Punti notevoli di Giudici 19-21 - Scuola di Ministero Teocratico

Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale

Lettura della Bibbia: Giudici 19-21 (8 min)


(Giudici 19:1)

Ora accadde in quei giorni che non c’era re in Israele. E avvenne che un certo levita risiedeva temporaneamente nelle parti più remote della regione montagnosa di Efraim. A suo tempo prese in moglie una concubina di Betleem di Giuda.

*** it-1 p. 352 Betleem ***
Poiché c’era un’altra Betleem nel territorio di Zabulon (Gsè 19:10, 15), quella di Giuda di solito si distingueva aggiungendo Efrata, o chiamandola “Betleem di Giuda”. — Gdc 17:7-9; 19:1, 2, 18.

(Giudici 19:2)

E la sua concubina commetteva fornicazione contro di lui. Infine se ne andò via da lui alla casa di suo padre a Betleem di Giuda e vi restò per quattro mesi interi.

*** it-1 p. 352 Betleem ***
Poiché c’era un’altra Betleem nel territorio di Zabulon (Gsè 19:10, 15), quella di Giuda di solito si distingueva aggiungendo Efrata, o chiamandola “Betleem di Giuda”. — Gdc 17:7-9; 19:1, 2, 18.

(Giudici 19:15)

Di conseguenza si volsero là per entrare a passare la notte a Ghibea. Ed entravano e sedevano nella pubblica piazza della città, e non c’era nessuno che li accogliesse in casa per passare la notte.

*** w05 15/1 p. 27 par. 9 Punti notevoli del libro di Giudici ***
19:14, 15. La mancanza di ospitalità degli abitanti di Ghibea era sintomo di una carenza morale. I cristiani sono esortati a ‘seguire il corso dell’ospitalità’. — Romani 12:13.

*** it-2 p. 453 Ospitalità ***
Inoltre nelle città l’ospitalità probabilmente non era offerta con la stessa prontezza con cui veniva offerta nei luoghi più isolati. Tuttavia un levita con il suo servitore e la sua concubina si sedettero dopo il tramonto nella pubblica piazza di Ghibea, aspettandosi a quanto pare che venisse offerto loro un posto dove trascorrere la notte. Questo indica che anche nelle città era assai comune offrire ospitalità. (Gdc 19:15)

(Giudici 19:18)

A sua volta gli disse: “Passiamo da Betleem di Giuda alle parti più remote della regione montagnosa di Efraim. Sono di là, ma sono andato a Betleem di Giuda; e vado alla mia propria casa, e non c’è nessuno che mi accolga in casa.

*** it-1 p. 352 Betleem ***
Poiché c’era un’altra Betleem nel territorio di Zabulon (Gsè 19:10, 15), quella di Giuda di solito si distingueva aggiungendo Efrata, o chiamandola “Betleem di Giuda”. — Gdc 17:7-9; 19:1, 2, 18.

(Giudici 20:1)

Di conseguenza tutti i figli d’Israele uscirono e l’assemblea si congregò come un sol uomo, da Dan fino a Beer-Seba insieme al paese di Galaad, a Geova in Mizpa.

*** it-1 p. 307 Beer-Seba ***
Beer-Seba rappresentava il punto più meridionale della Terra Promessa, e come tale ricorreva nell’espressione proverbiale “da Dan fino a Beer-Seba” (Gdc 20:1), o viceversa, “da Beer-Seba a Dan”. (1Cr 21:2; 2Cr 30:5) Dopo la divisione della nazione in due regni, Beer-Seba continuò a indicare l’estremità S del regno di Giuda nelle espressioni “da Gheba fino a Beer-Seba” (2Re 23:8) e “da Beer-Seba alla regione montagnosa di Efraim” (dove iniziava il regno settentrionale d’Israele). (2Cr 19:4) Dopo l’esilio l’espressione fu usata in senso ancor più limitato in riferimento alla zona occupata dai rimpatriati di Giuda, che si estendeva da Beer-Seba “fino alla valle di Innom”. — Ne 11:27, 30.
In realtà c’erano altri villaggi nella Terra Promessa più a S di Beer-Seba, come c’erano altri villaggi israeliti più a N di Dan. Comunque, sia Dan che Beer-Seba si trovavano ai confini naturali del paese. Beer-Seba, per esempio, si trovava sotto le montagne di Giuda al limite del deserto. Inoltre era una delle principali città di Giuda (insieme a Gerusalemme e a Ebron), e questo non solo grazie all’eccellente riserva idrica (rispetto alla regione circostante), che favoriva sia l’agricoltura che la pastorizia, ma anche perché vi convergevano diverse strade importanti. Dall’Egitto un’antica strada carovaniera passando per Cades-Barnea risaliva la “Via dei Pozzi” fino a Beer-Seba, dove si congiungeva con un’altra strada percorsa dalle carovane di cammelli provenienti dai regni della Penisola Arabica, dirette in Filistea o in Giuda. Da Ezion-Gheber, all’estremità N del golfo di ʽAqaba, un’altra strada percorreva l’Araba e poi piegava a O, risalendo le alture di Acrabbim fino a Beer-Seba. A Gaza, nella pianura della Filistea, una strada secondaria si diramava da quella principale e portava a SE fino a Beer-Seba. E per collegarla col resto di Giuda, una strada da Beer-Seba si dirigeva verso NE risalendo l’altopiano fra i monti di Giuda fino a Gerusalemme e ancora più a N. — Ge 22:19.

Scarica informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone


Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone