Passa ai contenuti principali

Filippo II di Macedonia | L'origine e la storia

di Donald L. Wasson
clip_image012
Anche se è spesso solo ricordato per essere stato il padre di Alessandro il grande, Philip II di Macedonia (regnò dal 359 A.C. - 336 A.C.) fu un re compiuto e comandante militare nella sua propria destra, ponendo le basi per la vittoria di suo figlio Dario III e la conquista della Persia. Filippo ereditò un paese arretrato debole, con un esercito indisciplinato, inefficace e li modellato in una formidabile forza militare efficiente, eventualmente sottomettendo i territori intorno a Macedonia come soggiogando la maggior parte della Grecia. Ha usato la corruzione, la guerra e minacce per garantire il suo regno. Tuttavia, senza il suo intuito e determinazione, storia non avrebbe mai sentito di Alexander.
A differenza di molti la città-stato in Grecia, la Macedonia era una monarchia, vista come primitivo e indietro dal resto della Grecia. Anche se la gente ha parlato un dialetto greco, molti credevano che il paese era utile solo come fonte di legname e di pascolo. La famiglia reale di questa terra barbarica era gli argeadi che faceva risalire le loro radici sia all'isola di Argo e di Eracle (Ercole), figlio di Zeus. Nato intorno al 383 A.C., Filippo era il più giovane dei tre figli di Aminta III. Suo fratello Perdicca III più vecchio è stato ucciso mentre combatteva gli Illiri lungo il confine settentrionale del macedone. Poiché il fratello più anziano di Argead, Alexander II, inoltre era morto, Philip divenne reggente per il nipote Aminta IV. Filippo salì al trono macedone per se stesso all'età di 23 nel 359 A.C.. Sua preoccupazione immediata era duplice: salvaguardare i confini della Macedonia e riorganizzare l'esercito. Suoi principali nemici furono gli Illiri (quale egli avrebbe finalmente sconfiggere nel 359 A.C.) e gli ateniesi. che non solo ha posseduto vicino miniere di oro e argento ma anche supportato un pretendente al trono macedone. Per fortuna, dal momento che gran parte della Grecia è stato coinvolto in una serie di guerre civili, Filippo aveva tempo all'indirizzo Macedonia maggior preoccupazione pressante.
Senza di Philip intuito e determinazione, storia non avrebbe mai sentito di Alexander il grande.
Philip rapidamente capito le debolezze dell'esercito del suo paese e basato sulle esperienze passate alla muffa li in una superba unità di combattimento. Per tre anni, cominciando intorno al 367 A.C., era stato ostaggio a Tebe - suo fratello Perdicca ottenne il suo rilascio - dove ha testimoniato l'infame banda sacra e Cuneo tebana estremamente riuscito, così come le abilità tattiche dei loro comandanti famosi Epaminondas e Pelopidas. Utilizzando queste esperienze, ha completamente riorganizzato esercito della Macedonia. Ha aumentato le sue dimensioni da 10.000 a 24.000 e allargata la cavalleria da 600 a 3.500. Questo non era più un esercito di cittadini-guerrieri, ma uno dei soldati professionisti. Creò un corpo di ingegneri per sviluppare armi d'assedio, cioè torri e catapulte. Per dare a ogni uomo un senso di unità e solidarietà, ha fornito uniformi e un giuramento di fedeltà al re: ogni soldato non sarebbero più fedele ad una particolare città o provincia ma solo fedeli al re. Successivamente, ha ristrutturato la falange greca tradizionale, fornendo ogni unità individuali con il proprio comandante, consentendo in tal modo per una migliore comunicazione. Philip ha cambiato l'armamento principale da oplita lancia per la sarissa, un luccio di 18 a 20 piedi; aveva il vantaggio di raggiungere sopra le lance molto più breve dell'opposizione. Oltre la sarissa, un nuovo casco e uno scudo ridisegnato, ogni uomo ha posseduto una lama a doppio taglio più piccolo, o xiphos, per combattimento del chiud-in-mano.
Dopo la riorganizzazione dell'esercito, ha rifatto la città capitale di Pella, invitando i poeti, scrittori e filosofi; Aristotele sarebbe stato chiesto di insegnare il figlio di Philip Alexander. Di nuovo, il suo ragionamento era suono: per assicurare che i vicini non avrebbero attaccato, ha invitato i loro figli a Pella non solo essere educati ma anche per servire come ostaggi. Al fine di salvaguardare la sua autorità in casa, ha stabilito le pagine reali per garantire il trono contro possibili trame. Tuttavia, la sua preoccupazione primaria è rimasto la sicurezza e la sicurezza della Macedonia. Nel 357 A.C. egli fece infuriare i cittadini di Atene quando ha catturato la loro colonia di Anfipoli, acquisendo così le miniere di oro e argento. Egli sarebbe tornato temporaneamente per la città-stato solo a riconquistare e successivamente. Da lì, ha grippato la città greche del nord di Potedia e di Pidna nel 356 A.C..
clip_image013
Macedonia sotto Filippo II
Potere di Philip sarebbe venuto a compimento quando fu coinvolto nella guerra sociale terzo nel 356 A.C.. I Focesi erano impadronito della città di Delfi, sede del famoso oracolo. Sia Atene che Sparta entrò il conflitto sul lato dei Focesi. La lega tessalo chiesto Philip per aiutare e, anche se fu inizialmente sconfitto, lui e i cavalieri Tessali schiacciato i Focesi e il loro comandante Onomarchus presso il campo di battaglia di Croco nel 352 A.C.. Anche se incapace di garantire alleanze contro Filippo, Atene avrebbe continuato a fare la guerra fino alla pace di Filocrate nel 346 A.C.. Questa guerra costante ulteriormente indebolito la Grecia meridionale. Durante questo tempo, Philip ampliato la sua presa sulla Grecia catturando la città di Crenides nel 355 A.C., una città che ha rinominato Philippi; Metone nel 354 A.C. che ha raso al suolo; e Olinto penisola Chalcidice nel 348 A.C.. Ma lui non ha fatto scappare queste battaglie senza alcune cicatrici personali - un occhio perduto, una spalla rotta e una gamba inferma.
Durante l'ascesa di Philip al potere e le sue vittorie in tutta la Grecia, una costante spina nel fianco era Demostene, il grande oratore ateniese, che costantemente inveito contro Filippo in una serie di discorsi, chiamato The filippiche. I suoi discorsi infuocati - più successivamente chiamerebbe Alexander un monello - alla fine culminato nella battaglia di Cheronea nel 338 A.C., una battaglia che ha dimostrato sia il potere e l'autorità della Macedonia. Filippo e suo figlio Alexander (solo 18 al momento) sonoramente sconfitto le forze combinate di sia Atene e Tebe. Alla fine, fu convocato un Congresso panellenico a Corinto (Sparta non avrebbe partecipato) e la pace fu finalmente stabilito. Con la sua istituzione come il capo del Congresso e la sua promessa di garantire le colonie greche in Ionia, Philip cominciò a progettare per l'invasione della Persia.
Durante la conquista della Grecia, Philip ha preso tempo lontano dal campo di battaglia a sposare sette volte. Il più famoso di questi matrimoni era di Olympias, figlia di Neottolemo dell'Epiro e madre del futuro conquistatore della Persia, Alexander (c'era anche una figlia di nome Cleopatra). Al momento della nascita di Alexander nel 356 A.C., Filippo era lontano nella battaglia di Potidea. Lo storico Plutarco nella sua Vita di Alexander ha scritto di questo tempo, "solo dopo che Filippo aveva preso Potidea, ricevette tre messaggi contemporaneamente, che Parmenio aveva spodestato gli Illiri in una grande battaglia, che il suo cavallo da corsa aveva vinto il corso ai giochi olimpici, e che sua moglie aveva partorito Alexander..." Tuttavia, Alexander cresceva e la sua intelligenza è diventato evidente, tensione rosa tra padre e figlio. Perché la madre di Alessandro era dalla vicina Epiro, il re era sotto pressione per sposare un vero macedone e fornire il paese con un erede di sangue puro.
clip_image014
Il Philippeion di Olimpia
Nel 337 A.C. Attalo, un caro amico e comandante macedone, convinto Filippo a sposare sua nipote, Cleopatra Euridice e fornire un erede più adatto. Plutarco ha scritto, "alle nozze di Cleopatra, quali Philip cadde in innamorato e sposato, lei essendo molto troppo giovane per lui, suo zio Attalo nel suo drink desiderato che i macedoni vuoi implorare i dèi per dare loro un legittimo successore al Regno di suo nipote." Presso il banchetto di nozze, Alessandro divenne incensato a questa idea e ha espresso la sua indignazione, sia a commenti di Attalo e ubriachezza del padre. A causa delle sue osservazioni, egli e sua madre erano entrambi temporaneamente esiliati - lei in Epiro e lui in Illiria. Poco dopo il suo ritorno a Pella, Alexander sarei seduto sul trono.
Nel 336 A.C., ex amico, amante di Filippo, Pausanias, si arrabbiò con Philip sopra una questione personale e pugnalato a morte. Alexander rapidamente fu incoronato come re. Plutarco ha scritto, "... Pausania, avendo avuto un oltraggio fatto a lui nell'istanza di Attalo e Cleopatra, quando ha scoperto che egli non potrebbe ottenere nessun risarcimento per sua disgrazia a mani di Philip, visto la sua occasione e lo uccise. Il senso di colpa di cui fatto fu posta per la maggior parte sulla Olympias, che è stato detto di avere incoraggiato ed esasperato i giovani arrabbiati per vendetta..." 'Olympias suppone parte nell'assassinio non è mai stata provata; Tuttavia, è stato ampiamente noto che lei aveva sempre desiderato il trono per Alexander. Nuova moglie e un figlio di Philip furono rapidamente messi a morte da Olympias, eliminando qualsiasi significativa pretendente al trono. Dopo sottomettere eventuali gravi minacce alla sua regola, Alexander realizzato il sogno di suo padre e invase la Persia.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…