Passa ai contenuti principali

Neolitico | L'origine e la storia

ADSBYGOOGLE

di Cristian Violatti
clip_image005
Dopo il termine "Stone Age" è stato coniato nel fine del 19esimo secolo CE, studiosi ha proposto di dividere l'età della pietra in diversi periodi: Paleolitico, Mesolitico e Neolitico. Il termine neolitico si riferisce all'ultima fase dell'età della pietra. Il periodo è notevole per la sua architettura megalitica, la diffusione di pratiche agricole e l'uso di utensili in pietra lucidati.

Cronologia

Il termine che neolitico o nuova età della pietra è più frequente in connessione con l'agricoltura, che è il tempo quando è stata introdotta la domesticazione di animali e coltivazione di cereali. Perché l'agricoltura si è sviluppata in tempi diversi in diverse regioni del mondo, non non c'è nessuna data unica per l'inizio del Neolitico. Nel vicino Oriente, l'agricoltura è stato sviluppato circa 9.000 A.C., nel sud-est Europa attorno al 7.000 A.C. e poi in altre regioni. Anche all'interno di una specifica regione, agricoltura sviluppata durante diverse volte. Ad esempio, agricoltura prima sviluppato nell'Europa sudorientale circa 7.000 A.C., in Europa centrale circa 5.500 A.C., Nord Europa e circa 4.000 BCE. In Asia orientale, il Neolitico va da 6000 a 2000 A.C..
La ceramica è un altro elemento che rende la datazione del Neolitico problematico. In alcune regioni, la comparsa della ceramica è considerata un simbolo del neolitico, ma questa nozione fa il termine neolitico ancora più ambiguo, poiché l'uso di ceramica non sempre si verifica dopo l'agricoltura: in Giappone, ceramica appare prima l'agricoltura, mentre nel vicino Oriente l'agricoltura pre-date ceramiche produzione.
Tutti questi fattori rendono il punto di partenza del Neolitico un po ' sfocata. Va ricordato che l'origine del termine si trova in un sistema di classificazione del tardo XIX secolo CE (dettagliato sopra) e dobbiamo tenere a mente i suoi limiti.
Economie agricole sviluppate durante la caccia e la raccolta di attività sono stati ridotti.

Una rivoluzione?

Al fine di riflettere il profondo impatto che l'agricoltura ha avuto sulla popolazione umana, un archeologo australiano chiamato Gordon Childe reso popolare il termine "Rivoluzione neolitica" nel CE degli anni quaranta. Tuttavia, oggi, si ritiene che l'impatto dell'innovazione agricola è stato esagerato nel passato: lo sviluppo della cultura neolitica sembra essere un graduale piuttosto che un cambiamento improvviso. Inoltre, prima che l'agricoltura è stata istituita, prove archeologiche ha dimostrato che c'è di solito un periodo di vita semi-nomade, dove società pre-agricola potrebbe avere una rete di campeggi e vivono in luoghi diversi secondo come le risorse rispondono alle variazioni stagionali. A volte, uno di questi campeggi potrebbe essere adottato come un basecamp; il gruppo potrebbe spendere la maggior parte del tempo ci durante l'anno, sfruttando le risorse locali, comprese le piante selvatiche: questo è un passo avanti verso l'agricoltura. Agricoltura e foraggiamento non sono totalmente incompatibili modi di vita. Questo significa che un gruppo potrebbe eseguire attività di cacciatori-raccoglitori per parte dell'anno e qualche allevamento durante il riposo, forse su piccola scala. Piuttosto che una rivoluzione, la documentazione archeologica suggerisce che l'adozione dell'agricoltura è il risultato di cambiamenti piccoli e graduali.
Agricoltura è stato sviluppato in modo indipendente in diverse regioni. Fin dalla sua origine, il modello dominante in queste regioni distinte è la diffusione delle economie agricole e la riduzione della caccia e la raccolta di attività, al punto che oggi le economie caccia solo persistono in aree marginali, dove l'agricoltura non è possibile, come congelato le regioni artiche, aree densamente boschive o aridi deserti.
clip_image006
Kermario Dolmen, Carnac
Le principali modifiche sono state introdotte dall'agricoltura, che interessano il modo umano era organizzata la società e come ha usato la terra, compresa la liquidazione di foresta, sarchiate e coltivazione di cereali che può essere conservati per lunghi periodi di tempo, insieme con lo sviluppo di nuove tecnologie per l'agricoltura e la pastorizia come aratri, sistemi di irrigazione, ecc. Un'agricoltura più intensiva implica più cibo disponibile per più persone, altri villaggi e un movimento verso una più complessa organizzazione sociale e politica. Come la densità di popolazione dell'aumento villaggi, essi gradualmente evolvere in città e infine in città.

Cambiamenti durante il Neolitico

Adottando un sedentario stile di vita, i gruppi neolitici aumentato la loro consapevolezza della territorialità. Durante il periodo 9600-6900 A.C. nel vicino Oriente, c'erano anche innovazioni nelle punte di freccia, eppure è stato rilevato nessun cambiamenti importanti negli animali cacciati. Tuttavia, sono stati trovati scheletri umani con le frecce incorporate in loro e anche alcuni insediamenti come Jericho sono stati circondati con un massiccio muro e fossato intorno a questo tempo. Sembra che la testimonianza di questo periodo è una testimonianza di conflitti inter-comunale, non lontano dalla guerra organizzata. C'erano anche ulteriori innovazioni nella produzione di utensili di pietra che è diventato molto diffusa e adottata da molti gruppi in luoghi distanti, che è la prova dell'esistenza di importanti reti di scambio e interazione culturale.
Vivere in insediamenti permanenti ha portato nuovi modi di organizzazione sociale. Come le strategie di sussistenza delle comunità neolitiche è diventato più efficiente, la popolazione degli insediamenti diversi aumentato. Sappiamo dalle opere antropologiche che diventa più grande del gruppo, meno egualitaria e più gerarchica una società. Quelli della Comunità che sono stati coinvolti nella gestione e nell'allocazione delle risorse alimentari aumentato la loro importanza sociale. L'evidenza archeologica ha dimostrato che durante il primo Neolitico, case non hanno strutture di stoccaggio individuali: archiviazione e quelle attività legate alla preparazione del cibo per la conservazione sono stati gestiti a livello di villaggio. Presso il sito di Jarf el Ahmar, nella Siria del Nord, c'è una grande struttura sotterranea, che è stata usata come deposito comunale. Questa costruzione è in una posizione centrale tra le famiglie e ci è inoltre prova che diversi rituali sono stati effettuati in esso.
clip_image007
Teste di ascia neolitica
Consente di visualizzare un altro sito nel nord della Siria denominato Dì Abu Hureyra, prove per il passaggio da foraggiare per l'agricoltura: e ' stato un processo graduale, che ha avuto parecchi secoli. I primi abitanti del sito cacciavano gazzelle, asini selvatici e bovini selvatici. Quindi, vediamo le prove del cambiamento: consumo di gazzella caduto e consumo di pecore è aumentato (selvaggia all'inizio ed addomesticata alla fine). Pecore herding trasformato la fonte principale di carne e caccia gazzella è diventato un'attività minore. Resti umani mostrano un aumento di usura di dente di tutti gli adulti, che riflette l'importanza dei cereali terra nella dieta. È interessante che, una volta che la ceramica è stata introdotta, dente indossa prezzo è diminuito, ma la frequenza denti male aumentato, che suggerisce che alimenti da forno di farina macinata a pietra è stato ampiamente sostituito da piatti come polenta e farinata, che sono stati cotti in pentole.

Alla fine del Neolitico

Verso la fine del neolitico, metallurgia di rame è stato introdotto, che segna un periodo di transizione all'età del bronzo, a volte indicato come il Calcolitico o epoca eneolitica. Il bronzo è una miscela di rame e stagno, che ha una maggiore durezza rispetto a rame, migliori proprietà di fusione e un basso punto di fusione. Bronzo potrebbe essere utilizzato per la fabbricazione di armi, qualcosa che non era possibile con il rame, che non è abbastanza difficile da sopportare condizioni di combattimento. Nel tempo, bronzo divenne il materiale primario per utensili e armi e una buona parte della tecnologia pietra è diventato obsoleta, segnalando la fine del Neolitico e, quindi, dell'età della pietra.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…