un colore diverso: bianco, nero, rosso e blu. Le porte del Palazzo furono di bronzo, mentre avorio intagliato decorato le pareti e soffitti. I rilievi che fiancheggiavano le mura raffigurato Sargon II come un re potente che distrusse i suoi nemici e costruì monumenti imponenti. Lo storico Susan Wise Bauer commenti su questo, scrivere come i rilievi "mostrano la grandezza. La sua enorme figura spinge anche le forme degli dèi in background"(381). Egli aveva voluto una città più bella di Kalhu o Ashur, una città che nessuno prima di lui aveva vissuto, e ora l'ha avuto.
Lui non piace molto a lungo. Sargon II si trasferì nel suo grande palazzo nel 706 A.C. e, nel 705 A.C., fu ucciso in battaglia. Il popolo Tabal dell'Anatolia era salito contro l'impero assiro e, invece di inviare un generale a prendersi cura del problema, Sargon II condusse il suo esercito stesso. Egli fu ucciso sul campo e il combattimento fu così feroce che suoi uomini non potevano recuperare il suo corpo. Questo è stato considerato di cattivo auspicio dal popolo di Assiria che ha concluso che Sargon II deve aver commesso qualche peccato terribile per i dèi di avere abbandonato lui così completamente quando ha bisogno di loro più. Poiché Dur-Sharrukin era così strettamente che connesso con il re, si è pensato che sono stato intaccata da qualunque trasgressione contro i dèi egli aveva commesso e così è stato abbandonato. Sennacherib spostò la capitale a Ninive e avviato i propri progetti di costruzione ci. Tutto ciò che poteva essere spostato fu preso da Dur-Sharrukin e portato a Ninive. La città era deserta. Mentre alcuni studiosi moderni sostengono che Dur-Sharrukin continuò come capitale provinciale, altri sostengono che divenne effettivamente una città fantasma dopo la mossa a Ninive. Le discrepanze in queste opinioni provengono da diverse interpretazioni del sito moderna e le antiche iscrizioni.
clip_image025
Un altare da Dur-Sharrukin

Crollo & scoperta successiva

Dur-Sharrukin crollò alla fine in incendi che ha preso la regione dopo la caduta dell'Impero assiro nel 612 A.C.. Le forze combinate di persiani, medi, Babilonesi e altri spazzato attraverso la città degli assiri in seguito alla morte del nipote di Sargon II, re di Ashurbanipal, nel 627 A.C. e li distrussero. Nel tempo, le rovine sono stati sepolti da sabbie e la città fu dimenticata. L'insediamento conosciuto come Khorsabad venne a stabilirsi sul posto, e poi, nel 1873 CE l'archeologo Paul Emile Botta iniziò gli scavi ci. Questi sono stati successivamente effettuati da un altro archeologo denominata Place Victor. Questi uomini sono stati accompagnati, come era prassi normale, da artisti che vuoi tracciare le rovine e gli artefatti che dovevano essere spostati in loco. Artisti come Eugene Flandin e Felix Thomas fatto disegni attenta di ogni manufatto scoperto a Dur-Sharrukin, ed era molto fortunato che hanno fatto.
Una barcata di tesori che è stato spedito lungo il fiume Tigri nel 1853 CE venne attaccata dai beduini e affondò, mentre un'altra barcata nel 1855 CE è affondata sotto il peso dei manufatti che era stato caricato su di esso. Il secondo affondamento ha provocato la perdita di due colossi del Toro, possibilmente stessi due colossi che avevano affondato le barche nel VIII secolo A.C.. A differenza di operai sotto Sargon II, tuttavia, non tentativi sono stati fatti nel XIX secolo D.C. per recuperare i tesori dal fondo del fiume Tigri e vi rimangono fino ai giorni nostri. In parte a causa di conflitti militari nella regione, eventuali piani per raccogliere i tesori sommersi nel quest'ultimo XX e XXI secolo CE mai sono state attuate.
Quei manufatti che ha fatto finire lasciando il paese possono essere consultati oggi nel British Museum, il Louvre, l'Oriental Institute di Chicago negli Stati Uniti e, in paese, presso il Museo archeologico in Iraq. Gli scavi presso il sito continuarono fino il metà del XX secolo, con l'Istituto orientale di Chicago supervisionando il lavoro ci da 1928-1935 CE. L'iracheno dipartimento delle antichità ha assunto il sito nel 1950 CE e ulteriori scavi sono stati condotti sotto la loro autorità con reperti andando al Museo di Baghdad. Nessun ulteriore lavoro è stato effettuato a Dur-Sharrukin e, come con i manufatti sul fondo del fiume Tigri, questo è in parte a causa di conflitti armati nella regione.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

Punti notevoli del libro di Primo Cronache | Lettura della Bibbia: 1 Cronache

Punti notevoli della lettura della Bibbia: 1 Cronache | Testi spiegati e lezioni pratiche
CRONACHE, I LIBRI DELLE Due libri ispirati delle Scritture Ebraiche che si ritiene formassero un solo volume nel canone ebraico originale. I masoreti li consideravano un’opera unica, e sono contati come un solo libro nel computo che vuole le Scritture Ebraiche suddivise in 22 o 24 libri, e come due in quello che porta i libri a 39. La divisione in due libri pare sia stata adottata dai traduttori della Settanta greca. Nei manoscritti ebraici questa divisione non compare fino al XV secolo. Nella Bibbia ebraica Cronache si trova alla fine della parte chiamata gli Scritti. Il nome ebraico, Divrèh Haiyamìm, significa “i fatti dei giorni”. Girolamo suggerì il nome Chronicon, da cui deriva “Cronache” nelle Bibbie italiane. Una cronaca è la narrazione storica di certi fatti nell’ordine in cui sono avvenuti. Il titolo greco (nella Settanta) è Paraleipomènon, che significa “cose tralasciate (non dette; om…

Biografia di Emiliano Zapata | Rivoluzionario messicano

(San Miguel Anenecuilco, Messico, 1879 - Morelos, 1919) Rivoluzionario messicano. Il complesso sviluppo della rivoluzione messicana del 1910, i leader del partito agrario chiamati raccolti le giuste aspirazioni delle classi rurali più umili, che erano state condannate alla miseria di un arbitrario CAP che desposeía loro dalle loro terre. Di tutti loro, Emiliano Zapata è ancora il più ammirato.

Emiliano Zapata Contro l'ambizione senza scrupoli o l'incoerenza ideologica di Pancho Villa e Pascual Orozco e un'idea di rivoluzione più legato alla guerra per il potere di trasformazione sociale, Emiliano Zapata è rimasto fedele ai suoi ideali di giustizia e ha dato priorità assoluta ai successi efficaci. Purtroppo, che la stessa fermezza e perseveranza contro la confusione si snoda del rivoluzionario determinato suo isolamento in stato di Morelos, dove intraprese riforme feconde da una posizione di indipendenza virtuale che nessun governo può tollerare. Omicidio, ist…