Studio della “Torre di Guardia” ‒ Settimana del 23 febbraio

Apprezzate ciò che avete ricevuto?: informazioni per studio personale

SOLO TESTI BIBLICI

- 2 -
(Matteo 5:3) “Felici quelli che si rendono conto del loro bisogno spirituale, poiché a loro appartiene il regno dei cieli.
- 4 -
(1 Samuele 12:1-5) 12 Infine Samuele disse a tutto Israele: “Ecco, io ho ascoltato la vostra voce riguardo a tutto ciò che mi avete detto, che avrei dovuto far regnare un re su di voi. Ed ora, ecco, il re cammina davanti a voi! In quanto a me, sono divenuto vecchio e ho i capelli grigi, e i miei figli, ecco, sono con voi, e io, io ho camminato davanti a voi dalla mia giovinezza fino a questo giorno. 3 Eccomi. Rispondete contro di me di fronte a Geova e di fronte al suo unto: A chi ho preso il toro o a chi ho preso l’asino o chi ho defraudato o chi ho oppresso o dalla mano di chi ho accettato il prezzo del silenzio per nascondere con esso i miei occhi? E io ve ne farò la restituzione”. 4 A ciò dissero: “Non ci hai defraudati, né ci hai oppressi, né hai accettato nulla dalla mano di alcuno”. 5 Egli disse dunque loro: “Geova è testimone contro di voi, e il suo unto è testimone in questo giorno che non avete trovato proprio nulla nella mia mano”. A ciò dissero: “È testimone”.
(1 Samuele 8:1-5) 8 E avvenne che appena Samuele divenne vecchio nominò i suoi figli come giudici d’Israele. Ora il nome del suo figlio primogenito era Gioele, e il nome del suo secondogenito Abia; essi giudicavano a Beer-Seba. 3 E i suoi figli non camminarono nelle sue vie, ma erano inclini a seguire il profitto ingiusto e accettavano regali e pervertivano il giudizio. 4 A suo tempo tutti gli anziani d’Israele si radunarono e vennero da Samuele a Rama 5 e gli dissero: “Ecco, tu stesso sei divenuto vecchio, ma i tuoi propri figli non hanno camminato nelle tue vie. Ora costituisci per noi un re che ci giudichi come tutte le nazioni”.
- 5 -
(2 Re 22:8) Più tardi Ilchia il sommo sacerdote disse a Safan il segretario: “Nella casa di Geova ho trovato il medesimo libro della legge”. Ilchia diede dunque il libro a Safan, ed egli lo leggeva.
(2 Re 23:2, 3) Dopo ciò il re salì alla casa di Geova, e con lui anche tutti gli uomini di Giuda e tutti gli abitanti di Gerusalemme, e anche i sacerdoti e i profeti e tutto il popolo, dal piccolo al grande; ed egli leggeva ai loro orecchi tutte le parole del libro del patto che era stato trovato nella casa di Geova. 3 E il re stava in piedi presso la colonna e ora concluse il patto dinanzi a Geova, di camminare dietro a Geova e di osservare i suoi comandamenti e le sue testimonianze e i suoi statuti con tutto il cuore e con tutta l’anima, eseguendo le parole di questo patto che erano scritte in questo libro. Tutto il popolo stette pertanto al patto.
(2 Re 23:12-15) E gli altari che erano sul tetto della camera in terrazza di Acaz, che i re di Giuda avevano fatto, e gli altari che Manasse aveva fatto in due cortili della casa di Geova, il re li abbatté, dopo di che li frantumò sul posto, e ne gettò la polvere nella valle del torrente Chidron. 13 E gli alti luoghi che erano di fronte a Gerusalemme, che erano a destra del monte della Rovina, i quali Salomone re d’Israele aveva edificato ad Astoret, la cosa disgustante dei sidoni, e a Chemos, la cosa disgustante di Moab, e a Milcom, la cosa detestabile dei figli di Ammon, il re [li] rese non idonei all’adorazione. 14 E spezzò le colonne sacre e continuò a tagliare i pali sacri e a riempire i loro luoghi di ossa umane. 15 E abbatté pure l’altare che era a Betel, l’alto luogo fatto da Geroboamo figlio di Nebat, che aveva fatto peccare Israele, anche quell’altare e l’alto luogo. Quindi bruciò l’alto luogo; [lo] ridusse in polvere e bruciò il palo sacro.
(2 Re 23:24, 25) E Giosia eliminò anche i medium spiritici e quelli che per mestiere predicevano gli avvenimenti e i terafim e gli idoli di letame e tutte le cose disgustanti che erano apparse nel paese di Giuda e a Gerusalemme, per eseguire in effetti le parole della legge che erano scritte nel libro che Ilchia il sacerdote aveva trovato nella casa di Geova. 25 E prima di lui non ci fu nessun re come lui che si rivolgesse a Geova con tutto il suo cuore e con tutta la sua anima e con tutta la sua forza vitale, secondo tutta la legge di Mosè; né dopo di lui è sorto uno simile a lui.

Scarica informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone


Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone