Mitla | L'origine e la storia

da Mark Cartwright
clip_image001
Mitla, situato nella parte orientale della valle di Oaxaca, in Messico, era un luogo importante della civiltà zapoteca. Guadagnando la protuberanza del primo periodo post-classico (c. 700-900 D.C.), Mitla divenne la città zapoteca più importante dopo il declino della capitale da lungo tempo Monte Albán. La città era contemporanea con primo i Toltechi e poi le civiltà azteca e continuò ad essere abitata fino alla conquista spagnola. Il sito è oggi famoso per il suo enorme rettangolare edificio, la sala delle colonne, riccamente decorato in sculture in rilievo geometrico.
Il nome zapoteco della città era in realtà Lyobaá che significa 'Terra di riposo', come Mitla è il nome più tardi che deriva dalla parola Nuahtl Mictlan, significa 'Luogo dei morti'. Entrambi i nomi si riferiscono alla leggenda che re zapoteca, sacerdoti e grandi guerrieri furono sepolti in un'enorme camera sotto la città. Archeologia ha, tuttavia, ancora scoprire prove di tale camera.

Il nome zapoteco della città era in realtà Lyobaá che significa 'Terra di riposo'.

Mitla è di modesta dimensioni rispetto ad altri centri mesoamericani superstite, ma vanta un'impressionante collezione di edifici. Questi sono raggruppati in cinque zone distinte costruite lungo un asse nord-sud, due risalenti al periodo classico e le altre tre dal post-classico. I gruppi precedenti sono recinti sacri che furono riutilizzati successivamente in storia della città. Il più importante degli edifici post-classici è il gruppo conosciuto come il gruppo delle colonne - otto edifici disposti a formare due recinti. Queste strutture sono state costruite utilizzando lastre di trachite e sono meglio descritta come aprire sale rettangolari lunghe costruite su ogni lato di una piazza che lasciano ai quattro angoli. Si levano in piedi alto otto metri e le pareti e gli angoli magra leggermente verso l'esterno come si alzano, tanto come gli edifici a Maya di Uxmal. Le sale, probabilmente utilizzate come palazzi e forse anche come residenza del sacerdote più importante nella cultura zapoteca, avevano tetti piatti supportati da monumentali travi e colonne in pietra di forma cilindriche. Conti coloniali, soprattutto da un padre Burgoa, descrivono caratteristiche degli interni di questi edifici, come il trono coperto di pelle jaguar del sommo sacerdote, la pulizia dei palazzi e le cerimonie del sacrificio umano, che sono stati regolarmente effettuate là fuori.
La caratteristica più importante di architettura delle sale Mitla, tuttavia, sono la massa di sculture in altorilievo, sia scolpita nella pietra o in altri casi di singoli pezzi di pietra come un mosaico, che coprono le loro pareti esterne. I rilievi occupano oltre 150 pannelli visualizzazione di un'ampia varietà di intricati disegni geometrici originariamente impostato su uno sfondo di stucco dipinto di rosso che deve aver fatto i modelli ancora più eclatante. Le forme più comuni sono mal-e-fret, meandro e motivi chiave, a volte incorporando spirali e diamanti. I disegni erano molto probabilmente ispirati da modelli tessili e possono rappresentare specifiche filiere di famiglia o luoghi geografici. Grande cruciforme tombe sono state scavate sotto diversi edifici a Mitla ed essi, troppo, sono decorate con disegni geometrici.
clip_image002
Disegni di muro a Mitla
L'arte di Mitla si vede meglio in metallo e ceramica dipinta, mentre dal decimo secolo CE verniciati manoscritti sono stati prodotti. Murales sono stati aggiunti alcuni edifici nei secoli prima lo spagnolo conquista e visualizza influenza azteca. Scene mostrando dèi, guerrieri e cacciatori sotto il sole nascente o cieli stellati e bande di cielo erano in genere dipinto in rosso su una superficie di intonaco grigio. Che Mitla era sempre più minacciata dall'attacco nel tardo periodo post-classico è attestata dalla presenza di una fortezza su una collina vicino la città e il fatto che gli Aztechi stabilita una guarnigione a Mitla da c. 1450 CE. Post-conquista, venne costruita una chiesa in cima al gruppo di edificio più a nord.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.