Studio Biblico di Congregazione ‒ Settimana del 2 Marzo

Studiare le informazioni per il libro: Accostiamoci a Geova

cl cap. 21 §§ 1-8 (30 min)


CAPITOLO 21

Gesù rivela la “sapienza di Dio”

1-3. Quale fu la reazione degli ex vicini di Gesù al suo insegnamento, e cosa non riconobbero riguardo a lui?

I PRESENTI erano sbalorditi. Gesù stava in piedi davanti a loro nella sinagoga e insegnava. Quel giovane non era uno sconosciuto, dato che era cresciuto nella loro città e per anni aveva lavorato in mezzo a loro come falegname. Forse alcuni vivevano in case che Gesù aveva aiutato a costruire, o magari lavoravano la terra con aratri e gioghi che aveva fatto con le sue stesse mani. Quale sarebbe stata, però, la loro reazione all’insegnamento di questo ex falegname?

2 La maggior parte degli ascoltatori erano stupefatti e chiedevano: “Dove ha preso quest’uomo tale sapienza?” Ma osservavano pure: “Questo è il falegname, il figlio di Maria”. (Matteo 13:54-58; Marco 6:1-3) Purtroppo gli ex vicini di Gesù ragionavano in questo modo: ‘Questo falegname è solo uno del posto come noi’. Nonostante la sapienza delle sue parole, lo rigettarono. Non sapevano che la sapienza che aveva non era sua.
Matteo 13:54-58 venuto nel proprio territorio insegnava loro nella loro sinagoga, così che si stupivano, dicendo: “Dove ha preso quest’uomo tale sapienza e tali opere potenti? 55 Non è questo il figlio del falegname? Non si chiamano sua madre Maria e i suoi fratelli Giacomo e Giuseppe e Simone e Giuda? 56 E le sue sorelle non sono tutte con noi? Dove ha preso dunque quest’uomo tutte queste cose?” 57 E cominciarono ad inciampare riguardo a lui. Ma Gesù disse loro: “Un profeta non è privo di onore se non nel proprio territorio e nella propria casa”. 58 E non vi fece molte opere potenti a causa della loro mancanza di fede.
Marco 6:1-3 E partito di là venne nel proprio territorio, e i suoi discepoli lo seguirono. 2 Venuto il sabato, cominciò a insegnare nella sinagoga; e la maggior parte di quelli che ascoltavano erano stupiti e dicevano: “Dove ha preso quest’uomo queste cose? E perché sarebbe stata data a quest’uomo questa sapienza, e sarebbero tali opere potenti compiute dalle sue mani? 3 Questo è il falegname, il figlio di Maria, e il fratello di Giacomo e Giuseppe e Giuda e Simone, non è vero? E le sue sorelle sono qui con noi, non è così?” E inciampavano in lui.
3 Da dove veniva in realtà la sapienza di Gesù? “Ciò che io insegno non è mio”, disse, “ma appartiene a colui che mi ha mandato”. (Giovanni 7:16) L’apostolo Paolo spiegò che Gesù era “divenuto per noi sapienza di Dio”. (1 Corinti 1:30) La sapienza stessa di Geova era rivelata tramite il Figlio, Gesù. Anzi questo era vero al punto che Gesù poté dire: “Io e il Padre siamo uno”. (Giovanni 10:30) Esaminiamo tre campi in cui Gesù manifestò la “sapienza di Dio”.
Giovanni 7:16 a sua volta, rispose loro e disse: “Ciò che io insegno non è mio, ma appartiene a colui che mi ha mandato.
1 Corinti 1:30 è dovuto a lui che voi siate uniti a Cristo Gesù, il quale è divenuto per noi sapienza di Dio, e giustizia e santificazione e liberazione mediante riscatto;
Giovanni 10:30 e il Padre siamo uno”.

Cosa insegnava

4. (a) Qual era il tema del messaggio di Gesù, e perché era molto importante? (b) Perché i consigli di Gesù erano sempre pratici e della massima utilità per gli ascoltatori?

4 Prima di tutto consideriamo cosa insegnava Gesù. Il tema del suo messaggio era “la buona notizia del regno”. (Luca 4:43) Questo era molto importante a motivo del ruolo che il Regno avrebbe avuto nel rivendicare la sovranità di Geova e nel recare benedizioni durature all’umanità. Con il suo insegnamento Gesù dava pure saggi consigli per la vita di ogni giorno. Dimostrò di essere il predetto “Consigliere meraviglioso”. (Isaia 9:6) In realtà, come potevano i suoi consigli non essere meravigliosi? Aveva profonda conoscenza della Parola e della volontà di Dio, chiaro intendimento della natura umana e profondo amore per l’umanità. Perciò i suoi consigli erano sempre pratici e della massima utilità per gli ascoltatori. Gesù pronunciava “parole di vita eterna”. Sì, quando vengono seguiti, i suoi consigli portano alla salvezza. — Giovanni 6:68.
Luca 4:43 egli disse loro: “Anche ad altre città devo dichiarare la buona notizia del regno di Dio, perché per questo sono stato mandato”.
Isaia 9:6 ci è nato un fanciullo, ci è stato dato un figlio; e il dominio principesco sarà sulle sue spalle. E sarà chiamato col nome di Consigliere meraviglioso, Dio potente, Padre eterno, Principe della pace.
Giovanni 6:68 Pietro gli rispose: “Signore, da chi ce ne andremo? Tu hai parole di vita eterna;

5. Quali furono alcuni soggetti trattati da Gesù nel Sermone del Monte?

5 Il Sermone del Monte è uno straordinario esempio dell’impareggiabile sapienza degli insegnamenti di Gesù. Questo discorso, riportato in Matteo 5:3–7:27, probabilmente potrebbe essere pronunciato in soli 20 minuti. I suoi consigli, però, sono senza tempo, sono attuali oggi come lo erano quando furono dati inizialmente. Gesù trattò un’ampia gamma di soggetti, fra cui come migliorare i rapporti con gli altri (5:23-26, 38-42; 7:1-5, 12), come mantenersi moralmente puri (5:27-32) e come avere una vita significativa (6:19-24; 7:24-27). Comunque non si limitò a dire agli ascoltatori qual è la via della saggezza, lo dimostrò spiegando, ragionando e fornendo le prove.
Matteo 5:23-26 dunque, porti il tuo dono all’altare e lì ricordi che il tuo fratello ha qualcosa contro di te, 24 lascia lì il tuo dono davanti all’altare, e va via; prima fa pace col tuo fratello, e poi, una volta tornato, offri il tuo dono. 25 “Risolvi subito le questioni con chi si lamenta contro di te in giudizio, mentre sei in cammino con lui, affinché chi si lamenta non ti consegni in qualche modo al giudice, e il giudice al servitore del tribunale, e tu non sia gettato in prigione. 26 Infatti ti dico: Certamente non ne uscirai finché non avrai pagato l’ultima moneta di minimo valore.
Matteo 5:38-42 udito che fu detto: ‘Occhio per occhio e dente per dente’. 39 Ma io vi dico: Non resistete a chi è malvagio; ma a chi ti schiaffeggia sulla guancia destra, porgi anche l’altra. 40 E se uno vuole farti causa per impossessarsi della tua veste, lascia che ti prenda anche il mantello; 41 e se qualcuno che ha autorità ti costringe a prestare servizio per un miglio, va con lui per due miglia. 42 Dà a chi ti chiede, e non voltare le spalle a chi desidera da te un prestito [senza interesse].
Matteo 7:1-5 “Smettete di giudicare affinché non siate giudicati; 2 poiché col giudizio col quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi. 3 Perché, dunque, guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, ma non consideri la trave che è nel tuo occhio? 4 O come puoi dire al tuo fratello: ‘Permettimi di estrarre dal tuo occhio la pagliuzza’; quando, ecco, nel tuo occhio c’è una trave? 5 Ipocrita! Prima estrai la trave dal tuo occhio, e poi vedrai chiaramente come estrarre la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello.
Matteo 7:12 le cose dunque che volete che gli uomini vi facciano, anche voi dovete similmente farle loro; questo è infatti ciò che significano la Legge e i Profeti.
Matteo 5:27-32 udito che fu detto: ‘Non devi commettere adulterio’. 28 Ma io vi dico che chiunque continua a guardare una donna in modo da provare passione per lei ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore. 29 Se ora il tuo occhio destro ti fa inciampare, cavalo e gettalo via da te. Poiché è più utile per te perdere uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo sia lanciato nella Geenna. 30 E se la tua mano destra ti fa inciampare, tagliala e gettala via da te. Poiché è più utile per te perdere uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna. 31 “Inoltre fu detto: ‘Chiunque divorzia da sua moglie, le dia un certificato di divorzio’. 32 Ma io vi dico che chiunque divorzia da sua moglie, se non a causa di fornicazione, la rende soggetta all’adulterio, e chiunque sposa una donna divorziata commette adulterio.
Matteo 6:19-24 di accumularvi tesori sulla terra, dove la tignola e la ruggine consumano, e dove i ladri sfondano e rubano. 20 Piuttosto, accumulatevi tesori in cielo, dove né la tignola né la ruggine consumano, e dove i ladri non sfondano né rubano. 21 Poiché dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore. 22 “La lampada del corpo è l’occhio. Se, dunque, il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà illuminato; 23 ma se il tuo occhio è malvagio, tutto il tuo corpo sarà tenebre. Se in realtà la luce che è in te è tenebre, come sono grandi tali tenebre! 24 “Nessuno può essere schiavo di due signori; poiché o odierà l’uno e amerà l’altro, o si atterrà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete essere schiavi di Dio e della Ricchezza.
Matteo 7:24-27 chiunque ode queste mie parole e le mette in pratica sarà assomigliato a un uomo discreto, che edificò la sua casa sul masso di roccia. 25 E cadde la pioggia e vennero le inondazioni e soffiarono i venti e si riversarono contro quella casa, ma essa non cedette, perché era stata fondata sul masso di roccia. 26 Inoltre, chiunque ode queste mie parole e non le mette in pratica sarà assomigliato a un uomo stolto, che edificò la sua casa sulla sabbia. 27 E cadde la pioggia e vennero le inondazioni e soffiarono i venti e imperversarono contro quella casa ed essa cedette, e la sua caduta fu grande”.

Scarica informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone