Passa ai contenuti principali

Che cosa era: Civiltà Chavin | Sua Origine e storia.

ADSBYGOOGLE

Definizione: Civiltà Chavin

da Mark Cartwright
clip_image001
La civiltà Chavin fiorì tra il 900 e il 200 A.C. nelle Ande del Nord e centrale e fu una delle prime culture pre-incaica. Il centro religioso di Chavin Chavin de Huantar è diventato un importante luogo di pellegrinaggio andina e arte Chavin era altrettanto influenti sia con culture contemporanee e più tardi dal Paracas a Incas, contribuendo a diffondere idee e immagini di Chavin e stabilire il primo sistema di credenza universale andina.

Religione Chavin

Una delle più importanti divinità Chavin era la divinità personale, che è il soggetto più probabile per la famosa figura centrale sul Gateway del sole a Tiwanaku. Precursore del Dio creatore andina Viracocha, la divinità personale è stata associata con la fertilità agricola e solitamente tiene un personale in ogni mano ma è anche rappresentata in una statua del tempio di nuovo presso il luogo di culto di Chavin di Chavin de Huantar (vedi sotto). Questa figura di mezzo-metro rappresenta la dualità maschile e femminile con una mano tenendo una conchiglia spondylus e l'altro una conchiglia strombus. Un'altra rappresentazione celebrata dallo stesso sito è la stele di Raimondi, una lastra di granito alta due metri con il Dio inciso in bassorilievo come una figura specifica non-genere con artigliate, artigli e zanne in un'immagine che può essere letta in due direzioni. Una seconda importante divinità Chavin era il Dio giaguaro zanne, anche un soggetto popolare nell'arte Chavin.
Cerimonia religiosa Chavin coinvolti gli occhiali emozionali che comprendeva rituali del salasso e sacrificale.
Cerimonia religiosa Chavin coinvolto occhiali emozionali che comprendeva rituali del salasso e sacrificale, che potrebbero essere effettuati in spazi pubblici in grado di ospitare fino a 1.500 persone o nell'ambiente più ristretto ed esclusivo degli interni del complesso del tempio. Una caratteristica importante del culto era un sacerdozio di sciamani che si metterebbe in trance attraverso piante allucinante, come foglie di coca e alcuni tipi di cactus e funghi. Un'ulteriore aura di mistero religioso è stata ottenuta con la combustione dell'incenso, sacerdoti che appaiono improvvisamente in cima i templi via segrete scale interne e una cacofonia di suoni musicali da cantanti e trombe di conchiglia.

Chavin de Huantar

Il più importante sito religioso Chavin era Chavin de Huantar nella valle Mosna, che era in uso per più di cinque secoli e divenne un luogo di pellegrinaggio famoso in tutta la regione andina. Il sito è significativamente posto alla confluenza di due fiumi - una tipica tradizione andina - la Mosna e Wacheksa. Frane antiche terrazze fertili a sinistra, e la vicinanza di molte sorgenti e un'ampia e variegata fornitura di pietra per progetti di costruzione monumentale assicurata la crescita del sito.
Al suo apice il centro aveva una popolazione di 2.000-3.000 e coperto circa 100 acri. Il vecchio tempio risale c. 750 A.C. ed è in realtà un complesso di edifici che formano insieme una forma a U. Nel centro, due scale, scende una corte circolare incassata. Le pareti degli edifici sono rivestite con lastre di pietra quadrate e rettangolare che trasportano le immagini delle creature trasformazionale, sciamaniche, scolpite in basso rilievo. Le figure caratteristiche umane di mescolare con jaguar zanne e artigli ed essi indossare copricapi di serpente che simboleggia la visione spirituale.
clip_image002
Mappa di civiltà Chavin
Il monolite Lanzón alto 4,5 metri prende la forma di un aratro di piede tradizionale andina e basamenti profondo all'interno labirintico del vecchio tempio. Mostra una creatura soprannaturale con zanne e artigli che è decorato con serpenti. I punti della creatura verso il basso con una mano e fino con l'altro, forse indicativo della sua sovranità dei regni terreni e celesti. Si è pensato che questa monolite fu forse il sito di un antico oracolo che ha dato risposte alle richieste dei pellegrini che a sua volta lasciato offerte di oro, ossidiana, conchiglie e ceramiche. Ci sono anche molti canali di pietra all'interno del tempio avrebbe funzionato attraverso cui l'acqua sotto pressione, creando così un rumore impressionante in ristretti camere interne e un suggestivo accompagnamento alle dichiarazioni di oracle.
La caratteristica più evidente del nuovo tempio (da c. 500 A.C.), che era in realtà un'estensione del vecchio tempio complesso, è la 100 teste di pietra che una volta sporgevano dalle pareti esterne di sopravvivere. Questi formano una serie trasformazionale e progressivamente cambiare da uomo a forma di giaguaro. Il tempio nella sua nuova forma misurata a 100 metri di lunghezza e ha raggiunto un'altezza di 16 metri con tre storie. Suo ingresso portale bianco e nero è fiancheggiato su entrambi i lati di una singola colonna; uno trasporta un'immagine di un'aquila, l'altro un falco, che rappresenta il maschile e femminile rispettivamente in un tipico esempio di Chavin di dualità. Il nuovo tempio contiene anche i 2,5 metri alto obelisco di Tello, che mostra due caimani e serpenti e può rappresentare il mito della creazione. Di fronte al tempio una grande piazza Corte incassata 50-metro-parteggiato è stata costruita per scopi cerimoniali, una caratteristica che diventerà standard in molti luoghi di culto successivi andino.
Altri edifici più modesti a Chavin de Huantar, che spesso usano mattoni adobe distintivo a forma conica, indicano che c'era un gran numero di residenti permanenti, una gerarchia sociale e centri di specializzazione del mestiere. Il sito e la cultura Chavin in generale entrato in declino nel III secolo D.C. per motivi che rimangono poco chiare, ma che probabilmente sono legati a diversi anni di siccità e terremoti e l'inevitabile sconvolgimento sociale causati da tali stress. Non non c'è nessuna evidenza archeologica di una forza militare di Chavin o di conquiste regionali specifiche. Le strutture politiche dei Chavin, poi, purtroppo rimangono misteriose, ma hanno creare una duratura eredità artistica che influenzerebbe quasi tutte le successive civiltà andina.
clip_image003
Testa di pietra di Chavin tenone

Arte Chavin

Arte Chavin è pieno di immagini di felini (soprattutto giaguari), serpenti e rapaci, così come esseri soprannaturali, spesso con zanne dall'aspetto feroce. Creature sono spesso trasformazionale - presentato in due stati contemporaneamente - e progettato sia confondere e sorprendere. Immagini sono anche molto spesso anatropic - che possono essere visualizzati da diverse direzioni. Come storico dell'arte R. R. Stone riassume:
Un forte effetto percettivo, certamente calcolato da artisti di Chavin, ispira soggezione attraverso l'uso di dinamico, spostando le immagini che contengono letture variare a seconda della direzione in cui essi si avvicinano, sorpresa, paura e confusione. (37)
È anche interessante nota che molti degli animali nell'immaginario di Chavin sono dalle giungle pianure distanti e quindi illustrare l'influenza di vasta portata della cultura Chavin, un punto più ulteriormente confermato dalla presenza a Chavin de Huantar di tavolette votive provenienti da culture centinaia di chilometri distante. La divinità personale era un altro tema popolare nella scultura di Chavin, ceramiche e tessuti. I tessuti di cotone verniciato del Chavin sono, infatti, i primi esempi da qualsiasi cultura andina e prendere la forma di impiccagioni, cinture e vestiti.
Chavin tipiche ceramiche è di alta qualità e con pareti sottili, solitamente un rosso lucido, nero o marrone. La forma più comune è il vaso globoso staffa-declamò, spesso con lucidati alzati disegni raffiguranti immagini dalla religione Chavin. Le navi potrebbero anche essere antropomorfe, tipicamente di giaguari, uomo seduto e frutti e piante. Conchiglie erano una forma popolare di gioielli tra l'elite di Chavin e potrebbero anche essere intagliati in trombe per uso nelle cerimonie religiose. Ciotole in legno pregiati sopravvivono che sono squisitamente intarsiati con madreperla e conchiglia spondylus, così come turchese. Infine, il Chavin erano abili operai del metallo e oggetti - soprattutto corone cilindro, maschere, pettorali e gioielli - creati in oro in fogli utilizzando tecniche di saldatura e cesello per rivaleggiare con qualsiasi altra cultura andina nella loro immaginazione e l'esecuzione.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

Punti notevoli del libro di Primo Cronache | Lettura della Bibbia: 1 Cronache

Punti notevoli della lettura della Bibbia: 1 Cronache | Testi spiegati e lezioni pratiche
CRONACHE, I LIBRI DELLE Due libri ispirati delle Scritture Ebraiche che si ritiene formassero un solo volume nel canone ebraico originale. I masoreti li consideravano un’opera unica, e sono contati come un solo libro nel computo che vuole le Scritture Ebraiche suddivise in 22 o 24 libri, e come due in quello che porta i libri a 39. La divisione in due libri pare sia stata adottata dai traduttori della Settanta greca. Nei manoscritti ebraici questa divisione non compare fino al XV secolo. Nella Bibbia ebraica Cronache si trova alla fine della parte chiamata gli Scritti. Il nome ebraico, Divrèh Haiyamìm, significa “i fatti dei giorni”. Girolamo suggerì il nome Chronicon, da cui deriva “Cronache” nelle Bibbie italiane. Una cronaca è la narrazione storica di certi fatti nell’ordine in cui sono avvenuti. Il titolo greco (nella Settanta) è Paraleipomènon, che significa “cose tralasciate (non dette; om…

Biografia di Emiliano Zapata | Rivoluzionario messicano

(San Miguel Anenecuilco, Messico, 1879 - Morelos, 1919) Rivoluzionario messicano. Il complesso sviluppo della rivoluzione messicana del 1910, i leader del partito agrario chiamati raccolti le giuste aspirazioni delle classi rurali più umili, che erano state condannate alla miseria di un arbitrario CAP che desposeía loro dalle loro terre. Di tutti loro, Emiliano Zapata è ancora il più ammirato.

Emiliano Zapata Contro l'ambizione senza scrupoli o l'incoerenza ideologica di Pancho Villa e Pascual Orozco e un'idea di rivoluzione più legato alla guerra per il potere di trasformazione sociale, Emiliano Zapata è rimasto fedele ai suoi ideali di giustizia e ha dato priorità assoluta ai successi efficaci. Purtroppo, che la stessa fermezza e perseveranza contro la confusione si snoda del rivoluzionario determinato suo isolamento in stato di Morelos, dove intraprese riforme feconde da una posizione di indipendenza virtuale che nessun governo può tollerare. Omicidio, ist…