Passa ai contenuti principali

Virus respiratorio sinciziale

Che cosa è il virus respiratorio sinciziale

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è la principale causa di infezioni del tratto respiratorio inferiore nei neonati e bambini sotto i due anni. Esso è relativo soprattutto con Bronchiolite, un'infezione respiratoria, che può essere molto grave nei bambini più giovani.
È un virus che è presente in tutti i paesi, ma circola nell'ambiente durante la più fredda dell'anno, dando origine a infezioni respiratorie tipiche invernali: raffreddore, bronchite, Bronchiolite e polmonite.
L'apparato respiratorio è come un albero: il tronco è delle vie aeree principali (trachea), che si divide in rami sempre più sottili (bronchi e bronchioli) per portare a piccoli ramoscelli che finiscono in sacche chiamate alveoli (le foglie dell'albero), che è dove lo scambio di gas avviene durante la respirazione, permettendo che l'ossigeno di passare nel sangue.
Negli adulti e nei bambini più grandi, infezione RSV è solitamente lievi sintomi catarrali, a causa delle alte vie respiratorie: febbricola, muco chiaro, malessere generale e alcuni tosse, che vengono risolti in pochi giorni e senza complicazioni.
Nei bambini sotto i due anni e specialmente nei bambini più giovani che tre mesi anche se esso può manifestarsi anche solo come un lieve raffreddore, ancora più rischiare che il quadro progredisce e colpisce le vie respiratorie inferiori conseguente la temuta bronchiolitis. Bronchiolite è ciò che chiamiamo questo la prima infezione respiratoria dove c'è il coinvolgimento del minore respiratoria delle vie. Infezione RSV produce un'infiammazione dei bronchioli (da qui il nome) e, di conseguenza, vi è una difficoltà nello scambio di gas adeguato.

Sintomi e diagnosi del virus respiratorio sinciziale

Praticamente tutti i bambini di età inferiore a due anni hanno colpiti a un certo punto il virus respiratorio sinciziale (RSV); nella maggioranza dei casi i sintomi della RSV sono lievi e si risolvono senza complicazioni, ma ci sono alcuni gruppi di rischio che possono prendere più gravi:
  • Bambini sotto i tre mesi di età e soprattutto neonati meno di un mese vecchio.
  • Bambini prematuri.
  • Ambiente familiare fumatori.
  • Neonati non alimentati con latte materno.
  • I bambini con qualche altra malattia sottostante: malattie cardiache, immunodeficienza, fibrosi cistica...
Bronchiolite inizia come un quadro di lieve catarro che peggiora entro 2-3 giorni: ci sono attacchi di tosse, febbre e mancanza di respiro e la tipica presenza di affanno al petto, noto in medicina come dispnea. Questo è perché il passaggio dell'aria attraverso i bronchioli ridotto a causa di informazioni produce un caratteristico fischio, che facilmente si è sentito con lo stetoscopio, che è la chiave per la diagnosi della malattia.
A causa della difficoltà per il passaggio dell'aria, il bambino comincia a respirare più velocemente per cercare di compensare la mancanza di ossigeno (che è conosciuto come tachipnea), apparendo nei segni tipici di esplorazione di distress respiratorio: abbassamento delle costole con la respirazione (retrazioni) e uso dei muscoli respiratori accessori. Se grave e progressiva insufficienza respiratoria può apparire sbiadimento bluastro della pelle (cianosi) a causa della mancanza di ossigeno.

Diagnosi di infezione da virus respiratorio sinciziale

Tutte le infezioni da VRS iniziano come una foto catarrale, quindi è il più importante distinguere se l'infezione è solo alto-modo o c'è anche il coinvolgimento delle vie aeree inferiori, cioè se sta procedendo verso una bronchiolite. Per questo scopo, la diagnosi del virus respiratorio sinciziale è clinica e pediatra sarà effettuata durante l'esame clinico del bambino; la presenza di dispnea (affanno al petto) e altri segni di insufficienza respiratoria sono che indicano la diagnosi.

Trattamento dell'infezione da virus respiratorio sinciziale

Non c'è nessun specifico trattamento per la Bronchiolite causata da virus respiratorio sinciziale (RSV), dato che per essere un'infezione virale non è trattata con antibiotici. Per controllare i sintomi, il pediatra vi spiegherà ai genitori una serie di orientamenti, come ad esempio:
  • Mantenere una posizione semiincorporada nella culla, aiutare il bambino a respirare meglio.
  • Dividere i punti vendita, offrendo meno volume, ma più frequentemente, in modo che i bambini non si stancano. È essenziale mantenere l'allattamento al seno per il suo effetto protettivo e un'abbondante idratazione.
  • Lavaggio nasale con soluzione salina, per facilitare l'espulsione del muco e la respirazione.
Nella maggioranza dei casi, l'infezione da virus respiratorio sinciziale non richiede reddito e può essere gestito a casa, mostrando un miglioramento graduale del paziente dal terzo o quarto giorno di evoluzione. In totale, l'immagine tende a durare tra una settimana e dieci giorni, anche se la tosse residua può tenere anche settimane.
Nel caso di neonati, bambini molto piccoli, o coloro che presentano molte difficoltà di respirazione con necessario somministrare ossigeno, richiederà il ricovero ospedaliero. Se l'evoluzione è sfavorevole può richiedere l'intubazione e la ventilazione meccanica tramite respirazione artificiale, ma nella maggioranza dei casi l'infezione RSV guarire senza conseguenze.
Anche se l'evoluzione è generalmente favorevole, bambini che hanno una bronchiolite VRS sono più probabili avere durante infanzia iper-reattività bronchiale, cioè, gli episodi di dispnea con raffreddori, che di solito inviare prima di raggiungere l'adolescenza.

Prevenzione dell'infezione da virus respiratorio sinciziale

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è molto contagiosa e si trasmette principalmente attraverso le secrezioni respiratorie di aria (tosse, starnuti...) e contaminato di superfici.
A causa della sua elevata contagiosità, ogni inverno tendono ad avere epidemie in asili, in quanto sono piccole stanze in cui i bambini condividono uno stesso ambiente.
Frequente lavaggio delle mani e non condividendo utensili per mangiare e bere sono le linee guida fondamentali per prevenire il contagio, anche se molte volte è difficile da evitare.
Alcune misure di base per prevenire l'infezione da virus respiratorio sinciziale sono:
  • Igiene a mano: è la misura fondamentale.
  • Evitare il fumo di tabacco.
  • Incoraggiare l'allattamento al seno, più così anche in bambini che sono nati durante l'epidemia (mesi invernali).
  • Evitare il contatto degli infanti neonati con persone che hanno sintomi di raffreddore, o fare che lavano loro sempre le mani prima di toccare il bambino.
  • Evitare il nido nei mesi dell'epidemia, se è che la famiglia poteva permetterselo.
Non non c'è nessun vaccino contro RSV - sembrano aver trovato un vaccino efficace, ma è ancora in fase sperimentale - anche se i bambini sono considerati (soprattutto il grande prematuro) gruppo dei rischi, può ricevere mensilmente durante l'epidemia di una dose mensile di un anticorpo che blocchi il VRS e impedisce così la sua diffusione (Palivizumab).
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…