giovedì, aprile 23, 2015

Che cosa era: Civiltà Chimú | Sua Origine e storia.

ADS

da Mark Cartwright
clip_image007
La civiltà Chimú, altrimenti chiamata il Regno di Chimor, fiorì sulla costa settentrionale del Perù tra il XII e il XV secolo CE. Con la loro capitale a Chan Chan i Chimu furono la più grande e più prospera la cultura nel tardo periodo intermedio e forgiato il secondo più grande impero nella storia delle antiche Ande. La loro architettura, approccio alla governance regionale e arte anche andrebbe a influenzare i loro successori più famosi, Incas.

Panoramica storica

Il sovrano fondatore tradizionale dei Chimú era Taycanamo che è stato considerato di essere nato da un uovo d'oro e poi è arrivato dal mare. Altri righelli notevoli includono Guacricaur, che espanse nelle valli Moche, Santa e Zaña. Alla fine i Chimú esteso ulteriormente il loro territorio sud e 1375 CE, sotto la sovranità di Nancinpinco, ha conquistato la cultura Lambayeque (sicano) assorbire alcune delle loro pratiche culturali e idee artistiche. La Leche valle era portata anche sotto controllo Chimú affinché, al suo apice durante il Regno di Minchançaman in c. 1400 CE, zona di Chimú influenzare allungato a 1300 km lungo la costa del Perù settentrionale.
Chan Chan era il fulcro di un vasto commercio e rete di tributo e non meno di 26.000 artigiani e donne vi risiedevano.
La prosperità iniziale del Chimú è stato in gran parte a causa della loro abilità agricola come hanno costruito un sistema di irrigazione estesa utilizzando canali. Più tardi, loro successo campagne militari e la politica di estrazione tributo accertato che divennero il potere regionale dominante. Chan Chan è venuto per essere la capitale di altri centri amministrativi, come ad esempio presso Farfán, Manchan, El Milagro, Quebrado Katuay e il sito della fortezza di Paramonga. Questa dominazione ebbe fine con l'aumento degli Incas che, guidati da Tupac Yupanqui, catturato il righello Chimú noto XI Minchançaman in CE c. 1470. Successivamente, i Chimú divenne uno stato vassallo dell'Impero Inca, e il loro re fu tenuto prigioniero permanente a Cuzco per garantire la conformità al nuovo ordine. Incas assimilato anche alcuni aspetti della cultura Chimú, come righelli ereditando il titolo ma non la proprietà dei loro predecessori, la politica di consentire ai governanti conquistati una certa autonomia, l'idea di avere composti di artisti stranieri che lavorano per lo stato e alcune caratteristiche dell'arte Chimú. Incas mantenuto anche annotazioni scritte della cultura Chimú e attraverso queste abbiamo, seppur radi, informazioni riguardanti i loro governanti e la divinità principale. Questi ultimi comprendono il Dio creatore Ai Apaec, Dio del mare, Ni e, forse la divinità più importante nel pantheon Chimú, la dea della luna Si.
clip_image008
Chimu tessile

Chan Chan

La città capitale del Chimú era Chan Chan (noto come Chimor ai suoi abitanti originali) che, costruito alla foce della Rió Moche, coperto di circa venti chilometri quadrati e aveva una popolazione di fino a 40.000 al suo apice. La città divenne il fulcro di un vasto commercio e rete di tributo, e non meno di 26.000 artigiani e donne risiedevano, spesso allontanati dalle città conquistate a massa di produrre beni di alta qualità in una vasta gamma di materiali preziosi.
Chimú architettura è caratterizzata da edifici in mattoni adobe monumentale. Dieci palazzi reali o composti sono state costruite nel corso dei secoli in una pianta rettangolare, ciascuno con doppi 10 metri alti muri esterni, interni labirintici e con solo un singolo ingresso. Della nota speciale sono le camere del pubblico a forma di U che controllava l'accesso alle stanze archivio. Le pareti dei composti, costruiti per limitare l'accesso di cittadini comuni, sono state decorate all'interno con disegni in rilievo grassetto, ripetuti in genere forme geometriche, animali e vita di mare, soprattutto il pesce. I modelli di taglio possono essere stata ad imitazione di quelli da arazzi di tessili. Composti simili adobe sono stati costruiti in altri siti Chimú, ad esempio, nove al Manchan e sei alla Farfán.
Strutture funzionali all'interno di ciascun composto includono amministrativa ed edifici di stoccaggio e piattaforme di sepoltura si accede da rampe che conteneva capi mummificati. Nel corso del tempo che i palazzi più recenti è diventati più grandi - il più grande copre un'area di 220.000 metri quadrati - e più spazio è stato dedicato all'archiviazione, indicativo della politica di Chimú di estrazione tributo dai territori conquistati. Chan Chan inoltre ampliato in generale con più residenze per gli amministratori e gli artigiani, la quest'ultima vive in abitazioni modeste di canniccio e daub con ripidi tetti e un singolo focolare. La città aveva anche un sistema di irrigazione vasto che combinava i canali, pozzi e serbatoi poco profondi.

Arte Chimú

Influenzato dalla civiltà Wari e Moche, i Chimú vuoi continuare ed espandermi artistici temi divenuti da allora fiocco caratteristiche dell'arte andina. Ceramica Chimú è caratterizzata da blackware fatte e finire redware con decorazione scolpita, che è dato una lucidata. La forma più comune è doppio-declamò vasetti bulbosi. Prodotti tessili hanno colori naturali, il più prezioso con decorazione piume esotiche dove pennacchi sono seminati in righe su un supporto di cotone e tinti per creare disegni. Motivi popolari includono figure armate aperto indossando copricapi - che rappresenta probabilmente la classe dirigente - e serpenti a due teste 'arcobaleno'. Tessile potrebbero anche essere decorate con aggiunte di metalli preziosi e una tunica sopravvive con 7.000 piccole piazze d'oro cuciti individualmente sul tessuto.
Conchiglie spondylus intagliato e intarsiato, acquisiti dall'Ecuador, erano un altro medium popolare per arte Chimú con intarsi in forma di diamante creando suggestivi pezzi di gioielleria. Beni preziosi potrebbero essere fatto anche utilizzando oro, argento e ambra importato e smeraldi dalla Colombia. Molti esempi di sculture in legno sono stati recuperati da due strutture piramidali all'esterno di Chan Chan (Huaca el Dragón e Huaca Tacaynamo). La maggior parte delle tali figure rappresentano membri delle processioni funebri.
Infine, è interessante notare che i sovrani Chimú erano essi stessi collezionisti d'arte provenienti da altre culture e loro palazzi erano pieni di nicchie in cui oggetti e statue sono stati disposti per la visualizzazione. Gli stessi artisti Chan Chan ha avuto una reputazione che gli Incas trasferirono forzatamente migliaia di li, insieme ai loro pezzi più belli, per la loro capitale a Cuzco, che era anche un metodo efficace per controllare la produzione di beni preziosi e quindi limitare le risorse per finanziare la ribellione.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

Contenuto consigliato