Passa ai contenuti principali

Chi erano i Maya?

Con i Maya si svolge così come altre culture precolombiane: ciò che più non sappiamo che cosa sappiamo. E nel caso particolare di loro ragione non potrebbe essere più semplice: l'arrivo degli spagnoli in America molti codici sono stati decorati con la figura di "Quetzalcoatl", il serpente piumato e ricordate che uno dei pregiudizi del Medioevo è il partner il serpente con il diavolo, poi sono stati bruciati come cose malvagie; Potremmo non essere severi nel giudicare in questo i nostri antenati, tutto il tempo, e civiltà li ha.

Hanno abitato il stati degli confine del sud del Messico, Belize, Guatemala, El Salvador e Honduras, che complessivamente è conosciuto come Mesoamerica. La storia dei Maya è stata suddivisa in tre periodi ai fini di studio: il pre-classico o antico che va dal 10 ° secolo A.c. al IV secolo D.c.; il classico che va fino al decimo secolo; il periodo postclassico che termina nel XVII secolo. Nel primo periodo che una città si siede in Peten (Guatemala) o un po' più a nord, cui l'origine è completamente sconosciuto, anche se si ipotizza è fonte di Olmechi o non, la verità è che di loro discendenti Maya e cominciarono con un'economia fondamentalmente agricola basata sullo scambio con qualche attività di tipo militare e una religione semplice che adorata gli spiriti.

Tra metà e fine di questo periodo i Maya sono scoperte matematiche e astronomiche che li hanno resi famosi tra alcuni studiosi. Durante le città classiche insediamenti diventare, la struttura sociale è più complessa, che la religione ora include il pantheon dei con una mitologia ampliata da secoli di tradizione e di una tecnologia che permette loro di fare grandi costruzioni che possiamo ancora vedere. Suo esercito fatto conquiste importanti e, anche se ci è poca prova, devono essere crudele perché sembra che hanno sacrificato i vinti.

A causa di questi pochi riferimenti per lungo tempo (e molto ingenuamente) pensavano che maya era una cittadina tranquilla, governata dai sacerdoti, che non hanno la loro importanza nonostante la classe dirigente nobiliare. Durante il periodo postclassico, c'è un ritiro lento da grandi città e centri religiosi, che è un mistero per gli archeologi e gli storici perché non spiegano con qualsiasi teoria poiché essi furono abbandonati, le opinioni sono molto negativi in sé, alcuni dicono che potrebbe essere una guerra civile, altri pensano a pest, molti in quanto esaurito terreni da coltivazione e anche questa fantasia di molti che pensano cose fantastiche, tutto molto possibile perché essi tendono a non lasciare i registri storici.

A mio parere particolare, credo che noi possiamo già parlare di una cultura Maya, se non da molte culture come come indicato in tale quantità di dialetti che gli spagnoli si trovano al momento dell'arrivo in America non meno di 40. Finalmente si parla di un periodo di decadenza, dove la cultura Maya si dirama in altri gruppi etnici o si fonde con gli altri e anche se si parla di piccoli regni mai sarà lo splendore del periodo classico.

I Maya ci danno un strumenti di ingegneria dall'età della pietra che potrebbe anche essere paragonato con quello utilizzato dagli egizi nell'età del bronzo, un sistema numerico che include zero molti secoli prima che gli indù lo trovano. I Maya ci danno anche un calendario solare molto più perfetto di Julian, che è appena un po' più lontano, e che non è stato trovato un precedente in America pre-colombiana. La ricchezza cultura della corrente Maya e i gruppi etnici che scendono da loro ci danno solo una piccola idea della loro cultura antica e il suo periodo classico.
Articolo contribuito per scopi didattici
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…