Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Vandalismo | Psicologia

Il termine vandalismo ha la sua origine in Storia antica e si riferisce direttamente ad una delle persone che invasero l'Impero Romano, già indebolito nel tempo. Questi gruppi sono stati considerati dal punto di vista della Roma dei Cesari, come barbari perché non hanno la cultura sviluppata da questo potere.

I Vandali erano di origine germanica e diffuse ripetutamente in tutta Europa, per trovare un rifugio a Cartagine nel Nord Africa. A un certo punto, però, hanno deciso di entrare in Roma e lì fatti prelievi per almeno due settimane. La versione romana è stato conservato nel corso del tempo, e così oggi 'delinquente' è sinonimo di spoiler.

Pertanto, il vandalismo è una modalità di espressione atteggiamento o che mira a cercare di distruggere una certa cultura e l'arte, il patrimonio di altre persone. Di solito è un cammino percorso da giovani che non riescono a trovare un altro modo per incanalare la sua energia e aggressività. Ci sono molti esempi di teppisti che, arrivata a trovare supporto a risvegliare in lui il potenziale artistico che abita in lui, e poi si sviluppano come meglio è possibile, lasciare gli atteggiamenti aggressivi e diventare, per esempio, i graffiti, dal momento che la Graffiti è una forma d'arte.

La prima menzione storica di questa espressione viene dal tempo della Rivoluzione francese. I documenti mostrano che il 10 gennaio 1794, il vescovo di Blois, Henri Grégoire, si riferisce agli atteggiamenti dei membri dell'Esercito repubblicano come vandalo. Dal XVII secolo, tuttavia, il francese e l'inglese questa parola era già impregnata di un contenuto peggiorativo.

Oggi questo numero di vandalismo sta sorgendo tra i giovani. Con l'intensificarsi della violenza, i suoi praticanti hanno migliorato i loro metodi, unendo in bande sempre più potenti e letali, non solo deturpare, danneggiare proprietà pubblica, ma anche sempre più ricorso ad atti di estrema ferocia, come ad esempio , bruciare persone vive - in genere coloro che sono socialmente esclusi, come i residenti di strade e indigeni - prostitute o assaltando.

Nell'ambito delle proprie scuole, studenti esplodere bombe su cortili o nei bagni, terrorizzare compagni di classe, insegnanti e presidi. Secondo il parere degli studenti, questi atti spesso sono destinate ad attirare l'attenzione non solo della facoltà, o la società, ma anche le ragazze, perché i loro fans cercano di creare loro su un'immagine eroica e potente. Ciò non significa, tuttavia, che le bambine non partecipano a queste azioni, che al momento risultano essere, a volte, più violento ragazzi.

Contrariamente all'opinione comune, tuttavia, questi atti non solo avvengono all'interno delle scuole statali, ma sono anche molto frequenti nelle scuole private. Quindi, non è una questione di classe, ma educativo, comportamentale, il risultato di una profonda crisi di valori, l'impunità, una incredulità completa in principi morali fondamentali come il rispetto, la solidarietà e l'accettazione delle differenze.

Questo è un problema che, insieme a molti altri fattori di violenza, è in crescita soprattutto nelle grandi città, che fa piccole comunità non completamente esenti, causando gravi disordini sociali, che si conclude sempre con la morte di aggressione commessi dal bersaglio Vandali . Ciò significa che, oggi, vandalismo gradualmente confusa con la violenza pura e indiscriminata, che dimostra una totale mancanza di senso della vita, priva sempre più il suo valore intrinseco.

I Vandali sono giudicati così di là del bene e del male, di ogni giudizio etico. Molto probabilmente, anche considerati i giudici dei loro simili, che, per inciso, che vedono ogni momento con un distacco crescente, come l''altro' non capiscono e non accettano. Quindi questo è frainteso da loro è visto con ostilità, come qualcuno che li minaccia e quindi deve essere distrutto, che vale anche per tutto il materiale di produzione hanno rifiutato per un motivo o un altro.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…