Qual è la storia del computer

Qual è la storia del computer?


Prima di tutto, dobbiamo definire un computer a studiare ulteriormente sulla sua storia: resta inteso come una macchina in grado di manipolare i dati secondo un elenco predeterminato di istruzioni; la possibilità di eseguire questo elenco di istruzioni o "programmi" è ciò che li distingue dai calcolatori.

E 'difficile stabilire ciò che la storia iniziale del computer sono stati, come la definizione stessa di ciò che un computer si è evoluto, e dispositivi che una volta erano chiamati "computers" oggi non sarebbero classificati come tali. Secondo il parere di molti, il primo computer per gli standard odierni, ossia la prima digitale elettronico e, è stato creato da John Atanassoff tra il 1933 e il 1942. Per i dettagli completi di questa invenzione in grado di leggere il nostro articolo "Chi ha inventato il Computer ".

I primi modelli, come recentemente ricordato, provengono dagli anni Quaranta, anche se il concetto di computer viene da molti anni prima. In realtà il termine prima dell'era digitale ha significato eseguire i calcoli con l'ausilio di mezzi meccanici, come l'abaco, l'astrolabio e il regolo calcolatore; e il concetto di calcolo assistito meccanicamente può essere trovato nella storia dal 150 aC, che in nessun modo è nuovo per lui era in cui viviamo. Ora, se restringiamo le nostre storiche tali dispositivi possono essere "programmati", troviamo che uno dei primi meccanismi precursori della nostra storia che risale al 1800. Nel 1801, Joseph Marie Jacquard, un inventore e produttore di cappelli, è stato responsabile di ricerca uno svolta a creare "telaio Jacquard", usando schede perforate per creare modelli diversi e creativi sul suo telaio; schede perforate sono una forma primitiva di programmabilità.

Charles Babbage nel 1837, ideò un computer meccanico programmabile chiamato "motore analitico", ma a causa di problemi finanziari e di design, non ha mai avuto a costruire. Anche se ha avuto, per molti non sono stati per gli standard odierni del primo computer, perché non era elettronica.

Durante il censimento 1890 negli Stati Uniti, è stata eseguita per la prima volta di elaborazione su larga scala di informazioni utilizzando schede perforate in combinazione con macchine tabulazione, prodotto dalla società "Computing Tabulating Recording Corporation", che divenne poi il noto IBM.

Solo tra il 1930 e il 1950, la storia del computer come tale comincia veramente ei veri precursori di modelli attuali, con caratteristiche che li rendono riconoscibili per gli standard odierni sono stati creati: Nel 1941 Konrad Zuse crea macchine elettromeccaniche chiamati "Z3 ", che sono state le prime macchine capaci di elaborare aritmetica binaria, e per alcuni è stato il primo computer a rispettare i parametri di un sistema di" Turing completa "standard studiato in informatica. Come detto, il computer Atanassoff-Berry, che ha usato i tubi a vuoto emerso nel 1941. Nel 1944 gli inglesi ha creato il computer "Colossus", per decodificare i messaggi tedeschi.

Nel 1946 il laboratorio di ricerca balistico statunitense ha creato l'ENIAC (Electronic Numerical Integrator And Computer), che è stato il primo computer digitale programmabile nella storia larga scala, in grado di risolvere una vasta gamma di problemi di calcolo. È stato costruito in modo da eseguire i calcoli per l'artiglieria. Anche se questo già aveva caratteristiche comuni con i computer moderni, era ristrutturazione inflessibile e permanente necessaria per modificare la sua programmazione. Alcuni sviluppatori di esso, hanno creato un design più flessibile, chiamata "architettura di von Neumann", in onore del grande matematico che per primo ha proposto nel 1945. La capacità di memorizzare i programmi, questa architettura abbiamo accennato, è la caratteristica comune di questi primi prototipi con macchine moderne.

Durante i 50 computer sono stati costruiti utilizzando questi principi, basato su tubi a vuoto, e quindi utilizzati grandi spazi fisici alla funzione (le dimensioni delle varie sale). Seguendo la linea di storia, sostituendo questi tubi dal transistor nel 1960, ammessi per i computer più piccoli, veloci e convenienti, che porta informatica nella sfera commerciale.

Per il decennio degli anni '70, l'avvento dei circuiti integrati, e dei microprocessori (il primo microprocessore commerciale era l'Intel 4004) ha causato una rivoluzione in termini di dimensioni, velocità e costi. Dopo aver raggiunto i 1980, i computer sono stati già integrati elettrodomestici e altri dispositivi di uso comune, mentre il concetto di "personal computer" o domestico stato notevolmente ampliato. Con l'aiuto della massificazione Internet negli anni '90, i computer privati ​​sono diventati beni così comuni come la televisione e telefono.

La storia e le generazioni di computer


Un'altra forma di tabellare e capire la storia del computer si sta dividendo in "generazioni" di loro, raggruppandoli secondo le loro caratteristiche tecniche eccezionali per ogni stagione. La prima generazione tra il 1951 e il 1958 è stato caratterizzato dall'uso di tubi a vuoto, che gli ha dato una grande questi modelli, che ha anche generato un sacco di calore durante l'esecuzione.

La seconda generazione (1959 - 1964), è stato caratterizzato dall'uso del transistore, dato che i computer veloce, realizzando più piccoli. Invece di utilizzare schede perforate e revolving tamburi, i computer di questa generazione nuclei magnetici utilizzati per memorizzare le informazioni. Linguaggi di programmazione sono stati introdotti come COBOL.

I computer di terza generazione (1964 - 1971) nasce con l'invenzione dei circuiti integrati su wafer di silicio, che ha permesso a migliaia di raggruppamento di componenti elettronici miniaturizzati. Le macchine di questa era diventato ancora più piccolo, più veloce e più economico. Hanno anche iniziato ad usare i nastri magnetici per memorizzare le informazioni.

Per la storia del computer, la quarta generazione (1971 - 1981) è caratterizzata da due progressi tecnologici: utilizzando chip per la memorizzazione di informazioni, e la capacità di integrare un numero ancora maggiore di componenti elettronici in questi stessi chip. Il primo microcomputer, IBM, e processori noti a partire dal 8088, compreso il Pentium popolare (I, II, II, ..) e Celeron vengono visualizzati.

La quinta generazione (1982 - 1989) si distingue dalla precedente con la creazione nel 1982 dalla Cray Seymouy il primo computer con la capacità di elaborare in parallelo. Durante questo periodo, gli sforzi per sviluppare l'intelligenza artificiale saranno formalizzati, trainata principalmente dal progetto del governo giapponese "quinta generazione".

La sesta generazione (1990-presente) è caratterizzato dalla crescente capacità dei computer per consentire il funzionamento simultaneo di centinaia di microprocessori, lo sviluppo massiccia e realizzazione di reti e l'integrazione di Internet.

Come possiamo vedere, dividere la storia di generazioni di computer è del tutto arbitrario, in particolare per la quinta e la sesta generazione, in cui i confini tra di loro non sono chiare e sembrano sciogliersi, ma ancora una risorsa utile per comprendere il contesto storico in eccitante mondo del computing.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza