Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Autostima | Psicologia

L'autostima è il trial, l'apprezzamento che ognuno si fa, la sua capacità di come te. Il percorso più realizzabile un'autovalutazione positiva è conoscenza di sé. Incontrare che il proprio sé è fondamentale, perché essa implica la loro scienza sono positivi e gli aspetti negativi e apprezzando le virtù trovato. Questo dialogo interiore richiede un turno di se stesso, la determinazione per intraprendere questo viaggio verso l'essenza dell'essere, lasciando un po' da parte il dominio dell'ego.

Questo riconoscimento soggettivo rende l'individuo più in grado di affrontare gli ostacoli e le sfide della vita quotidiana, poiché ora egli conosce il suo potenziale di resistenza e l'intensità del loro coraggio e la determinazione. Così egli può evitare le insidie che caratterizzano la bassa autostima, quali insicurezza, inadeguatezza, perfezionismo, dubbi, incertezze, una mancanza di fiducia nella loro capacità, la paura di fare errori, l'instancabile ricerca di riconoscimento e di approvazione, tra gli altri. Rinforzato, il ragazzo può resistere i fattori che causano il calo nell'autostima – critica e autocritica, sensi di colpa, abbandono, rifiuto, mancanza, frustrazione, vergogna, gelosia, timidezza, insicurezza, paura, rabbia e molti altri.

L'autostima è formata durante l'infanzia, basato sull'educazione e il trattamento ricevuto da amici, parenti e insegnanti. È molto importante per l'ambiente, il contesto in cui il bambino cresce, perché questo mezzo può costruire o distruggere la fiducia del principe stesso. Se i genitori fanno un bambino essere dipendente, lei può diventare intrisa di false credenze, che contribuisce alla loro bassa autostima. Secondo la psicologia, l'autostima può coprire quello che viene chiamato auto-significantes credenze – "sono smart/ignorante"-, aggregati emozioni auto-significantes – sicurezza/insicurezza – e tratti comportamentali. Lei può essere un aspetto definitivo della personalità o stato emotivo di un passeggero.

Se il bambino ha un'innata capacità di apprendimento ed è produttivo nella scuola, questo contribuisce automaticamente alla vostra autostima. In questo rapporto con la sfera educativa, compreso il rapporto con i colleghi, per vedere se questo sentimento sviluppano molto presto. Al momento il bambino è facilmente influenzato e modellato da coloro che lo circondano, soprattutto i suoi genitori, che sono il suo ruolo di modello, dove si riflette l'immagine. Si formano così i legami di amore o di odio, che si rifletterà immediatamente nella formazione della tua autostima. Se i bambini crescono in un ambiente che è dispregiativo, in mezzo a frizzi e ironie, la vostra immagine di sé sarà naturalmente inferiore. Questo stesso modello può essere ripetuto a scuola e con la cerchia di amici, che rafforzano questo sentimento.

Ci sono percorsi che si possono seguire per aumentare l'autostima. Uno di loro, forse la cosa più importante, è già stato citato, conoscenza di sé. Inoltre è necessario prendersi cura dell'aspetto fisico, per il piacere di guardare nello specchio, imparare a valore nostre qualità, lasciando sopravvalutare le carenze, imparare dalle esperienze permanente con esperienza, imparare a sviluppare per te stesso, amore e affetto, ascolto di intuizione e credere che tu abbia il merito di essere felice, di essere amato, come pure di godere dei piaceri semplici della vitama che effettivamente ci rende felici. Così l'individuo riceverà più agevolmente la lode e affetti e imparare a ripagarli, ridurre la loro ansia, avrà più coerenza nei loro sentimenti, che saranno essere in sintonia con suo intervento, non hai molto bisogno di ricevere l'approvazione degli altri, sarà più flessibile, la propria autostima crescerà, come pure la vostra autostima, aumenterà la produttività professionale e, soprattutto, si sentirà una pace interiore intensa.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…