Aristippo di Cirene | L'origine e la storia

di Joshua J. Mark
clip_image025
Aristippo di Cirene (c. 435-356 A.C.) fu un filosofo greco edonistico, che era uno degli studenti Socrates insieme ad altri allievi come Platone, Senofonte, Antistene e Fedone. Egli fu il primo degli studenti Socrates a pagare una tassa per l'insegnamento e, dato che Socrate era accusato di nulla, questo e l'accusa che egli aveva tradito la filosofia di Socrates, creato un attrito permanente tra Aristippo e Socrates altri discepoli. Ha creduto e insegnato che il senso della vita era piacere e che la ricerca del piacere, dunque, era il più nobile percorso uno potrebbe dedicarsi a. È difficile da capire, in un primo momento, come Aristippo avrebbe potuto essere un allievo di Socrate, così diverse sembrano loro filosofie. Tuttavia, più famosa frase 'Aristippus, "posseggo, non sono posseduto", è abbastanza in linea con la visione di Socrates proprio della vita come presentato da Platone e Senofonte, le due fonti primarie sulla vita di Socrates.
Platone presenta Socrate come un uomo che spesso goduto bere vino ma che mai ubriacato, chi frequenta le parti ma non ha mai avuto i soldi per ospitare uno stesso, e che sembra aver vissuto principalmente - nei suoi ultimi anni almeno - su regali monetari da amici e ammiratori. Senofonte non contraddice Plato su uno qualsiasi dei punti di cui sopra. Anche se Socrate potrebbe in alcun modo essere considerato un edonista, è abbastanza facile da vedere come un giovane discepolo del suo potrebbe giungere alla conclusione che godendo di quelle cose che il denaro può comprare, senza diventare uno schiavo al denaro con cui acquistare tali cose, sembrerebbe una filosofia utile. Ulteriormente, abitudine di Socrates di bere pesantemente, ma mai apparire ubriaco o cercando di acquisire più vino, sarebbe in linea con la filosofia di Aristippo di possedere, o godendo, qualcosa senza essere posseduta da quella cosa.
Aristippo ha sostenuto che la più alta verità uno potrebbe raggiungere il riconoscimento che il piacere è stato lo scopo dell'esistenza umana e la ricerca del piacere è stato il senso della vita.
Mentre Socrate perseguito la verità e cercò di capire, Aristippo semplificato l'insegnamento del suo maestro sostenendo la verità più alta, uno potrebbe raggiungere era il riconoscimento che il piacere è stato lo scopo dell'esistenza umana e la ricerca del piacere è stato il senso della vita. In questo e nel suo disprezzo per chi complicate questioni pensando troppo precisamente su di loro, che sarebbe uno spirito affine del filosofo edonista cinese Yang Zhu (440-360 A.C.) che sosteneva che le preoccupazioni circa la "destra" e "sbagliato" sono una perdita di tempo perché non c'è nessun Dio, nessun aldilà e nessuna ricompensa per la sofferenza inutilmente di negare se stessi quando si potrebbe come facilmente, e più sensibilmente, godersi la vita nel presente.
Dialogo di Platone di Fedone descrive l'ultimo giorno di vita del Socrates quando i suoi discepoli vennero a fargli visita nella sua cella ad Atene e avevano la loro discussione filosofica finale. Il dialogo inizia con il filosofo pitagorico Echecrates incontro studenti Socrates Fedone (che era lì nel carcere e presente alla morte di Socrates) e chiedendogli di raccontare l'esperienza in carcere l'ultimo giorno. Fedone elenca coloro che erano presenti ed Echecrates chiede, "ma Aristippo e Cleombroto, erano presenti?" A cui Fedone risponde, "no. non erano. Sono stati detti per essere in Aegina"(59c). Come l'isola di Egina era conosciuto come un resort di piacere, Platone certamente sapeva quello che stava facendo a collocare il filosofo edonistico ci invece di presenti nelle ultime ore di Socrates. Se il Cleombroto menzionato nel Fedone è l'uomo stesso che Callimachus dice balzò alla sua morte dopo leggendo la descrizione di Platone dell'aldilà e il viaggio dell'anima nel dialogo del Fedone non è nota, ma se Cleombroto era con Aristippo Egina, può tranquillamente presumere che non c'erano impegnati nel discorso filosofico, come Platone avrebbe definito esso, ma sarebbe stato perseguire piacere. Come Platone non approvavano Aristippo (come, sembra, egli non approvavano la maggior parte degli altri discepoli del Socrates, né essi di lui) la linea di riferimento a preferenza di Aristippo di piacere Egina alla conversazione filosofica in una cella di prigione ateniese sarebbe stato inteso da Platone per mostrare come superficiale Aristippo e la sua filosofia era. L'antico scrittore Diogene Laerzio (III secolo D.C.) cita jab di Platone contro Aristippo in "Libro sull'anima" Platone, come era chiamato il Fedone .
Anche così, Aristippo, come Socrate, concentrato la sua attenzione sull'etica pratica; la domanda, "Che cosa è il bene?" è stato all'avanguardia del suo sistema di credenze. Il termine valori umani "buono" o "male" sono riducibili a piacere e dolore; autogratificazione, poi, è un grande bene mentre autocontrollo, a fronte di certo piacere, sarebbe male. Ancora, Aristippo mantenuto che uno non dovrebbe permettere se stessi essere posseduto da quelle cose che portano piacere. Secondo Diogene Laerzio, quando Aristippo è stato criticato per mantenere un'amante molto costosa denominata Lais, egli rispose: "ho Lais, non lei me." Non c'era niente di male a tutti, quindi, con qualunque godendo era uno voleva godere, finchè uno conosceva il valore finale di quella cosa o persona e non ha fatto confondere tale valore con la propria libertà personale. In vista di 'Aristippus, uno dovrebbe mai commercio di una libertà per nulla. Autocontrollo e autogratificazione, poi, erano di uguale valore nel mantenimento di una libertà personale pur perseguendo il bene della vita: piacere.

Aristippo a Corte

Aristippo vissuto alla Corte del tiranno Dionisio I di Siracusa (432-367 A.C.) o, forse, di suo figlio, Dionisio il giovane (397-343 A.C.), dove fu pagato molto per il suo insegnamento e la scrittura. Quando arrivò prima al Palazzo, Dionysius gli chiese cosa stava facendo lì e, presumibilmente, ha detto, "quando volevo saggezza sono andato a Socrate; ma ora che voglio soldi, che io sono venuto a voi." L'incertezza di cui re Aristippo vissuto con è dovuto le fonti primarie fare riferimento a "Dionigi" senza chiarire se il padre o il figlio, e come loro personalità era simile, potrebbe essere uno. Platone aveva tentato di girare Dionisio il giovane nel suo re filosofo e fallito, e così, se Aristippo servito quel re, ulteriormente spiegherebbe inimicizia di Platone verso Aristippo (anche se nessuna ulteriore spiegazione è richiesto che la filosofia di Aristippo di piacere). Diogene Laerzio ci dice che
[Aristippo] era un uomo molto rapido ad adattare se stesso a ogni tipo di luogo, tempo e persona, e sostenne facilmente ogni cambiamento della fortuna. Per quale motivo che era a favore di una maggiore con Dionysius rispetto a tutti gli altri, come ha sempre fatto meglio delle circostanze esistenti. Ha goduto di quello che era prima di lui piacevolmente, e lui non ha fatto fatica per procurare a se stesso il godimento di ciò che è stato non presenti (III).
Sua posizione alla Corte era essenzialmente "uomo saggio" ' o "consulente", ma, secondo i rapporti antichi, egli sembra avere speso molto del suo tempo semplicemente divertendo a scapito di Dionigi. Diogene Laerzio illustra questo, scrive, "un giorno chiese a Dionigi per qualche soldo, che disse: 'ma lei mi ha detto che un uomo saggio non sarebbe mai in vogliono,' 'Dammene un po',' Aristippo rispose, 'e poi discuteremo quel punto;' Dionigi gli diedero alcuni, 'ora poi,' ha detto, 'si vede che non voglio soldi'." IV. ha apparentemente molto lussuosamente vissuto alla Corte dove, tra i suoi allievi, ha insegnato la figlia di Arete sull'edonismo filosofico. Lei, a sua volta, passato il suo insegnamento verso suo figlio, Aristippo-il-giovane (anche conosciuto come Aristippo-la-madre-insegnato perché fu allevato da sua madre da sola), che formalizza gli insegnamenti nei suoi scritti. Gli insegnamenti di Aristippo e la sua scuola Cyrenaic influenzato il pensiero di Epicuro e la sua filosofia per quanto riguarda il primato di piacere nel capire il senso ultimo della propria vita.

'Aristippus scrittura & vita successiva

Secondo alcune fonti antiche, Aristippo ha scritto molti libri, mentre, secondo altri, nessuno. La fonte primaria di aneddoti che riguardano la sua vita è Diogene Laerzio, che è stato criticato per non citare le sue fonti, ma cita opere scritte Aristippo nel brano stesso dove dice che ha scritto nulla. Una delle opere attribuite a lui era Sull'antico lusso, non più esistente, che sembra essere stata una sorta di foglio di scandalo che dettaglia il meno filosofico e schermaglie amorose dei filosofi greci con ragazzi giovani (e con particolare attenzione a Platone). Mentre è interamente possibile Aristippo avrebbe potuto scrivere un tale lavoro, non sembra coerenza con il suo personaggio. Egli ordinariamente sembra avere si considerava superiore ai suoi contemporanei, soprattutto ad altri studenti Socrates, e sembra improbabile che egli avrebbe hanno speso lo sforzo di scrivere qualcosa su loro a tutti.
Aristippo ha vissuto in età avanzata dopo una vita di lusso e piacere e si ritirò nella sua città natale di Cirene, dove morì. La figlia e il nipote sistematizzato la sua filosofia e Aristippo il giovane pensa sia formalmente fondata la scuola di filosofia cirenaico (una delle prime cosiddette Socrate scuole originariamente fondate da Aristippo stesso) si basa sugli insegnamenti del nonno.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.