Passa ai contenuti principali

Script di Indus | Sua Origine e storia.

Definizione:  Script di Indus

di Cristian Violatti
clip_image001
Lo Script di Indus è il sistema di scrittura sviluppato dalla civiltà della valle dell'Indo, un'antica civiltà situato in quella che oggi è orientale, Pakistan e India nord-occidentale, sulla fertile pianura alluvionale del fiume Indo e nelle sue vicinanze. L'uso più antico delle date Script Indus al 2500 A.C., ed è stato trovato in ceramiche, amuleti, intagliato sigilli di timbro e anche nei pesi e compresse di rame. Nonostante diversi tentativi di decifrarlo, tutti gli sforzi finora hanno fallito, e lo Script di Indus significato ancora rimane sconosciuto, che è la ragione principale perché la civiltà della valle dell'Indo è uno dei meno noti delle civiltà primi importanti dell'antichità.

Cenni preliminari sugli Script di Indus

È stati trovati migliaia di oggetti inscritti nella civiltà della valle dell'Indo e quasi il 90% di loro sono stati scavati dai siti di Harappa e Mohenjo-Daro. Tra questi oggetti abbiamo sigilli, per lo più scolpiti su steatite, che presenta diverse forme, quella più comune è la forma quadrata/rettangolare. Alcuni dei sigilli includono l'immagine di un animale (reale o immaginario) combinato con un'iscrizione. L'uso preciso di questi elementi è ancora poco chiaro.
Nonostante diversi tentativi di decifrarlo, significato di Script Indo rimane sconosciuto.
Un po' oltre 400 segni fondamentali sono state identificate come parte dello Script Indus. Solo 31 di questi sintomi si verificano oltre 100 volte, mentre il resto non sono stati utilizzati regolarmente. Questo porta i ricercatori a credere che una grande quantità di Script Indus è stata effettivamente scritta su materiali deperibili, come foglie di palma o di betulla, che non sopravvisse alla distruzione del tempo. Alcuni ricercatori hanno sostenuto che i circa 400 simboli possono effettivamente essere ridotto a 39 segni elementari, il resto essendo soltanto variazioni di stili e le differenze tra gli scribi.

Tentativi di decifrazione dello Script Indus

Ci sono un certo numero di fattori che impediscono di studiosi di svelando il mistero dello Script Indus. Per cominciare, alcune delle lingue dell'antichità, come egiziano, sono stati decifrati grazie al recupero di iscrizioni bilingue, confrontando un script sconosciuto con uno noto. Purtroppo, nessun Iscrizioni bilingui sono stati trovati ancora per consentire lo Script Indus essere paragonato a un sistema di scrittura conosciute.
Un altro ostacolo per la sua decifrazione si riferisce al fatto che tutte le iscrizioni trovate finora sono relativamente breve, meno di 30 segni. Questo significa che analizzare schemi ricorrenti di segno, un'altra tecnica che può aiutare a sbloccare il significato di un sistema di scrittura, non possono essere eseguite con successo per lo Script di Indus.
L'ultima ragione importante perché lo Script di Indus rimane indecifrabile e forse il più dibattuti di tutti, è che la lingua (o lingue) che rappresenta lo script sono ancora sconosciuti. Gli studiosi hanno suggerito un certo numero di possibilità: indoeuropea e Dravidian sono le famiglie di due lingua più comunemente favorite, ma altre opzioni sono state proposte, come Austroasiatic, sino-tibetano o forse una famiglia linguistica che è stato persa. Sulla base di cultura materiale connesso con la civiltà della valle dell'Indo, è altamente probabile che questa civiltà non era indoeuropea.
clip_image002
Guarnizioni della valle di Indus

Che cosa è conosciuto circa il Indus Script?

Sebbene decifrazione dello Script Indus non è stato possibile ancora, la maggior parte degli studiosi che hanno studiato e sono d'accordo in un certo numero di punti.
  • The Indus Script generalmente è stato scritto da destra a sinistra. Questo è il caso nella maggior parte dei esempi trovati, ma ci sono alcune eccezioni dove la scrittura è bidirezionale, questo significa che la direzione della scrittura è in una direzione su una sola riga, ma in direzione opposta sul prossimo.
  • La rappresentazione di certi valori numerici è stata identificata. Una singola unità è stata rappresentata da una corsa al ribasso, mentre i semicerchi sono stati usati per le unità di dieci.
  • The Indus Script combinato sia parola segni e simboli con valore fonetico. Questo tipo di sistema di scrittura è conosciuto come "logo-sillabico", dove alcuni simboli esprimono idee o parole mentre altri rappresentano suoni. Questa vista è basata sul fatto che circa 400 sono state identificate centinaia di segni, che lo rende improbabile per lo Script di Indus essere esclusivamente fonetico. Tuttavia, se l'ipotesi che le centinaia di segni possono essere ridotto a soli 39 è vero, che significa che lo Script dell'Indo potrebbe essere esclusivamente fonetico.

Declino dello Script Indus

Dal 1800 A.C., la civiltà della valle dell'Indo ha visto l'inizio del suo declino. Come parte di questo processo, scrittura iniziata a scomparire. Come la civiltà della valle dell'Indo stava morendo, così ha fatto lo script che hanno inventato. La cultura vedica che dominerebbe il nord dell'India per i secoli a venire non hanno un sistema di scrittura, né fatto essi adottano l'Indus script. India avrebbe dovuto aspettare più di 1.000 per vedere il ritorno della scrittura.

Scritto da Cristian Violatti, pubblicato il 28 agosto 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Chakrabarti, d. il compagno di Oxford all'archeologia indiana. Oxford University Press, 2006.
  • Fortson, b. cultura e lingua indoeuropea. Wiley-Blackwell, 2009.
  • Haywood, J., l'atlante storico del Penguin di antiche civiltà. Libri del Penguin, 2005.
  • Scarre, c. passato umano. Thames & Hudson, 2013.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…