Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Consumismo

Consumismo è una costrizione che porta l'individuo a comprare illimitato e senza necessità merci, beni e/o servizi. Ha indebitamente influenzato dai media, che è comuni in un sistema dominato da preoccupazioni materiali, in cui gli appelli del capitalismo Andrè in profondità nella mente umana. Non mi meraviglia l'universo contemporaneo in cui viviamo è conosciuto come "società dei consumi". Dopo la rivoluzione industriale, che ha reso possibile la maggiore scala di produzione e aumentato il volume delle merci in circolazione, il mondo è cambiato profondamente. Con l'industrializzazione è venuto lo sviluppo economico sulla falsariga del liberalismo e il consumismo alienato, cioè, è come se i beni fossero entità astratte e autonoma, indipendente degli sforzi umani. Perché ora l'uomo non consumare di più, come una volta, i prodotti che egli elabora. Incontra apartado dei frutti del loro lavoro.

Consumistica non agisce come il consumatore che acquista beni e servizi che necessari per la loro esistenza, fin che è sempre attraverso i confini di necessità e toccando le sponde del superfluo. Suona spesso spostato da disturbi emotivi e psicologici, o per motivi socio-economici, come una sorta di compensazione per la freddezza di convivialità sociale, di carenze finanziarie, danneggiato l'autostima e per tanti altri motivi. Il risultato di questo atteggiamento impulsivo è generalmente l'indebitamento, poi l'individuo assume un sovraccarico di lavoro, nel tentativo di eliminare il debito, pertanto si è sottoposto ad un regime di sfruttamento sul lavoro, ancora una volta si ritrova emotivamente fragile e diventa incline al consumismo feroce. Come si vede, crea un circolo vizioso, di cui solo con molto impegno e un efficace trattamento terapeutico, il soggetto può essere libero.

Inoltre, l'accumulazione crescente di superfluo prende la nostra società un deterioramento delle abitudini e dei valori, come schiavi le persone diventano gradualmente del materialismo a discapito del carattere spirituale della vita. Le proprie relazioni sociali a fronte di aumentare il valore aggiunto della merce svalutate, infatti anche i rapporti sottoposti a criteri di materiale. Consumismo può anche causare un disturbo psichico grave, il oneomania, che porta l'individuo ad un compulsivo spesa, più comune tra le donne. Natura anche è minata dal consumo illimitato, perché l'aumento delle merci, non solo la domanda, ma anche fornire, produce sull'ambiente aumentano il volume della spazzatura.

Per la persona alla ricerca di un trattamento, è necessario prima entrare in possesso del suo processo che si svolge nella tua psiche, ma prendere quel passo non è facile, perché il consumismo è un atteggiamento spesso inconscio. Il sistema capitalistico ha generato nella nostra società una concezione fuorviante che il consumo illimitato conduce al benessere ed è sinonimo di civiltà. Così oggi siamo andati a centri commerciali, veri templi del consumo, che proliferano e sempre più ci impegniamo in rituali di acquisto e l'acquisizione di servizi, trasformando il proprio corpo in merce. Invece di liberarci, come prima, i riti sacri, colomba in natura sempre più laica del consumismo. E come partecipare a questo cerimoniale moderno è sempre più costoso, persone spendere eccessivamente sfruttato che i mezzi di acquisizione, vale a dire tutto e tutti sono misurati in termini di metalli preziosi, la potenza e la posizione sociale che occupa, prerequisiti per essere abilitato a un crescente consumismo. Il simbolo della felicità umana nella società contemporanea è la possibilità di poter consumare senza freni, in poche parole, il possesso di beni materiali. Ciò che rende difficile uscire da questo troll vizioso è che il sistema alimenta continuamente la sete di consumare, di avere a disposizione un mercato sempre disponibile.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…