Passa ai contenuti principali

Scrittura del Giorno - Settimana del 9 febbraio

Esaminiamo le Scritture ogni giorno 2015 con testi biblici

Lunedì 9 febbraio

Ciascuno deve mostrar d’essere come un luogo per riparare dal vento e un nascondiglio dal temporale (Isa. 32:2)

Che dire se un componente della congregazione ha un problema talmente grave da mettere in pericolo la sua salute spirituale? “C’è qualcuno malato fra voi?”, chiese lo scrittore biblico Giacomo. “Chiami gli anziani della congregazione presso di sé, e preghino su di lui, spalmandolo d’olio nel nome di Geova. E la preghiera della fede farà star bene l’indisposto e Geova lo desterà. E se ha commesso dei peccati, gli sarà perdonato” (Giac. 5:14, 15). Comunque, anche se chi è spiritualmente malato non dovesse chiamare gli anziani, questi dovrebbero intervenire prontamente in suo aiuto non appena notano il problema. Quando pregano con e per i fratelli, e li sostengono nei momenti di necessità, gli anziani sono un vero ristoro spirituale per quelli affidati alla loro cura. w13 15/11 5:16

(Isa. 32:2) E ciascuno deve mostrar d’essere come un luogo per riparare dal vento e un nascondiglio dal temporale, come ruscelli d’acqua in un paese arido, come l’ombra di una gran rupe in una terra esausta.
(Giac. 5:14, 15) C’è qualcuno malato fra voi? Chiami gli anziani della congregazione presso [di sé], e preghino su di lui, spalmando[lo] d’olio nel nome di Geova. 15 E la preghiera della fede farà star bene l’indisposto e Geova lo desterà. E se ha commesso dei peccati, gli sarà perdonato.

Martedì 10 febbraio

O uomo, chi sei veramente tu da replicare dunque a Dio? (Rom. 9:20)

Supponiamo che un amico fidato faccia qualcosa che di primo acchito non comprendiamo o che ci sembra strano; saremmo pronti a puntargli contro il dito? Non gli concederemmo piuttosto il beneficio del dubbio, specie se lo conosciamo da molti anni? Se con amici imperfetti siamo così amorevoli, tanto più dovremmo avere fiducia nel nostro Padre celeste, le cui vie e i cui pensieri sono molto più alti dei nostri. In effetti potremmo essere noi i responsabili di un problema che abbiamo, e in tal caso dobbiamo riconoscerlo (Gal. 6:7). Ovviamente non tutti i nostri problemi sono il risultato di errori personali o iniziative sbagliate. Alcuni li causano “il tempo e l’avvenimento imprevisto” (Eccl. 9:11). La causa principale della malvagità è comunque Satana il Diavolo (1 Giov. 5:19; Riv. 12:9). È lui il nemico, non Geova! (1 Piet. 5:8). w13 15/8 2:18-21

(Rom. 9:20) O uomo, chi sei veramente tu da replicare dunque a Dio? Dirà la cosa modellata a colui che l’ha modellata: “Perché mi hai fatto così?”
(Gal. 6:7) Non siate sviati: Dio non è da beffeggiare. Poiché qualunque cosa l’uomo semini, questa pure mieterà;
(Eccl. 9:11) Tornai a vedere sotto il sole che non è dei veloci la corsa, né dei potenti la battaglia, i saggi neanche hanno cibo, quelli che hanno intendimento neanche hanno ricchezze, neppure quelli che hanno conoscenza hanno favore; perché il tempo e l’avvenimento imprevisto capitano a tutti loro.
(1 Giov. 5:19) Noi sappiamo che abbiamo origine da Dio, ma tutto il mondo giace nel [potere del] malvagio.
(Riv. 12:9) E il gran dragone fu scagliato, l’originale serpente, colui che è chiamato Diavolo e Satana, che svia l’intera terra abitata; fu scagliato sulla terra, e i suoi angeli furono scagliati con lui.
(1 Piet. 5:8) Mantenetevi assennati, siate vigilanti. Il vostro avversario, il Diavolo, va in giro come un leone ruggente, cercando di divorare [qualcuno].

Scarica informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone


Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…