Passa ai contenuti principali

Che cosa era: Aedile | Sua Origine e storia.

ADSBYGOOGLE

Definizione: Aedile

di Donald L. Wasson
clip_image006
Il popolo romano è emerso dalla regola di etrusco re con un'innovativa forma di governo: una Repubblica. Le famiglie aristocratiche - patrizi - creato un sistema di tre-ramo che conteneva un assembly centuriate, un Senato e due co-manager chiamato consoli; questi consoli furono eletti dall'Assemblea, e, mentre solo che serve un termine di un anno, aveva il potere di un re. Tuttavia, la crescita della città e l'onere di amministrare le province appena acquisite lungo il Mar Mediterraneo chiamato per ulteriori magistrati di assumere alcuni dei poteri del console. Tra questi nuovi funzionari erano il pretore che ha erogato la giustizia, il questore che ha gestito gli affari finanziari e l'edile che (tra le altre funzioni) mantenuto strade romane, sotto la supervisione del grano e la fornitura di acqua e forniti ai cittadini della città con giochi.

Evoluzione del ruolo

Mentre alcune prove indicano che l'ufficio esisteva sotto gli Etruschi come un custode delle annotazioni e fondi pubblici, i finanziatori - inizialmente due sono stati scelti dalla classe plebian - emersa durante la Repubblica come ufficiali subordinati ai tribuni della plebians, supervisionando i templi e culti plebian, Cerere e Diana in particolare. Essi erano eletti annualmente dal Consiglio della plebe o Concilium Plebis . Nel 367 A.C. furono creati due curules edile e, a differenza dei loro colleghi plebian finanziatori, sono venuti dalla classe Patrizia e venivano eletti annualmente dall'Assemblea centuriate. Questi finanziatori di quest'ultimi divennero poi magistrati e parte del cursus honorum. Il ruolo dell'edile è stato ampliato per includere mantenendo la cura urbis o il tessuto della città (strade, edifici pubblici e forze di polizia) e la cura annonae o rifornimento del grano della città. E, se presentasse la necessità, egli avrebbe assunto alcuni dei compiti del censore. Ma la cosa più importante, sono stati disposti incaricati molti festival annuali e giochi pubblici. Successivamente, l'ufficio di curules edile è diventato disponibile a plebians, e dopo l'ammissione di plebians al rango, si è tenuto alternativamente da entrambi i patrizi e plebians.
Spesso l'edile in prestito o usato soldi personali elaborati gladiatori palco e giochi pubblici. Se l'operazione riesce, egli avanzerebbe; Se così non fosse, egli era politicamente rovinato.
Anche se non essenziale, la carica di edile è stato spesso visto come parte integrante del "Percorso di lode", un passo sulla strada per diventare un console. Un individuo potrebbe iniziare la sua scalata come un tribuno militare, raggiungendo alla fine l'ufficio del questore. Se fosse un plebian, ha avuto la possibilità di diventare o un tribuno del plebians o un edile. Tuttavia, se fosse un patrizio, sua unica possibilità era di diventare un edile. Da lì, se lui ha avuto successo e impressionato persone competenti come un edile, potrebbe diventare un pretore, il solo ufficiale accanto al console con poteri di imperium. Infine, se aveva avuto successo e, come alcuni, corrotto le persone giuste, egli sarebbe diventato un console, l'apice della carriera di un politico.
Purtroppo o per fortuna, un importante passo in questo lungo percorso per il consolato era l'edile. Mentre un ambizioso edile ha ricevuto l'indennità di governo usuale per esercitare le proprie funzioni, non era sempre sufficiente, soprattutto se ha pensato di diventando un consul. Spesso, egli avrebbe dovuto usare soldi personali o prendere in prestito pesantemente per ingraziarsi con quelli in Assemblea e Senato, messa in scena elaborate gladiatori e giochi pubblici. Se l'operazione riesce, egli avanzerebbe; Se così non fosse, egli era politicamente rovinato.
clip_image008
Postumo busto di Cesare

Julius Caesar come edile

Uno dei più riusciti del aedile curules era l'eroe delle guerre galliche e futuro dittatore: i 35 anni di Julius Caesar. Pochi nella Repubblica potrebbe uguagliare la sua determinazione e l'ambizione di raggiungere il consolato. Poiché egli è venuto da una famiglia patrizia, non poteva diventare un tribuno della plebe e pertanto ha messo sull'ufficio dell'edile. Nel 65 A.C., come uno della co-finanziatori, ha gestito tutto da strada riparazioni, manutenzione del tempio, criminalità urbana e distribuzione di acqua e grano, ma il suo migliore servizio a Roma è venuto attraverso la sua messa in scena di giochi pubblici. Prendere in prestito denaro e ponendosi più in profondità nel debito, ha organizzato una celebrazione settembre massiccia del Dio romano Giove, tanto per il dispiacere del suo collega edile, Marcus Bibulus. Ha decorato il Forum e Campidoglio (la posizione del tempio di Giove), tenutosi banchetti pubblici, concorsi di bestia selvaggia, produzioni teatrali elaborate e stravaganti gladiatorial concorsi; ebbe persino 320 coppie di gladiatori spediti a Roma. Sua opposizione in Senato, gli optimates più conservatori, lo denunciò. Nel suo The Dodici Cesari Suetonius ha scritto "Cesare... aveva raccolto così immenso una truppa di combattenti che ha terrorizzato gli avversari politici si precipitarono un disegno di legge attraverso la casa, limitando il numero di gladiatori che chiunque potrebbe tenere a Roma..." Nonostante quelli al Senato sentiva, il pubblico lo amava; Egli avrebbe presto guadagnare la carica di pretore e poi quella di un console.
Purtroppo, la carica di edile, come quello del console, scomparso sotto il dominio dell'imperatore Augustus e l'impero. Augusto assunse molti dei doveri dell'edile stesso - molti lo consideravano un micro-manager - o loro assegnate ad altri. Tuttavia, mentre l'ufficio ha esistito nella Repubblica, ha permesso di Roma di eseguire senza problemi. Le strade sono state mantenute, la cittadinanza è stata alimentata e tutti era intrattenuti.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

Punti notevoli del libro di Primo Cronache | Lettura della Bibbia: 1 Cronache

Punti notevoli della lettura della Bibbia: 1 Cronache | Testi spiegati e lezioni pratiche
CRONACHE, I LIBRI DELLE Due libri ispirati delle Scritture Ebraiche che si ritiene formassero un solo volume nel canone ebraico originale. I masoreti li consideravano un’opera unica, e sono contati come un solo libro nel computo che vuole le Scritture Ebraiche suddivise in 22 o 24 libri, e come due in quello che porta i libri a 39. La divisione in due libri pare sia stata adottata dai traduttori della Settanta greca. Nei manoscritti ebraici questa divisione non compare fino al XV secolo. Nella Bibbia ebraica Cronache si trova alla fine della parte chiamata gli Scritti. Il nome ebraico, Divrèh Haiyamìm, significa “i fatti dei giorni”. Girolamo suggerì il nome Chronicon, da cui deriva “Cronache” nelle Bibbie italiane. Una cronaca è la narrazione storica di certi fatti nell’ordine in cui sono avvenuti. Il titolo greco (nella Settanta) è Paraleipomènon, che significa “cose tralasciate (non dette; om…

Biografia di Emiliano Zapata | Rivoluzionario messicano

(San Miguel Anenecuilco, Messico, 1879 - Morelos, 1919) Rivoluzionario messicano. Il complesso sviluppo della rivoluzione messicana del 1910, i leader del partito agrario chiamati raccolti le giuste aspirazioni delle classi rurali più umili, che erano state condannate alla miseria di un arbitrario CAP che desposeía loro dalle loro terre. Di tutti loro, Emiliano Zapata è ancora il più ammirato.

Emiliano Zapata Contro l'ambizione senza scrupoli o l'incoerenza ideologica di Pancho Villa e Pascual Orozco e un'idea di rivoluzione più legato alla guerra per il potere di trasformazione sociale, Emiliano Zapata è rimasto fedele ai suoi ideali di giustizia e ha dato priorità assoluta ai successi efficaci. Purtroppo, che la stessa fermezza e perseveranza contro la confusione si snoda del rivoluzionario determinato suo isolamento in stato di Morelos, dove intraprese riforme feconde da una posizione di indipendenza virtuale che nessun governo può tollerare. Omicidio, ist…