Passa ai contenuti principali

Saffo di Lesbos | L'origine e la storia

di Joshua J. Mark
clip_image009
Saffo di Lesbo (c. 620-570 A.C.) fu un poeta lirico in cui lavoro è stato così popolare nell'antica Grecia, e oltre, che è stato onorato in statuario e lodato da figure come Solone e Platone. Molto poco è conosciuto della sua vita e i nove volumi del suo lavoro che sono stati ampiamente leggere nell'antichità soli frammenti di sopravvivere. Contrariamente all'opinione popolare sul tema, le sue opere non furono distrutti dai cristiani mentalità chiusa che cercano di sopprimere la poesia amore lesbico ma sono stati perse semplicemente attraverso il tempo e circostanza. Saffo scrisse in dialetto greco eolico che era difficile per scrittori latini, esperti in soffitta e greco omerico, da tradurre. Essi erano consapevoli che una volta c'era esistito un poeta femmina altamente elogiato dalle opere degli altri, e hanno conservato le poesie di Saffo che altri avevano copiato, ma essi non copia gli altri semplicemente perché non sapevano che il suo dialetto. Una sorta di opere scritte sono stati composti riguardanti lei durante la sua vita o poco dopo perché il contorno della sua vita era conosciuto dagli scrittori successivi, ma, a parte iscrizioni come il marmo pario (una storia di alcuni eventi in Grecia tra il 1582-299 A.C.) non è noto quali erano queste opere. Il suo nome si è appoggiata a 'lesbica' e 'Saffico', entrambe relative alle donne omosessuali, a causa della sua poesia extant che si interessa di amore romantico tra donne.

Vita di Saffo

Saffo nacque sull'isola di Lesbo, Grecia, da una famiglia aristocratica. Mentre studiosi sostengono regolarmente che sua ricchezza permise di vivere una vita sua propria scelta, questo non può essere supportato. La maggior parte delle donne delle famiglie ricche sposato secondo le tradizioni e i costumi delle loro città-stato e ricchezza di Saffo non avrebbe fatto suo immunitario alle aspettative della sua famiglia e della società. Molto probabilmente, era in grado di vivere come lei il piacere a causa l'alta stima in cui si tenevano le donne Lesbo e Sappho proprio unica personalità. Lo storico Wendy Slatkin scrive:
Tenendo conto delle severe restrizioni sulla vita delle donne, loro impossibilità di muoversi liberamente nella società, condurre affari o acquisire qualsiasi tipo di formazione non domestici, non è sorprendente scoprire che no i nomi di importanti artisti [femminili] sono venuti a noi dell'era classica. Solo il poeta Saffo ha ricevuto elogi da parte dei greci; Platone si riferisce a lei come la dodicesima Musa. Significativamente, lei è venuto non da Atene o Sparta ma da Lesbo, un'isola in cui cultura incorporata un'alta considerazione per le donne (42).
Tutto ciò che si conosce della sua vita è che lei è stata sollevata a imparare a suonare la lira e venuto a comporre canzoni.
Disse di avere operato una scuola per ragazze Lesbo, ma questa sembra essere un'invenzione successiva del XIX secolo CE che lei ha confuso con suo protégée Damophila che gestiva una scuola ragazza in Panfilia. Tutto ciò che si conosce della sua vita è che lei è stata sollevata a imparare a suonare la lira e venuto a comporre canzoni, può essere stata sposata ad un uomo ad un certo punto che morì, possa avere avuto una figlia, Cleis (nome madre di Saffo), ebbe tre fratelli (Erigyius, Charaxus e Larichus), proveniva da una famiglia benestante, fu esiliata due volte in Sicilia a causa delle sue opinioni politicheed era abbastanza famoso per avere statue sollevate in suo onore e, successivamente, monete coniate con il suo nome e l'immagine su di loro. Autore Vicki Leon scrive:
Mitilene, capitale di Lesbo, emessi con orgoglio Sappho monete; alcuni sono stati trovati in quella data al terzo secolo D.C. - nove cento anni dopo la morte del poeta. Saffo (o, piuttosto, la sua fama) messo alle strette l'antico equivalente della concessione maglietta troppo: il ritratto e il nome visualizzato su vasi, bronzi e, più tardi, molto romana arte (151).
Lei è descritto nei testi antichi come essendo corto di statura e scuro di carnagione. Un interesse romantico per le donne è evidente dalla sua poesia, ma la maggior parte dei eruditi sconsigliano leggendo le sue opere biographically. Allo stesso modo che i poeti attraverso i secoli hanno scritto opere che esprimono un personaggio non proprio, quindi troppo potrebbe Sappho hanno composto sue poesie. L'intimità e la profondità del sentimento sembra suggerire che Sappho era lesbica, ma questo non significa che lei era. Descrizione di Omero di battaglia e la polvere e il sangue prima che Troy non significa che egli era un partecipante; solo che lui era un bravo scrittore. Lo studioso che Sir Richard Livingstone commenti su questo, scrivendo:
Semplicità greca ci ricorda agli interessi centrali del cuore umano. Veridicità greca è una sfida per vedere il mondo come è e rifuggono il vuoto di musica semplice, la falsità della retorica o sentimento, l'incompletezza di scrittori che, invece di vedere la vita come un tutto, ignorare o enfatizzare una parte di esso, come le proprie simpatie dettano (286).
Mentre è possibile, allora, che Sappho era una lesbica, è altrettanto possibile che lei ha scritto su molti argomenti, ma che le sue opere che esprimono amore lesbico sono quelli che sono sopravvissuti più intatti.
clip_image010
Saffo di Lesbo

Poesia di Saffo

Quei lavori che sono ancora esistenti sono profondamente personali riflessioni sull'amore romantico, desiderio e perdita. Livingstone scrive, "nella vita, gli esseri umani restituire da una varietà di distrazione degli interessi per un paio di cose semplice; o, se non ritornano, corrono il rischio di perdere le loro anime. In letteratura, che è l'ombra della vita, hanno bisogno di fare lo stesso"(259). Saffo sembra avere capito chiaramente e focalizzato il suo lavoro sulle emozioni umane più elementari e più durature. La semplicità della costruzione nel suo lavoro si concentra l'attenzione del lettore sul momento emotivo stesso e, come tutte le grande poesia, crea un'esperienza che è facilmente riconoscibile. Un esempio di questo è la sua poesia, "Non ho avuto una parola da lei" (un titolo dato dalla prima riga del pezzo. Il titolo originale è sconosciuto):
Non ho avuto una parola da lei
Francamente vorrei erano morti
Quando lasciò, pianse
una grande quantità; Lei ha detto a me, "questa separazione deve essere
subito, Saffo. Vado a malincuore."
Ho detto, "andare ed essere felici
ma ricorda (Sai
bene) chi si lascia incatenato dall'amore
«Se si dimentica di me, che
dei nostri doni ad Afrodite
e tutta la bellezza che abbiamo condiviso
"tutti i diademi viola,
treccia di boccioli di rosa, aneto e
croco attorcigliato intorno al collo del giovane
"mirra versato sulla testa
e sulle ragazze morbide stuoie con
tutto ciò che essi più desiderato accanto a loro
"mentre il cantavano senza voci
cori senza nostro,
nessun woodlot fiorì in primavera senza canto".
L'intimità e l'onestà di questo poema è caratteristico dell'opera superstita di Saffo tutti. Lei non era solo un poeta brillantemente onesto, tuttavia, ma anche un virtuoso della tecnica. Ha inventato un metro completamente nuovo per la poesia, ora conosciuto come metro saffico o la strofa saffico che consiste di tre linee di undici battute e una linea conclusiva di cinque. La seguente poesia, ora conosciuta come 'Please', è un esempio di questo (anche se la presente traduzione non mantiene il costante undici batte delle prime tre linee di ogni strofa):
Torna da me, Gongyla, qui stasera,
Tu, mia rosa, con la lira Lidia.
Ci si aggira sempre intorno si delizia:
Una bellezza desiderata.
Anche il tuo indumento saccheggia i miei occhi.
Io sono incantata: io che una volta
Si lamentò con la dea di Cipro-nato,
Chi ti supplico ora
Mai per questo far perdere la grazia
Ma piuttosto di riportarti a me:
Tra tutte le donne mortali, quello
Vorrei più vedere.
Sua poesia cantata con l'accompagnamento della lira (che è come lirica prende il nome) ed eseguita pubblicamente a eventi e cene private. Una storia famosa legata da Stobeo (v secolo D.C.), che ha raccolto tali aneddoti antichi, sostiene che, "Solon di Atene sentito suo nipote cantare una canzone di Saffo sopra il vino e, poiché gli piaceva la canzone così tanta, ha chiesto al ragazzo di insegnarlo a lui. Quando qualcuno gli ha chiesto perché, ha detto: «affinché si possa imparare, poi morire». " (Florilegio 3.29.58). Se è vera la storia non è importante quanto quello che dice sulla poesia di Saffo. Solone era considerato uno degli uomini più saggi che abbia mai vissuto ed è stato annoverato tra i sette saggi della Grecia. Era conosciuto per l'insegnamento del precetto "moderazione in tutto" e così per lui a reagire così emotivamente in questo aneddoto alla canzone di Saffo è significativo in che persino uno così saggia e moderata potrebbe essere spostata così profondamente che egli avrebbe desiderio nulla più dopo aver imparato la canzone.
clip_image011
Saffo di Lesbo

Morte & Legacy

Il modo della morte di Saffo è sconosciuto. Il drammaturgo ateniese Menandro (c. 29-341 A.C.) iniziò la leggenda che lei si suicidò lanciandosi dalle scogliere Leucadian sopra l'amore non corrisposto di un traghettatore di nome Faone. Egli scrive:
... dire che Sappho è stato il primo,
caccia giù il fiero Faone,
di gettarsi nel suo desiderio di goading, dalla roccia
che brilla da lontano.
Questo sembra altamente improbabile ed è stata respinta dagli storici, al giorno d'oggi e nel lontano lo scrittore greco Strabone (64 A.C.-24). La scogliera di Leucadian (noto anche come Cape Leukas sull'isola di Lefkada) era un famoso "salto di amante" seguendo una storia in cui Afrodite stessa scagliato in mare mentre l'Adone morto in lutto. Menandro potrebbe hanno semplicemente fatto divertente di amore romantico avendo una donna conosciuta per il suo amore lesbico poesia di uccidere se stessa sull'uomo. Interessante, Artemisia I di Caria (c. 480 A.C.), un'altra donna forte della nota, dice anche che hanno suicidato gettandosi in mare e, secondo alcune fonti, nello stesso punto. Storia del suicidio di Artemisia è anche stato screditato. Saffo sembra aver vissuto in età avanzata e morì di cause naturali, ma questo, come la maggior parte degli eventi della sua vita, è tutt'altro che certo.
È chiaro che lei era un poeta di talento immenso in cui lavoro fatto il suo famoso. Sua poesia fu così popolare, secondo la Leon, che "non solo era il suo lavoro cantato, insegnato e citato - ma le frasi molto ha coniata, da 'amore, quel stallonatore degli arti' a 'più oro dell'oro', entrato nella lingua greca e sono state usate così tanto che alla fine divenne il cliché" (150). Lei era un esecutore molto ricercato e le sue composizioni hanno continuato a essere cantata e ammirato molto tempo dopo la sua morte. Lei riferisce alla sua poesia come figlie"immortale" e così continuano a essere come lettori 2.000 anni dopo la loro creazione continua a rispondere loro con lo stesso entusiasmo che hanno ispirati quando in primo luogo sono stati scritti.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…