Passa ai contenuti principali

Mitla | L'origine e la storia

da Mark Cartwright
clip_image001
Mitla, situato nella parte orientale della valle di Oaxaca, in Messico, era un luogo importante della civiltà zapoteca. Guadagnando la protuberanza del primo periodo post-classico (c. 700-900 D.C.), Mitla divenne la città zapoteca più importante dopo il declino della capitale da lungo tempo Monte Albán. La città era contemporanea con primo i Toltechi e poi le civiltà azteca e continuò ad essere abitata fino alla conquista spagnola. Il sito è oggi famoso per il suo enorme rettangolare edificio, la sala delle colonne, riccamente decorato in sculture in rilievo geometrico.
Il nome zapoteco della città era in realtà Lyobaá che significa 'Terra di riposo', come Mitla è il nome più tardi che deriva dalla parola Nuahtl Mictlan, significa 'Luogo dei morti'. Entrambi i nomi si riferiscono alla leggenda che re zapoteca, sacerdoti e grandi guerrieri furono sepolti in un'enorme camera sotto la città. Archeologia ha, tuttavia, ancora scoprire prove di tale camera.

Il nome zapoteco della città era in realtà Lyobaá che significa 'Terra di riposo'.

Mitla è di modesta dimensioni rispetto ad altri centri mesoamericani superstite, ma vanta un'impressionante collezione di edifici. Questi sono raggruppati in cinque zone distinte costruite lungo un asse nord-sud, due risalenti al periodo classico e le altre tre dal post-classico. I gruppi precedenti sono recinti sacri che furono riutilizzati successivamente in storia della città. Il più importante degli edifici post-classici è il gruppo conosciuto come il gruppo delle colonne - otto edifici disposti a formare due recinti. Queste strutture sono state costruite utilizzando lastre di trachite e sono meglio descritta come aprire sale rettangolari lunghe costruite su ogni lato di una piazza che lasciano ai quattro angoli. Si levano in piedi alto otto metri e le pareti e gli angoli magra leggermente verso l'esterno come si alzano, tanto come gli edifici a Maya di Uxmal. Le sale, probabilmente utilizzate come palazzi e forse anche come residenza del sacerdote più importante nella cultura zapoteca, avevano tetti piatti supportati da monumentali travi e colonne in pietra di forma cilindriche. Conti coloniali, soprattutto da un padre Burgoa, descrivono caratteristiche degli interni di questi edifici, come il trono coperto di pelle jaguar del sommo sacerdote, la pulizia dei palazzi e le cerimonie del sacrificio umano, che sono stati regolarmente effettuate là fuori.
La caratteristica più importante di architettura delle sale Mitla, tuttavia, sono la massa di sculture in altorilievo, sia scolpita nella pietra o in altri casi di singoli pezzi di pietra come un mosaico, che coprono le loro pareti esterne. I rilievi occupano oltre 150 pannelli visualizzazione di un'ampia varietà di intricati disegni geometrici originariamente impostato su uno sfondo di stucco dipinto di rosso che deve aver fatto i modelli ancora più eclatante. Le forme più comuni sono mal-e-fret, meandro e motivi chiave, a volte incorporando spirali e diamanti. I disegni erano molto probabilmente ispirati da modelli tessili e possono rappresentare specifiche filiere di famiglia o luoghi geografici. Grande cruciforme tombe sono state scavate sotto diversi edifici a Mitla ed essi, troppo, sono decorate con disegni geometrici.
clip_image002
Disegni di muro a Mitla
L'arte di Mitla si vede meglio in metallo e ceramica dipinta, mentre dal decimo secolo CE verniciati manoscritti sono stati prodotti. Murales sono stati aggiunti alcuni edifici nei secoli prima lo spagnolo conquista e visualizza influenza azteca. Scene mostrando dèi, guerrieri e cacciatori sotto il sole nascente o cieli stellati e bande di cielo erano in genere dipinto in rosso su una superficie di intonaco grigio. Che Mitla era sempre più minacciata dall'attacco nel tardo periodo post-classico è attestata dalla presenza di una fortezza su una collina vicino la città e il fatto che gli Aztechi stabilita una guarnigione a Mitla da c. 1450 CE. Post-conquista, venne costruita una chiesa in cima al gruppo di edificio più a nord.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…