Passa ai contenuti principali

Qual è stata la rivoluzione francese?

La Rivoluzione francese era più che un atto o serie di azioni rivoluzionarie, come discusso in questo articolo. Era filosofica, sociale, politico e militare, il movimento che ha portato alla fine della monarchia in Francia e, infine, alla scomparsa della maggior parte di questi regimi in Europa effetto immediato. Come molti Credo che i pensieri e le opere dei filosofi e enciclopedisti del XVIII secolo, sono stati la causa principale di questa rivoluzione.

In parole semplici, hanno messo l'essere umano come un oggetto di centro studi e, a differenza di pensiero medievale che ha fatto sì che Dio era il centro dell'universo. Questo a sua volta ha compromesso la premessa che il potere di un sovrano di Dio, il famoso "diritto divino", perché "tutti gli uomini sono uguali". Tuttavia questo non è stato sufficiente a causare un tale cambiamento da portare la Rivoluzione francese si, ci sono altri fattori: la Francia ha attraversato una grave crisi economica a causa di prestiti che i re avevano preso a finanziare conflitti armati diverso che aveva coinvolti paese oltre a pagare gli eccessi svolte dallo stesso nobili; il potere della nobiltà era così minato perché la borghesia aveva trovato una nicchia per l'economia che potrebbe riempire in modo più efficiente rispetto alla nobiltà.

Ricordate che gli stati assolutisti sono stati caratterizzati da evitare cambiamenti e non poteva rispondere in modo adeguato al mutare delle situazioni modo XVIII secolo. La borghesia esercitato pressioni sia sulla nobiltà e dello stato, questo porta a Luigi XVI di convocare gli stati generali formati dalla nobiltà (il primo stato), il clero (secondo stato) e la borghesia (Terzo). Scommessa del re stava cercando di ottenere nuove tasse e riconquistare il potere minato dalle circostanze.

La borghesia ha avuto un altro in contrasto con altri Stati giorno e contro il popolo, come dimostrato in seguito autonombra "Assemblea Nazionale", come legislatore bene e si è impegnata a stabilire una costituzione (questo tipo di rivolta non è del tutto strano e ha una storia anche negli stessi nobili "Magna Carta" ti fanno firmare Giovanni Senzaterra in Inghilterra). Formalmente questo è dove la Rivoluzione Francese inizia anche se molti vedono i loro primi giorni dopo la presa della Bastiglia il 14 luglio 1789.

Gli anni successivi furono segnati da lotte di potere continue tra le diverse fazioni, gli Stati europei finanziati guerre contro la Francia per fermare la rivoluzione. A volte il terrore governata soprattutto quando una frazione cercando di eliminare i suoi rivali e in effetti ci sono stati molti eroi e martiri da tutte le parti. Nella lotta per difendere la rivoluzione la figura di Napoleone Bonaparte, l'origine corsa e un grande genio militare sia come politico. Tuttavia è Napoleone che ha rovesciato la repubblica di nominare imperatore porre fine alla Rivoluzione francese. Mentre Napoleone che dà il colpo di grazia al processo rivoluzionario ha avuto gravi problemi di ordine e già aveva in sé i semi della sua distruzione.

L'unico vantaggio generale visionario della situazione come avrebbe qualsiasi altro, dobbiamo anche ricordare che il suo spirito rivoluzionario è nato uno dei più grandi epoche della Francia e la abbiamo il codice napoleonico, un sistema di leggi che serve da modello per molti regole esistenti e se l'unico contributo che il tempo si poteva dire che sarebbe utile. La Rivoluzione francese segna l'inizio dell'introduzione dei principi democratici e dei diritti umani in Europa e un cambiamento nel pensiero filosofico e l'equilibrio del potere.
Articolo contribuito per scopi didattici
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…