Descartes e la natura del corpo e della mente

La natura del corpo

Secondo Cartesio, il corpo è costituito di materia fisica e, pertanto, ha proprietà comuni a qualsiasi materiale, ad esempio dimensioni, peso e motore di competenze. Così, le leggi che governano la fisica, regolano anche il corpo umano.

Di questa linea di ragionamento, Descartes ha osservato che alcuni bot al momento creato per intrattenere la gente, aveva loro movimenti effettuati tramite tubi ovunque andò, acqua pressione causando parti mobili del robot (gambe, braccia e testa) che vincere imitato i movimenti dell'essere umano.

Tuttavia, si rese conto che, anche se un movimento umano, robot appena spostato a causa dell'acqua che scorreva nei loro tubi, non essendo un risultato dell'azione volontaria della macchina. Così, l'essere umano è qualcosa di molto più complesso di movimenti e può eseguire azioni indipendenti della sua volontà.

Questo problema ha causato Descartes prepara l'idea del riflesso undulatio, modernamente conosciuto come teoria di atto riflessivo, secondo cui uno stimolo esterno può generare un movimento del corpo che non dipende dalla volontà del soggetto, come la gamba si muove quando un medico ha colpito al ginocchio con un piccolo martello (riflesso rotuleo). Di questa teoria, il comportamento di riflessione non comporta pensare.

L'opera di Descartes servito come sovvenzione per l'ipotesi scientifica della previsione del comportamento umano. Questa ipotesi ha detto che poteva essere predetti comportamento umano, poiché sanno che gli stimoli applicati al soggetto. Così, un kebab sul braccio, deve necessariamente generare una reazione di ritiro del braccio locale dello stimolo e questa reazione è comune in tutte le materie.

Questo avrebbe creato la distinzione tra esseri umani e animali, quest'ultimo essendo considerato come senz'anima e quindi senza sentimenti o desiderio, che agisce solo per atti, riflessi simili a robot.

La natura della mente

Secondo la teoria di Cartesio, la mente è immateriale in natura, cioè non ha forma, peso o misura, tuttavia, viene fornita con la capacità di pensieri e di altri processi cognitivi (cognizione = capacità di acquisire una conoscenza), fornendo le informazioni di essere umano sul mondo esterno.

Questa capacità di separare il tuo pensiero della mente di tutto il mondo fisico. Pertanto, per studiarlo è necessario sapere come separare il fisiche reazioni emotive. Come la mente ha la capacità di pensiero, di percezione e di desiderio, ha influenza il corpo ed è influenzata da lui. Ad esempio, quando noi eseguire alcune azioni, questa decisione influenza i muscoli per eseguire l'azione desiderata. Allo stesso modo, quando il corpo riceve qualche stimolo come la luce, per esempio, la mente acquisisce questo stimolo, i giochi e determina la risposta appropriata.

Per Descartes l'atto unico davvero reale e che è prodotto dal pensiero della mente, essendo tutto il resto, compreso il mondo materiale a dubitare, cioè tutto vedere, sentire, toccare, può essere il frutto della nostra immaginazione, non davvero. Solo il pensiero ha la forza e la prova della verità.

Così, attraverso il semplice atto di pensare, Descartes ha dimostrato l'esistenza di pensato, senza cui nessuno potrebbe dubitarne. Immaginare qualcosa e vedrai che lei può essere messa in discussione, ma il pensiero non, perché l'atto di pensare in sé si dimostra l'esistenza del pensiero. Da qui la famosa frase di Cartesio "Penso, dunque esisto". Seguendo questo ragionamento, il pensiero è l'unica verità che non può essere contestato.

Interazione mente-corpo

La teoria dell'interazione mente-corpo di Cartesio necessari attraverso la ricerca sul punto esatto che in cui si verifica questa interazione, prima di essere completato. Per lui, la mente era un'unità e, pertanto, deve interagire con il corpo in un unico punto. La sua ricerca lo ha portato a credere che questo punto era il cervello, perché si rese conto che le sensazioni erano in viaggio per lui, dove è comparso i movimenti.

Era chiaro a lui che il cervello era il fulcro delle funzioni della mente e la struttura unitaria solo cervello sarebbe il corpo pineale (ghiandola situata dietro la terza cavità del cervello) o conarium. Cartesio considerato questo punto come il centro dell'interazione mente-corpo.

Ha usato i concetti del meccanismo per descrivere l'interazione mente-corpo. Proposto che il movimento dell'animale spirito (come era chiamato l'essenza della vita, l'anima) nei tubi provoca un'impressione nervosa sul conarium e quindi la mente produce la sensazione. In altre parole, la quantità di movimenti fisici, produce una quantità mentale o sensazioni. Si verifica anche l'inverso: la mente crea un'impressione nel conarium e quell'impressione provoca il flusso dello spirito animale fino a quando i muscoli, con conseguente movimento del corpo.

Pubblicato per scopi didattici

Cultura e scienza