Passa ai contenuti principali

Tittooing: Capezzoli tatuati, tatuaggio di moda

Un nuovo capriccio estetico, che divenne di moda pochi mesi fa tra le donne di Liverpool, è il tittooing, che consiste di tatuare i capezzoli a definirli o alterare la sua forma e colore, per ragioni esclusivamente estetiche, utilizzando una tecnica che è stata usata per completare una ricostruzione del seno dopo una mastectomia. È che il tittooing ha relative origini dentro la micropigmentazione paramedicale, una terapia complementare di chirurgia ricostruttiva che viene eseguita dopo la mastectomia e destinato a migliorare l'aspetto estetico della ricostruzione del seno dopo la rimozione chirurgica di quello che solitamente viene utilizzato nel trattamento del cancro al seno.
Per pazienti con cancro al seno, il fatto di recuperare l'aspetto normale dei suoi seni dopo trattamenti, li ha aiutati psicologicamente e li ha permesso in molti casi di recuperare la loro autostima. Grazie micropigmentazione è conseguito anche dare l'apparenza di dimensione per il capezzolo e l'areola disegnata.
La tittooing viene effettuata sotto anestesia locale e dei suoi risultati ultima tra 12 e 18 mesi
Ora, come è accaduto con diverse terapie che inizialmente sviluppata per altri scopi, è emersa la tittooing modo che tutte quelle donne insoddisfatte il colore o la forma del loro capezzoli hanno la possibilità di modificare o definirli, condizione che può permettersi di pagare i circa 1.400 euro che costa l'intervento.
Per fare questo tipo di tatuaggio è usata l'anestesia locale, e ci vogliono circa due ore. È importante sottolineare che è una procedura dolorosa a causa della estrema sensibilità della zona e che i risultati non sono permanenti, ma che il nuovo senti di capezzoli solo rimarrà tra 12 e 18 mesi.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…