Concetto e che cosa è Coscienza

William James, psicologo americano (1842-1910), ha dichiarato che la psicologia è la scienza della vita mentale, coprendo entrambi i loro fenomeni come le loro condizioni. Per quanto riguarda l'oggetto di studio, le parole chiave sono fenomeni e condizioni. In relazione a fenomeni, voleva dire che l'oggetto di studio della psicologia dovrebbe essere cercata nell'esperienza immediata. Già in relazione alle condizioni, di cui l'importanza del corpo, soprattutto il cervello, la vita mentale.

Secondo James, fisici sostruzioni della coscienza formano una parte fondamentale della psicologia. Coscienza deve essere esaminato nel suo ambiente naturale, che è l'essere umano fisico. Questa nozione di azione biologica del cervello sulla coscienza è una caratteristica esclusiva dell'approccio della psicologia del James. Si ribellò contro l'artificiosità e la ristrettezza della posizione di Wundt. Creduto era cosciente esperienze esperienze semplicemente cosciente e non gruppi o insiemi di elementi. La scoperta degli elementi minimi di coscienza, attraverso l'analisi introspettiva, ha mostrato che siano esistiti indipendentemente da un osservatore addestrato. Psicologi effettuano letture dell'esperienza basata sulla sua posizione sistematica e con il tuo punto di vista.

James ha sostenuto che il fatto alcune persone addestrato per essere in grado di analizzare le loro esperienze coscienti in un laboratorio di psicologia, non significa che gli elementi per lei segnalato sono presenti nella coscienza di chiunque esposti all'esperienza stessa. E ' detto che le sensazioni semplici non esistono nell'esperienza cosciente, essendo solo il risultato di un processo di inferenza o astrazione, dove la nostra mente genera un'attenzione discriminante, scegliendo all'interno del nostro repertorio di esperienze, gli oggetti e le relazioni necessarie per elaborare una sensazione.

Egli ha creato l'espressione flusso di coscienza, per spiegare l'idea che vita mentale è costituito da un'unità in un'esperienza totale che cambia. La coscienza è un flusso costante e qualsiasi tentativo di dividere in separato temporaneamente fasi possono distorcerlo.

Come la coscienza è in continua evoluzione, non è possibile sperimentare la stesso pensiero o e stessa sensibilità più di una volta. Si può pensare di un oggetto o un stimolo in più di un'occasione, ma i pensieri non sono identici in ogni situazione. Sono coinvolti diversi a causa delle esperienze. Così, la coscienza è definito come cumulativo e non ricorrenti.

La mente è anche continua. Non non c'è nessuna brusca interruzione nel flusso di coscienza. È possibile notare il lapsus del tempo, ad esempio, quando siamo assonnati, ma quando siamo svegli, non abbiamo alcuna difficoltà di stabilire rapporti con il nostro flusso di coscienza in corso. La mente è selettiva: come siamo in grado di prestare attenzione solo a una parte dell'universo delle nostre esperienze, lei sceglie tra i vari stimoli che è esposto. La mente filtra esperienze, unisce e divide altro, seleziona e respinge gli altri. Il criterio principale di selezione è la seleziona di pertinenza, la mente gli stimoli rilevanti in modo tale che permette la coscienza operano così logico, creando così una serie di idee che possa provocare una conclusione razionale.

James ha sottolineato, anche, la funzione o scopo della coscienza. Credeva che ha giocato qualche funzione biologica, altrimenti io non sono sopravvissuti lungo. La funzione della coscienza e forniscono la capacità di adattarsi all'ambiente, permettendoci di scegliere. Per sviluppare questa idea, James ha fatto distinzione tra scelta e abitudine; creduto che fossero abitudini involontarie e inconsapevole. Quando siamo di fronte ad un problema nuovo e dobbiamo scegliere un modo per confrontarsi con lui, la coscienza entra in scena.

James ha affermato che è evidente e palpabile che il nostro stato mentale non è mai esattamente lo stesso. Ogni prodotto tramite un particolare fatto di pensiero è unica e ha solo una certa somiglianza con altri pensieri provenienti dal fatto stesso. Il filosofo greco Eraclito (544 a 484 A.C.) già pronunciata in questo modo nella sua celebre frase: "nessuno può entrare lo stesso fiume due volte", volendo dire che, dalla prima esperienza entrando il fiume, la persona non è più lo stesso, perché questa esperienza ha portato il suoi sensazioni prima ho provato e le acque in cui bagno, spostata e ora sono altre acque che passano da questo fiume.

Come la psicologia si occupa con la coscienza personale e immediata, introspezione (dietro l'attenzione all'interno di se stessi) dovrebbe essere il metodo di base. James aveva scienza delle difficoltà di introspezione e accettare anche considerando un metodo imperfetto di osservazione. Tuttavia, ha creduto nella possibilità di un controllo più approfondito dei risultati prodotta dal confronto dell'ottenuti da varie dispute di osservatori.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza