Passa ai contenuti principali

Punti notevoli della Bibbia: 1 Samuele 14-15 > Scuola di Ministero Teocratico

Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale

Lettura della Bibbia: 1 Samuele 14-15 (8 min)


1 SAMUELE 14:2


“E Saul dimorava alla periferia di Ghibea sotto il melograno che è a Migron; e la gente che era con lui erano circa seicento uomini.”

*** it-2 p. 279 Micmas ***
Senza dubbio con l’intenzione di liberare Israele dalla dominazione filistea, il re Saul arruolò 3.000 uomini scelti. Di questi, 2.000 si accamparono con lui a Micmas e nella regione montuosa di Betel, e gli altri si appostarono con suo figlio Gionatan a Ghibea. In seguito, presso la vicina Gheba (“Ghibea”, Vg), Gionatan sgominò la “guarnigione” filistea. Per rappresaglia i filistei radunarono un grande esercito, con carri e cavalieri, e a quanto pare costrinsero Saul a ritirarsi da Micmas a Ghilgal. Per l’incalzare dei filistei molti israeliti si nascosero in buche e caverne; altri cercarono rifugio a E del Giordano. Il comportamento dei guerrieri israeliti di fronte alla minaccia filistea fu successivamente addotto da Saul come scusa per non aver ubbidito aspettando Samuele per offrire sacrifici. Rimproverato da Samuele per la sua presunzione, Saul, con un esercito ridotto a soli 600 uomini, raggiunse poi Gionatan a Gheba. (1Sa 13:1-16) Da 1 Samuele 14:2 risulta che Saul trasferì il suo accampamento a Migron presso Ghibea.

1 SAMUELE 14:4


“Ora fra i passaggi per cui Gionatan cercava di passare contro l’avamposto dei filistei c’era una rupe simile a un dente da una parte e una rupe simile a un dente dall’altra, e il nome dell’una era Bozez e il nome dell’altra era Sene.”

*** it-1 p. 376 Bozez ***
BOZEZ
(Bòzez).
Una delle due rocce, o rupi simili a denti, menzionate in 1 Samuele 14:4-14 in relazione alla vittoria riportata da Gionatan sui filistei. Gionatan, cercando un passaggio per poter attaccare i filistei, vide le due rupi, una a N di fronte a Micmas (dove erano accampati i filistei), e l’altra a S di fronte a Gheba. (1Sa 13:16; 14:5) Fra queste due città il Wadi Suweinit (Nahal Mikhmas) scende verso il Giordano e a E delle due città diventa una gola profonda con pareti rocciose quasi verticali. Si ritiene che le due rupi si trovassero nel punto in cui l’uadi svolta bruscamente, ma l’esatta ubicazione è soltanto ipotetica.

*** it-1 p. 1082 Gheba ***
L’antica città viene di solito identificata con l’odierno villaggio di Jabaʽ, quasi 9 km a NNE del Monte del Tempio a Gerusalemme. Una ripida valle separa questa località da quella dove si pensa sorgesse l’antica Micmas. Nella valle ci sono due ripidi picchi rocciosi, che forse corrispondono alle ‘rupi simili a denti’ dette Bozez e Sene, una “di fronte a Micmas”, l’altra “di fronte a Gheba”. — 1Sa 14:4, 5.

*** it-2 p. 279 Micmas ***
Gionatan attacca i filistei. Nel frattempo tre bande di predoni filistei facevano sortite dal loro accampamento presso Micmas, e un avamposto raggiunse “la gola di Micmas”. (1Sa 13:16-23) Per scongiurare questa minaccia, Gionatan decise di attraversare la gola, che (se si tratta del Wadi Suweinit) forma un profondo anfratto con pareti quasi verticali a E di Gheba (Jabaʽ). Nel punto in cui il Wadi Suweinit descrive una stretta curva spiccano due colline con ripidi pendii rocciosi. Queste potrebbero essere le ‘rupi simili a denti’ chiamate Bozez e Sene, le cui creste dentellate si sono forse smussate per l’erosione nel corso di circa 3.000 anni. (1Sa 14:1-7) Per un forestiero aprirsi un varco nel labirinto di alture, poggi e ripide rupi taglienti dell’uadi sarebbe stato quasi impossibile. Ma Gionatan, cresciuto in territorio beniaminita, a quanto pare conosceva bene la zona. Quando l’accampamento di suo padre si trovava a Micmas e il suo a Gheba, Gionatan senza dubbio aveva avuto molte opportunità di studiare meglio la zona.

1 SAMUELE 14:5


“Uno dei denti era un pilastro a nord di fronte a Micmas, e l’altro era a sud di fronte a Gheba.”

*** it-1 p. 1082 Gheba ***
L’antica città viene di solito identificata con l’odierno villaggio di Jabaʽ, quasi 9 km a NNE del Monte del Tempio a Gerusalemme. Una ripida valle separa questa località da quella dove si pensa sorgesse l’antica Micmas. Nella valle ci sono due ripidi picchi rocciosi, che forse corrispondono alle ‘rupi simili a denti’ dette Bozez e Sene, una “di fronte a Micmas”, l’altra “di fronte a Gheba”. — 1Sa 14:4, 5.

*** it-2 p. 279 Micmas ***
Gionatan attacca i filistei. Nel frattempo tre bande di predoni filistei facevano sortite dal loro accampamento presso Micmas, e un avamposto raggiunse “la gola di Micmas”. (1Sa 13:16-23) Per scongiurare questa minaccia, Gionatan decise di attraversare la gola, che (se si tratta del Wadi Suweinit) forma un profondo anfratto con pareti quasi verticali a E di Gheba (Jabaʽ). Nel punto in cui il Wadi Suweinit descrive una stretta curva spiccano due colline con ripidi pendii rocciosi. Queste potrebbero essere le ‘rupi simili a denti’ chiamate Bozez e Sene, le cui creste dentellate si sono forse smussate per l’erosione nel corso di circa 3.000 anni. (1Sa 14:1-7) Per un forestiero aprirsi un varco nel labirinto di alture, poggi e ripide rupi taglienti dell’uadi sarebbe stato quasi impossibile. Ma Gionatan, cresciuto in territorio beniaminita, a quanto pare conosceva bene la zona. Quando l’accampamento di suo padre si trovava a Micmas e il suo a Gheba, Gionatan senza dubbio aveva avuto molte opportunità di studiare meglio la zona.

1 SAMUELE 14:6


“Gionatan disse dunque al servitore, al suo scudiero: “Vieni e passiamo verso l’avamposto di questi incirconcisi. Forse Geova opererà per noi, poiché per Geova non c’è ostacolo a salvare con molti o con pochi”.”

*** w89 1/1 p. 24 par. 5 Uniti sotto un vessillo d’amore ***
5 Anche Gionatan stesso combatteva per la giustizia. Egli aveva dichiarato che “per Geova non c’è ostacolo a salvare con molti o con pochi”. Perché? Perché Gionatan riconosceva che c’è sempre bisogno di cercare la guida divina per ottenere la vittoria nella guerra teocratica.


1 SAMUELE 14:14


“E la prima strage con la quale Gionatan e il suo scudiero li abbatterono ammontò a circa venti uomini entro circa metà del solco di uno iugero di campo.”

*** it-2 p. 79 Iugero ***
IUGERO
[dal lat. iugum, giogo].
Tratto di campo che una coppia di buoi al giogo può arare in una giornata. Il termine ebraico così tradotto (tsèmedh) letteralmente significa “coppia” o ‘paio’ (1Sa 14:14, nt.; Gdc 19:3; 1Sa 11:7; 1Re 19:19); è reso anche ‘tiro [di cavalli]’ (2Re 9:25). Il corrispondente termine iugerum della Vulgata latina era una misura di superficie pari a 0,25 ettari.

1 SAMUELE 14:15


“Quindi ci fu un tremito nell’accampamento, nel campo e fra tutta la gente dell’avamposto; e le forze dei saccheggiatori tremarono, esse pure, e la terra si scuoteva, e ci fu un tremito da Dio.”

*** w07 15/9 pp. 18-19 Gionatan: un uomo che operò con Dio ***
Forse i filistei pensarono che i primi due fossero seguiti da molti altri guerrieri israeliti. Quindi “ci fu un tremito . . . fra tutta la gente dell’avamposto”, dice la Bibbia, “e la terra si scuoteva, e ci fu un tremito da Dio”. A motivo del terremoto scatenato da Dio, fra i filistei scoppiò un putiferio, tanto che “la spada di ciascuno era contro il suo prossimo”.

*** it-2 p. 1100 Terremoto ***
A volte i servitori di Geova sono stati miracolosamente soccorsi mediante un terremoto, come quando Gionatan e il suo scudiero attaccarono coraggiosamente un avamposto filisteo. Geova sostenne la loro fede in lui causando un terremoto che gettò in confusione l’intero campo dei filistei, così che questi si uccisero a vicenda e furono completamente sgominati. — 1Sa 14:6, 10, 12, 15, 16, 20, 23.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…