Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è L'ombra in psicologia | Psicologia

L'ombra è uno dei più importanti concetti sviluppati da Carl Gustav Jung in psicologia analitica o psicologia junghiana, una delle specialità della conoscenza psicologica che approfondisce la psicoanalisi, creato da Sigmund Freud.

Questo aspetto dell'ego umano è determinante per la conquista della valorizzazione integrale della personalità dell'uomo, vale a dire l'individuazione. Questo non avviene senza l'inclusione di ombra nel mare della tua coscienza, non essendo completa questo lavoro cresce, lo sviluppo di 'I'. Secondo Jung, la natura oscura fu lasciata all'umanità dalle fasi più primitive della esistenza lungo il percorso evolutivo intrapreso da essere umano.

Come l'individuo nascosto nei recessi della tua psiche tutto ciò che viene rifiutato da norme sociali e per te, quello che viene definito come contrasto con la moralità, la regola della forza bruta, cioè il mostro nascosto dentro ciascuno, l'inconscio è popolato con queste creazioni mentali c'è soppresse e senza la costante pulizia dei contenuti mentali, è impossibile essere uomo liberoperché il fatto non appartiene alla sfera della coscienza non significa l'ombra lascia influenzare gli atteggiamenti umani.

L'essere umano ha solo accesso alla sua natura oscura quando si ha l'audacia necessaria per immergersi in se stessi e intraprendere il viaggio essenziale della conoscenza di sé, un processo che può essere facilitato tramite la terapia, ma che tuttavia convien ogni perform.

In generale, tuttavia, persone hanno paura di guardare a se stessi per vedere come sono realmente e quindi di trasmutare ciò che appartiene al Regno delle ombre. Normalmente l'uomo sarebbe piuttosto progettare l'altra cosa egli rifiuta in sé, da qui l'importanza di analizzare gli aspetti di lucidità della propria personalità che comunemente vengono trasferiti ad altre persone e situazioni.

L'angolo oscuro dell'essere, l'oscurità che ancora risiedono nell'anima, che cerca di nascondersi, manca, secondo la psicologia analitica e la psicologia di profondità, essere conosciuto, acceso, al fine di superare e trascendere questi contenuti. Questo arduo compito dovrebbe essere effettuato presso il cuore dell'uomo, che deve risvegliare nel vostro intimo loro forze più male – perché anche l'ombra rivela, spesso sotto apparenze-terribile, li esiliare dalla tua anima affrontarle con la luce della coscienza.

Esseri umani aveva sempre temuto la sua ombra, perché esso rileva la presenza di tutto questo, infatti, vuole dimenticare o far finta che non è mai esistito. Ma senza la consapevolezza della natura scura non non c'è nessun processo di individuazione auto-sostenuta. È importante anche rendersi conto che questo movimento di trasformazione è costante, perché una volta ammetti l'esistenza della natura oscura al suo interno, l'uomo dovrà lottare incessantemente contro di lei, perché mentre lui ha libero arbitrio, che presuppone la scelta, qualcosa sarà sempre relegata al margine, vale a dire l'ambito dell'ombra.

In questo senso, l'individuo avrà invariabilmente compagnia ombra nel suo percorso evolutivo verso l'individuazione. E potrebbe essere necessario sconfiggere incessantemente le loro paure e tutto il resto nel senso di portare nella sfera della coscienza che è la periferia della psiche, lasciando costantemente la percezione della sua natura oscura. Sogni possono contribuire molto a questo spesso costituisce il primo passo nel processo di ammissione della presenza di questo attributo negativo dell'ego, che può anche rivelarsi positivo per conferire intensità per la creatività, l'ispirazione e tutte le emozioni che circondano il processo della creazione.
Articolo contribuito per scopi didattici
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…