Che cosa era: Aztec Warfare | Sua Origine e storia.

da Mark Cartwright
clip_image023
Gli Aztechi impegnati in guerra (yaoyotl) per acquisire il territorio, risorse, reprimere le ribellioni e raccogliere le vittime sacrificali per onorare i loro dei. Guerra era che una parte fondamentale della cultura azteca con tutti i maschi prevede di partecipare attivamente e la battaglia, Nahuatl cui alla poesia come 'la canzone di scudi', era considerata una perpetua necessità religiosa e politica. Gli Aztechi erano così compiuti in combattimento che hanno forgiato alla fine di un impero che copriva 200.000 chilometri quadrati e, al culmine della loro potenza, essi estratti omaggio da 371 città-stato attraverso 38 province.

Guerra nella mitologia azteca

Gli Aztechi credevano che il Dio del sole e della guerra, Huitzilopochtli era stato completamente armati e pronti per la guerra dal momento della sua nascita da sua madre Coatlicue. Infatti, il primo atto di questa guerra sanguinaria Dio doveva uccidere senza pietà il suo ribelle sorella Coyolxauhqui ed i suoi 400 fratelli, il Centzonhuitznahuac e Centzonmimizcoa. Nella mitologia, i corpi smembrati di Coyolxauhqui e il 400 divennero rispettivamente la luna e le stelle. Che la guerra era una realtà quotidiana è riflessa nella convinzione azteco che il conflitto tra Huitzilopochtli e i suoi fratelli ri-si è verificato ogni giorno, simboleggiata dal concorso tra sole e Luna ogni 24 ore. Ulteriormente, è evidenziato che la guerra è stato glorificato nella convinzione che i guerrieri caduti accompagnato il sole nel suo viaggio quotidiano e successivamente ritorno sulla terra come colibrì. Sacrifici umani sono state fatte regolarmente a Huitzilopochtli nel suo tempio in cima alla grande piramide, il Templo Mayor, presso la capitale azteca, Tenochtitlan. Uno dei più importanti tali cerimonie sacrificali si tenne il solstizio d'inverno, inizio della stagione di campagna tradizionale.
Unità d'elite potrebbe solo affiancato da guerrieri che avevano visualizzato non meno di 20 atti di coraggio in battaglia.

L'esercito azteco

Il comandante in capo militare era il re stesso, il tlatoani. Egli era assistito dal suo secondo in comando, che aveva il titolo cihuacoatl. Unendo questi due in un Consiglio di guerra era più quattro di più alto rango nobili, in genere parenti del re. Questi quattro erano i titoli di tlacochcalcatl, tlaccetacatl, tillancalquied etzhuanhuanco. Segnalazione al Consiglio erano diverse unità di guerrieri con livelli variabili di stato, anche se è importante notare che i soldati coraggiosi e capaci certamente potrebbero salire attraverso i ranghi se hanno preso un certo numero di prigionieri. Simboli Aztechi di rango incluso il diritto di indossare certi copricapi di piume, mantelli e gioielli - labbro, naso e tappi per le orecchie. Gli ufficiali indossavano anche grandi insegne di canne e piume che torreggiato su sopra le loro spalle. Le unità più prestigiose erano cuauhchique o 'quelli rasati' e la otontin o 'Otomi'. Questi due elite unità potrebbe solo essere affiancato da guerrieri che avevano visualizzato non meno di 20 atti di coraggio in battaglia e già erano membri del prestigioso jaguar e gruppi guerriero aquila. Anche la truppa più bassa potrebbe vincere attraverso privilegi al valore, come il diritto di mangiare nei palazzi reali, hanno concubine e bere birra pulque in pubblico.
Guerrieri sono stati addestrati da giovanissimo in speciali mescole militare dove bambini imparato a maestri armi e tattiche e dove essi erano regaled con racconti di battaglia dal veterani guerrieri. Giovani anche accompagnato l'esercito azteco in campagna, in qualità di gestori di bagagli, e quando infine divenne guerrieri e ha preso il loro primo prigioniero, potrebbe finalmente tagliarono la serratura di capelli piochtli sul retro del collo che essi avevano indossato fin dall'età di dieci. Ragazzi ora erano uomini e pronto per realizzare il loro obiettivo: a morire gloriosamente in battaglia e tornare come colibrì.
Non c'è niente come la morte in guerra,
niente come la morte fiorita
così prezioso a colui che dà vita:
lontano lo vedo: il mio cuore anela per esso!

Canzone nahuatl

Gli Aztechi non avevano un permanente o un esercito permanente ma convocato guerrieri quando richiesto. Ogni città è stato richiesto di fornire un complemento di 400 uomini per campagne, durante il quale avrebbe rimangono come unità condotta da uno dei propri guerrieri senior e marciare sotto i propri standard ma anche far parte di un grande gruppo di 8.000 uomini. 25 come tali divisioni o 200.000 uomini, potevano essere mobilitati per una campagna su larga scala. Oltre gli uomini, anche città doveva fornire rifornimenti come mais, fagioli e sale, che avrebbe portato sulla campagna dai gestori di bagagli. La marcia che dell'esercito è stato preceduto da Scout, facilmente riconosciuto da loro faccia-vernice gialla e trombe di conchiglia sacerdoti, che alesano immagini di Huitzilopochtli. Il corpo principale dell'esercito, che spesso si estende circa 25 chilometri lungo sentieri stretti, aveva le unità d'elite che conduce dalla parte anteriore. Poi venne unità ordinarie da ciascuno degli alleati dell'Impero, iniziando con gli eserciti di Tenochtitlan, e infine, le truppe acquisite da quote di tributo ha tirato il posteriore. Quando necessario, accampamenti erano affari semplici con ripari stuoia canna per l'elite e il cielo aperto per le truppe ordinarie.
clip_image024
Guerrieri Aztechi

Armi & armatura

Guerrieri Aztechi, che è sono insegnati fin dall'infanzia nella movimentazione di armi, sono stati gli utenti esperti di club, archi, lance e dardi. Protezione dal nemico è stata fornita via scudi rotondi (chimalli) e, più raramente, caschi. Club o spade (macuahuitl) erano costellati di lame di ossidiana, super-forte ma fragile. Lance erano brevi e usati per stoccate e accoltellato il nemico a distanza ravvicinata. L' atlatl era un dispositivo di lancio dardo in legno e utilizzando uno, un guerriero esperto poteva dirigere freccette preciso e mortale (mitl) o giavellotti (tlacochtli) pur rimanendo a distanza di sicurezza dal nemico o durante la prima fase della battaglia, quando i due eserciti schierati di fronte a altro. Scudi di legno o canne sono state fatte più resistenti con aggiunte in pelle e decorati con disegni araldici come uccelli, farfalle e forme geometriche. D'élite potevano indossare caschi in pelle, riccamente scolpite con simboli del loro rango e unità. Armatura di corpo (ichcahuipilli) è stato anche indossato e in cotone trapuntato che è stato immerso in acqua salata per rendere l'indumento più rigido e più resistente ai colpi nemici. Non non c'era nessun uniforme come tale, ma ordinarie guerrieri indossavano una semplice tunica sopra un perizoma e portavano guerra-vernici. D'élite erano molto più impressionante decorati con piume esotiche e pelli di animali. I Guerrieri giaguaro indossavano pelli di giaguaro e caschi con zanne, mentre i guerrieri Aquila erano vestiti per la battaglia in abiti piumati con artigli e un elmetto dal becco.

Strategie

Solitamente campagne hanno cominciato per rimediare un torto come l'assassinio di commercianti, il rifiuto di dare il tributo o il mancato inviare rappresentanti di importanti cerimonie a Tenochtitlan. Gli Aztechi cercarono anche di creare una zona cuscinetto tra loro impero e Stati confinanti. Queste aree sono state trattate un po' meglio, ha permesso una maggiore autonomia e sono stati costretti a dare meno tributo. Ancora un altro motivo per la guerra fu l'incoronazione di guerre. Questi erano campagne tradizionali, per cui un nuovo azteco tlatoani suo dimostrato degno seguito sua adesione di conquistare le regioni e l'acquisizione di tributo e prigionieri da sacrificare.
Combattimento reale è stata preceduta solitamente da missioni diplomatiche dove ambasciatori (quauhquauhnochtzin) ha ricordato il prezzo della sconfitta in battaglia e cercò di convincere una piacevole alternativa di omaggio ragionevole e accettazione della supremazia delle divinità azteche. Inoltre potrebbero essere inviati spie (quimichtin o 'mouse') nella zona dell'obiettivo travestiti da mercanti e vestiti in costume locale. Se, dopo il fallimento della diplomazia, guerra era ancora necessario e la detentrice dell'esercito fu sconfitto, poi fu saccheggiata la città principale e l'intera regione considerata conquistato.
Il campo di battaglia è il posto:
dove si tosta il liquore divino in guerra,
dove è macchiate di rosso le aquile divine,
dove i giaguari ululano,
dove tutti i tipi di pietre preziose pioggia da ornamenti,
onda dove copricapi ricchi con belle piume,
dove i principi sono fracassati a bit.

Canzone nahuatl.

Sul campo di battaglia, di solito una pianura, combattimento in genere è stata preceduta da entrambi gli eserciti fronte a altro con molta gridando, postura, e il battente di tamburi e soffiaggio dell'osso e conchiglia trombe flauti. Leader posizionato truppe per meglio sfruttare le caratteristiche geografiche locali, e hanno condotto dalla parte anteriore e molto dall'esempio, gettando loro stessi in battaglia. Come i due eserciti si sono incontrati, pietre pesanti sono stati gettati e seguite da una raffica più mortale di freccette. Poi venne un cruento combattimento, dove le lance a pale ossidiana e club ridotto creando ferite temibile nemico. Qui era perduto tutto ordine e battaglia divenne una serie di duelli indipendente dove guerrieri tentò di catturare il loro avversario vivo. Infatti, assistenti con corde seguiti i combattimenti al fine immediatamente fascio fino vinti per il sacrificio più tardi. Tattiche di Ruse potrebbe essere impiegato, ad esempio facendo finta di abbandonare il campo di battaglia o nascondere in trincee coperte per tendere un'imboscata di truppe nemiche. Vittoria venne convenzionalmente quando era stato saccheggiato il tempio principale del nemico. La disciplina e la pura ferocia dei guerrieri Aztechi era solitamente molto superiore a quella del nemico e garantire successo dopo successo attraverso antico Messico.
clip_image025
Impero azteco

Le guerre fiorite

Oltre il desiderio di nuovo territorio e bottino di guerra, gli Aztechi molto spesso specificamente è andato sulla campagna al fine di acquisire le vittime sacrificali. Infatti, entrambi i lati hanno deciso la battaglia in anticipo, concordando che i perdenti fornirebbe guerrieri per il sacrificio. Gli Aztechi credevano che il sangue delle vittime sacrificali, soprattutto di valorosi guerrieri, nutrito il Dio Huitzilopochtli. Presi come prigionieri dopo battaglie, le vittime avevano il loro cuore rimosso e il cadavere era pelato, smembrato e decapitato. Queste campagne erano conosciute come xochiyaoyotl o una 'guerra floreale' perché le vittime erano guerrieri sconfitti che erano capriate e con i loro costumi di guerra splendida piuma, sembrava fiori come sono stati trasportati senza tante cerimonie a Tenochtitlan. Uno Aztec generale, denominato Tlacaelel, paragonato questo processo shopping in un mercato e ha affermato che le vittime dovrebbero essere facile da raccogliere come tortillas. Un terreno di caccia preferito per queste spedizioni militari era stato di Tlaxcala orientale e città come Atlixco, Huexotzingo e Cholula. Il primo esempio conosciuto di un xochiyaoyotl era nel 1376 CE contro la Chalca, un conflitto che, forse non sorprende, sviluppato in una guerra su vasta scala. In generale, però, l'intenzione era solo di prendere un numero sufficiente di vittime e di non iniziare le ostilità-out; per questo motivo molte campagne azteca non erano decisivi impegni finalizzati al controllo del territorio. Tuttavia, le guerre dei fiori devono avere ricordato che i governanti erano e possono esser servita anche da una potatura regolare della potenza militare di opposizione.

Bottino di Victor

Innanzitutto, guerra di successo ha portato il nuovo territorio di Aztechi e garantiti ed esteso la loro rete di commercio lucrativo. Appezzamenti di terreno sono stati distribuiti anche ai guerrieri nobili ed elite. Sconfitta non significa necessariamente la fine della vita, di vinti per governanti conquistate furono molto spesso lasciati al potere, anche se a volte le popolazioni furono massacrati e bambini trasferirono e dispersero in altre comunità. Generalmente, il prezzo reale della sconfitta era essenzialmente accordi a pagare tributi regolari in merci e di persone a loro nuovi padroni. Tributo potrebbe essere sotto forma di schiavi, servizio militare, polvere d'oro, gioielli preziosi, metalli, coperte, vestiti, cotone, piume esotiche, scudi, colorante cocciniglia, gomma, conchiglie, grano, peperoncini, fagioli al cioccolato (cacao) e sale. Curiosamente, gli Aztechi inoltre tolse statue e idoli, soprattutto religiosamente quelli importanti. Questi 'prigionieri' erano simbolicamente tenuti a Tenochtitlan e illustrati che i nuovi padroni controllavano non solo territorio di cittadini ma ora anche loro religione e le idee.

Il crollo azteco

Gli Aztechi erano molto riusciti a conquistare i territori limitrofi, soprattutto durante i regni di Moctezuma I, Ahuitzotl e Montezuma (Montezuma), ma occasionalmente subire sconfitte. Uno dei peggiori di questi era contro i loro nemici da sempre, i Taraschi, nel 1479 D.C. quando un esercito di 32.000 guidati da Axayacatl è stato spazzato via in due impegni vicino Taximaloyan. Gli Aztechi erano anche costantemente dover sedare ribellioni, e questi popoli conquistati erano spesso tutti troppo felice a fianco con gli invasori europei quando giunsero nel 1519 CE. Gli studiosi hanno notato che è stato condotto il modo azteca - pre-battaglia diplomazia, l'assenza di attacco a sorpresa e soprattutto la mancanza di una necessità di distruggere completamente il nemico - ha dato i conquistadores spagnoli più diretti un netto vantaggio quando cercarono di colonizzare antico Messico. Token vittorie come le guerre dei fiori non facevano parte del vocabolario militare degli invasori europei e la battaglia per il Mesoamerica è stato, poi, forse gli Aztechi prima e ultima esperienza di guerra totale.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.