Passa ai contenuti principali

Phubbing: primo mio Smartphone

C'è una situazione che tutti abbiamo sofferto in occasione: si cerca di sentire assolutamente solo pur essendo in compagnia di altre persone che ignorano la vostra presenza perché orecchini dal tuo telefono cellulare, anche se non hanno ricevuto chiamate o messaggi a quel tempo.
È qualcosa di così prevalente nelle società sviluppate che sono diventati il suo nome come se fosse una nuova sindrome, è chiamato phubbing, una parola che è stata creata da due termini inglesi, telefono (telefono) e snobbano che significa ignorando o rifiutando di qualcun altro.
Verificare costantemente lo smartphone è diventato un'abitudine così radicata che la maggior parte delle persone non sono nemmeno a conoscenza che questo comportamento non è normale e non ritengono che con il loro atteggiamento sono ninguneando loro compagni.
È, inoltre, un'abitudine diffusa tra i giovani, che sono anche coloro che usano più reti sociali. Il risultato è che è ha creato un mondo virtuale parallelo al reale, che sempre più si affidano la maggior parte, al punto di non essere in grado di erogare con il mobile, come l'anello di congiunzione per continuare collegato.
Le cause del phubbing trovato nel fascino suscitato dallo smartphone, dispositivi che forniscono un falso senso di azienda - effettivamente isolano l'ambiente - persona, suscitare la curiosità dell'utente con ciascuno di loro allarmi - che ti fanno sentire parte di un gruppo e offrire il piacere di immediatezza, il fatto di avere qui e ora cosa sta cercando o desidera; stimoli più che sufficiente per catturare e mantenere l'attenzione.

Campagna anti-phubbing

Smartphone forniscono un falso senso di azienda e rendono l'utente di sentirsi parte di un gruppo, e questo porta alla phubbing
Il phubbing ha raggiunto una tale dimensione che già sono emersi gruppi di detrattori che difendono il loro diritto a non essere ignorato quando sono in compagnia, e hanno creato campagne anti-phubbing per fermare questo fenomeno e aumentare la consapevolezza della mancanza di rispetto coinvolti e i loro effetti nocivi sulle relazioni interpersonali.
Anti-phubbing ha lanciato il primo movimento di un giovane australiano, Alex Haigh, che ha anche creato un sito web per attirare l'attenzione per le conseguenze dannose che l'abuso degli smartphone sta causando circa le relazioni sociali e dove offre tutti i tipi di proposte per porre fine a questa pratica. Tuttavia, stop il phubbing ora è nelle nostre mani: dobbiamo solo spegnere o silenziare il telefono cellulare e prestare attenzione al nostro interlocutore.
Ma se non lo facciamo, può essere necessario optare per altre misure più drastiche. Così, negli Stati Uniti, per esempio, in determinati eventi sociali quali matrimoni, alcune perché hanno preso la determinazione di requisizione degli smartphone degli ospiti, al fine di garantire che le notizie e le foto dalle reti sociali evento fino al loro protagonisti hanno deciso quello che vogliono pubblicare - e non - e quando vuole farlo.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…