Passa ai contenuti principali

Megara | L'origine e la storia

di Joshua J. Mark
clip_image002
Megara fu la prima moglie dell'eroe greco Eracle (meglio conosciuto come Ercole). Era la figlia di Creonte re di Tebe, che diede in sposa ad Ercole, in segno di gratitudine per il suo aiuto per riconquistare il Regno di Creonte da mini. Storia di Megara è conosciuto attraverso il lavoro del drammaturgo greco Euripide (480-406 A.C.) e il drammaturgo romano poi Seneca (4 A.C.-65 CE) sia di chi ha scritto opere teatrali riguardanti Ercole e Megara. La sua storia era conosciuta molto tempo prima che Euripide ha scritto la sua commedia, però, e diverse versioni della sua breve vita con Ercole differiscono sul dettaglio e cronologia, ma riguardano la stessa storia di base.
Nulla si sa di Megara prima del suo matrimonio ad Ercole. Egli era figlio di Zeus, re degli dèi, e una donna mortale di nome Alcmene. Zeus sposò la dea Hera, ma era ben noto per i suoi affari con donne mortali. Ha trasformato se stesso per apparire come marito di Alcmene, dormito con lei e così concepito Hercules. Hera, che era sempre infuriata per le schermaglie amorose del marito, si dedicò a rendere la vita di Ercole infelice come lei potrebbe possibilmente. Sua vendetta fu reso difficile, dal momento che Ercole era un semi-Dio e possedeva forza super umana e resistenza ma, ancora, ha certamente fatto il suo massimo per tentare di distruggerlo in ogni occasione.
Storia di Megara imposta il paradigma di Hera, intervenendo nella vita di Ercole quando le cose stavano andando meglio per lui e distruggendo la sua felicità.
Ercole cresciuto alla Corte di suo padre presunto Amphitryon, dove egli fu istruito in tutte le arti e le discipline, che un giovane nobile è stato richiesto per padroneggiare, quali scherma, wrestling, musica e le arti marziali. Quando ha sentito che il confinante Regno di Tebe era stata rilevata da mini e l'esercito sconfitto, ha guidato una banda di guerrieri Tebani per guidare i mini fuori e ripristinare il Re Creonte al trono. Creonte, in segno di gratitudine, gli diede Megara come moglie.
Megara ed Ercole aveva tre figli (anche se alcune fonti sostengono otto figli): Therimachus, Deicoon e Creontiades. Essi erano felici con la loro famiglia fino a quando Ercole fu chiamato via qualche avventura e il Regno fu lasciato indifeso. Dove, esattamente, Hercules va dipende la versione della storia si legge. In Euripide giocare Eracle (scritti c. 420-415 A.C.), egli sta eseguendo l'ultima delle sue famose dodici fatiche ed è il tentativo di sottomettere il cane a tre teste Cerbero della malavita. Questa stessa storia è raccontata in di Seneca Hercules Furens (la follia di Ercole, scritti tra il 49-65). Nella vecchia versione del mito, tuttavia, Ercole non inizia sue fatiche fino a dopo la morte di Megara e i loro figli. Nelle opere di Euripide e Seneca, un usurpatore denominato Lycus ha preso il trono di Tebe, in assenza di Ercole, ucciso il Re Creonte e ora sta costringendo il matrimonio su Megara. La tensione dei giochi viene da personaggi sperando che Ercole arriverà in tempo per salvarli dalla Lycus e i suoi schemi. Quando Hercules finalmente torna a casa, egli sconfigge e uccide Lycus e poi dà grazie a dèi per il suo arrivo tempestivo e la sicurezza della sua famiglia. Come egli sta pregando, tuttavia, egli è colpito da Hera una follia in cui crede che i figli sono quelli di Lycus e che Megara è suo avversario Hera, e lui li uccide tutti. I giochi di entrambi finiscono con Ercole nel rimorso suicida a sue gesta e suo cugino Teseo aiutandolo ad affrontare il suo dolore.
clip_image003
Hercules Furens mosaico
Nelle più vecchie versioni del mito, non c'è nessun colpo di stato in Tebe e nessun carattere di Lycus. Hercules e Megara ed i loro figli vivono felicemente in Tebe Quando Hera colpisce Hercules con la follia che lo porta a uccidere i suoi figli. In alcune versioni uccide anche Megara mentre in altri il suo destino non è menzionato (anche se sembra che lei viene ucciso o, in qualche modo, muore poco dopo dal momento che lei non è mai menzionata nelle sue storie di nuovo). Come nei giochi, Hercules è suicida con dolore, ma è parlato fuori uccidendo se stesso dal cugino Teseo che gli dice che egli deve espiare i suoi peccati invece di prendere la strada di codardo attraverso la morte. Ercole va all'oracolo di Delfi per chiedere ciò che deve fare e viene inviato a suo cugino, il re Eurystheus, che lo fissa al compito delle sue dodici fatiche per espiare i suoi peccati.
Storia di Megara era sempre una tragedia molto popolare e impostare il paradigma (nei miti riguardanti Ercole) di Hera, intervenendo nella vita di Ercole a quei tempi, quando le cose stavano andando meglio per lui e distruggendo la sua felicità. Giochi di Euripide e Seneca solo reso più popolare la sua storia, e lei e i suoi figli è venuto essere visto come una sorta di archetipo dell'innocente catturato tra forze contrastanti maggiore. Seconda moglie di Eracle, Deianira, giocherebbe un ruolo simile nel suo racconto, ma, almeno, aveva una mano nella sua stessa morte. Megara è sempre raffigurato nei miti come l'innocente innocente che, con i suoi figli, soffre di una morte brutale e senza senso. Poi ritratti di lei, come il film d'animazione della Disney Hercules (1997), raffigurano lei come un artista della truffa che è redento dal suo difficile passato attraverso il suo rapporto con l'eroe. No antiche raffigurazioni di Megara lei presentano in questa luce a tutti. Il suo ruolo nel film del 2014 Hercules, mentre non esatta, è molto più vicino alla sua interpretazione tradizionale.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…