Rilascio miofasciale

Rilascio miofasciale

Stress, mal di testa, mancanza di mobilità, rigidità... sono molti i sintomi negativi che soffrire il nostro corpo, ogni giorno, a causa del ritmo caotico della vita in cui siamo immersi. Tenta di prendere le cose facili e abitudini di vita sana sono fondamentali, ma, in molti casi, abbiamo bisogno di aiuto professionale per rendere il nostro corpo sentire meglio e, quindi, per funzionare correttamente. Una tecnica perfetta per mettere insieme il corpo è di rilascio miofasciale.
Come spiegato da Álvaro Guerrero, fisioterapista e co-direttore del centro medico e riabilitazione Premium Madrid, rilascio miofasciale è "una tecnica di terapia manuale che si basa sull'applicazione di movimenti e pressioni subite, volto a tutto il sistema fascia". Attraverso di essa, specialisti fisioterapisti in queste tecniche mirano a "liberare le restrizioni di mobilità questo sistema, restituendo scivola tra tutti i tessuti del corpo e rendendo il nostro corpo per ristabilire il loro equilibrio funzionale".
Anche se l'indagine del sistema fascia e relativo trattamento iniziata nella prima metà del XX secolo, non era fino al 1980 quando si moltiplicarono gli studi e ha cominciato ad avere importanza fondamentale nel mondo della terapia fisica. Da allora hanno sviluppato una serie di tecniche che vengono utilizzate non solo nella terapia fisica più classica, ma anche nello sport e Traumatologia, in quanto indica l'unità di ricerca in fisioterapia presso l'Università di Saragozza.
Nel suo stato normale la fascia è teso e rilassato ma, tuttavia, a causa di un infortunio, una malattia, trauma, una postura del corpo non corretta, o semplicemente lo stress o ansia, stringe e può causare dolore e mancanza di mobilità. Per questo motivo, mani di fisioterapisti lavorano in esso per correggere tali restrizioni e assicurarsi che il corpo è migliore.

Qual è la fascia?


Il sistema fasciale è un grande sconosciuto per la maggior parte delle persone, ma una disfunzione in questo settore può essere la causa - o aggravante - di diversi problemi fisici. In questo senso, Álvaro Guerrero osserva che le fasce sono "un tessuto, formato da collagene, che coprono tutti i muscoli e le strutture del nostro corpo e la cui funzione è di dare i vari sistemi della stessa Unione e integrità, cioè fare il lavoro sul corpo come una singola unità".
Il sistema fascia è una sorta di reticolo tridimensionale che è distribuito in tutto il corpo, sulla sua superficie pendenza (che avvolge tutto il corpo sotto la pelle del viso profonda), o nella più profonda (che avvolge, separa e protegge i muscoli, articolazioni, ossa o visceri).
Il fatto che l'intero corpo è coperto di fascia fa buona condizione indispensabile affinché l'intero corpo per funzionare correttamente. Ed è che il sistema fascia non è solo correlato con il tipico muscolo dolori o mista da coloro che tendono ad andare alla consultazione di terapia fisica, ma anche in altri piccoli movimenti fisiologici, ma altrettanto importante, come quello dell'espansione dei polmoni ogni volta che respiriamo.
Uno dei problemi più comuni che influenzano questo sistema è il dolore miofasciale sindrome (SDM), che si verifica in un'alterazione della corretta lunghezza del muscolo e il suo tono muscolare (anche nella dei muscoli antagonisti), che produce tensione e dolore, quindi deve essere trattato da esperti fisioterapisti.
Sindrome di dolore miofasciale ha origine principalmente nei cosiddetti trigger miofasciale punti o punti trigger, particolarmente tesa e aree di associazione a causa della contrazione muscolare errato o povero. È in questi noduli dove nasce questo tipo di dolore, ma è un dolore profondo e tempestivo anche solitamente riferito alle altre strutture vicine.
La fascia può anche malato, quindi bisogna prestare attenzione a guadagnare salute. Perché, se non trattata, può raggiungere i punti trigger anche per modificare la postura del corpo e causare problemi in altre parti del corpo. Per migliorare la qualità della fascia è importante, dice il fisioterapista del Centro di Madrid Premium, "avendo una dieta equilibrata e una buona idratazione," integratori collagene o infrarosso non hanno alcun impatto su di esso, o nel suo trattamento.

Benefici e controindicazioni di rilascio miofasciale

Il principale beneficio di rilascio miofasciale è che, per mantenere il sistema fasciale in buone condizioni e senza restrizioni causate da punti trigger miofasciale, la mobilità del nostro corpo sarà ottima e, quindi, funzionano meglio. Così lo spiega Álvaro Guerrero, fisioterapista e co-direttore del centro medico e riabilitazione Madrid Premium, che dice anche che, "per eliminare le restrizioni fasciale aumentiamo la mobilità di tutti i tessuti del corpo, ottenendo mobilità articolare una maggiore e migliore circolazione di tutti i fluidi corporei".
Tutto che questo si ottiene, allo stesso tempo, come manifesto guerriero, otteniamo pereliminare le tossine che si sono accumulati tra i diversi strati del nostro corpo fascia". Pertanto, il rilascio miofasciale ottenere altri benefici supplementari legate alla ritenzione di liquidi, cattiva circolazione sanguigna o cellulite.
Ed è che parole del fisioterapista del Madrid Premium, "mira ad armonizzare il movimento di tutti i tessuti che compongono il nostro corpo".
Anche eliminare la rende di punti trigger miofasciale che volontà di ridurre il dolore localizzato e guadagnare in qualità della vita.
E non possiamo dimenticare che aiutano a conservare e migliorare la corretta postura del corpo, così si presenta come una buona arma per la prevenzione degli infortuni e problemi fisici che attribuiscono una posizione costante, errate e dannose sia a riposo che in movimento.
Terapia di rilascio miofasciale è presentata come adatto anche nelle persone con malattie varie, come fibromialgia, lupus, sclerodermia o artrite reumatoide.

Controindicazioni di rilascio miofasciale

Come è il caso con molte altre terapie, non tutti possono avvantaggiarsi di rilascio miofasciale, e ci sono alcune controindicazioni. Sempre il contatto con professionisti medici o fisioterapisti, che sono i migliori posti per valutare ogni paziente patologie, ma in principio, le persone che soffrono di aneurismi, febbre, tumori, fratture, malattie infettive, avanzata flebite, o le donne che sono nel primo acetonide della gravidanza devono astenersi dal continuare questa terapia, secondo dichiara Álvaro Guerrero, il Centro di Madrid Premium.

Come è un rilascio miofasciale

Rilascio miofasciale è solitamente una tecnica non usata da solo, dato che i professionisti preferiscono combinare vari trattamenti per ottenere ulteriori benefici. In questo modo si esprime Álvaro Guerrero, fisioterapista e co-direttore del centro medico e riabilitazione Madrid Premium, che dice che "si è dimostrato che è la più efficace combinazione di tecniche diverse per risolvere il problema" che ci provoca dolore o patologia. Così, nel suo centro medico, sono i trattamenti di terapia miofasciale combinato con tecniche di osteopatia, mobilitazione neuromeningea o rieducazione posturale globale, insieme con altre tecniche di fisioterapia.
Una sessione di myofascial release, che solitamente si estendono sopra un tempo, inizia con la palpazione di fisioterapista del corpo del paziente per determinare in quale stato è il sistema fascia e dove è alterato.
Una volta diagnosticato il problema, è importante scaldare la fascia per rendere questo più gestibile; per questo e ringrazio è composta da collagene, la professional lavorerà con le dita, palmi e gomiti anche, fascia proprio, al fine di prepararsi per una successiva manipolazione. A questo punto, il fisioterapista eseguirà, mediante lunghi tratti, una serie di tratti morbidi e sostenute per allungare la fascia e produrre così il loro rilascio.
È una seduta tranquilla e piacevole, dal momento che gronda andare che si estende con l'aiuto del lavoro manuale, ma mai forzarla.
Una singola sessione di rilascio miofasciale, cui prezzo va dai 40 euro, basta sentire un sostanziale miglioramento, le tensioni di sistema facciale, ma logicamente sarà il fisioterapista che i valori del numero di sessioni che un paziente ha bisogno, poiché essa dipende lo stato di tensione iniziale della fascia e l'esistenza di sindrome di dolore miofasciale, così come punti trigger miofasciali.
Dopo la liberazione trattamento miofasciale è consigliabile, come spiegato dal co-direttore del Premio Madrid, "bere molta acqua per favorire l'eliminazione delle tossine e trattamento di complemento con rieducazione posturale globale e tecniche di stretching (allungamento)".
Sebbene il rilascio miofasciale aiuta ad per eliminare tossine e mantenuti liquidi, non può essere considerato un trattamento estetico e chiunque sia interessato pertanto deve sempre andare a cliniche che avere il fisioterapisti specializzati. Gestire la fascia senza le conoscenze necessarie (soprattutto quando hai dolore o malattia) possono essere controproducente, e se il vostro unico obiettivo è quello di ridurre la cellulite o ridurre il gonfiore delle gambe, ci sono probabilmente più opportuni trattamenti quali linfodrenaggio.

Auto-liberazione miofasciale

Chiunque può essere una sessione di rilascio miofasciale stessa, sia a casa che in palestra, una volta che hai imparato la tecnica corretta da eseguire senza mettere in pericolo la propria salute. Tuttavia, auto-liberazione miofasciale solo può essere considerato un metodo di prevenzione dal training che, in caso di infortunio o malattia, deve essere un professionista che effettuano il trattamento.
Per eseguire una auto-liberazione miofasciale, è necessario acquisire un rotolo lungo di schiuma, conosciuto con il nome in inglese di rullo di schiuma. Sarà lentamente ogni gruppo muscolare sopra il rullo. Il peso del proprio corpo e questa corsa lunga causerà un effetto massaggio e rilassamento della fascia anche se, ovviamente, sempre molto più leggero di quello realizzato da un professionista che utilizza una tecnica manuale.
Alcuni programmi di formazione comprendono sessioni di piccoli rulli di schiuma, anche se la sua indicazione dipenderà il tipo di attività fisica che deve essere eseguita e, naturalmente, l'esistenza di problemi fisici aggiunto. Nel caso di formazione muscolare, solitamente è fatto una piccola auto-liberazione miofasciale sessione preventiva per la sessione in modalità di riscaldamento, mentre, nel caso di atleti che praticano sport di resistenza, è più consigliabile farlo dopo l'allenamento, o un giorno di riposo, per aiutare a liberare le tossine accumulate.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere