Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Gelosia | Psicologia

La gelosia è un sentimento ben noto a tutti. Chi mai sperimentato per tutta la vita? Questo significa che è un'emozione comune, rinunciando a un certo sapore alla relazione affettiva. Alcuni sostengono addirittura che mantiene la fiamma della passione che brucia. E anche, come paura, è una sorta di antenna che ci mette in guardia circa la presenza o l'assenza dell'amore nel rapporto, quindi indica la vicinanza di un certo pericolo per l'interazione tra i partner.

Ma, per superare certi limiti, diventa dannosa e patologica, causando danni profondi al rapporto. Gelosia, in francese, si traduce in 'persiana', un'espressione di cui ha avuto origine la parola 'grata', che tempo fa ha denotato la finestra del termine. Si dice che alcuni mariti, gelosi delle loro mogli, importate nelle loro residenze o tende alla veneziana, tende per questi ragazzi essere nascosto dagli sguardi degli altri e allo stesso tempo potrebbero seguire esterno eventi, questo è il parere del medico professore di letteratura Dioniso da Silva.

Questa sensazione di solito coinvolge tre persone – il geloso, l'oggetto della gelosia e l'agente che ha provocato. In questo triangolo amoroso complesso, i sentimenti di perdita e minaccia di portare allo scoppio di questa emozione che può diventare altamente esplosivo. In qualche modo, si potrebbe dire che egli è presente nell'istinto umano, ma in eccesso dimostra che la persona non è in grado di controllare i propri impulsi. Esso coinvolge anche un'altra questione, che di fiducia, che ci porta ad un altro punto importante della sicurezza.

Quando l'individuo è in grado di sviluppare abbastanza autostima, siedono inferiore rispetto agli altri e quindi è costantemente insicura. Egli paragona addirittura agli altri, e inconsciamente si sente sconfissero in questo confronto. Quindi, è sempre in uno stato di allerta in questa competizione persistente che ha anche progettato. È naturale allora inizia a vedere fantasmi dove non esistono e finiscono per trasformare la tua paura di perdere la persona amata in una terribile ossessione.

In questo modo, poco lontano dall'altro, che lo rende ancora più insicuro, geloso e ossessivo, creando che una sorta di circolo vizioso in questo rapporto è destinata a fallire. Disperato, il partner deve controllare e limitare ulteriormente la vita di un'altra persona, limitando la sua libertà e bombardando con accuse spesso senza alcun motivo, soffocando al punto l'essere amato la relazione romantica finisce per cadere oltre tempo. Questa gelosia patologica genera in chi l'indossa un intenso carico di risentimento, dolore e, talvolta, un malato desiderio di vendetta, che, purtroppo, può causare i famosi crimini di passione.

È quello che vedete ritratta nella famosa tragedia shakespeariana "Otello il Moro di Venezia". In questo lavoro, folle di gelosia della sua amata Desdemona, che egli ritiene barare su di lui con il suo migliore amico, Othello, in grado di presentare i suoi impulsi alla ragione, che cosa è di impedirgli di realizzare l'innocenza della moglie, cede ai suoi istinti e la uccide. Nella vita quotidiana vediamo che questa stessa storia si ripete incessantemente. Questa sensazione è veramente democratica, perché chiunque, indipendentemente da razza, sesso, etnia o classe sociale, è soggetto a lui. Egli scompare solo quando l'uomo davvero imparare ad amare, che implica imparare che nessuno possiede nessuno, perché l'altro è libero, e quindi solo i legami di amore possono tenervi dalla nostra parte. Pertanto, solo per guarire il dolore dell'anima, tra i quali paura, mancanza di fiducia in se stesso e negli altri, insicurezza, tra gli altri, è che questo mostro divoratore di relazioni affettive essere sconfitto.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…