Passa ai contenuti principali

Chi era: Janus | Sua Origine e storia.

di Donald L. Wasson clip_image001
La Repubblica romana dovette molto all'influenza cultura dei suoi vicini greci. Per secoli i greci occuparono una posizione di rilievo a sud l'isola di Sicilia. Una serie di guerre nel 2 ° e 3 ° secoli A.C. portata alla città una tremenda presenza ellenica: arte, letteratura, filosofia e più significativamente, religione. Anche se una ricca tradizione religiosa esisteva molto prima dell'arrivo dei greci, il pantheon dei greci si fuse rapidamente con quelli già presenti. Tuttavia, c'era un solo Dio con nessun omologo greco - uno che simboleggiava l'inizio e la fine. Il suo nome è stato evocato anche prima di quella di Giove. Il suo nome era Janus.
Nonostante l'influenza di queste divinità appena arrivati, c'era una differenza significativa tra il culto greco e romano: l'importanza dei riti. Ai Romani rituali erano estremamente importanti. Essi erano un velato tentativo di evitare i pericoli di zelo religioso. Se un rituale sono stato eseguito correttamente, un individuo sarebbe stato ricompensato; Se così non fosse, egli potrebbe essere punito. Questo affidamento continuerebbe a lungo dopo l'arrivo del pantheon greco.
A tutti i Romani Giano era il Dio degli inizii ed estremità, presiedere ogni ingresso e partenza.

Gods & rituali romano

Inizialmente, prima ancora che la triade capitolina, religione romana era basata sul culto della famiglia - una credenza che gli spiriti o numina abitata tutto intorno a loro, persone incluse. C'era una matrice delle divinità domestiche: Vesta, lo spirito del focolare (più successivamente per essere associato con le Vestali); Penati, i Guardiani della dispensa (più tardi protettori dello stato romano); Lar Familiaris, lo spirito della terra coltivata (anche il guardiano della fortuna di famiglia); e infine, Janus, lo spirito della porta o ianua.Anche se solitamente benigno, questi spiriti potrebbero essere adirati, soprattutto se ignorato. Ogni casa conteneva un piccolo armadio contenente le loro immagini e una piccola parte di ogni pasto li onorato. Infine, molti di questi spiriti domestici divenne la divinità dello stato.

Janus leggenda & attributi

Janus è stato uno dei primi delle divinità romane, a volte indicata come il "Dio degli dèi" o deo diuom;altri lo ha identificato con il Dio etrusco Culcans. Tuttavia, ci sono almeno due notevoli miti riguardanti la sua origine. E, secondo entrambi, a differenza di altre divinità romane e greche, Janus può avere realmente vissuto. Nel primo mito, regnò a fianco di un precoce re romano chiamato Camesus. Dopo l'esilio di Janus dalla Tessaglia (una provincia del nord della Grecia), arrivò a Roma con la moglie Camise o Camasnea e figli, il più noto, essendo Dio (Dio del Tevere). Poco dopo l'arrivo, costruì una città sulla riva occidentale del fiume Tevere, denominata Gianicolo. Dopo la morte di Camesus, regnò Lazio pacificamente per molti anni. Ricevette presumibilmente Saturn quando il Dio era guidato dalla Grecia. Alla sua morte, fu divinizzato Janus. Il secondo mito ha lui presente ai tempi di Romolo, il fondatore di Roma. A seguito Romolo rapimento delle Sabine, Roma fu attaccata. Come il nemico, sotto la guida di Titus Tatius, scalate le mura della città, Janus ha lanciato uno spray potente getto di acqua calda, costringendoli a ritirarsi. Per celebrare questo atto che le porte del tempio di Giano, al Forum sono sempre lasciate aperte così egli può assistere i soldati romani in tempo di guerra. Presumibilmente, Romolo stabilito un culto onorando Janus.
Secondo alcuni, egli era il custode dell'universo, ma, per tutti i Romani, egli era il Dio degli inizii e le estremità, presiedere ogni ingresso e partenza, e perché ogni porta e passaggio guarda in due direzioni, Janus è stato visto come due facce o Janus bifrons - Dio che guardò in entrambe le direzioni. Egli era il custode; suoi simboli erano il personale di un porter o virga e un set di chiavi. Per illustrare la sua importanza, il suo nome è stato anche citato prima di Giove nelle preghiere. Ha protetto l'inizio di tutte le attività. Ha inaugurato le stagioni. Il primo giorno di ogni mese era considerato sacro a lui ma il primo mese dell'anno: gennaio - che molti al giorno d'oggi considerano in suo onore..--in realtà è stato nominato per Giunone, Regina degli dèi. Prime monete Romani ha caratterizzato la sua immagine, mostrandogli come due facce, uno barbuto e l'altro ben rasato. Più tardi, durante il Rinascimento, questa immagine di due facce rappresenterebbe non solo il passato e futuro, ma anche saggezza.

Chiudendo le porte ai santuari di Janus

C'erano cinque santuari costruiti per onorare Giano Geminus a Roma, che si trovavano nei pressi di attraversamenti di fiumi o corsi d'acqua, a causa della sua precoce collegamenti acqua e ponti. La più importante di questi santuari era vicino all'ingresso di Argiletum al Forum. Questo particolare santuario aveva porte in bronzo ai lati est ed ovest, e secondo la tradizione, le porte erano tenute chiuse in tempi di pace e aperte in tempo di guerra. Tuttavia, poiché i Romani sembravano sempre di essere in guerra da qualche parte, le porte non erano chiuse quasi mai. Inoltre importante era il modo in cui l'esercito lasciato a fare la guerra; essi dovevano uscire la città secondo il rituale per essere protetto da Janus. Non farlo potrebbe causare sconfitta.
Nel gennaio del 48 A.C., durante il periodo di Julius Caesar, Senate romano ha autorizzato una cerimonia (augurium salutis) quando le porte del tempio erano infine chiuso..--un simbolo che vittorie di Cesare avevano finalmente portato pace nella Repubblica. Questo non sarebbe l'ultima volta che un imperatore avrebbe chiuso le porte. All'inizio del suo regno, l'imperatore Augustus ha optato per molte delle antiche tradizioni religiose e rituali continuano nel tentativo di rinvigorire il culto delle divinità antiche e allontanarsi da culti e divinità straniere. Ha ricostruito molti degli antichi santuari e templi che erano caduto in rovina. Per questo motivo, durante la guerra di Roma in Spagna nel 26 A.C., l'esercito ha continuato la pratica di uscire correttamente attraverso le porte del Santuario di Janus. Queste porte sono state chiuse solennemente al loro successo ritorno sette anni più tardi.
I greci avevano una grande influenza su Roma: la cultura, la sua immagine di sé e, naturalmente, la religione. Tuttavia, si dimentica spesso che c'era religione a Roma prima di questo contatto. Ci era, tuttavia, un cambiamento drammatico. Divinità romane divenne più greco, cioè più umano-come con tutte le debolezze dell'essere umano: amore, odio, gelosia, ecc. Tuttavia, c'era un Dio che non è mai cambiato; era l'inizio e la fine. Non aveva nessun omologo greco. Egli era romano in modo univoco. Egli era Janus.

Scritto da Donald L. Wasson, pubblicato il 6 febbraio 2015, con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Baker, S. Roma antica. Libri di BBC, 2007.
  • Boak, A. E. R. una storia di Roma a 565 D.C.. Prentice Hall College Div, 1977.
  • Boak, vennero, storia di Roma al 565 D.C.. Collier Macmillan Ltd, 1965.
  • Freeman, p. Giulio Cesare. Simon & Schuster, 2009.
  • Goldsworthy, a. Augustus. Pressa dell'Università di Yale, 2014.
  • Grimal, p. il pinguino in dizionario di mitologia classica. Penguin Books, 1992.
  • Impelluso, L. miti. Abrams, 2008.
  • Morford, M. P. O. mitologia classica. Oxford University Press, 2003.
  • Stapleton, M. Dizionario di greco e mitologia romana. Bell Publishing, 1978.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…