Definizione: Inca tessile | Sua Origine e storia.

da Mark Cartwright Per Incas finemente lavorato e tessuti altamente decorativi è venuto a simboleggiare sia la ricchezza e lo stato, fine tela potrebbe essere usato come una tassa e la moneta e i migliori tessuti divennero tra i più apprezzati di tutti i possedimenti, ancora più preziosi di oro o argento. Tessitori Inca erano tecnicamente la più compiuta delle Americhe avevano mai visto e, con fino a 120 trame per centimetro, i migliori tessuti erano considerati i più preziosi doni di tutti. Di conseguenza, quando gli spagnoli arrivarono nel XVI secolo CE, era tessuti e prodotti non metallici che sono stati dati in Benvenuti a questi visitatori provenienti da un altro mondo.
Sebbene pochissimi esempi di tessuti Inca sopravvivono dal cuore dell'Impero, e sappiamo anche che molti tessuti sono stati bruciati per impedire loro di cadere nelle mani degli spagnoli, abbiamo, grazie alla secchezza dell'ambiente andino, molti esempi di tessili dal altopiani e luoghi di sepoltura di montagna. Inoltre, i cronisti spagnoli spesso fatto disegni di disegni tessili e abbigliamento così da avere un quadro ragionevole delle varietà in uso.
clip_image001
Motivo geometrico tessile Inca

Tessitori

Sembra che sia uomini che donne crearono tessile, ma era un'abilità delle donne di tutte le classi si aspettava di essere compiuta presso. L'apparecchiatura principale era il telaio di backstrap per pezzi più piccoli e il telaio singolo-heddle orizzontale o verticale telaio con quattro pali per pezzi più grandi, come tappeti e coperte. Filatura è stato fatto con un mandrino di goccia, in genere in ceramica o legno. Prodotti tessili Inca sono stati realizzati utilizzando cotone (soprattutto sulle coste e nelle pianure orientali) o lama, alpaca e lana di vigogna (più comune nelle highlands) che può essere eccezionalmente bene. Prodotti realizzati con la lana di vigogna ultramorbidi erano limitati e solo il sovrano Inca poteva essere proprietari di mandrie di vicuña. Tessile più ruvide sono stati anche realizzati utilizzando fibre di maguey.
Prodotti realizzati con la lana di vigogna ultramorbidi erano limitati e solo il sovrano Inca poteva essere proprietari di mandrie di vicuña.
I migliori tessitori femminili (aclla) da in tutto l'impero vennero trasferiti forzatamente nella capitale Cuzco a lavorare nella 'Casa delle donne scelto' o Acllawasi. Qui, troppo, laboratori di stato sponsorizzato con lavoratori sovvenzionati prodotto abbigliamento per la nobiltà e l'esercito. Fu qui che il panno più bella fu fatto da specialisti maschi conosciuto come qumpicamayocs o 'custodi del panno bene'. Gli Incas avevano tre categorie di stoffa: più impervi era chusi (utilizzato principalmente per coperte); un po' meno grossolana e più comune era awasca per uso quotidiano e militari, ma che è stato raramente decorativo; e la più bella stoffa era qompi. Quest'ultima era divisa in ulteriori due categorie - un grado per tributo, l'altro per la funzione religiosa e reale. Molte sepolture contenevano non solo tessile, ma anche lavoro-cestelli oblunghi che conteneva gli strumenti necessari per la tessitura (mandrini, bobine, rocchetti di filo e metalli spilli e aghi), che indica che la tessitura era un mestiere altamente stimato.

Colori & significato

I colori principali usati nel settore tessile Inca erano neri, bianco, verde, blu, giallo, arancione, viola e rosso. Blu è raramente presente nei tessuti di Inca. Questi colori sono venuto da coloranti naturali che sono stati estratti da piante, minerali, insetti e molluschi. Centinaia di sfumature di colori supplementari sono state fatte da miscelazione la tavolozza base di pigmenti. Colori avevano anche associazioni specifiche, ad esempio, il rosso è stato identificato con conquista, sovranità e sangue. Questo è stato visto più chiaramente nelle Mascaypacha, le insegne di stato Inca, dove ogni filo della sua nappa rosso simboleggiava un popolo conquistato. Verde rappresentato foreste pluviali, i popoli che abitavano i loro antenati, pioggia e sua conseguente crescita agricola, coca e tabacco. Nero significava creazione e morte, mentre il giallo potrebbe segnalare mais o oro. Viola era, come l'arcobaleno, considerato il primo colore e connesso con Mama Oclla, la madre fondatori della razza Inca. Infine, gli stranieri a Cuzco potevano indossare solo abiti neri.
clip_image002
Tunica Inca

Disegni

Oltre all'utilizzo di fili tinti a tessere modelli, altre tecniche compreso ricamo, arazzo, mescolando diversi strati di stoffa e pittura – neanche a mano o tramite timbri in legno. Incas favorita disegni geometrici astratti, soprattutto motivi di scacchiera, che ripetono modelli (tocapus) su tutta la superficie del panno. Alcuni modelli possono anche sono stati ideogrammi e così trasportato un significato specifico, ma il problema continua a essere dibattuto dagli studiosi. Soggetti non-geometrici, spesso resi in forma astratta, inclusi felini (soprattutto giaguari e Puma), lama, serpenti, uccelli, creature marine e piante. Vestiti erano semplicemente fantasia, comunemente con disegni quadrati a vita e frange e un triangolo marcatura il collo. Un tale disegno era la tunica militare standard che consisteva di un disegno a scacchiera bianco e nero con un triangolo invertito rosso al collo.
Disegni potrebbero essere specifici per gruppi familiari (ayllu), e uno dei motivi per disegni ripetuti era che tessuti spesso sono state prodotte per lo stato come una tassa e quindi tessuti potrebbero essere rappresentativo delle comunità specifiche e il loro patrimonio culturale. Proprio come oggi monete e francobolli riflettono una storia della nazione, così troppo tessile andina offerto motivi riconoscibili che sia rappresentato le specifiche comunità rendendo loro o i disegni imposti della sentenza classe Inca ordinandoli. Allo stesso tempo, proprio come l'Inca ha imposto un predominio politico sui loro sudditi conquistate, con l'arte hanno imposto standard Inca forme e disegni, ma ha permesso di tradizioni locali mantenere il loro preferiti colori e motivi. È inoltre notabile che, come con decorazione di terraglie, tessile Inca non includa rappresentazioni di se stessi, loro rituali o tali immagini comuni andina come mostri e figure metà uomo, metà animale che si vedono in altre forme d'arte.
Decorazione supplementare potrebbe essere aggiunto agli articoli sotto forma di nappe, broccato, piume e perline di metallo prezioso o shell. Fili di metallo prezioso potrebbero anche essere intrecciati nella stoffa stessa. Come piume erano solitamente da Condor e rari uccelli tropicali, questi indumenti erano riservati per la famiglia reale e la nobiltà.
clip_image003
Sacchetto tessile Inca

Funzioni

Inca vestiti erano in stile semplice e la maggior parte sono stati fatti utilizzando cotone o lana. Il tipico abbigliamento maschile era il perizoma e una tunica semplice (unqo) fatto da un unico foglio ripiegato e cucito ai lati con fori a sinistra per il collo e le braccia. In inverno un mantello o poncho veniva indossato sulla parte superiore. Le donne indossavano tipicamente un singolo grande panno avvolto intorno al corpo che è stato appuntato alla spalla e tenuto in posizione con una cintura o fascia conosciuto come un chumpi. In cima a questo potrebbe essere indossato un mantello, ancora appuntata sul davanti. Entrambi i sessi indossavano cappelli di panno o fasce. Questo copricapo potrebbe indicare gruppi di clan o status sociale, sia nel loro design e con l'aggiunta di piume e decorazioni di metallo prezioso.
Abbigliamento è stato un grande simbolo di status nella società Inca e facilmente riconoscibile indicatore di ricchezza e lo status di una persona. Governanti e nobiltà erano anche sepolto avvolto in più strati di tessuti pregiati. Tale era il valore dato a tessuti pregiati che Incas spesso necessaria la sua produzione come tributo o tassa (Mita - lavorando per lo stato) da gente conquistata. A tal fine determinati quantitativi di lana o cotone sono stati dati tessitori soggetto ogni anno affinché essi potrebbe produrre una quantità calcolata di tessuti. Quei tessuti che ha coinvolto la maggior parte del lavoro per produrre erano considerati i più preziosi. Infatti, prodotti tessili sono state così valutate che divennero in effetti una moneta; ad esempio, lo stato pagato unità di soldati e di chi lo aveva reso un servizio con panno.
Altri prodotti in sacchetti tessuti inclusi, per lo stoccaggio di, ad esempio, coca foglie. Questi erano spesso decorati con l'aggiunta di nappe. Dormire stuoie, coperte, sacchi, borse da sella, le tomaie delle scarpe, e arazzi sono stati effettuati anche dai tessuti. Piccola figura votiva bambole erano anche vestite di tessuti e lasciati in camere sepolcrali. E tessuti sono stati dati come regali nei rituali di importanti società quali matrimoni, nascite e riti di passaggio e potrebbero essere bruciati come offerte votive alle divinità. Infine, dovrebbe menzionare l'Inca quipu, il dispositivo di registrazione di stringa complessa dove nodi e colori sono stati usati per registrare i messaggi e prodotti specifici.

Inserito da Mark Cartwright, pubblicato su 1° febbraio 2015, con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Alden Mason, J., le antiche civiltà del Perù. Penguin Books, 1991.
  • Baudin, L. vita quotidiana degli Incas. Dover Publications, 2011.
  • D'Altroy, T.N. Incas. Wiley-Blackwell, 2014.
  • Jones, D.M. la completa storia illustrata dell'Impero Inca. Libri del Lorenz, 2012.
  • Kubler, g. l'arte e l'architettura dell'antica America, terza edizione. Yale University Press, 1984.
  • Moseley, M.E. Incas e dei loro antenati. Thames & Hudson, 2001.
  • Pietra, R.R. arte delle Ande. Thames & Hudson, 2012.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.